Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

premio

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechescrittocolpevoleAccasata7Quivisunusdepopulolaboratoriotvprolocoserdianadinopitarresipasqualerinaldiarw3n63franceschettopaolapetrucci.emanuelecinziabulgheriniElemento.Scostantecolomboenricoec
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

 

“Corteo storico delle apparizioni di San Michele” Grande è la partecipazione dei montanari all'evento

Post n°20120 pubblicato il 22 Settembre 2017 da forddisseche

“Corteo storico delle apparizioni di San Michele” Grande è la partecipazione dei montanari all'evento, tante sono le iscrizioni da parte di interi nuclei famigliari, gruppi di amici e singole persone, che intendono prendere parte alla Sacra Rappresentazione 

 

Di:

 
 

Domenica 24 settembre 2017 a Monte Sant’Angelo andrà in scena la settima edizione del “Corteo storico delle apparizioni di san Michele Arcangelo”, il suggestivo evento rievocativo che da anni costituisce l’anteprima della Festa Patronale.

 

La manifestazione, promossa dall’Associazione culturale “Insieme Per” con la collaborazione dei Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo (patrimonio UNESCO) e con il contributo del Comune di Monte Sant’Angelo, è uno degli appuntamenti annuali più attesi dalla comunità montanara e garganica, richiamando altresì l’attenzione di molti partecipanti da ogni parte del Sud Italia.

 

Verso l’imbrunire oltre trecento figuranti in costumi storici e tre carri scenici sfileranno nel popolare corteo per le vie principali della città dell’Arcangelo per culminare nella scenografica drammatizzazione degli episodi fondativi del culto di San Michele sul Monte Gargano.

 

“Il Corteo che proponiamo non è la classica rievocazione storica, bensì un vero e proprio ‘dramma sacro’ rientrante nel filone delle ‘Laude Drammatiche’ medievali – spiega Michele Picaro, Presidente dell’Associazione ‘Insieme Per’, ideatrice e organizzatrice dell’evento, che aggiunge – L’evento è un ‘mix’ di storia e mito, di fede e tradizione, di spettacolo e cultura, che lo rende unico nel panorama delle manifestazioni rievocative”.

 

Grande è la partecipazione dei montanari all’evento, tante sono le iscrizioni da parte di interi nuclei familiari, gruppi di amici e singole persone, che intendono prendere parte alla Sacra Rappresentazione.

 

“Il corteo storico è ormai diventato uno dei grandi eventi della nostra Città e del nostro territorio.” – dichiara Pierpaolo d’Arienzo, Sindaco della Città di Monte Sant’Angelo, che aggiunge – “E’ una iniziativa che racconta la nostra storia, la nostra identità, il nostro immenso patrimonio e a cui la comunità cittadina è molto legata”. “E’ un evento al quale non può mancare il sostegno dell’Amministrazione comunale, – continua d’Arienzo – anche perché è divenuto un appuntamento di forte richiamo per i tanti turisti, non solo pellegrini, che ancora affollano il Gargano in questo periodo di inizio autunno”.

 

Per P. Ladislao Sucky, rettore del Santuario di San Michele, “Il corteo è riscoprire le radici della nostra storia di fede attorno alla figura di San Michele, è un popolo in festa che partecipa ad un atto corale di devozione verso l’Arcangelo”.

 

Ogni anno il Corteo, pur nel rispetto della tradizione, presenta novità nella sceneggiatura della Sacra Rappresentazione.

 

“L’edizione 2017 sarà caratterizzata dai pellegrini, dalla presentazione di un nuovo inno a San Michele e da nuove scene coreografiche”, – fanno sapere gli organizzatori – “Anche quest’anno, accanto ai tradizionali quadri scenici musicali delle tre apparizioni ci sarà la drammatizzazione dei passi biblici che si riferiscono all’Arcangelo Michele. Il tutto terminerà con la recita dell’atto di affidamento all’Arcangelo da parte della massima autorità cittadina”.

 

Due i momenti della manifestazione: alle ore 18.30 il Corteo partirà da Piazza Giovanni Paolo II e attraverserà Via Tancredi, Corso Vittorio Emanuele, Via Reale Basilica e Piazza Carlo d’Angiò.
Alle ore 20.00 invece, in Piazza Beneficenza, la Sacra Rappresentazione delle Apparizioni di San Michele Arcangelo.

 

(A cura di Arcangelo Palumbo, Monte Sant’Angelo)

 
 
 

Promontorio del Gargano Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano...

Post n°20119 pubblicato il 21 Settembre 2017 da forddisseche

Promontorio del Gargano
Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo" è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.

 
 
 

Vieste – INVESTITURA UFFICIALE PER I PRIMI SETTE “NONNI VIGILI”

Post n°20118 pubblicato il 21 Settembre 2017 da forddisseche

Vieste – INVESTITURA UFFICIALE PER I PRIMI SETTE “NONNI VIGILI”

1 / 21

“Per Vieste è una bella e concreta espressione del concetto di cittadinanza attiva”. Ha esordito così il sindaco di Vieste Giueseppe Nobiletti questo pomeriggio nella sala consiliare del Municipio all’investitura ufficiale dei volontari che hanno aderito al progetto “Nonni Vigili”. Alla semplice ma significativa cerimonia erano presenti anche il capogruppo consiliare di “ViesteSeiTu” Matteo Petrone, promotore dell’iniziativa sposata appieno dall’Amministrazione comunale, il consigliere Michele Lapomarda e per la Polizia Municiopale il vicecomandante Gaetano Di Mauro ed il maresciallo Antonello Grella. Ovviamente presenti i primi sette “nonni” sensibili a prestarsi gratuitamente alla comunità con il loro servizio di volontariato: Gaetano Colella, Vincenzo Palumbo, Antonio Ragno, Salvatore Impagnatiello, Gaetano Sicuro, Lorenzo Cionfoli, Nicola Folchino. “Abbiamo realizzato un progetto a cui personalmente tenevo molto - ha sottolineato il consigliere Petrone – proprio per il valore civico che riveste ma anche per l’importanza del servizio che così si riesce a dare alla cittadinanza”. Si è sempre in tempo ad aderire, bisogna avere un’età compresa tra i 60 e i 75 anni, è sufficiente presentare domanda di partecipazione al progetto presso il comando della Polizia Municipale di Vieste. I volontari sono assicurati contro gli infortuni e per responsabilità civile verso terzi, con spese a carico dell’Amministrazione comunale di Vieste.

