Creato da nahan il 17/12/2008
Gonna find my way to heaven, `cause I did my time in hell... (Keith Richards)
 

 

« Ritornello pagliaccioDi certi sentire… »

Pur applicandosi l’allievo non raggiunge che modesti risultati.

Post n°116 pubblicato il 16 Ottobre 2012 da nahan
 

 

 

Fastidiosissime (e robuste) impasse economiche mi obbligano al delirio del cercar soluzioni che risolvano.
Scrivere un libro? 
E perché no, che ci vuole?
Un bel romanzo fantasy. Si inventa tutto e quindi nemmeno la briga del consultare per specializzarsi.
Enfasi, guerre, amori e… valà!

 Da tre anni era sorta la gigantesca luna scura del ciclo. Il mondo era avvolto nella penombra.
La possente figura del giovane generale si stagliava sugli spalti delle  mura nord. Guardava le macchie nere che dettavano da tempo immemore la sequela dei dodici anni di guerra e i dodici di pace. (Quale idiozia aveva mai colpito gli antichi saggi per decretare questa maledizione?).
Aveva trentasei anni. Era nato a cavallo della ottantaduesima guerra. Alla successiva partecipò, sedicenne, luogotenente del generale Dordo detto Scudo del Nord, suo padre, che morì sui bastioni. Condusse la guerra per i restanti quattro anni alla guardia delle Torri dei Tars e diventò, ormai veterano, il nuovo Generale a poco più di vent’anni. Fu chiamato Alba Impavida. I suoi uomini lo adoravano.
Guardò la sentinella che, immobile, fissava la semioscurità che avvolgeva i Campi Arii. Sapeva che con la coda dell'occhio lo controllava pronta a intervenire ad un qualsiasi suo cenno e un sorriso motivato alla gratitudine spezzò per un attimo la tensione dei suoi pensieri.
Perché attaccavano lì? Si chiedeva da giorni.
Non erano deboli. Non aveva senso che le sette migliori armate Vineriane fossero mandate infrangersi contro i suoi bastioni. Perché questo attacco? Si arrovellava a cercare una logica che gli sfuggiva. Eppure i Custodi lo avevano allertato certi a questo pericolo. Che la casata dei ContiTars stesse per cedere? E se avessero ceduto…
Un leggero rumore proveniente dalla scala che portava al Passo di Ronda fece voltare contemporaneamente i due uomini. 
Dalla penombra della porta ad arco apparve inconfondibile la sagoma giunonica del comandante Melissa de Exupery. 
La sentinella tornò a fissare il buio della pianura mentre un sorriso amaro di rassegnazione si tese sul volto del generale. Conosceva fin troppo bene il  sarcasmo che accompagnava le entrate della Capitana dell'Aria.
“Che fa qui tutto solo, questo bel tenebroso comandante, immerso nei suoi pensieri?”

Bene, ora logica vorrebbe, anche solo per una questione di coerenza al taglio impostato, che il tenebroso comandante abbia a rispondere con toni aulici consoni al ruolo e al clima del romanzo, mentre a me, onestamente, verrebbe da scrivere: ma non hai più nessun altro posto dove andare a rompere i coglioni?
In effetti un romanzo è troppo lungo ed io, pigro e di poca tempra letterale, facile appunto alle cadute, non reggerei alla tensione stilistica per più di qualche paginetta. 
Ripiegare su altro è quindi obbligo consapevole.
Proviamo con le fiabe. Son più corte e leggerine.

C’era una volta in un luogo lontano il reame  di Re Scontato.
Verdi vallate ricche di boschi e pascoli e qua e là gli ameni villaggi dei Centinaia. Chiamati così non solo perché erano, in effetti, centinaia i Centinaia, ma perché facevano tutto insieme, in centinaia di Centinaia: lavoravano a centinaia, andavano a caccia in centinaia e anche facevano l’amore in centinaia, sempre tutti insieme. Quest’ultima attività ad onor del vero li impegnava entusiasti più spesso delle altre. Le capanne dei loro villaggi, molto belle e solide, su due o anche tre piani,  a volte davano l’impressione di essere instabili perché le si vedeva vibrare e dondolare, ma era solo per il fatto che si stavano dedicando all’attività preferita di cui sopra.
Più in là, nelle pietraie dietro le colline, casupole sparse: erano i villaggi dei Brulli, chiamati così non solo in virtù del luogo che avevano scelto per vivere ma pure per, come dire, un certo atteggiamento riservato che invitava a tacciarli ristretti di vedute. A differenza dei Centinaia, i Brulli erano più bravi a fare l’amore. Questo era dovuto al fatto che, mentre i Centinaia non si dovevano preoccupare di essere bravi in questo o in quello perché appunto nel casino, tra centinaia di Centinaia si trovava sempre quello che faceva al caso proprio, i Brulli non avevano frequenti contatti sessuali. A quei pochi - che avevano perlopiù  con una tribù di amazzoni, le Ombrose - dovevano essere ben preparati quindi. I Brulli le chiamavano scherzosamente, le Lunatiche ma senza farsi sentire dalle interessate se no i tempi degli intervalli tra una trombata e l’altra si sarebbero allungati in modo disdicevole. Erano Brulli mica Grulli! I Grulli infatti erano quelli che si erano felicemente stabilizzati in riva al mare sostenendo certi che “con tutta quest’acqua non moriremo certo di sete”.

Hum.. sto prendendo una deriva poco adatta allo spirito che deve condurre sempre ad una morale edificante o perlomeno che inviti alla riflessione ed ho pure la fastidiosa sensazione che tutta la schiatta di favolisti che va da Esopo ai Grimm Brothers abbia avuto un inaspettato sussulto nella tomba dove giustamente riposano.
Bah! 
Scrivere è una cosa seria, in effetti.

Vabbè, quindi abbassando di un bel pò il livello di questa ambizione ovvia di presuntuoso, mi arricchirò certo e meno arrogante, al venir giudicato  una onesta penna da blog da quei, pur modici, nick che si affacciano temerari al leggermi e a cui sincero va il mio affetto.
E sarà già grossa soddisfazione.

 

Bon, sono tornato.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Nahan/trackback.php?msg=11647653

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Odile_Genet
Odile_Genet il 16/10/12 alle 08:43 via WEB
Innanzitutto bentornato, poi procediamo con ordine: il racconto fantasy non mi piace solo per una questione di gusti personali mentre la fiaba è deliziosa (sarà perché mi identifico con Ombrose e Lunatiche?); ma al di là di tutto ancora una volta hai dimostrato che saresti perfettamente in grado di scrivere un libro (nonostante l'indole pigra) e con risultati lusinghieri. (per questa recensione mi devi come minimo un caffè)
 
Duoad
Duoad il 17/10/12 alle 20:37 via WEB
Concordo con Odile, anche io sono tipo più da fiaba che da racconto fantasy ma devo dire che sono davvero entrambi presentati in maniera gustosa. Per il resto, se riesci a convincere l'"irraggiungibile" Odile a prendere un caffè, prometto di offrirti una birra...così mi racconti com'è ;-)
 
cuoredirondine53
cuoredirondine53 il 21/10/12 alle 09:24 via WEB
e vabbè così non vale però!! hai caffè e birra garantiti... che posso offrirti io??? biscottini al cocco??? bravo come sempre e ben tornato!!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

Ultime visite al Blog

NarcyssenahanBacardiAndColagigliodamoremrnsllfrancy_62gaza64Stolen_wordspiccola_principessa5UnaCattivaAbitudinestrong_passionchristie_malrynell.ombragradiva1940
 

Ultimi commenti

É la prima volta che vengo nel tuo blog. Questo racconto è...
Inviato da: delego.in.te
il 24/06/2015 alle 15:08
 
8mila battute ben spese riciclate
Inviato da: Word_User
il 25/04/2015 alle 12:08
 
Ho un mio personale approccio nei riguardi di una poesia: o...
Inviato da: my0s0tis
il 27/02/2015 alle 11:13
 
Condivido il giudizio di Fanny. (noto che anche a lei...
Inviato da: my0s0tis
il 27/02/2015 alle 11:05
 
Splendido.
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 25/02/2015 alle 13:26
 
 

Avviso

Questo come ogni altro profilo/blog è tutelato dalla legge75 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore.
QUINDI tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio profilo/blog non può essere utilizzato senza il permesso mio o dei rispettivi autori, pena denuncia alla Polizia Postale.
Lo stesso vale per la diffamazione e la calunnia, che seguono il medesimo regime giuridico-penale della calunnia e/o diffamazione a mezzo stampa (diritto lesivo dell'onore), quindi si sporge lo stesso tipo di denuncia ed iter burocratico. Ciò vale anche nel caso di anonimi, poiché la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog. GRAZIE.

Tutte le immagini sul mio blog sono state prese da blog o siti appositi di grafica dove c’è il permesso di copiare mantenendo la firma o chieste ai rispettivi proprietari. Se per caso le immagini qui presenti non fossero state richieste alla al giusto titolare/creatore, mi scuso ed in tal caso su richiesta le eliminerò, dopo una prova di autenticità del materiale in questione

 

En las orillas del duero


La lotta che si combatte nell’animo umano e che sfugge talvolta alla realtà è ben espressa nell’immagine del visionario “artefice di spettri”

Pensava d’essere ozioso
nelle sue prigioni anguste
e mai ha potuto esserlo
colui che, fermo sulla breccia,
in lotta disperata
contro se stesso combatte.

Pensavano che fosse solo,
e mai lo fu
l’artefice di spettri
che vede sempre nella realtà
il falso, e nelle sue visioni
l’immagine della verità.

Pablo Neruda

 

AD ALCUNI PIACE LA POESIA

Ad alcuni -
cioè non a tutti.
E neppure alla maggioranza, ma alla minoranza.
Senza contare le scuole, dove è un obbligo,
e i poeti stessi,
ce ne saranno forse due su mille.


Piace -
ma piace anche la pasta in brodo,
piacciono i complimenti e il colore azzurro,
piace una vecchia sciarpa,
piace averla vinta,
piace accarezzare un cane.


La poesia -
ma cos'è mai la poesia?
Più d'una risposta incerta
è stata già data in proposito.
Ma io non lo so, non lo so e mi aggrappo a questo
Come alla salvezza di un corrimano.

Wislawa Szymborska