ass. casello13

associazione culturale

 

SALENTIMA

SalentIMA è una campagna sul pronto intervento cardiologico, si concentra in primo luogo nel riconoscere precocemente i sintomi dell’infarto; in secondo luogo la chiamata del 118, così da avere diagnosi e terapia fin dal primo istante.

Chiamare il 118, infatti, significa essere soccorsi adeguatamente e con celerità. Questo servizio è collegato con tutte le strutture provinciali sanitarie.

Questa campagna di educazione è rivolta ai cittadini, partita con le nostre associazioni intende non fare a meno delle importanti realtà quali le associazioni di volontariato, le scuole, l’università etc.

Abbiamo prodotto questa prima brochure informativa che è già in diffusione nei Comuni del basso Salento, fino ai confini di Brindisi e Taranto.

Abbiamo istituito un coordinamento a Lecce e siamo in rete con tutte le associazioni che operano nella Sanità.

L’iniziativa gode dell’appoggio della la Regione Puglia, la Provincia di Lecce e la  AUSL Lecce,.

del Comune di Novoli, Trepuzzi,, Squinzano, Zollino

Coordinamento Associazioni

Pino Sansò, Ambra Biscuso

Info:3394145883/3395607242 -

Mail:casello13@hotmail.it/http://blog.libero.it/SalentIma/

 

IL VISSUTO NELLE IMMAGINI

“Il vissuto nelle immagini” 

1/8 Marzo 2007

Ex Convento dei Teatini  -C.so Vittorio Emanuele- Lecce

Valentina Conoci, Andrea Laudisa, Simon Palma, Francesca Speranza

  Un viaggio di carta fatto di scatti: Donne vestite di ricordi, a volte intrappolate nel colore del silenzio, e luoghi segnati dal tempo                                                                                                               

 

ARTE IN CONVENTO

“Arte in Convento”- Chiesa di Santa Chiara- Copertino di Lecce                  L’iniziativa “Arte in Convento” dell’associazione Casello Tredici, patrocinata dal Comune di Copertino, si svolge nella magnifica scenografia della Chiesa di Santa Chiara ( ex Convento delle Clarisse), dal 19 luglio al 24 settembre 2006.“Arte in convento” mira al recupero del rapporto tra committenza e arte, divenuta necessaria vista la modificazione dell’architettura, in particolare quella ecclesiastica, oggi, come ieri, pensata e progettata in modo da essere collocata in un contesto urbano contemporaneo. Per questa prima iniziativa abbiamo pensato ad artisti che si accostano a questa progettualità producendo opere d’arte che pur mantenendo il carattere della sacralità hanno un occhio attento e calato nel contemporaneo. Si passeranno il testimone: Gix, Maurizio Martina, Raffaele Vacca, Franco Contini per quanto concerne le arti visive. Come si auspicava in corso d’opera si sono unite altre sensibilità artistiche e creative tanto che la Chiesa di Santa Chiara è diventato un contenitore di memoria visiva e/o poetica, con presentazione di libri, blitz di poesia, happening artistica e teatrale, dis_velando luoghi che storicamente erano celati alla vista.  Hanno aderito all’iniziativa, tra gli altri: Antonio Tarsi, con il suo film “Giuseppe Desa”, Elio Scarciglia con il documentario “I colori del Salento”, l’attore Ivan Raganato, i musicisti Checco Leo e Antonio Franco, Patrizia Sambati, la soprano Ju Hae- Min gli scrittori e poeti: Giuse Alemanno, Vincenzo Ampolo, Marilena Cataldini, Antonio Errico, Rosanna Gesualdo, Giovanni Greco, Maria Grazia Martina, Alberto Mori, Fernando Nestola, Maria Pia Romano, Mirosa Sambati, la compagnia degli artisti di strada di Palermo Verdeska. “Arte in convento” aderisce al progetto MUKULA: dona la Luce per avere un Sorriso. Idee con l’Africa.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ettorguareschiilderosa_laudisasexydamilleeunanotteangelo.chilealidipandorap.degiorgitassigiacomodaniela.denicolitondo_antoniototicchiusdavyx2pietromarcelligrabry88pinosapgiorbuc
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

23/30 AGOSTO PELLEGRINAGGIO IN BICI

Post n°71 pubblicato il 25 Luglio 2009 da casello13
Foto di casello13

PELLEGRINAGGIO IN BICI

INFO SU BROCHURE

 
 
 

23/30 agosto 2009

Post n°70 pubblicato il 25 Luglio 2009 da casello13
Foto di casello13

Pellegrinaggio in bici

Osimo Copertino

 
 
 

1° Festa della Mietitura

Post n°69 pubblicato il 23 Giugno 2009 da casello13
Foto di casello13

Sabato 27 giugno alle ore 20,30

1° Festa della Mietitura del Grano

presso l'Azienda Agricola Bruno Rolli Località Mollone

Copertino di Lecce

Tutti insieme a degustare prodotti tipici ed a ballare la pizzica

 

 
 
 

Pellegrinaggio

Post n°68 pubblicato il 12 Giugno 2009 da casello13
Foto di casello13

Nella ricorrenza della nascita del Santo Patrono

Pellegrinaggio in onore di San Giuseppe di Copertino

mercoledì 17 giugno 2009

ore 17,30

P.zza Castello

Copertino (Le)

Percosro Iosefino in bicicletta con sosta al Convento " Santa Maria della Grottella"

Ritorno al Santuario "San Giuseppe di Copertino" ore 19,00

Partecipazione al rito religioso

Info:3663742858

 
 
 

Asta LILT

Post n°67 pubblicato il 18 Aprile 2009 da casello13
Foto di casello13

L'Associazione Casello 13 ha aderito al

Progetto ASTA DI BENEFICENZA

Società di Mutuo Soccorso, Lecce

Sabato 30 Maggio 2009, ore 18.30

artisti partecipanti:

Paivi Aala, Umberto Albanese, Elisa Albano - Eliabò, Filippo Altomare, Vittorio Balsebre, Ademaro Bardelli, Roberto Bergamo, Uccio Biondi, Vincenzo Boscarino, Pino Buttazzo, Ugo Buttazzo -  Ogu, Lucio Calogiuri, Maddalena Castegnaro Guidorizzi, Daniela Cecere, Franco Contini, Mina D’Elia, Ugo De Filippi, Marina De Giorgi, Michela Del Tinto, Marco Tommaso Fiorillo, Federico Gismondi, Sandro Greco, Piera Ingrosso, Massimo La Greca, Andrea Laudisa, Ezechiele Leandro, Monica Lisi, Alessandro Lombardo -Sandro Zenok, Anna Vita Madonna, Valentina Malandugno, Venanzio Manciocchi, Antonio Manzone, Sandro Marasco, Mario Martini, Luigi Marzo, Antonio Massari, Salvatore Mercuri, Anna  Miglietta, Angelo Monte, Maurizio Muscettola, Orodè, Antonio Palermo, Cristiano Pallara, Adriano Pasquali, Beatrice Pastorio, Maria Grazia Presicce, Tina Saletnich, Enza Santoro, Elio  Scarciglia, Carlo Solidoro, Fernando Spano, Francesca Speranza, Giovanni Strafella - Gix, Monica Taveri, Walter Spennato, Romina Tafuro, Ugo Tapparini, Pasquale Urso, Giuseppe Zilli

lettera aperta

Grazie alla sensibilità e disponibilità della Società Operaia di Lecce ed all’impegno volontario di alcuni professionisti ed artisti, la LILT di Lecce è lieta di annunciare l’iniziativa finalizzata alla raccolta fondi per la realizzazione del Centro “Ilma”, i cui lavori sono da poco iniziati alle porte di Gallipoli.

Col sostegno dei salentini, negli ultimi anni, abbiamo potuto acquistare una vasta area di ex-cave, dove sta per sorgere il complesso sanitario e di ricerca che si occuperà di Epidemiologia e Scienze Ambientali, Prevenzione Clinica e Riabilitazione Psico-Fisica. Sarà la sfida del Salento al cancro. Grazie al Centro “Ilma”, potremo combattere contro i tumori su fronti diversi dalla cura: ricerca, prevenzione e riabilitazione. Ci affiancheremo così alle Istituzioni pubbliche, integrandone il ruolo che compete loro sul fronte della terapia. Per far questo, abbiamo bisogno del cuore e dell’intelligenza dei salentini. E l’iniziativa della Società Operaia va proprio in questa direzione. Invitiamo pertanto tutti i salentini all’asta che si terrà sabato 30 maggio, alle ore 18.30, presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso a Lecce. Siamo sicuri che in tanti vorranno contribuire a realizzare un sogno di cui le generazioni future andranno fiere.

