Creato da: omniaonlus il 20/10/2011
Per la fame di diritti, campagna di digiuno collettivo

"...la cosa importante è che abbiamo dimostrato che l'impossibile diventa possibile..."

Franco Basaglia

 

FACEBOOK

 
 

Ultimi commenti

Caro Peppe, apprezzo veramente molto l'impegno con...
Inviato da: mamma di Manuel
il 23/10/2011 alle 21:05
 
Oggi venerdì 21 ottobre, il sottoscritto Antonio Esposito,...
Inviato da: Antonio Esposito
il 21/10/2011 alle 08:58
 
VALERIO TAGLIONE COORDINATORE COMITATO DON PEPPE DIANA -...
Inviato da: VALERIO TAGLIONE
il 20/10/2011 alle 16:28
 
prova
Inviato da: omniaonlus
il 20/10/2011 alle 16:16
 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

COMUNICATO STAMPA, parte prima

“Sciopero della fame e della sete contro il muro di gomma che ci circonda”

Lettera Aperta al Presidente della Regione Campania on. S. Caldoro

On. Caldoro,

oggi 15 ottobre 2011 presso il bene confiscato di Via Ruffini 8 in San Cipriano d’Aversa, a nome e per conto di tutte le cooperative sociali che presso l’ASL di Caserta co-gestiscono i PTRI/Budget di Salute, ho iniziato lo sciopero della fame e della sete.

Questa ennesima forma di protesta, civile e non violenta, è l’ultima di una lunga serie che ha visto coinvolte le cooperative che lavorano da anni nel sistema dei Budget di Salute. Abbiamo già sfilato a Caserta con Marco Cavallo, siamo giunti a denunciare i dirigenti dell’ASL di Caserta. Ma nulla si è mosso, continuiamo a sbattere contro un muro di gomma.

Sono mesi che i cogestori si sentono ripetere che sono bravi e che fanno onore a questo territorio, grazie all’impegno che profondono nei confronti delle persone disagiate, ma nei fatti sono stati abbandonati a sé stessi. Così, mentre altri fornitori di servizi sono regolarmente pagati, è da oltre un anno che l’ASL di Caserta non versa un centesimo delle spettanze dovute ai cogestori. E se i burocrati della nostra ASL complicano ogni giorno di più le procedure relative alla promozione del sistema dei budget di salute, assistiamo, nel frattempo, alla promozione delle SIR, Centri di riabilitazione e Cliniche private, forse care agli “amici degli amici”.

 

COMUNICATO STAMPA, parte seconda

Ma l’estrema azione di protesta e questa lettera, non riguardano solo questo: le chiediamo, infatti, anche e soprattutto una risposta definitiva della Regione per quanto concerne il sistema dei PTRI/Budget di Salute. E’ oltre un anno che attendiamo il varo della legge pure presentata in consiglio regionale, e ancora manca un vero confronto sulle positività ma anche sulle criticità del sistema. Mentre media e Università nazionali ed europee si interessano al nostro modello come un’eccellenza della nostra regione, le istituzioni disertano la loro responsabilità.

Questo sistema, come ampiamente dimostrato e riconosciuto, ha dato straordinari risultati sia per gli utenti che per il cotesto tutto, permettendo, ad esempio, di gestire e investire, attraverso risorse ordinarie e non straordinarie, sui beni confiscati alla camorra, e contribuendo in modo determinante all’affermazione di un modello economico, sociale, sostenibile e solidale, alternativo a quello criminale, capace, nei fatti, di contrastare lo strapotere della camorra sul territorio.

Attendo, e attendiamo, una semplice ma reale risposta che determini in via definitiva il pieno riconoscimento di questo sistema. Le chiediamo un impegno concreto, perché l’immobilismo e lo stallo istituzionale che ci circonda non consente nessuna prospettiva se non il fallimento nostro e del sistema che a fatica in questi anni abbiamo promosso.

“L’indifferenza uccide più della paura”.

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultimi commenti

Caro Peppe, apprezzo veramente molto l'impegno con...
Inviato da: mamma di Manuel
il 23/10/2011 alle 21:05
 
Oggi venerdì 21 ottobre, il sottoscritto Antonio Esposito,...
Inviato da: Antonio Esposito
il 21/10/2011 alle 08:58
 
VALERIO TAGLIONE COORDINATORE COMITATO DON PEPPE DIANA -...
Inviato da: VALERIO TAGLIONE
il 20/10/2011 alle 16:28
 
prova
Inviato da: omniaonlus
il 20/10/2011 alle 16:16
 
 
 
 

Ultime visite al Blog

stefgerbinogiosueantonioprodvegetali.canantonietta.carrellacatenacciantonioTuras0fra20co0ex86balabottegadelsorrisoadottalafattoriaviviananigroJack_28salvatorecastiglioneFernando_Alonso75oscarim
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
Antonio Amato: Cogestori... »

COMUNICATO STAMPA: Sciopero della fame e della sete contro il muro di gomma che ci circonda

Post n°1 pubblicato il 20 Ottobre 2011 da omniaonlus
 

COMUNICATO STAMPA

“Sciopero della fame e della sete contro il muro di gomma che ci circonda”

Lettera Aperta al Presidente della Regione Campania on. S. Caldoro

On. Caldoro,

oggi 15 ottobre 2011 presso il bene confiscato di Via Ruffini 8 in San Cipriano d’Aversa, a nome e per conto di tutte le cooperative sociali che presso l’ASL di Caserta co-gestiscono i PTRI/Budget di Salute, ho iniziato lo sciopero della fame e della sete.

Questa ennesima forma di protesta, civile e non violenta, è l’ultima di una lunga serie che ha visto coinvolte le cooperative che lavorano da anni nel sistema dei Budget di Salute. Abbiamo già sfilato a Caserta con Marco Cavallo, siamo giunti a denunciare i dirigenti dell’ASL di Caserta. Ma nulla si è mosso, continuiamo a sbattere contro un muro di gomma.

Sono mesi che i cogestori si sentono ripetere che sono bravi e che fanno onore a questo territorio, grazie all’impegno che profondono nei confronti delle persone disagiate, ma nei fatti sono stati abbandonati a sé stessi. Così, mentre altri fornitori di servizi sono regolarmente pagati, è da oltre un anno che l’ASL di Caserta non versa un centesimo delle spettanze dovute ai cogestori. E se i burocrati della nostra ASL complicano ogni giorno di più le procedure relative alla promozione del sistema dei budget di salute, assistiamo, nel frattempo, alla promozione delle  SIR, Centri di riabilitazione e Cliniche private, forse care agli “amici degli amici”.

Ma l’estrema azione di protesta e questa lettera, non riguardano solo questo: le chiediamo, infatti, anche e soprattutto una risposta definitiva della Regione per quanto concerne il sistema dei PTRI/Budget di Salute. E’ oltre un anno che attendiamo il varo della legge pure presentata in consiglio regionale, e ancora manca un vero confronto sulle positività ma anche sulle criticità del sistema. Mentre media e Università nazionali ed europee si interessano al nostro modello come un’eccellenza della nostra regione, le istituzioni disertano la loro responsabilità.

Questo sistema, come ampiamente dimostrato e riconosciuto, ha dato straordinari risultati sia per gli utenti che per il cotesto tutto, permettendo, ad esempio, di gestire e investire, attraverso risorse ordinarie e non straordinarie, sui beni confiscati alla camorra, e contribuendo in modo determinante all’affermazione di un modello economico, sociale, sostenibile e solidale, alternativo a quello criminale, capace, nei fatti, di contrastare lo strapotere della camorra sul territorio.

Attendo, e attendiamo, una semplice ma reale risposta che determini in via definitiva il pieno riconoscimento di questo sistema. Le chiediamo un impegno concreto, perché l’immobilismo e lo stallo istituzionale che ci circonda non consente nessuna prospettiva se non il fallimento nostro e del sistema che a fatica in questi anni abbiamo promosso.

“L’indifferenza uccide più della paura”.

Peppe Pagano

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/campagnadigiuno/trackback.php?msg=10728036

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
mamma di Manuel il 23/10/11 alle 21:05 via WEB
Caro Peppe, apprezzo veramente molto l'impegno con cui volontariamente aiuti, nei limiti del possibile, direttamente gli ospiti del centro nel tentativo di riacquistare una certa normalità di vita ed indirettamente le famiglie che altrimenti non sarebbero riuscite ad affrontare, ancora a lungo, situazioni davvero difficili da gestire. So che è molto duro ciò che stai facendo perché circa 8 anni fa per 18 giorni non ho mangiato (ho soltanto bevuto) nella speranza che mio figlio accettasse le cure necessarie per la sua malattia. Solo 18 giorni perché il mio tentativo è risultato inutile dal momento che a mio figlio non interessava niente che io non mangiassi. L'ho rifatto quest'estate, quando la situazione è nuovamente diventata insostenibile, ancora una volta senza risultato. Stavolta ho chiamato anche il Mattino, ma non avendo lasciato il nome, mi è stato detto che non era possibile farne un articolo. Il mio intento era anche di modificare queste leggi e "invitare" la classe medica locale ad avere un po' di umanità e meno indifferenza nei confronti delle famiglie. Grazie di cuore per la tua battaglia, siamo con te io ed il resto della mia famiglia, la mamma di Manuel
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.