Community
 
enca4
   
Creato da enca4 il 15/02/2010
PENSIERI E PAROLE
 

W. Allen

NON E' CHE HO PAURA DI MORIRE.

E' CHE NON VORREI ESSERE LI'

QUANDO QUESTO SUCCEDE.

W. Allen

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 

CANZONE

Che giorno è

E' tutti i giorni

Amica mia

E' tutta la vita

Amore mio

Noi ci amiamo noi viviamo

noi viviamo noi ci amiamo

E non sappiamo cosa sia la vita

Cosa sia il giorno

E non sappiamo cosa sia l'amore

Jacques Prévert

 

I ragazzi che si amano si baciano

In piedi contro le porte della notte

I passanti che passano se li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

E se qualcosa trema nella notte

Non sono loro ma la loro ombra

Per far rabbia ai passanti

Per far rabbia disprezzo invidia riso

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Sono altrove lontano più lontano della notte

Più in alto del giorno

Nella luce accecante del loro primo amore.

Jacques Prèvert

 

DALLA - CANZONE

 

N. de Chamfort

CHE COSA DIVENTA UN PRESUNTUOSO

PRIVO DELLA SUA PRESUNZIONE?

PROVATE A LEVAR LE ALI AD UNA FARFALLA:

NON RESTA CHE UN VERME.

N. de Chamfort

 

GLI APOSTOLI DIVENTANO RARI,

TUTTI SONO PADRETERNI

A. Karr

 

 

« PER LEI, ONOREVOLE BERLUSCONICARO IL MIO DIARIO 11 »

CARO IL MIO DIARIO 10

Post n°164 pubblicato il 14 Luglio 2010 da enca4

Caro il mio Diario,

                        avrei voluto scrivere, almeno per una volta da quando ho iniziato a riempire le tue pagine, qualche cosa di diverso dal solito. Per esempio avrei voluto dedicare qualche tua riga a queste bellissime giornate di sole, a quando, finita la scuola, partivo per il mio paese dove mi aspettavano tre mesi pieni di divertimento.

                        Avrei voluto scrivere di quando, nel mese di Luglio di tanti anni fa andai per la prima volta in villeggiatura in Sicilia. Ne rimasi talmente affascinato che tornai in quella splendida regione per ben dodici anni di seguito.

                        Avrei voluto tornare indietro con la memoria fino alla mia più tenera età e sorridere mentre, scrivendo, ripenso a tutte le bricconate fatte con gli amici.

                        Avrei… ma questa sera non è possibile. Ho altro per la testa. Non ho buone notizie per quanto riguarda la mia salute. Il consulto con il Professore di radio-tomo-terapia non ha avuto esiti confortanti.

                        Non posso essere irradiato di nuovo. Troppo poco tempo è passato da quando ho terminato il ciclo di 35 sedute. Per poter di nuovo essere sottoposto a radio-terapia dovranno passare almeno altri sei-sette mesi.

                        “Professore, e intanto che succede?”

 “Continuerà ad ingrossarsi” , è stata la risposta che mai avrei voluto sentire.

“Dovrà comunque fare nel frattempo chemioterapia, anche se a livello osseo non è che

sia la soluzione ottimale.”

                        Sono uscito dallo studio medico senza forza nelle braccia e nelle gambe. Avrei voluto urlare  la mia rabbia a chiunque mi fosse capitato vicino in quel momento.

                        Poi, caro Diario, è subentrata la rassegnazione, la consapevolezza che di fronte al destino ognuno di noi è vittima dello stesso, non può modificarlo assolutamente a proprio piacere e per la propria convenienza.

                        Adesso,amico mio, non mi resta che attendere. Attendere che questi mesi passino in fretta senza causare danni più gravi di quelli che già ho. Attendere che torni il mio Oncologo per sapere se sarà possibile fare delle infiltrazioni di chemioterapia. Attendere… attendere.

                        Non voglio più attendere. Voglio sapere adesso, subito, che cosa ne sarà di me.

                        Ho il diritto di vivere quello che mi resta nel modo migliore possibile. Poi potrò vivere un giorno, un anno, dieci anni. Non ha importanza quanto, è importante “come”.

                        Non mi va di riempire le tue pagine solo di cose negative. Preferisco fermarmi qui.

                        Non ti offendere, amico caro, domani ci incontreremo di nuovo e spero di essere in una condizione diversa da quella di adesso.

                        A domani, non mancare.

                                                                                  Enrico

                       

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/fermati/trackback.php?msg=9056982

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
rauda
rauda il 14/07/10 alle 20:42 via WEB
a domani.......
 
claudiafine1966
claudiafine1966 il 14/07/10 alle 21:13 via WEB
o gli occhi lucidi tvb
 
mikaela8
mikaela8 il 14/07/10 alle 22:20 via WEB
Giorno per giorno Enrico, giorno dopo giorno.. poi si vedrà... mai disperare la scienza ha fatto passi da gigante ma non è esatta, nessuno può dire sarà cosi o colà... Lui è più forte di tutte le medicine Lui intendo Dio... Affidiamoci a lui. Se puoi riposati.. ciao un abbraccio Franca
 
fedelanita
fedelanita il 15/07/10 alle 02:47 via WEB
Concordo pienamente con quello che ha scritto Mikaela...abbiamo avuto lo stesso pensiero. Vedrai Enrico, se non conti i giorni vedrai che passano presto. Tu di pazienza e bontà ne hai tanta quindi ce la farai. Mi fa piacere leggere che ti piace la Sicilia:-)) Tvb Mariapia.. a domani
 
cekas
cekas il 15/07/10 alle 21:54 via WEB
Giorno dopo giorno, cerca di assaporarlo uno alla volta. Nessuno sa quello che accadrà e quando. Il viaggio è ancora in corso. Vai avanti, riposati, fatti forza, combatti come puoi, godi di quello che hai e puoi fare. Ti abbraccio, Stefania
 
cleid
cleid il 16/07/10 alle 12:16 via WEB
un saluto,anna
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.