                 Dr. Giuseppe Serravezza

     Presidente LILT - Sez. Prov. di Lecce

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: casello13
Data di creazione: 10/03/2007
 

APPUNTAMENTO

 

ATTENZIONEEEEEEEEEEEEEEEEEE

Avete una bicicletta che non usate, che è rotta? Vi ingombra il garage? bene Casello13 viene a prendersela. Scrivete una mail a ass_casello13@libero.it, oppure chiamate 3663742858

 

APPUNTAMENTO

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

SALVIAMO CASOLE

Agire subito, agire in fretta, in difesa del nostro patrimonio artistico.

Sottoscrizione in favore del Monastero Santa Maria di Casole di Copertino

A tutte Istituzioni preposte alla tutela dei beni artistici chiediamo che si operi “Subito” così che uno dei patrimoni artistici della terra Salentina resti testimonianza di arte e cultura.

Santa Maria di Casole: Il sito archeologico di Casole è a circa 3 chilometri dal centro abitato, sulla via per Galatina, in località Casole. E'annesso alla Chiesa di Santa Maria di Casole.. La prima parte del nome, ossia Casole, deriva dal latino casula (casetta). La seconda parte risale al 1864 e si riferisce alla popolazione italica dei Bruzi. L’Antico convento, già sito di un insediamento di rito bizantino, in zona Casole l’area è dichiarata di interesse archelogico zona difatti nei pressi del convento di Casole, si sono trovate  laure eremitiche, una necropoli con tombe ovali e rattangolari scavate nella roccia, , forse d'epoca messapica,  pozzi ed altri segni dell'antico insediamento di rito bizantino. Il monastero è circondato da una ridente campagna coltivata ad uliveti secolari I primi documenti che attestano l’esistenza di questo casale risalgono al 1274. Tuttavia, l’agglomerato rurale, distante dalla Cittadella circa tre miglia, era sorto prima dell’anno Mille ad opera dei monaci bizantini la cui presenza consentì lo sviluppo di un villaggio pressoché autonomo.Saccheggiato e distrutto sul finire dell’anno Mille, in epoca normanna divente un importante comprensorio feudale attraversato da un’asse viario che collegava i centri a nord della Cittadella con l’antica Neretum. Distrutto successivamente in seguito alle persecuzioni iconoclaste, si ripopolò agli inizi del ‘500 e i pochi abitatori si raccolsero intorno al monastero di S. Maria di Casole. A partire dal XVI secolo la località fu infeudata ai Morelli, nobile dinastia giunta a Copertino al seguito dei Castriota. I Morelli ne detennero il possesso fino all’abolizione della feudalità. Fu ricostruito dai Francescani della Regolare Osservanza nell'anno 1513. I frati giunsero a Copertino per volontà del conte Giovanni Castriota. In quegli anni iniziarono a costruitre il convento e a rimodernare la vecchia chiesa, già appartenuta ai monaci basiliani. Nel Settecento il convento passa ai frati Minori Osservanti. Nel 1812 viene chiuso definitivamente al culto, per ordine dell'Intendente di Terra d'Otranto. In questo periodo scompaiono statue, quadri e la ricchissima biblioteca.Del convento, per anni abbandonato all'incuria, ora restano gli affascinanti ruderi, dai quali si possono idealmente ricostruire gli ambienti in cui si svolgeva la vita monastica di Casole. Quei ruderi recano i segni di un quadriportico interamente affrescato. Negli affreschi si leggono scene di tematica francescana, scene tratte dalla vita di San Francesco e il trionfo dell'Immacolata.

 

I MIEI LINK PREFERITI

CAPPELLE VOTIVE DI STRADA

Le cappelle votive sono la scoperta di un itinerario religioso di 20 km che unisce il Castello di Copertino, simbolo del potere temporale, al Santuario della Grottella, simbolo della presenza religiosa nonché della presenza di San Giuseppe Desa, attraverso il Convento di Casole, antico centro di cultura e civiltà monastica. Lungo il percorso sono dislocate dieci cappelle votive di strada, cappelle agricole o rurali, espressione della religiosità popolare e, fino a qualche decennio fa, ricovero e sosta di preghiera per i contadini. Le cappelle sono situate in prossimità di bivi, di crocicchi di campagna, o ancora all’inizio di una grossa proprietà agricola, la loro costruzione è databile in un periodo che va dalla fine del ‘600 ai nostri giorni. Si tratta di manufatti semplici costituiti quasi sempre da un solo vano quadrato, con volta  “a botte” o “ a stella”, con affreschi, di cui si intravede con difficoltà qualche frammento.

