Blog
Un blog creato da semplicementecomplic il 05/03/2007

Amare

...null'altro

 
 

PROGRAFIC

 

LUCIA PINTO BLOGSPOT

 

IMPRECISI SPUNTI

 

L. P.

  Amore non sprofonda mai

ed ha una ostinazione

che non uccide.

(L.P.)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

PHOTOGRAPHY

 

ULTIME VISITE AL BLOG

vita1999oreipbg72solosimpoeta.72harryhellerrossopositivo53bonifaciovincenziStra2005hamed6occhineriocchineriluigigr80stefania_chiricoclaudproiettimickyviola
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

ULTIMI COMMENTI

scusa se ti rispondo qui ma la casella è piena, mi fa molto...
Inviato da: il.fiore.di.carta
il 03/07/2012 alle 12:19
 
Grazie per l'attenzione Juliette...
Inviato da: semplicementecomplic
il 28/06/2012 alle 22:46
 
Immagine e poesia bellissime, mi trasportano al senso...
Inviato da: Lady_Juliette
il 28/06/2012 alle 12:45
 
ciao L.
Inviato da: ladymiss00
il 23/03/2012 alle 15:38
 
Sicura :)
Inviato da: ladymiss00
il 29/01/2012 alle 19:46
 
 
 

AREA PERSONALE

 

 

nella città di mare

Post n°257 pubblicato il 28 Marzo 2013 da semplicementecomplic

 

Quanto mi si arrossa sotto la pelle stanotte
il suo respiro puntato

Sembra sia andato
è qui
Ricordo franato
giusto nella mia pancia
Un bosco insolente che mi scala
fiore di muschio
ed io intorno
Sento l'odore alchemico del niente
Aperta nata
e tu seduto accanto
Tutto

*

lp

 
 
 

di mare un pò

Post n°256 pubblicato il 02 Febbraio 2013 da semplicementecomplic

*

 

 

 

*

 

Per sentire il respiro delle tue parole, attraverso tutte le stanze.
trascorro senza domandare, la nuda resistenza degli acciai
la rigida trasparenza delle organze
la pelle arrotata delle mura. la legnosa lingua delle stelle secche.
le scatole di latta coi biscotti.

 
 
 

e sono entrata

Post n°255 pubblicato il 24 Gennaio 2013 da semplicementecomplic
Foto di semplicementecomplic

 

 

L'ho sgusciato uncinando come un vivo a mille tra una folla d'automi.
L'ho fermato stretto come ancorarsi al cielo sopra il mare d'Atlantide.
L'ho riparato come un figlio dalla pioggia battente sfuriata dal vento
ed ho pensato che al mare, ci sarebbe stato il sole
ed ho pensato che al mare avrei potuto puntargli gli occhi e vederlo respirare.

Ho ingoiato più volte. l'urlo deflagrante della violazione. con le ciglia basse. ordinando un ritmo sano al cuore.

Ho guardato da fuori. a lungo bambina. come si sta davanti ad una porta socchiusa a decidere di entrare senza permesso.
...e io, non l'ho mai fatto...
Non sono l'amore, io.

Ho guardato da fuori. a lungo bambina. quasi col timore di scoprirvi un rimprovero dalla bocca larga più della mia testa.
poi, l'ho toccato. a lungo. sperando rabbonisse lì dentro, un qualche cattivo spirito che potesse cacciarmi via.

Mi sono chiesta se di tutto quello che vedevo intorno, muretti scritte pali sabbia uccelli, se, delle nuvole a taglio sulla festa d'azzurro, e se, della spuma ariosa ai piedi di quei due insieme a guardare lontano, vivesse, lì dentro, un qualche asteriscobimbo di desiderio.

Ho stretto un pò le spalle mordendomi le labbra. e sono entrata.

