Creato da Nues.s il 11/09/2009

N u a g e s

Vanno, vengono. Sostano lasciandoci il ricordo

 

#

Post n°884 pubblicato il 29 Agosto 2015 da Nues.s

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dentro il suo corpo, 

tenendo tra le mani il cuore pulsante della terra.

Tra un sole nero, una crepa, un bagliore d'acqua, 

quegli sfondi, poggiati così, al muro del tempo.

 

 

 

 

Bisognerebbe considerare che noi e solo noi siamo la rovina di quel che accade. Di chi, la colpa se per un'infinita' di tempo, tutti questi Paesi da dove si scappa, non s'è fatto altro che reprimerli, cannonneggiarli, fornito armi, infezioni, aver permesso che possano essere stati incetta di compratori, mercenari scaltri, lasciando orrori in ogni dove, in ogni Stato africano col sostegno di dittature e condizioni disumane. Questo, per anni, decenni, secoli. 

Ti chiedi perchè poi, questi disperati fuggano via. Non siamo che noi, i primi colpevoli. Noi, i Paesi ricchi e opulenti che ipocritamente hanno avuto e abusato di scenari imprenscindibili. L'odissea che hanno vissuto e che vivono tuttora, ha fatto sì che tutto il nostro ricco mondo progredisse, divenisse dominante senza chiedersi mai in che condizioni reali essi siano davvero cresciuti.

Grazie, grazie a minuscole e coraggiose (anche nostre) forze, s'è potuto compiere e si compie qualche sporadico miracolo. Ma sono davvero briciole nel deserto. Il resto, lo abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni e a venire. Comprensibile l'onesta' d'intenti, ottima la buona volonta' di coloro che si prestano a .. .. Ma si avverte un crudo odore di mattanza di spiagge, fin loro. Fin quel Continente Nero che abbiamo sperperato, violato, prostrato, ucciso con comodo e con tutti i mezzi.

 


 

 

 

 

 #a l v a r el m u n d o.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

§

Post n°883 pubblicato il 28 Agosto 2015 da Nues.s

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella vita.

Al cinema, in teatro.

Tutti a sgomitare per un posto in prima fila.

Che non sempre è il miglior posto.

.. .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

§

Post n°882 pubblicato il 25 Agosto 2015 da Nues.s

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricordi tutto.

Le risate,

gli abbracci.

 E quei treni che non sapevano mai di addio.  }

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

{

Post n°878 pubblicato il 24 Agosto 2015 da Nues.s

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrei raccontarlo, se solo servisse. Di quelle volte lì. In chi lascia il segno e chi un solco. E le ha fatte le cose ragionate ma sbagliando lo stesso. Ché tanto, tanto c'è sempre un modo e di solito è l'altro. Le fotografie, le nostre, quelle piccole cose importanti dove la sabbia ti urla sotto i piedi, tanto, stai correndo verso il mare. Ecco, vivere così. Dove in un cassetto ci riponi gli incubi e in un altro giri le cose attorno solo per legarle. Tu sei là. Là. E l'acqua, non è classe. Scorre. Scorre. Scorre. E non è stato come lo hai immaginato, sperato, sognato. E' stato meglio. Reale. Le immagini dove c'hai vissuto dentro vivono in luoghi meravigliosi. Altri, non trovano mai dove stare, vagano nella mente. Niente. Poi tutto. Sensazioni contrastanti, in quanti tempi sbagliati, quante teste e quanti corpi dove tutto va via o resta. Potremo provare a farci comprendere e nel prima, comprenderci. Tra un respiro e l'altro, chiudere gl'occhi, lasciarsi andare, ché la guerra stanca. Molliche di pensieri, stagioni dove ti chiedi .. sai che me ne faccio della felicità? Tutto. E, tutto passa. Come in tanti giorni sghembi. E tirare così, apprezzando le premesse piu' che le promesse e in tutti quegli anni quando eri triste e in silenzio contando solo su te in in tutti quei voglio e non vorrei. Tutto banale finchè non lo vivi. O straordinario, o impossibile. Colle foto, dicevo. Dove vorresti usare il fermo-immagine rallentando la tua ragione per vivere. Le foto dove hai bisogno di tutto finchè non trovi quello di cui hai bisogno.  E in quanti posti. E in quanti, dove succedono cose. Un finale, forse, non la fine. Nell'esser felici. A puntate. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

§

Post n°877 pubblicato il 21 Agosto 2015 da Nues.s

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luce d'estate

all'ombra del viburno

cerco frescura.

 

 

________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Successivi »