 
 
 

L’INVITO DELL’ ORDINE DEI PELLEGRINI DI S. MICHELE ARCANGELO DI VIESTE AL PELLEGRINAGGIO A MONTE S. ANGELO

Post n°20117 pubblicato il 21 Settembre 2017 da forddisseche

L’INVITO DELL’ ORDINE DEI PELLEGRINI DI S. MICHELE ARCANGELO DI VIESTE AL PELLEGRINAGGIO A MONTE S. ANGELO

A fine settembre, puntuale come ogni anno dopo l’estate, ritorna la sentitissima Festa Patronale di Monte Sant’Angelo in onore di San Michele Arcangelo, patrono della città, simile a “chi è come Dio”, principe degli angeli, del bene e protettore del popolo eletto. Al centro come sempre le celebrazioni religiose, con il momento più atteso: la Processione della Sacra Spada di venerdì 29 settembre, affiancate da un ricco ed eterogeneo programma di eventi messo a punto dal Comitato Festa Patronale 2017 guidato da Felice Piemontese.

La festa, che si svilupperà per le vie del centro storico di Monte Sant’Angelo dal 27 settembre al 1 ottobre 2017, sarà dedicata alla musica, alle piazze della musica e ai concerti, ben cinque. Ospite attesissimo del programma sarà Enrico Ruggeri, leggenda della musica italiana, uno chansonnier nato dal punk e battezzato a Sanremo dall’irriverente pop di “Contessa” e in breve autore di tante storiche pagine della nostra canzone, per sé e per gli altri.

A Monte Sant’Angelo Ruggeri arriverà con il suo nuovo tour “Dai Decibel ad oggi: 40 anni di successi”, il momento celebrativo che segna la réunion dei Decibel (la formazione storica nata nel 1977 da Ruggieri, Capeccia e Muzio) con Fulvio Muzio e Silvio Capeccia. Da “Contessa” a “Mistero”, poi “Polvere”, il “Il mare d’inverno”, “Quello che le donne non dicono”, “Peater Pan”, “Non finirà”, passando per i successi più recenti come “Il primo amore non si scorda mai”, Enrico Ruggeri delineerà un viaggio musicale nei ricordi e nelle sonorità di quasi in quasi quarantacinque anni di storia della musica italiana.

La musica, però, avrà altre suggestioni e dinamiche. Giovedì 28 a partire dalle ore 21.30, nello splendido scenario di Piazza de Galganis, dopo un momento dedicato al gruppo “Music Therapy” del Centro Sociale per Anziani “San Michele Arcangelo”, spazio al jazz e alla leggerezza di “Casarano incontra Servillo”, un incontro musicale fra il sassofonista Raffaele Casarano, il pianista William Greco e l’estro di Peppe Servillo, già raffinato interprete e voce degli Avion Travel. Un percorso musicale che, accanto ad alcune canzoni di grandi cantautori italiani e brani composti dai due musicisti salentini, omaggerà con reinterpretazioni in chiave originale e arrangiamenti creati per l’occasione l’inquieta anima di Luigi Tenco, voce e volto migliore di quella prolifica “scuola genovese” musicale.

Dal jazz al pop, passando per il cantautorato, venerdì 29 alle 22.30 in Piazza de Galganis appuntamento con “Il gelato dopo il mare”, il nuovo tour di Renzo Rubino, l’estravagante cantautore pugliese, poliedrico performer a metà fra musica e teatro, a Sanremo premio della critica “Mia Martini” nel 2013 con “Amami Uomo” e nel 2014 terzo classificato con “Ora”.

Il programma musicale si aprirà e si concluderà, il 27 settembre e il 1 ottobre 2017, con un viaggio nelle tradizioni musicali popolari pugliesi, dal Gargano al Salento, da Monte Sant’Angelo a Melpignano. Il 27 settembre in Piazza Beneficenza alle ore 21.00 la Puglia balla al ritmo delle tradizioni e delle tarantelle garganiche con il concerto della Grande Orchestra Popolare “OPM & Capitanata”. Il 1 ottobre, invece, il viaggio si concluderà in Piazza Duca d’Aosta alle ore 21.00 con la pizzica salentina e il grande Concerto dell’Orchestra della “Notte della Taranta”, la formazione che anima da vent’anni il concertone di Melpignano, il festival da 200mila persone più significativo della cultura popolare in Europa. Ad arricchire la serata la partecipazione straordinaria di Enzo Avitabile, l’uomo del pop, del ritmo afro-americano, di Napoli, della musica antica, della zeza e del canto sacro. Si chiude quindi con il djset che vedrà in consolle i dj ARM e Remo Amatore insieme allo special guest Marco Guacci, speaker di Radionorba.

Oltre ai principali appuntamenti musicali non mancheranno eventi dedicati ai più piccoli, allo sport, agli spettacoli pirotecnici ed alla solidarietà grazie anche alla collaborazione con il Coordinamento Provinciale e la Delegazione Comunale di Telethon.

“Mi emoziona leggere questo ricco programma di eventi. È la mia prima festa patronale da Sindaco di Monte Sant’Angelo, sento forte la responsabilità di donare ai miei concittadini una festa alla loro altezza, una festa degna dell’Arcangelo che protegge questa montagna che Egli stesso ha scelto. 5 giorni intensi, dichiara il Sindaco di Monte Sant’Angelo Pierpaolo d’Arienzo, durante i quali ci auguriamo di poter accogliere i tanti turisti e pellegrini devoti al nostro Santo Patrono, offrendo loro un rifugio spirituale ma allo stesso tempo una festa gioiosa. Permettetemi di ringraziare il comitato Festa Patronale e il suo Presidente Felice Piemontese che instancabili hanno lavorato per costruire questo bellissimo programma. Un ringraziamento doveroso a tutti i cittadini e a tutte le aziende che con enorme generosità hanno contribuito, ognuno in base alla proprie possibilità, a rendere tutto questo possibile. Sono profondamente orgoglioso di poter annunciare inoltre che quest’anno saremo finalmente in grado di offrire ospitalità ai tanti ambulanti presenti alla festa grazie alla collaborazione con la Caritas.”

“In un tempo di rumori e frastuoni, gli eventi civili della festa dedicata a San Michele Arcangelo, quest’anno, saranno incentrati sulla musica”, commenta Felice Piemontese, Presidente del Comitato Festa Patronale. “Nei ricordi di tutti noi, oltre ai mistici momenti religiosi, la festa patronale fa rima con la musica, qualunque essa sia. Così, in accordo con l’amministrazione comunale, e con il fondamentale apporto del Teatro Pubblico Pugliese, abbiamo messo su un programma eterogeneo – basato principalmente sulla musica – che offrisse a tutta la popolazione uno spunto globale su molteplici sonorità in un richiamo di suoni ed echi, dal jazz al rock, passando per il cantautorato teatrale e la musica popolare”.

 
 
 

Vieste/ GIACCHE VERDI PUGLIA- Gruppo Operativo Locale Vieste RENDICONTO

Post n°20116 pubblicato il 21 Settembre 2017 da forddisseche

Vieste/ GIACCHE VERDI PUGLIA- Gruppo Operativo Locale Vieste RENDICONTO CAMPAGNA AIB 2017- Riceviamo e pubblichiamo.

Sono terminati gli interventi di prevenzione e lotta agli incendi boschivi e di interfaccia previsti per il periodo 15 giugno 15 settembre dallo stato di pericolosità incendi boschivi decretato dalla Regione Puglia.
Nel 2017 sono andati distrutti centinaia di ettari di bosco e macchia mediterranea nel territorio garganico con gravi danni anche alla fauna selvatica.
Gli incendi più devastanti nel nostro territorio comunale e con alta criticità per le strutture, la popolazione e i soccorritori sono stati:
- nelle loc. Resega, Petassa, Tavola di Pietra, Macchia Pastinella del 24 e 25 luglio che ha interessato il territorio di Vieste e quello di Peschici, che hanno richiesto due giorni di intervento da parte dell’ARIF, VV.FF. Carabibieri, Polizia Locale e Volontariato e intervento areo per domare gli incendi.
- nelle località Tomarosso- Santa Maura- Sgarrazza- Campi del 19 e 20 agosto, che hanno richiesto anche l’intervento aereo data la irraggiungibilità in alcuni punti dei mezzi da terra per mettere in sicurezza le abitazioni strutture ricettive vicine e ben 96 ore di intervento e l’utilizzo anche di un drone per la ricognizione aerea della zona e di eventuali focolai che minacciavano la riattivazione degli incendi.
- in loc. Passo dell’Arciprete, durante la notte del 28 agosto, che a causa del vento forte, ha distrutto c.ca tre ettari di macchia mediterranea, ha richiesto ben sei ore di intervento dell’ARIF, VV.FF. Carabinieri e Volontariato ed ha causato panico degli abitanti della zona per la vicinanza del fuoco alle strutture abitative.
Dal punto di vista operativo, nonostante siano state messe a dura prova tutte le unità di soccorso ARIF, Vigili del Fuoco, Carabinieri Forestali e Volontariato, vi è stata una buona coesione tra i soccorritori che ha evitato la perdita di maggiori aree boscate e ridotto i rischi.
L’unità locale delle Giacche Verdi di Vieste è stata sempre presente sul territorio ed ha effettuato circa cinquanta interventi alcuni anche a Mattinata, Peschici e Vico del Gargano e oltre 500 ore tra avvistamento e pattugliamento del territorio.
Molto importante è stata la collaborazione dei titolari delle strutture turistiche e di ristorazione che si sono prodigati per rifornimento di viveri e acqua durante gli interventi di lunga durata in territori in zone isolate.
Un particolare ringraziamento va al Sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti che ha prestato attenzione alle necessità operative del volontariato, alla Polizia locale e agli operatori turistici: Alessandro Di Summa, che ha dato un contributo economico, fondamentale per la prosecuzione dell’attività a causa della rottura dei pneumatici dell’automezzo Unimog e all’acquisto di ulteriore attrezzatura, al sig. Vito Turi, che ha fornito ristoro ai soccorritori nei giorni dell’incendio Sgarrazza-Campi, al sig. Luciano Lucky Ricciardelli che ha messo a disposizione un drone che ha consentito la ricognizione area delle aree percorse da incendi e di eventuali focolai nascosti e alle squadre A.I.B. Eni S. Tecla intervenute nell’incendio che ha interessato le zone limitrofe alla propria azienda.
Gli eventi hanno ancora una volta evidenziato la vulnerabilità del nostro territorio e della nostra economia turistica.
Per questo non va abbassata la guardia nella pianificazione e organizzazione della macchina dei soccorsi e nella necessità di una operatività strutturale efficiente per interventi efficaci, che richiedono risorse economiche, umane e attrezzature adeguate che presuppone la partecipazione attiva ed economica oltre che degli Enti anche degli Operatori economici, usufruendo dei vantaggi economici e fiscali previsti dalla legge, nella erogazione di contributi economici al volontariato e mettendo a disposizione dei soccorsi il proprio personale che fa parte del volontariato.
Noi volontari ce la mettiamo tutta.

Responsabile del Gruppo Operativo Locale- Roberto Bosco.

 
 
 

L’estate degli ospiti della RSSA VILLA MELE

Post n°20115 pubblicato il 21 Settembre 2017 da forddisseche

L’estate degli ospiti della RSSA VILLA MELE

“L’estate sta finendo ed un anno se ne va...”, questa la canzone intonata negli ultimi giorni dagli ospiti di Villa Mele, estate che hanno goduto fino in fondo.
Spiagge, pinete, foresta, centri storici, fattorie didattiche, luoghi religiosi e culturali, laboratori creativi e di cucina, tante le iniziative organizzate per gli ospiti durante la calda estate rodiana.
Villa Mele è una residenza socio sanitaria assistenziale dove basta aprire la finestra della propria camera ed avere tutto il mare per sé accompagnato dal profumo degli agrumi, ambiente ideale per chi ha bisogno di tanta serenità, pace ed affetto.
“Abbiamo stilato un calendario delle iniziative in base alle esigenze degli ospiti - cosi fanno sapere i responsabili dell’equipe socio-educativa- valutato i loro bisogni e le loro proposte per renderli partecipi del progetto educativo.
Le attività sviluppate hanno avuto diversi obiettivi, in primis il benessere dell’ospite realizzato attraverso una serie di progetti che vanno dai laboratori interni alle gite fuori porta.
I laboratori interni hanno seguito diversi programmi.
Il programma di stimolazione della creatività, realizzando dipinti o piccoli oggetti, il programma di stimolazione della cognitività, con esercizi volti a stimolare l’attenzione, la memoria, il linguaggio, il ragionamento logico e l’orientamento spazio-temporale ed infine il programma di stimolazione sensoriale volto al mantenimento del contatto positivo con il proprio corpo ed ad imparare a valutare le risorse disponibili trovando le strategie che possono sostituire e compensare i deficit di coordinazione e forza.
Le gite fuori porta hanno permesso agli ospiti di conoscere il proprio territorio favorendo la socializzazione e la crescita formativa del singolo.
Lo scopo di questo progetto è stato quello di guidare gli ospiti a conoscere in modo diretto e giocoso il loro territorio attraverso la ricerca, l'indagine e l'esplorazione a partire dal paese sede della struttura fino ai territori circostanti.
Gli ospiti sviluppando la capacità di individuare gli elementi più specifici del proprio ambiente, collocando persone, fatti ed eventi nel tempo, conoscendo la propria realtà territoriale con la sua storia e le sue tradizioni, cogliendo il senso gioioso del folclore, sono pervenuti alla consapevolezza della propria identità sociale e culturale oltre a favorire il loro orientamento spazio-temporale.
Rodi, San Menaio, Peschici, Vico del Gargano, Vieste, la Foresta Umbra, il Lago di Varano e tanti altri i luoghi visitati.
A tutto ciò si aggiungono le splendide giornate trascorse in spiaggia, gli aperitivi ai lidi di Rodi e San Menaio, i giochi all’aria aperta accompagnati dai tornei di fine estate. Per la stagione autunnale- cosi concludono gli operatori di Villa Mele- tanti i progetti in cantiere, per ora lasciamo gli ospiti godere degli ultimi tiepidi raggi di sole e ringraziamo i loro parenti per la fiducia posta in noi”.

 
 
 

Monte S. Angelo - PAPPAGALLO ESOTICO ABBANDONATO IN PIAZZA

Post n°20114 pubblicato il 21 Settembre 2017 da forddisseche

Monte S. Angelo - PAPPAGALLO ESOTICO ABBANDONATO IN PIAZZA

L’abbandono di animali esotici nel mirino del Nucleo CITES Carabinieri di Bari. Questa volta i militari, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio regionale, hanno rinvenuto, in una delle piazze principali di Monte S.Angelo (FG), un esemplare esotico di Pappagallo Cenerino (Psittacus erithacus), valore commerciale oltre 1000 euro, protetto e regolato da normative internazionali, comunitarie e nazionali.
L’esemplare, da gennaio 2017 è normativamente più protetto, pertanto entro i primi mesi dell’anno bisognava comunicarne il possesso al CITES Carabinieri di Bari competente per la Regione Puglia; pena di tale omissione un verbale di oltre tremila euro. Questo è sicuramente uno dei motivi che ha portato l’improvvisato allevatore senza scrupoli, disinformato e senza il benché minimo amore per gli animali, ad abbandonare il pappagallo.
Capita spesso che il ritrovamento di tali esemplari sia inoltre dovuto all’abbandono da parte di cittadini o allevatori della zona che non riuscendo più a gestire in casa tali esemplari o non essendo in possesso della documentazione necessaria alla detenzione, li liberano senza conoscere le problematiche che ne conseguono, ignorando soprattutto che “l’abbandono” è punito dal codice penale.
I militari del CITES hanno pertanto provveduto al sequestro dell’esemplare rinvenuto che sarà affidato ad un centro autorizzato alla detenzione degli stessi.
Intanto gli investigatori continuano le indagini per risalire al proprietario dell’ esemplare abbandonato.

 
 
 

Concorso “Fuori Classe”: piccoli Manfredoniani presenti alla finale nazionale

Post n°20113 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

 

Concorso “Fuori Classe”: piccoli Manfredoniani presenti alla finale nazionale

Hanno ballato anche come ospiti nella serata con la star de “El Tipitipitero” Cecilia Gayle

 

Di:

Manfredonia. Raffaele Lombardi ed Erika Paglione saranno presenti alla finale nazionale del concorso “Fuori classe”.

Si tratta di una giovanissima coppia di bambini di soli 10 anni. La loro passione per i balli latino americani li ha portati in questo percorso cominciato per caso da un semplice provino e arrivato alla finale che si terrà il giorno 3 Novembre a Latina.

Varie sono state le fasi da superare: il 24 Aprile la prima tappa svolta allo scalo dei saraceni li ha visti passare alla fase regionale svoltasi, poi, il 20 Maggio a Manfredonia presso “Il cielo in una stanza”. La serata, oltre a portarli direttamente in semifinale li ha visti anche essere premiati con il titolo “Fuori classe della serata”.

Hanno ballato anche come ospiti nella serata con la star de “El Tipitipitero” Cecilia Gayle.

La semifinale che si è svolta a Tortoreto lido li ha visti esibirsi dinanzi a giudici di fama nazionale come Luca Pitteri, Fabrizio Palma, Grazia Di Michele, Gabriella Scalise ed i fratelli Chevares che hanno deciso di farli arrivare in finalissima passando così negli ultimi 18 ammessi alla finale per un concorso partito da ben 3000 iscritti.

Complimenti ai piccoli Lele ed Erika entrati nel mondo del ballo da soli 2 anni e mezzo ed arrivati in alto grazie alla loro preparazione fatta dai maestri Paolo Racioppa e Marilena Guerra della scuola di ballo Numero uno Manfredonia ma, soprattutto grazie alla loro grinta e determinazione.

Un grande in bocca al lupo per voi da tutta la città!!

(NOTA STAMPA)

 
 
 

VIDEO | Primi 1000 euro per #Faragolasiamonoi, Volpe ottimista: "Ma c'è tanto da fare"

Post n°20112 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

VIDEO | Primi 1000 euro per #Faragolasiamonoi, Volpe ottimista: "Ma c'è tanto da fare"FoggiaToday.it | Oggi alle 19:04A Faragola, però, la generosità sola non basta: "Siamo di fronte ad una tragedia: mi auguro possa partire presto......

 

 
 
 

“Lampi e tuoni” su Monte Sant’Angelo (ph Michele Vitulano)

Post n°20111 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

 

“Lampi e tuoni” su Monte Sant’Angelo (ph Michele Vitulano)

 

Di:

“Lampi e tuoni” su Monte Sant’Angelo (ph Michele Vitulano, che si ringrazia)
Manfredonia, 19 settembre 2017




 
 
 

Tutto pronto per la settima edizione della "Viesteincorsa", gara podistica di km.10,

Post n°20110 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

Tutto pronto per la settima edizione della "Viesteincorsa", gara podistica di km.10, organizzata dalla Vieste Runners con il patrocinio del Comune di Vieste e della Fidal Foggia.

La partenza della gara sarà data alle ore 9.30 di domenica prossima 24 settembre da Viale Marinai D'Italia, e dopo un breve giro cittadino, seguirà il percorso classico tanto apprezzato dalle centinaia di podisti provenienti da tutta la Puglia e dalle regioni limitrofe.

Dopo aver percorso parte del L.re Mattei, i podisti attraverseranno gli uliveti nei dintorni di Vieste in Loc.Macchia di Mauro, per poi tornare a vedere il mare tornando in direzione di Vieste sul L.re Mattei, e dopo l'impegnativa salita

all'ingresso della nostra cittadina, imboccando Via Madonna della Libera, gli atleti saranno attesi al traguardo di Viale Marinai d'Italia, dopo la volata in discesa di Corso Fazzini.

In contemporanea alla gara agonistica riservata ai tesserati Fidal, Enti di Promozione Sportiva e Runcard, si svolgerà

sulla stessa distanza dei 10 km. una corsa NON COMPETITIVA aperta a tutti. Possono iscriversi tutti quelli che si vogliono cimentare nella corsa senza l'assillo della competizione e dell'agonismo, basta avere ai piedi un paio di scarpe da running e tanta passione per lo sport. Le iscrizioni si possono effettuare contattando il presidente della Vieste Runners Silvio Masanotti, come indicato sulle locandine e manifesti affissi in vari esercizi commerciali di Vieste e negli spazi comunali. Le iscrizioni alla NON COMPETITIVA si potranno effettuare anche la mattina della gara fino alle ore 9,00 presso un gazebo allestito vicino all'ingresso del Cinema Adriatico. Il presidente e gli associati della Vieste Runners invitano tutti a partecipare, per condividere una giornata di sport e divertimento.