 

*

 
 
 

tu mi chiedi

Post n°254 pubblicato il 17 Gennaio 2013 da semplicementecomplic

 

*

 

*

 

Canta! - mi chiedi

E io gràndino gràndino gràndino e tutti i tuoi occhi e i tuoi nasi 

e le bocche, in piccoli soli d'oro martellati sullo scroscio dei fianchi

Satinate vertigini a taglio, di una passione che sapevo di carta
E si è infittito il cielo . anni luce di celeste annacquato, cangiare
giusto nella mia carne. che non sa. parlare. non sa. parlare...

 

*

 
 
 

Io credo

Post n°252 pubblicato il 28 Giugno 2012 da semplicementecomplic

immagini ©Lucia Pinto 2012

Sono altre le strade
in cui si parla di voi
Piegate al nerbo
non si vedono
Stellano sotto il sonno 
                     dei truci
Desiderose incedono
come bronzi animati
Proiettano sui palmi
gli occhi indiscreti
          della selva
Fogliano la terra
di sapore vermiglio
Felpano il bene ai matti
allo sfiorir dei savi

E chiamano
chiamano
chiamano
al fanciullesco stupore
delle bocche
fra i rami

 

 

 
 
 

io t'interrogherei (Fà come fosse Natale)

Post n°251 pubblicato il 27 Giugno 2012 da semplicementecomplic

immagine Lucia Pinto

[...]

Si

io t'interrogherei

coi polsi stretti t'interrogherei

Scandaglio delle ondulazioni

perturbazioni

oscillazioni

righe 

pieghe

piaghe


fino alla tinta incorrotta

del primo Natale

[...]



 

 
 
 

Giusto il tempo

Post n°250 pubblicato il 13 Giugno 2012 da semplicementecomplic

 


 immagine Lucia Pinto


Giusto il tempo
di lasciare che la tua lingua scavi
sopra la mia lingua d'encefalo
e lasciarti vedere
E poco importa
se dentro il sangue del ciliegio
o nel tritume del mio scoglio grezzo
Che mai io dico quello che ho veduto
ma sempre sono quello che m'ha fatto

E passa!
Che a premere ci occorre


Ma stasera
le stelle
stasera le stelle
s'alzano brade da questa terra

(2008)

 
 
 

per me Palermo

Post n°249 pubblicato il 03 Giugno 2012 da semplicementecomplic

 

Per me  Palermo
è questa stanza
dove atterrano gli aerei
sopra la strada sudata
E' quest'accento
da cinematografo
attorno alla spada
di un muto
rimasto senza cuore

 

Per me Palermo
è una notte da fiera
che mormora e mormora
sdraiata nel centro di un vicolo
dove ancora scorre
il sangue dei tonni
fino alle ruote
di una vespa del '70
e ai piedi di un signore ben vestito del '40

 

Per me Palermo è lucida
e porta le bretelle
e ha un occhio di riserva nel taschino
Lo tiene mezzo fuori da gardenia
lo tiene mezzo dentro...

 

Per me Palermo
è ancora un marestanza
è questo fronte strada rumoroso
del sole acceso in gabbia

 

 

all'accadere

 

 
 
 

mi dico amore

Post n°248 pubblicato il 31 Maggio 2012 da semplicementecomplic

*

immagine  ©Lucia Pinto 2012

fusione di dettagli Chiesa di San Domenico - Palermo

*

Non so pregare
non so elemosinare
ho poca dimestichezza con gli uomini e con Dio
Dèmoni in conto non ne ho messi mai
La brutta nera io
quando mi faccio male
quell'ombra che si allunga a dismisura
quando si scosta e non fa più paura
la guardo come a un bimbo abbandonato
come la pelle nuda di un neonato
posata a incuria sulla pietra viva
E mi riprendo come un clandestino
mi allungo i remi fino alla deriva
mi sforzo di comprendermi la lingua
mi dico il pane facendone l'odore
mi dico il fuoco scoprendone il calore
mi dico...amore...come a un sordomuto
e sgrano gli occhi come un budello vuoto
da rimpinzire di colori e vento
Mi dico...amore...
ne faccio quel gigante che mi starebbe bene sottopelle
stretto allargato musico ribelle
Mi dico...amore...

