Creato da benedicaria il 16/09/2012

Benedicaria

La "Magia" Popolare Siciliana e non solo...

 

 

BENEDICARIA è anche su Facebook

Post n°148 pubblicato il 03 Marzo 2016 da benedicaria

Benedicaria è anche su Facebook, se vuoi seguire tutti gli aggiornamenti, metti "mi piace" alla pagina:

 

www.facebook.com/Benedicaria

 

Troverai tutti gli aggiornamenti sulle Tradizioni "magico-religiose" siciliane e non solo...

 
 
 

Inno in siciliano a San Francesco d’Assisi

Post n°146 pubblicato il 04 Ottobre 2014 da benedicaria
 

Inno in siciliano a San Francesco d'Assisi

In siciliano:

Innu a San Franciscu d’Assisi

San Franciscu dù cilu scinniti
c’è bisugnu dà vustra prisenza
ca nù munnu l’umana demenza
troppu in bassu ni voli purtar;
troppi lupi ammanzari vi tocca,
ca si fincinu agniddi innuccenti,
tanti mali a li poveri genti,
fannu ognura e unn anu timor.

San Franciscu, prigati, prigati
ppi l’Italia e ppi tuttu lu munnu,
ranni zelu e amuri prufunnu
ispirati a li genti nta lu cor.

Patri santu, accrisciti, accrisciti
ni li vustri figliuzzi l’arduri,
vui ca siti di nustru Signuri
gran modellu di summa bontà.

Patri bunu, viniti, viniti
ni l’armuzza di tutti i fidili
e di quanti mischini infidili.
su tutt’ora, v’aspetta ogni cori.
Chistu miraculu tutti aspittamu,
ni stu munnu la paci rignari,
chista grazia divina nigari
lu Signuri a vui nun vurrà.

In italiano:

Inno a San Francesco d’Assisi


San Francesco dal cielo scendete
c’è bisogno della vostra presenza
perché nel mondo l’umana pazzia
troppo in basso ci vuole portare;
troppi lupi vi tocca ammansire,
che si fingono agnelli innocenti,
tanti mali alle povere genti,
procurano ogni ora e non hanno timore.

San Francesco, pregate, pregate
per l’Italia e per tutto il mondo,
grande zelo e amore profondo
infondete nel cuore della gente.

Padre santo, accrescete, accrescete
nei vostri figli l’ardore,
voi che siete di nostro Signore
gran modello di somma bontà.

Padre buono, venite, venite
nell’anima di tutti i fedeli
e di quanti poveri infedeli
sono tuttora, vi aspetta ogni cuore.
Questo miracolo tutti aspettiamo,
in questo mondo la pace regnare,
questa grazia divina negare
il Signore a voi non vorrà.

 
 
 

Scongiuro alla Luna per ricevere una grazia

Post n°145 pubblicato il 16 Agosto 2014 da benedicaria
 

Scongiuro alla Luna per ricevere una grazia

In siciliano:

“Luna santa,
Cristu cchiù di tia,
ppi la mia vuluntà,
chiddu chi vogghiu cuncessu mi sarà.”


In italiano:

“Luna santa,
Cristo più di te,
per la mia volontà,
quello che voglio concesso mi sarà
.”


Da sempre la Luna è stata protagonista di molti riti popolari. Ad essa le donne dedicavano anche novene per ricevere abbondanza o "chiami" per attrarre gli innamorati.

(tratto dalla pagina facebook di: "Preghiere e scongiuri popolari siciliani")

 
 
 

Devozione “di li Centu Cruci” nel giorno della Madonna Assunta

Post n°144 pubblicato il 16 Agosto 2014 da benedicaria
 

Devozione “di li Centu Cruci” nel giorno della Madonna Assunta

Il 15 Agosto per i nostri avi era un giorno interamente dedicato alla Madonna Assunta, alla quale venivano indirizzate speciali pratiche devozionali oramai in disuso. Una tra tante era la cosiddetta recita "di li centu cruci", una devozione che, se fatta anche solo una volta nella vita, aveva la virtù di proteggere l'orante dalle tentazioni in punto di morte.
In questa giornata, pertanto, tra i vicoli dei paesini siciliani e "intra li curtigghi" si vedevano gruppetti di donne sedute a cerchio e con la corona del rosario in mano. Una di esse (generalmente la più anziana) faceva da capa e comandava la recita dell'orazione...