Ora quasi tutte le cappelle si presentano in uno stato di degrado per l’usura del tempo e l’incuria degli uomini, qualcuna è stata, di recente, messa in sicurezza(Cappella della Crocefissione) altre sono state sottoposte a lavori che ne hanno alterato non poco l’assetto originario..

Noi di casello Tredici crediamo che il progetto che presenteremo si possa inserire nella più ampia pianificazione dell’Amministrazione Provinciale, riguardante la rivalutazione dei percorsi dei pellegrini quando in epoche passate legavano tutti i santuari salentini.

http://casello13.altervista.org/cappellerurali.php

 

FRA SILVESTRO

Fra Silvestro Calia

Giovanni Paolo Calia nacque a Copertino il 31 gennaio 1581 da Francesco e Laura Fortino. A 23 anni (il 17 febbraio 1604) si recò presso il convento dei Riformati di Casole e chiese al padre guardiano di entrare a far parte dell'Ordine. La sua richiesta fu esaminata il 25 successivo ed accolto nel convento di Francavilla dove intraprese l'anno di noviziato. Il 26 febbraio 1605 emise i voti, cambiò il nome di battesimo in Silvestro e fu mandato nel convento dei Riformati di S. Maria del Tempio di Lecce. Visse in diversi conventi tra cui in quello di Bari, Lequile, Nardò e infine in quello di Casole a Copertino dove vi rimase fino alla morte che lo colse all'età di 40 anni, il 18 luglio 1621 e dove vi riposarono le spoglie fino agli inizi dell'800. L'esistenza di questo frate fu costellata di episodi che i suoi contemporanei definirono miracolosi. Tanto che all'indomani della sua morte, biografi ed autorevoli esponenti della gerarchia ecclesiastica furono concordi nel sostenere che fra Silvestro morì in concetto di santità. A lui si devono molti prodigi che compiva attraverso l'uso del pane: "Ecco - diceva - questo pane è impastato col sangue dei poveri" e nello spezzarlo sgorgava sangue. A Giuliano, ospite del notabile Pietro Panzera, riappacificò la madre di questi con una sua cugina, facendo ricorso al prodigio del pane. Anche a Castellaneta fra Silvestro operò il prodigio del pane nei pressi della porta di un governatore violento e crudele. Stesso prodigio si verificò nei dintorni di Napoli allorquando fu ospite di un cavaliere amico del feudatorio del posto. Qui fra Silvestro rifiutò categoricamente il pane e quando gli fu chiesto il perchè, rispose che quel pane era pieno del sangue dei poveri. E mentre pronunciava queste parole, strinse in mano un pezzo di pane dal quale colò tanto sangue da riempire il piatto. Al miracolo era presente padre Monti il quale testimoniò di aver raccolto quel sangue a di averne riempito un'ampolla. Una raffigurazione di questo miracolo la si può osservare, sia pure scempiata dai vandali, nella chiesa del convento di Casole. L'affresco, infatti, fu privato del volto di fra Silvestro e solo recentemente è stato ritrovato dai Carabinieri e restaurato dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici e Culturali di Bari. Fra Silvestro ebbe anche il dono della profezia in quanto predisse alla marchesa dè Monti che sarebbe guarita da una grave malattia se avesse accettato tutto per volontà di Dio. La marchesa accettò e guarì. Sempre a Castellaneta fra Silvestro, venuto a sapere di una relazione extraconiugale del governatore lo richiamò e lo invitò a smettere altrimenti sarebbe stato ucciso. Il governatore se la rise di gusto, ma un mese dopo fu ucciso con un colpo di pistola da Giovan Matteo Monaco di Montalbano. I contemporanei raccontano che fra Silvestro ebbe anche il dono della bilocazione, che sapeva ammansire gli animali e che riusciva a domare le forze della natura. Non mancarono nella vita di questo frate le visioni della Vergine. Difatti, di quella avuta il 16 luglio 1621, due giorni prima di morire, i suoi confratelli frescanti vollero lasciare un perenne ricordo proprio nella sua cella (ora scomparsa perchè del convento restano solo rovine), che nel 1703 fu trasformata in cappella per volontà di p. Bonaventura da Lama.