 
 
 

Manfredonia/ GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2017 - sabato 23 - domenica 24 settembre -

Post n°20109 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

Manfredonia/ GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2017 - sabato 23 - domenica 24 settembre -

Sabato 23 e domenica 24 settembre 2017, al Castello svevo angioino di Manfredonia e al Parco
Archeologico Santa Maria Maggiore di Siponto sono in programma le Giornate Europee del
Patrimonio 2017 con il progetto "Cultura e Natura. Un binomio da conoscere, curare e difendere”.
Incontri e dibattiti con la cittadinanza e con la comunità scolastica, avranno lo scopo di
sensibilizzare al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio artistico e paesaggistico della città.

Sabato mattina, a partire dalle ore 9:00, appuntamento presso la sala “Torre Annunziata” del
Castello dove i relatori Nunzio Tomaiuoli, già Soprintendente della Puglia, Antonello D’Ardes,
storico locale e Claudio Grenzi, docente di Design all’Accademia di Belle Arti di Foggia,
approfondiranno la genesi e lo sviluppo architettonico del Castello in rapporto con il mare. Con la
stessa chiave di lettura analizzeranno le opere di arte antica e contemporanea del Parco
Archeologico. Interverranno Alfredo de Biase, Direttore del Museo Nazionale Archeologico di
Manfredonia e del Parco Archeologico di Siponto, Angelo Riccardi, Sindaco di Manfredonia,
Gaetano Centra, Presidente dell’Ordine degli architetti PPC Foggia e Innocenza Starace,
Assessore all’ambiente del Comune di Manfredonia.

Domenica, dalle ore 9:00 alle ore 12:00, dopo una prima fase di sensibilizzazione, associazioni
e volontari si adopereranno per la pulizia del fossato del Castello svevo angioino di Manfredonia
e del Parco Archeologico di Siponto. Inoltre, alle ore 09:00 è prevista la celebrazione della Santa
Messa presso la Piazza d'Armi del Castello di Manfredonia.
Sia sabato 23 sia domenica 24 settembre saranno in programma visite guidate gratuite dalle 15:00
alle 18:00 nel Parco Archeologico.

Le Giornate Europee del Patrimonio 2017 sono promosse dal Ministero dei Beni e delle Attività
culturali e del Turismo e, al Castello di Manfredonia e al Parco Archeologico di Siponto, sono
organizzate in collaborazione con l’Agenzia del Turismo e con il Comune di Manfredonia. Sarà
possibile seguire le Giornate Europee del Patrimonio 2017 anche sui social con gli hashtag
#GEP2017, #culturaenatura, #culturaèpartecipazione o sul sito internet beniculturali.it

Orari di apertura
Castello svevo angioino di Manfredonia Parco Archeologico di Siponto

23 settembre dalle ore 9:00 alle ore 23:00 23 settembre dalle ore 12:30 alle ore 24:30

24 settembre dalle ore 9:00 alle ore 13:00 24 settembre dalle ore 8:30 alle ore 21:30
Museo Archeologico Nazionale di Manfredonia, Corso Manfredi, Manfredonia

Parco Archeologico Santa Maria Maggiore di Siponto, Viale G. di Vittorio, Manfredonia
tel. 0884 587838

Pagina Facebook: Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia e Parco Archeologico di Siponto

 
 
 

Il Comitato per il mantenimento e potenziamento del Pronto Soccorso di Vieste

Post n°20108 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

Il Comitato per il mantenimento e potenziamento del Pronto Soccorso di Vieste esprime il proprio cordoglio per l'improvvisa dipartita del Dott. Andrea Medina.

Abbiamo appreso con meraviglia, stupore e grande tristezza dell'improvvisa scomparsa del Dott. Andrea Medina. Componente del Comitato per il Pronto Soccorso sin dalla sua fondazione si è sempre distinto come un valido professionista, schietto ed attento alle problematiche sanitarie della città di Vieste. Non ha fatto mai mancare il proprio sostegno ed impegno civile per il mantenimento del Pronto Soccorso cittadino in tutti gli incontri e nella sottoscrizione pubblica. La foto allegata, relativa all'incontro dell'11 aprile scorso in Comune a Vieste, mostra l'impegno e la sua grande dedizione. In quell'occasione fu lo stesso Dott. Vito Piazzolla, Direttore Generale della Asl di Foggia, ad elogiare le qualità professionali ed apprezzare l'impegno profuso dal Dott. Andrea Medina. Una grossa perdita per il nostro gruppo e per l'intera comunità viestana.

Ciao Andrea, ovunque tu sia sappiamo ci sarai sempre vicino.

Grazie Dottore!!!

Il Presidente del Comitato
Avv. Vincenzo Disanti

 
 
 

“ZERO CANI IN CANILE”: LA LOTTA AL RANDAGISMO SENZA CANILI NATA A VIESTE CONVINCE I SINDACI E PARTE NEL BRINDISINO

Post n°20107 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

“ZERO CANI IN CANILE”: LA LOTTA AL RANDAGISMO SENZA CANILI NATA A VIESTE CONVINCE I SINDACI E PARTE NEL BRINDISINO

Sarà presentato il 24 settembre a San Michele Salentino alle 10,00 presso la Pinacoteca S Cavallo il progetto Zero Cani in canile, nato a Vieste e attuato in quasi tutta la provincia di Foggia dal Coordinamento Provinciale di Protezione Animali FG. I canili non sono la soluzione al randagismo e la spesa di 27 milioni di euro che la Puglia sostiene ne è la conferma. Pensare oggi di costruire altri canili è una follia che pagherebbero i contribuenti senza risoluzione del problema. Il progetto a Vieste (FG) ha fatto passare le spese comunali per il randagismo da 140.000,00 euro all’anno a 14 mila ed entro l’anno a 10 mila; ha portato anche un grande beneficio economico alla città stessa, grazie allo sviluppo del turismo Animal Friendly che oggi vede negozi, ristoranti, alberghi e lidi aperti a turisti con animali. L’OIPA Brindisi con il supporto del Coordinamento Provinciale di Protezione Animali di Brindisi, a cui aderiscono associazioni nazionali e locali, ha deciso con la collaborazione del Coordinamento provinciale di Protezione animali Foggia di far partire il progetto anche nel brindisino visti gli elevati costi di gestione che i canili comportano. Il Comune pilota sarà S. Michele Salentino dove il Sindaco Giovanni Allegrini è stato tra i primi a credere nella possibilità della sua applicazione nel proprio comune ed ha voluto all’evento la presenza del Presidente Emiliano, del Sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti, dell’esperta di marketing territoriale che lo ha ideato la dott. Francesca Toto, Nicoletta Pagano Presidente provinciale dell’associazione Lega Nazionale per la Difesa del Cane che lo sta applicando a Vieste e Mariella Nobiletti Presidente del Consorzio Garganomare. Questo proprio per illustrare i risultati ottenuti e le potenzialità del progetto. All’evento interverranno anche il Presidente Nazionale OIPA Massimo Comparotto, Sara Leone della LAV, Ivonne Falcone del Coordinamento provinciale Brindisi, Francesco Caizzi Presidente regionale di Federalberghi Puglia e Bari BAT, Pierangelo Argentieri Federalberghi Brindisi e altri rappresentanti provinciali. Moderatore Vito Francioso Delegato OIPA Brindisi. Entrambi i Sindaci di Vieste e S Michele Salentino sono da poco stati eletti consiglieri ANci in regione. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