Essa richiamava l'attenzione delle presenti, che nel frattempo avevano iniziato a chiacchierare e "smummuriari", con un autorevole:

"Avanti, la menti a Diu!"

“Avanti, la mente a Dio!”

Dopodiché calava un religioso silenzio.., spezzato subito dopo dalla voce squillante della vecchia che iniziava a recitare:

"No Nomu di lu Patri, di lu Figghiu e di lu Spiritu Santu."

“Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”


e la formula scongiuratoria:

In siciliano:

“Gesù li centu cruci vogghiu diri,
si Diu mi lassa diri e ben sirviri,
pi lu santu Battisimu chi appi a la fonti,
haja passari un tirribili ponti,
arma mia di pinitenza,
corpu miu spirituali,
ricorditi tu
N.N. (qui ognuna diceva il proprio nome)
ca a chiddu munnu ha’ trapassari,
a la valli di Giosafà,
lu nimicu mi scuntrirà,
ma iu cci dicu:
tu fausu nimicu,
tu ccu mia nun c’hai chi fari,
‘ncoddu portu a sarvaturi,
ccu la Cruci di Nostru Signuri,
prima chi mi partivi di ddu munnu,
mi cunfissai, mi comunicai,
li centu Cruci mi li dissi,
e mi li scrissi in vivenzia mia,
lu jornu di la Virgini Maria.”


In italiano:

“Gesù le cento croci voglio dire,
se Dio me li lascia dire e ben servire.
Per il santo Battesimo che ebbe alla fonte,
devo passare un terribile ponte,
anima mia di penitenza,
corpo mio spirituale,
ricordati tu N.N. (qui ognuna diceva il proprio nome)
che in quel mondo devo/deve passare,
nella valle di Giòsafat,
il nemico mi scontrerà,
ma io gli dico:
tu falso nemico,
tu con me non ci devi avere a che fare,
addosso porto la salvezza,
con la Croce di nostro Signore,
prima che me ne fossi andato da quel mondo,
mi confessai, mi comunicai,
le cento Croci me li sono dette,
e me li sono scritti quando io ero vivo,
il giorno della Vergine Maria.”


Detto ciò le presenti toccavano terra e si segnavano, dicendo:

"No Nomu di lu Patri, di lu Figghiu e di lu Spiritu Santu."

“Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”


Tutta questa pratica veniva ripetuta cento volte consecutive, così da avere un totale di "centu cruci" fatte. Queste croci servivano da lasciapassare a quelle anziane che in punto di morte avrebbero incontrato "lu fausu nimicu" (il diavolo) tentatore, prima del passaggio all'altro mondo.

(tratto dalla pagina facebook di: "Preghiere e scongiuri popolari siciliani")

 
 
 

Festa del raccolto… la Madonna delle Spighe

Post n°143 pubblicato il 16 Agosto 2014 da benedicaria
 

Festa del raccolto… la Madonna delle Spighe

31 luglio - 1 agosto - 2 agosto

La festa del ringraziamento per il raccolto è molto importante, perchè è legata al tema di morte e di rinascita della vita umana e tutte le cose create o generate, che crescono e poi declinano. E' una ruota che deve continuamente restare in equilibrio se si vuole che la vita continui a perpetuarsi.  L'anno si trova ora nel punto del suo culmine rigoglioso ma è anche l'inizio del suo lento processo di declino. Il sacrificio comunque è visto come trasformazione, non certo come una morte, ma bensì come una rinuncia necessaria per raggiungere un qualcosa di più importante e più profondo. Il grano (Cristo) mietuto nel campo (Maria) e sacrificato, tranciato di netto da un colpo di falce, diventa pane; così come i frutti e le verdure vengono raccolte di modo che ci si possa nutrire. La festa del raccolto è quindi la festa della trasformazione e della rinascita e questa è la legge della natura che si ripete.

Creare il Cerchio con spighe di grano, girasoli, pannocchie e posizionare i simboli dei Quattro Elementi: Terra (sale), Aria (incenso), Acqua (acqua), Fuoco (lampada ad olio). Accendere la lampada ad olio e offrire una fumigazione di incenso puro con petali di girasole o valeriana. Oppure: basilico – cannella – coriandolo – erica – rosmarino - artemisia – achillea – camomilla - gelsomino.


