Community
 
cavallo140
Sito
Foto
   
 
Creato da: cavallo140 il 15/08/2009
alla ricerca di cosa

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

alessandro.hubermatefolleMONFRYcavallo140nefertesblumannaroMarquisDeLaPhoenixfrankcontinelBunnyBannervaniloquioioeternamenteiohoulepainen2annare38Loriana94piero2010f
 

Ultimi commenti

 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« LE TAVOLATE DI SAN GIUSE...A PROPOSITO DI DIGNITA'.... »

AMARA VITA DELLE MINIERE DI ZOLFO IN SICILIA

Post n°146 pubblicato il 19 Marzo 2010 da cavallo140

LI SURFARARA  (i minatori)

Negli ultimi tempi, prima che le miniere fossero definitivamente chiuse, gli zolfatai andavano alla miniera in tre turni: il primo alle sei di mattina, il secondo alle due del pomeriggio e il terzo alle dieci di sera. Gli zolfatai giovani e da poco sposati si rodevano dalla gelosia al pensiero della moglie giovane e bella lasciata sola in casa per tutta la notte e nacque così la leggenda di "La sciorta di li curnuti". Ma qualche caso, anche se non molto spesso, capitava effettivamente, l’ultimo una trentina d’anni fa circa, e finiva sempre in sparatorie e omicidi.

 I  Carusi, secondo la legge, dovevano andare a lavorare nelle miniere di zolfo a dodici anni, ma chi proveniva da famiglie molto povere era costretto ad andarci prima.

 All'interno della miniera, nelle viscere della terra, i minatori scavavano incessantemente per tutto il giorno e a causa della temperatura elevata erano costretti a lavorare praticamente nudi, con soltanto un sottile panno a coprire le parti intime. In tempi remoti le miniere di zolfo furono anche il luogo dove si consumò il dramma dello sfruttamento minorile. A farne le spese furono i cosidetti carusi, bambini che ancora in tenera età venivano impiegati nei cantieri sotterranei e costretti a trasportare sulle loro tenere spalle pesantissime gerle riempite di minerale.
CHI ERANO I CARUSI
Nel sud Italia, più precisamente in Sicilia, c’erano i Carusi, bambini che lavoravano nelle miniere di zolfo e che a causa della fatica e degli stenti avevano il corpo deformato .Si chiamavano così perché facevano lo stesso lavoro degli asini,cioè portavano la roba pesante sulle spalle,alcuni di loro erano addetti ad aprire e chiudere le porte che separavano i settori della miniera.Lavoravano circa dodici ore al giorno e la notte non tornavano a casa ma dormivano nella miniera in un piccolo buco buio con poca aria. Quando uscivano, dopo diversi, giorni non riuscivano nemmeno a sopportare la luce.

Lavoravano in stanzoni con poca luce e sia per la scarsità di luce che per la stanchezza spesso succedeva che si rovinavano le mani.Avevano poco tempo per mangiare e certi non mangiavano affatto perché dovevano pulire le macchine. Quando tornavano a casa succedeva che i bambini più piccoli o più deboli si addormentavano per strada e i genitori dovevano andarli a cercare,altri riuscivano ad arrivare a casa anche se avevano le ossa rotte ma non potevano nemmeno mangiare per la stanchezza e si mettevano subito a dormire.

Quando gli altri ragazzi viziati
vanno a scuola senza studiare,
lui ricevendo calci e schiaffi
già lavorava dentro la solfara.

Buttato sotto terra poveretto
non ebbe dal sole la carezza
non conobbe la parola amore
e si è nutrito di pane e di amarezze.

Rimase come un brigante condannato
per tanto tempo in quella vita amara
fino a quando vecchio, stanco, già ammalato
i suoi padroni lo buttarono fuori.

Oggi seduto sullo scalino,
davanti ad una chiesa soffre ancora:
stende la mano e chiede l'elemosina!

 
Era faticosa la vita del contadino ma più dura e pericolosa la vita dello zolfataio. lì lunedì mattina andava a piedi in miniera (ed era più di un’ora di strada!) e ritornava il sabato pomeriggio; portava con sé il cibo della settimana: un paio di pani, qualche sarda salata, poche ulive e aglio e cipolla; appena fuori del paese si era levato le scarpe, se le era legate attorno al collo ed aveva fatto tutta la strada a piedi. In miniera gli incidenti di lavoro erano quotidiani e le disgrazie mortali frequentissime. Comprensibile quindi che il sabato pomeriggio lo zalfataio, appena rientrato in paese, cercasse i suoi amici e andasse a sbronzarsi in qualche bettola o in qualche casa privata.
 
Mentre si recavano in miniera, a piccoli gruppi, gli zolfatai del terzo turno, che era quello notturno, spesso cantavano stornelli; ma erano pochi gli stornelli d’amore, erano quasi sempre stornelli di scherno e di rabbia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog