Un blog creato da Club_Forza_Bologna il 15/09/2006

CLUB FORZA BOLOGNA

I tifosi del BOLOGNA FC a Rimini

 
 
 
 
 
 

DOVE SIAMO

La sede del
CLUB FORZA BOLOGNA
di
RIMINI è presso:

BAR WILLY

Via Porto Palos 74

Lungomare di
VISERBELLA (RN)

Tel: 0541-720943


e-mail: bfc.rimini@libero.it

Siamo affiliati al
CENTRO BOLOGNA CLUBS

 
 
 
 
 
 
 

CHI SIAMO

Difficile essere tifosi del Bologna FC in Romagna, terra Bianconera per tradizione (tutti o quasi per Juve e Cesena). Tanto più difficile a Rimini, dove l'entusiasmo per i Biancorossi locali negli ultimi anni è enormemente cresciuto. Sono stati anni molto difficili quelli passati: le delusioni, le ruberie, i diritti non riconosciuti, la "giustizia ingiusta", ma anche nostre indiscutibili colpe, e vicende societarie per le quali ha sempre pagato la squadra ed il tifoso, dal crollo di Gazzoni alle promesse di Tacopina, fino alla fuga senza scrupoli di Cazzola. Momenti di grande sconforto ma anche di gioia incontenibile, nel ritrovare con la serie A il posto che ci compete. Ora ci aspettano altre soddisfazioni ed altri momenti difficili. Ma indipendentemente dagli eventi, l’amore per il Bologna va oltre i risultati, e oltre ogni motivazione razionale. Per questo, anche in una città dove i Rossoblu sono cosa rara, noi manteniamo viva la nostra passione. Il Club Forza Bologna è nato nel 1996 con l’intento di essere il punto di aggregazione di tutti i tifosi del BFC di Rimini e dintorni, perché in compagnia si tifa meglio e di più. E così, anche quest'anno, il Club è vivo e pulsante, proprio come la nostra fede, quella ROSSOBLU!

 
 
 
 
 
 
 

IL GUEST BOOK DEL NOSTRO CLUB

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

martina.florinipirambumasculino1m.borghi0bomber75gianna.bongiovanniangiulli.andreadanielone0robocockzigozago76gmcivitavecchiapuliciclone3paparello80f.fabbri76fedetave69
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
    Statistiche   web counter
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« VERGOGNA PORCEDDA!MENARINI, OPERAZIONE SALVATAGGIO »