Preghiera alla Grande Madre del Grano

Grande Madre del Grano
alza sacra la mano
e dal cielo difendi
nostre falci lucenti.
Verde manto e corona,
d'ogni seme padrona,
sulla terra feconda
nascerà messe bionda.

Magna Mater Frumenti,
i tuoi raggi splendenti,
vita, luce e calore,
forza del mietitore.
Com'è alto il tuo sole
sulla spiga e il covone,
fra le zolle di campo,
nell'estate del tempo.

Magna Mater, Signora,
ch'ogni cosa colora,
che sorride e protegge
il frumento ed il gregge.
Grande Madre del Grano,
i tuoi figli lontano,
con preghiera e con canto,
ora ti sono accanto.


Preghiera

Donaci, o Signore, di poter festeggiare e celebrare con spirito illuminato, pensieri puri, corpo e anima santificati, questa festa del raccolto in cui si fa memoria di Maria Vergine, la tua Madre santa, la Madonna delle Spighe, affinché i nostri campi e la terra dei nostri cuori siano benedetti; e fa’ che possiamo accogliere il seme benedetto e santo dei tuoi comandamenti spirituali; e noi offriremo gloria e riconoscenza a te, al tuo Padre e al tuo Santo Spirito, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 64 (65), 10a-d 10e-12 13-14

Tu visiti la terra, Signore, e la disséti:
la ricolmi delle sue ricchezze.
Il fiume di Dio è gonfio di acque;
tu fai crescere il frumento per gli uomini.

Così prepari la terra:
ne irrìghi i solchi, ne spiani le zolle,
la bagni con le piogge
e benedici i suoi germogli.
Coroni l'anno con i tuoi benefici,
al tuo passaggio stilla l'abbondanza.

Stìllano i pascoli del deserto
e le colline si cingono di esultanza.
I prati si coprono di greggi,
le valli si ammantano di grano;
tutto canta e grida di gioia.


Dal Vangelo secondo Marco (4,26-29)
In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme ger¬moglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».

PREGHIERA DI BENEDIZIONE

Signore Dio, creatore dell'universo,
per tua grazia dai solchi della terra
ogni stagione produce il suo frutto;
ricevi il nostro umile ringraziamento
e fa' che l'abbondanza del raccolto:
(grano – mais – riso - frutti – verdure – etc.)
ricompensi le nostre fatiche,
perché attraverso i tuoi benefici
sperimentiamo le meraviglie del tuo amore
e aneliamo ai beni eterni.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.


(Consumare la libagione: calice di acqua, vino o birra – pane – frutta – etc.)

RITO DEL RINGRAZIAMENTO

Si accenda una candela di colore arancio o giallo colori solari e si offra una fumigazione di incenso puro con petali di girasole o valeriana. Oppure: basilico – cannella – coriandolo – erica – rosmarino - artemisia – achillea – camomilla - gelsomino, dicendo:

Lode a te, o Cristo, luce impareggiabile e inavvicinabile, pane celeste, spiga delle delizie che non appassisce, amore vero che non si raffredda e speranza perfetta che non delude. Alla vista del mondo che aveva fame e sete del pane della vita, cibo spirituale dell'anima, tu ti sei affrettato ad andargli incontro con la tua grazia, senza che egli ti abbia chiamato; tu sei disceso come rugiada e pioggia fine sulla terra maledetta e ti sei scelto una terra buona, il seno di Maria, la pura fanciulla di Davide.
Questa ti accolse come rugiada celeste e così il mondo ebbe la spiga benedetta; essa ti portò in grembo con mirabile dolcezza e ti mise al mondo quale un covone di frumento, ti nutrì col suo latte a mo’ di acqua che feconda e fa crescere, ti offrì al mondo come grappolo della vita, ti portò tra le braccia come il vello, o tu che sei la rugiada celeste e per te il mondo ricevette l'acqua della vita; lei ti concepì senza coltivazione e tu sei cresciuto in lei mirabilmente e senza irrigazione umana. Per questo noi offriamo a lei le nostre congratulazioni, dicendo:
Beata sei, o nave spirituale tramite la quale il ricco commerciante ricevette i tesori celesti!
Beata sei, o Vergine Madre di Dio, vello benedetto che accolse la rugiada dall'alto!
Tu sei il campo benedetto e la terra assetata sulla quale scese dall'alto la rugiada e fece crescere la spiga delle delizie!
Tu hai dato come vita ai figli degli uomini il tuo Figlio che ha salvato la nostra razza fatta di polvere e le ha donato la vita eterna.
Per il frumento fecondo cresciuto da te, tu hai portato la consolazione al mondo intero, e per la pianta cresciuta in te, tu hai saziato tutte le Nazioni.
Ed ora noi chiediamo a te, o Cristo Dio nostro, liberamente incarnato in questa Vergine benedetta: spargi le tue benedizioni sui campi e sulle messi, benedici gli alberi, le vigne ed i giardini preservandoli da ogni flagello; preserva anche le nostre anime da ogni passione del corpo e dalle suggestioni diaboliche, e noi ti loderemo durante la nostra vita e dopo la nostra morte, assieme al tuo Padre e al tuo Santo Spirito, nei secoli dei secoli. Amen.


