Community
 
avamposticu...
   
 
Blog
Un blog creato da avamposticulturali il 13/12/2006

Contro la Chiesa

Chi spara sulla Chiesa?

 
 

COSA VOGLIO FARE

immagine

Questo blog nasce da una considerazione: è giusto attaccare la Chiesa come si sta facendo nell’ultimo periodo? Perchè per gli italiani è così importante il giudizio della Chiesa quando poi le Chiese (scusate la cacofonia) la domenica sono deserte? Perchè si considera quello che è un indirizzo morale come un'ingerenza iniqua su sfere del tutto "laiche"?

Post: http://blog.libero.it/controchiesa/2026595.html

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

caterinamastantuonomicklopioreste.piazzoligrassivale0cristina.banchia627sgissi2bastachattarelillino59laura.ventremaurizio.rossi27tecnoecosasieitsgio.lntmechino1
 

ULTIMI COMMENTI

Mi spiace entrare in polemica, ma la questione è solo...
Inviato da: avamposticulturali
il 18/12/2011 alle 12:40
 
Hai ragione. Sei un uomo qualunque col limitate capacitá...
Inviato da: Gunnar
il 18/12/2011 alle 07:45
 
Detto così, sembra tutto molto lineare. Peccato che...
Inviato da: foto_ras
il 18/12/2011 alle 04:03
 
eccone un altro che difende l'indifendibile. Non ...
Inviato da: Roberto
il 17/12/2011 alle 20:06
 
CARO PROF.ODIFREDDI, SAREBBE SUFFICIENTE LA MIA...
Inviato da: mago silva
il 24/07/2011 alle 08:18
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Consumismo blasfemoI preservativi di Benedetto XVI »

Indivuduo, essere umano, persona. Tre concetti non sinonimi

Vorrei ragionare su tre termini: Individuo, essere umano e persona. Questi tre concetti, diversi tra loro, sembrano sinonimi, ma nascondono le diverse concezioni della vita e della società oggi esistenti.

Iniziamo col dire che, secondo alcuni:  ogni “individuo” ha il diritto di avere soddisfatti i bisogni primari, quali alimentazione, istruzione e salute. Dal diritto degli individui deboli nasce il dovere degli individui forti. I rapporti tra indigenti e supplenti sono regolati da norme positive (legali), alle quali ognuno è obbligato in virtù della legge. Inoltre, sempre in virtù di una legge, si stabiliscono quali sono i  bisogni primari.

Con “essere umano” intendiamo, invece,  un elemento appartenente al genere umano. Il benessere, la qualità di vita, gli obiettivi sono misurati tenendo conto dell’intera umanità o di una collettività. Quindi, se per il bene della stragrande maggioranza dell’umanità o della collettività, bisogna, per così dire, sacrificare i diritti o i bisogni di  una esigua minoranza,  questa scelta oltre ad essere  opportuna è addirittura necessaria.   

Il concetto di “persona” è  diverso dai primi due, in particolare posso dire che: La persona è un essere umano complesso, unico e irripetibile, con propri personali bisogni, speranze e condizioni. Tutte le persone sono uguali ed hanno pari dignità e opportunità.

Le differenze tra i tre concetti sono evidenti.

 Il primo sottintende alla legge, ogni individuo si sottomette alla legge, sia per senso di giustizia, sia per evitare sanzioni.  L’equilibrio sociale serve per garantire alla collettività sicurezza ed equilibrio nei rapporti.      

Il secondo concetto, prevede una visione complessiva di una collettività e non si sofferma, perché sarebbe sbagliato, ai singoli.

Il terzo concetto è il più equilibrato ed eticamente corretto, infatti la Costituzione Italiana (e la maggior parte di quelle europee), per l’appunto, parla di persona.

Ogni posizione ideologica, politica  e religiosa deve essere interpretata e letta in funzione di questi tre concetti. Oggi, invece, in un mondo senza ideologia, i tre concetti, antitetici tra loro, si confondono. Confondendo anche le decisioni che devono dare un indirizzo e un futuro, non prossimo,  a tutti noi.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

NOTE VARIE

immagine“Verrà un tempo in cui dovremo fare delle scelte tra quello  che è giusto e quello che è facile”, così (o quasi) in Harry Potter nell’ultimo film.

La nostra società sta cambiando e probabilmente non in maniera giusta, forse in maniera facile. L’interesse collettivo si sta spostando dal bene comune e naturale (termine giurisprudenziale)  all’interesse unico dell’individuo.

 Leggi il post: http://blog.libero.it/controchiesa/2191139.html

Cosa è giusto e cosa è facile? Chi spara sulla Chiesa e perchè?

 

CHIARIAMO I TERMINI

             I dibattiti televisivi non hanno la capacità di chiarire i termini delle discussioni, noi telespettatori rimaniamo lì costretti a vedere individui che litigano con il pretesto di parlare di argomenti alti e sacri.

 I saccenti “telemediatici” e i politici “saltafosse” che, non capendo nulla o meglio non parlando in maniera chiara e semplice,  fanno solo chiasso e confusione.

C'è un divario grande come un oceano tra chi, crede di parlare (o blaterare), e chi li ascolta davanti la scatola magica.

            In questo blog intendo chiarire i termini del dibattito e, in maniera pacata, confrontarmi con chi la pensa in maniera totalmente diversa dalla mia.