 
 
 

Vieste/ Il Comitato di Santa Maria di Merino piange un amico

Post n°20106 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

Vieste/ Il Comitato di Santa Maria di Merino piange un amico

Nella quiete pomeridiana di oggi 19 settembre, un fulmine a ciel sereno ha squarciato la nostra sensibilità e la nostra stima nei riguardi del Dottor Andrea Medina, figlio del nostro Presidente onorario Michelangelo. Andrea, stimato medico che tutti conoscevamo ed apprezzavamo per la sua disponibilità e simpatia, ci ha lasciato improvvisamente quasi come fosse uno scherzo che egli era abituato a fare verso suoi amici. Ma a noi che, increduli, abbiamo appreso la notizia che è volata in un battibaleno, ora mancano le parole. Davanti alla percezione dell’indeterminatezza della morte non riusciamo a pronunciare frasi per poterci chiedere perché è successo questo proprio a lui che amava la vita e che permetteva agli altri, grazie alla sua professione, di trovare un rimedio ai mali e malattie che ci affliggono quotidianamente. Di fronte alla morte, di fronte alla tua morte, le parole più vere possono essere dettate solo con il silenzio. Ciao Andrea, ti ricorderemo sempre per le tue continue cariche ironiche, mentre vogliamo abbracciare il tuo anziano papà e la tua amata moglie Angela. La nostra amicizia e le tue risate non subiranno nessuna incrinatura perchè, ne siamo certi, ora sarai più allegro di prima e certamente la tua mamma Maria ti ha già accolto con le note musicali che, come professoressa di musica, ha insegnato a tutti noi.

 
 
 

“Monte Sant’Angelo – la festa”: Ruggieri, Servillo e Renzo Rubino

Post n°20105 pubblicato il 20 Settembre 2017 da forddisseche

 

“Monte Sant’Angelo – la festa”: Ruggieri, Servillo e Renzo RubinoIl programma musicale si aprirà e si concluderà, il 27 settembre e il 1 ottobre 2017

Di:

A fine settembre, puntuale come ogni anno dopo l’estate, ritorna la sentitissima Festa Patronale di Monte Sant’Angelo in onore di San Michele Arcangelo, patrono della città, simile a “chi è come Dio”, principe degli angeli, del bene e protettore del popolo eletto. Al centro come sempre le celebrazioni religiose, con il momento più atteso: la Processione della Sacra Spada di venerdì 29 settembre, affiancate da un ricco ed eterogeneo programma di eventi messo a punto dal Comitato Festa Patronale 2017 guidato da Felice Piemontese.

La festa, che si svilupperà per le vie del centro storico di Monte Sant’Angelo dal 27 settembre al 1 ottobre 2017, sarà dedicata alla musica, alle piazze della musica e ai concerti, ben cinque. Ospite attesissimo del programma sarà Enrico Ruggeri, leggenda della musica italiana, uno chansonnier nato dal punk e battezzato a Sanremo dall’irriverente pop di “Contessa” e in breve autore di tante storiche pagine della nostra canzone, per sé e per gli altri.

A Monte Sant’Angelo Ruggeri arriverà con il suo nuovo tour “Dai Decibel ad oggi: 40 anni di successi”, il momento celebrativo che segna la réunion dei Decibel (la formazione storica nata nel 1977 da Ruggieri, Capeccia e Muzio) con Fulvio Muzio e Silvio Capeccia. Da “Contessa” a “Mistero”, poi “Polvere”, il “Il mare d’inverno”, “Quello che le donne non dicono”, “Peater Pan”, “Non finirà”, passando per i successi più recenti come “Il primo amore non si scorda mai”, Enrico Ruggeri delineerà un viaggio musicale nei ricordi e nelle sonorità di quasi in quasi quarantacinque anni di storia della musica italiana.

La musica, però, avrà altre suggestioni e dinamiche. Giovedì 28 a partire dalle ore 21.30, nello splendido scenario di Piazza de Galganis, dopo un momento dedicato al gruppo “Music Therapy” del Centro Sociale per Anziani “San Michele Arcangelo”, spazio al jazz e alla leggerezza di “Casarano incontra Servillo”, un incontro musicale fra il sassofonista Raffaele Casarano, il pianista William Greco e l’estro di Peppe Servillo, già raffinato interprete e voce degli Avion Travel. Un percorso musicale che, accanto ad alcune canzoni di grandi cantautori italiani e brani composti dai due musicisti salentini, omaggerà con reinterpretazioni in chiave originale e arrangiamenti creati per l’occasione l’inquieta anima di Luigi Tenco, voce e volto migliore di quella prolifica “scuola genovese” musicale.

Dal jazz al pop, passando per il cantautorato, venerdì 29 alle 22.30 in Piazza de Galganis appuntamento con “Il gelato dopo il mare”, il nuovo tour di Renzo Rubino, l’estravagante cantautore pugliese, poliedrico performer a metà fra musica e teatro, a Sanremo premio della critica “Mia Martini” nel 2013 con “Amami Uomo” e nel 2014 terzo classificato con “Ora”.

Il programma musicale si aprirà e si concluderà, il 27 settembre e il 1 ottobre 2017, con un viaggio nelle tradizioni musicali popolari pugliesi, dal Gargano al Salento, da Monte Sant’Angelo a Melpignano. Il 27 settembre in Piazza Beneficenza alle ore 21.00 la Puglia balla al ritmo delle tradizioni e delle tarantelle garganiche con il concerto della Grande Orchestra Popolare “OPM & Capitanata”. Il 1 ottobre, invece, il viaggio si concluderà in Piazza Duca d’Aosta alle ore 21.00 con la pizzica salentina e il grande Concerto dell’Orchestra della “Notte della Taranta”, la formazione che anima da vent’anni il concertone di Melpignano, il festival da 200mila persone più significativo della cultura popolare in Europa. Ad arricchire la serata la partecipazione straordinaria di Enzo Avitabile, l’uomo del pop, del ritmo afro-americano, di Napoli, della musica antica, della zeza e del canto sacro. Si chiude quindi con il djset che vedrà in consolle i dj ARM e Remo Amatore insieme allo special guest Marco Guacci, speaker di Radionorba.

Oltre ai principali appuntamenti musicali non mancheranno eventi dedicati ai più piccoli, allo sport, agli spettacoli pirotecnici ed alla solidarietà grazie anche alla collaborazione con il Coordinamento Provinciale e la Delegazione Comunale di Telethon.

Mi emoziona leggere questo ricco programma di eventi. È la mia prima festa patronale da Sindaco di Monte Sant’Angelo, sento forte la responsabilità di donare ai miei concittadini una festa alla loro altezza, una festa degna dell’Arcangelo che protegge questa montagna che Egli stesso ha scelto. 5 giorni intensi, dichiara il Sindaco di Monte Sant’Angelo Pierpaolo d’Arienzo, durante i quali ci auguriamo di poter accogliere i tanti turisti e pellegrini devoti al nostro Santo Patrono, offrendo loro un rifugio spirituale ma allo stesso tempo una festa gioiosa. Permettetemi di ringraziare il comitato Festa Patronale e il suo Presidente Felice Piemontese che instancabili hanno lavorato per costruire questo bellissimo programma. Un ringraziamento doveroso a tutti i cittadini e a tutte le aziende che con enorme generosità hanno contribuito, ognuno in base alla proprie possibilità, a rendere tutto questo possibile. Sono profondamente orgoglioso di poter annunciare inoltre che quest’anno saremo finalmente in grado di offrire ospitalità ai tanti ambulanti presenti alla festa grazie alla collaborazione con la Caritas.”

In un tempo di rumori e frastuoni, gli eventi civili della festa dedicata a San Michele Arcangelo, quest’anno, saranno incentrati sulla musica”, commenta Felice Piemontese, Presidente del Comitato Festa Patronale. “Nei ricordi di tutti noi, oltre ai mistici momenti religiosi, la festa patronale fa rima con la musica, qualunque essa sia. Così, in accordo con l’amministrazione comunale, e con il fondamentale apporto del Teatro Pubblico Pugliese, abbiamo messo su un programma eterogeneo – basato principalmente sulla musica – che offrisse a tutta la popolazione uno spunto globale su molteplici sonorità in un richiamo di suoni ed echi, dal jazz al rock, passando per il cantautorato teatrale e la musica popolare”.

Ufficio Stampa & Comunicazione 2017

 
 
 

Manfredonia. San Salvatore, nuovo parrocco è don Vincent Sasì

Post n°20104 pubblicato il 19 Settembre 2017 da forddisseche

 

Manfredonia. San Salvatore, nuovo parrocco è don Vincent Sasì

Foto di Nicola Muscatiello

 

Di:

Manfredonia. COME reso noto con lettera del 15 giugno 2017 di S. E. Mons. Michele CASTORO – nell’ambito delle Nomine e incarichi nell’Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, in vigore dal 1° settembre 2017 -, Don VINCENT SASÌ KUMAR, della Famiglia Religiosa “I Discepoli”, è il nuovo Amministratore parrocchiale della Parrocchia “SS. Salvatore” nella frazione Montagna di Manfredo­nia.

FOTO NICOLA MUSCATIELLO, CHE SI RINGRAZIA

 
 
 

Monte Sant’Angelo – la festa”: attesi Enrico Ruggieri, La Notte della Taranta & Enzo Avitabile, Peppe Servillo e Renzo Rubino.

Post n°20103 pubblicato il 19 Settembre 2017 da forddisseche

Monte Sant’Angelo – la festa”: attesi Enrico Ruggieri, La Notte della Taranta & Enzo Avitabile, Peppe Servillo e Renzo Rubino.

A fine settembre, puntuale come ogni anno dopo l’estate, ritorna la
sentitissima Festa Patronale di Monte Sant’Angelo in onore di San Michele
Arcangelo, patrono della città, simile a “chi è come Dio”, principe degli
angeli, del bene e protettore del popolo eletto. Al centro come sempre le
celebrazioni religiose, con il momento più atteso: la Processione della
Sacra Spada di venerdì 29 settembre, affiancate da un ricco ed eterogeneo
programma di eventi messo a punto dal Comitato Festa Patronale 2017 guidato
da Felice Piemontese.

La festa, che si svilupperà per le vie del centro storico di Monte
Sant’Angelo dal 27 settembre al 1 ottobre 2017, sarà dedicata alla musica,
alle piazze della musica e ai concerti, ben cinque. Ospite attesissimo del
programma sarà Enrico Ruggeri, leggenda della musica italiana, uno
chansonnier nato dal punk e battezzato a Sanremo dall’irriverente pop di
“Contessa” e in breve autore di tante storiche pagine della nostra canzone,
per sé e per gli altri.

A Monte Sant’Angelo Ruggeri arriverà con il suo nuovo tour “Dai Decibel ad
oggi: 40 anni di successi”, il momento celebrativo che segna la réunion
dei Decibel (la formazione storica nata nel 1977 da Ruggieri, Capeccia e
Muzio) con *Fulvio Muzio e Silvio Capeccia*. Da “Contessa” a “Mistero”,
poi “Polvere”, il “Il mare d’inverno”, “Quello che le donne non dicono”,
“Peater Pan”, “Non finirà”, passando per i successi più recenti come “Il
primo amore non si scorda mai”, Enrico Ruggeri delineerà un viaggio
musicale nei ricordi e nelle sonorità di quasi in quasi quarantacinque anni
di storia della musica italiana.

La musica, però, avrà altre suggestioni e dinamiche. Giovedì 28 a partire
dalle ore 21.30, nello splendido scenario di Piazza de Galganis, dopo un
momento dedicato al gruppo *“Music Therapy” del Centro Sociale per Anziani
“San Michele Arcangelo”, spazio al jazz e alla leggerezza di “*Casarano
incontra Servillo”, un incontro musicale fra il sassofonista Raffaele
Casarano, il pianista *William Greco e l’estro di Peppe Servillo*, già
raffinato interprete e voce degli *Avion Travel. Un percorso musicale che,
accanto ad alcune canzoni di grandi cantautori italiani e brani composti
dai due musicisti salentini, omaggerà con reinterpretazioni in chiave
originale e arrangiamenti creati per l’occasione l’inquieta anima di Luigi
Tenco, voce e volto migliore di quella prolifica “scuola genovese”
musicale.

Dal jazz al pop, passando per il cantautorato, venerdì 29 alle 22.30 in
Piazza de Galganis appuntamento con “*Il gelato dopo il mare”, il nuovo
tour di Renzo Rubino, l’estravagante cantautore pugliese, poliedrico
performer a metà fra musica e teatro, a Sanremo premio della critica “Mia
Martini” nel 2013 con “Amami Uomo” e nel 2014 terzo classificato con “Ora”.

Il programma musicale si aprirà e si concluderà, il 27 settembre e il 1
ottobre 2017, con un viaggio nelle tradizioni musicali popolari pugliesi,
dal Gargano al Salento, da Monte Sant’Angelo a Melpignano. Il 27 settembre
in Piazza Beneficenza alle ore 21.00 la Puglia balla al ritmo delle
tradizioni e delle tarantelle garganiche con il concerto della *Grande
Orchestra Popolare “OPM & Capitanata*”. Il 1 ottobre, invece, il viaggio si
concluderà in Piazza Duca d’Aosta alle ore 21.00 con la pizzica salentina e
il grande *Concerto dell’Orchestra della “Notte della Taranta”, la
formazione che anima da vent’anni il concertone di Melpignano, il festival
da 200mila persone più significativo della cultura popolare in Europa. Ad
arricchire la serata la partecipazione straordinaria di Enzo Avitabile*,
l’uomo del pop, del ritmo afro-americano, di Napoli, della musica antica,
della zeza e del canto sacro. Si chiude quindi con il djset che vedrà in
consolle i dj ARM e Remo Amatore insieme allo special guest *Marco Guacci*,
speaker di Radionorba.