PORCEDDA SENZA ONORE - di Guido De Carolis

Post n°305 pubblicato il 19 Novembre 2010 da Club_Forza_Bologna

Porcedda, senza onore
Bufera nel club, ultimo sfregio al Bologna 

fonte: Corriere di Bologna/ Corriere.it

«Bologna è una città provinciale», disse Sergio Porcedda.
Vero. Una di quelle province sanamente paciose e denuclearizzate, ma da ieri atomizzata e piena di scorie radioattive come dopo una catastrofe.
Il sogno dell’imprenditore (ma chissà se è ancora giusto chiamarlo così?) non ha retto neanche lo spazio di un quadrimestre. Salvo imprevedibili e miracolosi capovolgimenti.
Bocciata la sua gestione e quell’idea spericolata di guidare un’azienda, con migliaia di tifosi e simpatizzanti, senza averne (per quello fin qui visto) le capacità finanziarie e gestionali. Può già riparare verso Cagliari, ai suoi occhi città di più ampie vedute. La spocchia e i sorrisi si sono sciolti, resta il fumo con cui ha provato ad abbindolare il popolo rossoblù.
Per qualche mese c’è pure riuscito. Aiutato da chi ha fatto finta di non vedere, continuando a suonare l’orchestrina mentre il Titanic rossoblù s’era già schiantato contro un iceberg e colava a picco.
Oggi è unanime l’urlo «vattene», ma fino a 48 ore fa gli scettici venivano irrisi e additati come disfattisti. A ottobre, quando il presidente bucò il pagamento dell’Irpef, questo giornale titolò: «Un macigno sul futuro rossoblù».
La storia ha emesso la sua sentenza: resta solo un filo di speranza che non sia definitiva. Purtroppo paga il club e sconteremo tutti assieme. Colpisce, e spaventa allo stesso modo, vedere con quale facilità la Bologna d’oggi accetti e si sottometta come un vecchio cagnolino stanco e mansueto.
Porcedda è l’ultimo sfregio a una città che nell’immaginario collettivo di mezza Italia era sempre stata capitale del vivere bene e degli amministratori virtuosi. Non lo siamo più e l’abisso in cui è precipitato il club rossoblù fa seguito a quello della politica.
Il tutto sfocia in un’unica sintesi: decadimento. Cui va aggiunto il ridicolo — gravato dalle certe penalizzazioni per la squadra — di cui ci stanno coprendo in questi giorni. Abbiamo già perso una formazione di basket, ora il rischio è di vedere scomparire pure il calcio perché il fallimento è dietro l’angolo.
Infierire su Porcedda è giochino fin troppo semplice, ma pure sterile. Siamo all’ovvio chiedendogli di togliere le tende e di non ripresentarsi mai più. Il calcio è un gioco costoso, ma non solo.
Ha ricadute economiche, d’immagine (quasi tutte le più grandi città d’Italia hanno almeno un club in serie A), sociali e storiche. Porcedda ha provato a distruggerle in un sol colpo. In questi mesi abbiamo tentato di capire come il proprietario di un bagno in Sardegna potesse avere le carte in regola per gestire un club che ogni anno esprime un budget di circa 45 milioni.
Si sono spulciati conti, fatte visure camerali, si è battuta ogni strada nel tentativo disperato di incappare in un tesoro nascosto. Tutto per il bene della società, del nostro Bologna.
Alla fine però abbiamo trovato solo una grotta vuota. Possiamo definire quella del presidente rossoblù una vera follia, inspiegabile resta invece la strategia di Renzo Menarini.
La Riviera è disseminata di insegne «Bagno Lido», ne abbiamo uno pure a Casalecchio. Alla luce dei fatti sarebbe stato lo stesso per il Geometra chiedere a un omino qualunque di Cervia di rilevare il Bologna.
Il presente è una commedia dell’assurdo, il futuro un dramma. Si è incanalato nel tunnel più nero e a tutti pare con una sola uscita forzata: verso il fallimento.
Ora gli unici a poter far qualcosa sono i giocatori. Si sacrifichino per una maglia gloriosa dalla storia centenaria che non merita di essere infangata così.
Oggi l’unico simbolo rimasto a questa città è Marco Di Vaio.
Il capitano ha, per l’ennesima volta, un doppio grande onere: continuare a segnare e gestire la squadra.
Non spetta a lui è vero. È però l’unica speranza di non veder morire un sogno.

Guido De Carolis
19 novembre 2010

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/forzabologna/trackback.php?msg=9529503

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

IL CLUB FORZA BOLOGNA
DI RIMINI
E' SU
FACEBOOK

ISCRIVETEVI AL NOSTRO GRUPPO CLICCANDO SUL PULSANTE QUA SOTTO


 

 
 
 
 
 
 
 

DOWNLOAD ROSSOBLU

Volete ascoltare i piů famosi e quasi introvabili inni del Bologna, dagli anni sessanta ad oggi? Questi sono i link per scaricarli!

DINO SARTI . Bologna Campione
ACQUA CERELIA
MAGO & PASSERO - Alč Alč Forza Bologna
LA MARCIA DEL TIFOSO
A.MINGARDI, L.CARBONI, G.MORANDI - Le Tue Ali Bologna

I titoli indicati sono link a file comunemente disponibili in rete, quindi considerati di libera fruizione e pubblico dominio, e non sono ospitati dal presente blog. Nel caso ciň comportasse violazione di qualche diritto di copyright si prega di segnalarcelo per la immediata rimozione del link.

La suoneria con la voce di Civolani per telefonini compatibili mp3
SUONERIA CIV

La suoneria con il coro rossoblu per telefonini compatibili mp3
SUONERIA ROSSO-BLUUU

Hai un navigatore Tomtom?
Ecco il nuovissimo sfondo rossoblu per personalizzarlo
SPLASH SCREEN BFC PER TOMTOM

 
 
 
 
 
 
 

LE "CRONACHE" DI BONIZZATO

In questa sezione raccogliamo i contributi di Giuliano Bonizzato al nostro sito. Da sempre appassionato tifoso e socio del Club Forza Bologna, Bonizzato è avvocato, scrittore, collaboratore del quotidiano "La Voce" di Rimini. In questo box la copertina del suo penultimo libro, "Le Saraghine e l'Immortalità dell'Anima". Per visitare la sua pagina cliccate sull'immagine qui sotto.

Photobucket

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
 
 
 
 
 
 

DISCLAIMER

I diritti dei nomi BFC 1909, Bologna FC 1909, Bologna Football Club 1909, i copyright di marchi, loghi, immagini, foto, filmati, brani musicali, sono dei legittimi proprietari. Se fosse ravvisata qualche violazione di tali diritti nel loro utilizzo e nei contenuti di questo sito, si prega di comunicarlo per consentirci l'immediata rimozione.