Creato da Nues.s il 11/09/2009

N u a g e s

Vanno, vengono. Sostano lasciandoci il ricordo

 

 

§

Post n°797 pubblicato il 28 Febbraio 2015 da Nues.s

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mondrian

 

 

 

 

 

 

 

Puo' tornarti in mente. Entra in testa, respira, è lì dentro, oscilla nel tempo, l'ascolti e la riascolti e i dettagli tra nota e nota, ti sembrano persino nuovi.

Imprimono__supportano__assorbono__filtrano.

Come suonano bene assieme queste quattro linee. Si creano geometrie invisibili e le emozioni e gli universi che s'affacciano non sono altro che incidenze dentro e fuori, là a raccontarti e coinciderti di formule. Mozart. Poteva ancorare al soffitto i suoi accordi o lasciarli frusciare al vento come foglie. Partecipava, ecco. L'eroico e lo sconfitto, la gioia e l'enigma, una dichiarata ode amorosa per la vita e la bellezza e quel ritorno all'invenzione. Come Mondrian, con quelle forme d'ordine e armonia, modulazione e dinamismo contro il bianco dello sfondo. Musiche metaforiche scolpite e a doppio fondo.

Imbrigliano l'avvenuto passaggio, attraverso. 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Successivi »