Oltre ai principali appuntamenti musicali non mancheranno eventi dedicati
ai più piccoli, allo sport, agli spettacoli pirotecnici ed alla solidarietà
grazie anche alla collaborazione con il Coordinamento Provinciale e la
Delegazione Comunale di Telethon.

“Mi emoziona leggere questo ricco programma di eventi. È la mia prima
festa patronale da Sindaco di Monte Sant’Angelo, sento forte la
responsabilità di donare ai miei concittadini una festa alla loro altezza,
una festa degna dell’Arcangelo che protegge questa montagna che Egli stesso
ha scelto. 5 giorni intensi, *dichiara il Sindaco di Monte Sant’Angelo
Pierpaolo
d’Arienzo, durante i quali ci auguriamo di poter accogliere i tanti
turisti e pellegrini devoti al nostro Santo Patrono, offrendo loro un
rifugio spirituale ma allo stesso tempo una festa gioiosa. Permettetemi di
ringraziare il comitato Festa Patronale e il suo Presidente Felice
Piemontese che instancabili hanno lavorato per costruire questo bellissimo
programma. Un ringraziamento doveroso a tutti i cittadini e a tutte le
aziende che con enorme generosità hanno contribuito, ognuno in base alla
proprie possibilità, a rendere tutto questo possibile. Sono profondamente
orgoglioso di poter annunciare inoltre che quest’anno saremo finalmente in
grado di offrire ospitalità ai tanti ambulanti presenti alla festa grazie
alla collaborazione con la Caritas.”

In un tempo di rumori e frastuoni, gli eventi civili della festa dedicata
a San Michele Arcangelo, quest’anno, saranno incentrati sulla musica,
commenta
Felice Piemontese, Presidente del Comitato Festa Patronale. “Nei ricordi
di tutti noi, oltre ai mistici momenti religiosi, la festa patronale fa
rima con la musica, qualunque essa sia. Così, in accordo con
l’amministrazione comunale, e con il fondamentale apporto del Teatro
Pubblico Pugliese, abbiamo messo su un programma eterogeneo - basato
principalmente sulla musica - che offrisse a tutta la popolazione uno
spunto globale su molteplici sonorità in un richiamo di suoni ed echi, dal
jazz al rock, passando per il cantautorato teatrale e la musica popolare”.

 
 
 

Da Monte Sant’Angelo a Loreto.. in bici Il pellegrinaggio attraverserà la Puglia, il Molise, l’Abruzzo e le Marche

Post n°20102 pubblicato il 19 Settembre 2017 da forddisseche

 

Da Monte Sant’Angelo a Loreto.. in biciIl pellegrinaggio attraverserà la Puglia, il Molise, l’Abruzzo e le Marche

Di:

Monte Sant’Angelo. L’ASD Team Bici Tarantati di Monte S. Angelo organizza per sabato 23 e Domenica 24 settembre 2017 il primo pellegrinaggio in bici MONTE S. ANGELO – LORETO(SAN MICHELE ARCANGELO-MADONNA DI LORETO), 340 KM di percorso suddiviso in 2 tappe in memoria di tutti i ciclisti vittime della strada.

La partenza avverrà sabato dal santuario di San Michele Arcangelo, gli atleti parteciperanno alla Santa Messa alle ore 8, poi alle 8.45 ci sarà la benedizione nell’atrio della Basilica e la partenza sarà alle ore 9,00.

L’arrivo a Lanciano è previsto per le ore 18.00 circa.

Domenica partenza da Lanciano alle ore 7.30 ed arrivo a Loreto alle ore 12.00 circa con messa e benedizione presso la Basilica della Madonna di Loreto.

Il percorso prevede: (prima tappa) Monte S. Angelo, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Poggio Imperiale, Termoli, Vasto e Lanciano. (seconda tappa) Lanciano, Pescara, Pineto, San Benedetto del tronto, Porto San Giorgio, Civitanova Marche, Loreto.

Gli atleti Partecipanti sono:
MATTEO ORRINI –Ass. “I Tarantati”(Monte S. Angelo)
FRANCO ROMONDIA (Vico del Gargano)
MATTEO DI COSMO (Carpino)
GIUSEPPE MANTUANO (Monte S. Angelo)
TOMMASO LA TORRE (Monte S. Angelo)
LEONARDO DEL VISCIO (Vico del Gargano)

Il pellegrinaggio attraverserà la Puglia, il Molise, l’Abruzzo e le Marche.

 
 
 

“Che fine hanno fatto i rimboschimenti sul Gargano?”

Post n°20101 pubblicato il 19 Settembre 2017 da forddisseche

 

“Che fine hanno fatto i rimboschimenti sul Gargano?”

"Non si registrano interventi significativi per il ripristino di quanto è andato in fumo"

 

Di:

Foggia. “Un territorio che contiene circa il 70% dei boschi della Puglia, il maggior ‘polmone’ della nostra Regione. Si tratta del Gargano, costantemente scosso da incendi di portata rilevantissima ed è per questo che ho depositato un’interrogazione consiliare finalizzata a conoscere cosa si stia facendo per il rimboschimento. In particolare, chiedo alla Giunta regionale un quadro preciso dei finanziamenti statali e regionali, passati e odierni, destinati al ripristino ambientale della straordinaria risorsa naturalistica”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

“A dieci anni dal tragico incendio –prosegue- che il 24 luglio 2007 distrusse il Gargano, e dopo tutti gli incendi che annualmente si sono susseguiti fino agli ultimi di qualche settimana fa (vedi Mattinata, Vieste, Peschici, Vico del Gargano, Manfredonia, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Cagnano Varano, etc..), il patrimonio boschivo e di macchia mediterranea del promontorio, che rientra nell’area protetta del Parco Nazionale del Gargano, ha subito un gravissimo depauperamento, con ingenti danni paesaggistici, ambientali ed economici.

Tuttavia, non si registrano interventi significativi per il ripristino di quanto è andato in fumo -è giusto il caso di dirlo- negli ultimi anni. Così come non si ha precisa contezza neppure dello stato delle strutture danneggiate dagli incendi, se siano state ricostruite e quali di essere abbiano beneficiato di fondi pubblici. Mi auguro –conclude Gatta- che la mia interrogazione rappresenti uno sprono per la Giunta regionale, che ha preso probabilmente sotto gamba la questione, affinché si programmino degli interventi per restituire alla comunità pugliese un patrimonio ambientale di assoluto pregio come questo”.

 
 
 
Successivi »