Si prepari un pezzetto di carta bianca o carta pergamena su cui scrivere, brevemente, i motivi per cui profondamente ringraziamo Dio Creatore e la Madonna delle Spighe, per il fatto di essere vivi, per la crescita interiore. Chiedete di crescere spiritualmente, chiedete per voi e per le persone che vi sono care.
Costruite quindi un cerchio di pietre attorno a questa candela che arde e fatelo con molta lentezza, ad ogni pietra aggiunta aggiungete anche un ringraziamento e un pensiero per i vostri più intimi desideri. Potete anche usare ciottoli di fiume o pietre di forma particolare trovate sul vostro cammino durante una passeggiata nella natura. Mettetene di numero dispari. Chiuso il cerchio di pietre bruciate alla fiamma della candela il vostro pezzetto di carta e fatelo consumare nel braciere con l'incenso.


Preghiera

O Madre di Dio Maria, campo benedetto nel quale è cresciuta la spiga che nutre i mondi e le creature e dona il pane della vita a tutti i suoi abitanti, supplica per noi il Figlio di Dio in te incarnato, perché sazi la nostra fame con il suo pane divino e curi i nostri mali con l’unguento del suo soccorso, e noi gli indirizzeremo gloria e riconoscenza, nei secoli dei secoli. Amen.

(Liberamente tratto dalla Liturgia di Rito Siro-Occidentale)

 
 
 
Successivi »
 

DEDICA...

a mia nonna Concetta e a mia mamma Domenica, memorie storiche e depositarie della Benedicaria siciliana.

 

AREA PERSONALE

 

SCRIVI A BENEDICARIA:

mail: benedicaria@libero.it

 

QUESTO BLOG È CONSACRATO A SAN MICHELE ARCANGELO

San Michele Arcangelo

Sancte Michaël Archangele, defende nos in proelio; ut non pereamus in tremendo iudicio.

 

LE FASI LUNARI

"Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo" (Qoèlet 3,1)

- LUNA NUOVA (Luna nera): in questo periodo si può pregare per la nascita di qualcosa di nuovo e che ancora non c'è.

- LUNA CRESCENTE: in questo periodo si può pregare per la crescita di qualcosa o per incrementare qualcosa che è al suo nascere.

- LUNA PIENA: in questo periodo si può pregare per ogni tipo di coronamento, compimento, fecondità, piena realizzazione.

- LUNA CALANTE: in questo periodo si può pregare per far decrescere qualcosa, eliminare degli ostacoli, pregare per la purificazione e la liberazione.

 

LA BIBLIOTECA DI BENEDICARIA

Biblioteca della Benedicaria

- Calendario. Le feste, i miti, le leggende e i riti dell'anno, di Alfredo Cattabiani. Ed. Mondadori.

- Lo Stivale Magico. Magia Popolare e Stregoneria del buon paese, di Andrea Bocchi Modrone. Ed. Il Crogiuolo.

- La Stregoneria in Italia. Scongiuri, amuleti e riti della Tradizione, di Andrea Romanazzi. Ed. Venexia.

- Guida alle Streghe in Italia, di Andrea Romanazzi. Ed. Venexia.

- I Guaritori di Campagna. Tra magia e medicina, di Paola Giovetti. Ed Mediterranee.

- I Benandanti, di Ginzburg Carlo. Ed. Einaudi.

- Patri, Figliu e Spiritu Santu. Viaggio alla scoperta delle preghiere dialettali recitate a Gangi, di Roberto Franco e Salvatore Germana. Ed. Arianna.

- Nnomini Patri, Figghiu e Spiritu Santu. Antiche preghiere in dialetto siciliano, di Antonina Valenti. ilmiolibro.it.

- A Cruna. Antologia di Rosari Siciliani, di Sara Favarò. Ed. Città Aperta.

- Pasqua. Dalla terra il cielo. Simboli, numeri, misteri, preghiere e riti popolari in Sicilia, di Sara Favarò. Ed. Le Nuove Muse.

- Chisti lodi e chisti canti. Antiche preghiere siciliane delle Madonie, Nebrodi e dintorni, di Giuseppe Calmieri. Ed. Kalós.

- Dalla terra al cielo. Raccolta di antiche preghiere gelesi, di don Lino di Dio.

- Il Libro della Magia Popolare Siciliana – Anonimo.

- Magia Cristiana, di Antonello Faro. Ed. Primordia.

- Ninne nanne, detti, cantilene, tiritere, preghiere siciliane e i miei ricordi, di La Quercia di Palatolo. Dante Edizioni.

- La Magia Astrale delle Candele, di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- La Magia Astrale degli Incensi, di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- La Magia delle Campagne e la Stregoneria dei Pastori, di Eliphas Levi. Centro Editoriale Rebis.

- Il ramo d'oro. Studio sulla magia e la religione, di James Frazer. Ed. Bollati Boringhieri.

- Biblioteca delle tradizioni popolari siciliane, di Giuseppe Pitrè.

- Antico Trattato di Magia Bianca, di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- Magia Purificatoria, di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- Il Potere Segreto della Preghiera, di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- Il Libro Magico di San Pantaleone. Centro Editoriale Rebis.

- L’Enchiridion di San Giacomo, Abate Julio. Centro Editoriale Rebis.

- La Magia Astrale degli Angeli, di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- Invocazioni e Preghiere agli Angeli, di di Pier Luca Pierini R. Centro Editoriale Rebis.

- Il Grande Sacramentarlo Magico, di Abate Julio. Centro Editoriale Rebis.

- Il Vero Libro dei Segreti Meravigliosi, di Abate Julio. Centro Editoriale Rebis.

- Il Libro dei Salmi, di Abate Julio. Centro Editoriale Rebis.

- Preghiera dei Giorni, a cura del Monastero di Bose. Ed. Qiqajon.

- Benedizionale, a cura della Conferenza Episcopale Italiana. Ed. Vaticana.

 

I MEGALITI DI ARGIMUSCO

La Stonehenge siciliana

Alla "Vergine Orante" dei Megaliti di Argimusco

I Padri ti videro in spirito come una grande montagna, o Genitrice di Dio, dalla quale si staccò una pietra che rovesciò gli idoli dei demoni.
Una pietra angolare, non tagliata da mano d’uomo, si staccò da te, o Vergine, montagna non tagliata: Cristo che riunisce le nature separate.
Il profeta ti vide sotto l’aspetto di un monte, o Vergine senza macchia; da te si staccò una pietra gloriosa che salva veramente l’universo.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elisa.annibalisonia373r.fausto1960lavezziorsola08modica.antonellagallucciocinzia1973Lella210bonurasimonescvprsemcaliatindarorobik3zagalesprof.marsicoghezzi.arnaldo
 

ULTIMI COMMENTI

ANGELO DELLA LUCE preghiera per ricevere una chiamata...
Inviato da: Vanessa
il 03/03/2017 alle 13:45
 
Vieni a me Angelo della Luce, io ti invoco! Fa riemergere...
Inviato da: Lara
il 01/03/2017 alle 23:30
 
reghiera potente fa tornare l'amore in 48 0re!! non...
Inviato da: stellaluna1
il 09/02/2017 alle 03:11
 
tornare l’amore dite a voi stesse il nome del vostro...
Inviato da: donatella
il 04/02/2017 alle 17:48
 
---------------------------- Mia regina Pompa Gira, regina...
Inviato da: Lula
il 24/01/2017 alle 13:33
 
 

BENEDICARIA È ANCHE SU FACEBOOK

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

QUANTI SIAMO...

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.