*

 
 
 

alle 5

Post n°247 pubblicato il 27 Aprile 2012 da semplicementecomplic

 


E' come un fiore al fiore.  e qualche volta un'ape.  e poi quello che fanno.

In ogni goccia il prima. in ogni goccia il poi.  bionda la vita in mezzo.

un filo da leccare.

 

trattenere.

 


 
 
 

acqua..soltanto acqua...

Post n°246 pubblicato il 12 Marzo 2012 da semplicementecomplic

 

...precipitando nel mio stesso cuore...più in fondo di quanto credessi possibile...

 
 
 

nel mio nome. nel tuo.

Post n°245 pubblicato il 23 Novembre 2011 da semplicementecomplic

*

*

Tu conosci il mio nome. il chiarore plastico dell'angolo acuto allo strappo d'ogni parvenza. Il marearia che consuma l'amaro del meditare al di là del bene e del male. In un lago di sospensione che arreca al dorso del cuore il peso d'ogni spillo del mondo. E da lì, indistinti, staccarsi alga che si cura al sale d'una cruna vastità. per il solo filo che soffi la gioia del passo.

Se solo un giorno attraversasti la formasfodelo che immaginai d'amare, sappi e lo sai, io non ti ho mai tradito.

*

*

 
 
 

app.3

Post n°243 pubblicato il 06 Giugno 2011 da semplicementecomplic

siamo allo sfioro dell'acqua. appena nati . gorgogliamo.
e non sappiamo, parlarci. impastati ancòra di lingue allogene. e i nostri corpi. nuovi. e tanto antichi portano il solco delle muraglie . baluardi che impediscono lupi e fate. e alberi.

 
 
 

app.2

Post n°242 pubblicato il 06 Giugno 2011 da semplicementecomplic

Risalire. il sogno verticale. dal più profondo della terra .
sono ancora ferma al bacino del dorso. come avrei potuto essere altrove, al contempo?
devo alla "mia terra" tutti gli occhi possibili.centellinare la forma e la vita .lo spazio e l'errore. traiettorie celesti. la musa e il genio. il segno e il pianto. la roccia e il quarzo. la cura. il mistero.la fede. Attraversare. il desiderio d'essere saputa.il desiderio d'essere desiderata. e sentire.inevitabile. fermarsi.

 
 
 

app.1

Post n°241 pubblicato il 06 Giugno 2011 da semplicementecomplic

conosco poche cose
ma i palmi confermano la curva. ora. risalgo lo scolo delle acque. faccio i calici e raccolgo lungo. in ogni punto.
tempo è il nome che gli uomini hanno dato allo spazio quando non hanno saputo amare.
il tronco risale nel balsamo di mandorle di seme dolce. endocarpo fragile. il respiro mi pare una foglia.lanceolata. abbandonata a sepali e petali. scompaio. nel levare. d'ogni tua flebile battuta.

farti l'amore.

[Penelopea...2011]

 
 
 

non so nuotare

Post n°240 pubblicato il 11 Maggio 2011 da semplicementecomplic

*

 

[...]Di questa destinata torsione a conoscere nel sangue ogni cosa e senza il soccorso della parola e senza il volere di una conforme aderenza .

perché le erronee demarcazioni degli uomini, per un pò, ancora mi occorrono.

Ora. che provengo dalla neve incandescente di quello che mi convinco a dire un soliloquio da quando fui accusata di sole e condannata a gamme sottocutanee.

Avrei detto benedetta. ma oggi non oso. oggi sto ferma. oggi mi metto muta sbattuta dentro le cose , fingendo di parlare per giustificarmi umana. per costringermi umana. sperimentando la terra e le sue mancanze. e le eccedenze, forse.

E tu vieni a farti travasare le viscere. ad urlarmi d'essere strattonato. per  convincerti d'essere la sorte che non puoi evitare. quella che malgrado tutto, quella che nonostante il male, quella delle colpe da espiare prim'ancora, perché restasse il resto. integro. di quel dopo già passato che revoca il tempo e ci fa eterni

Ma di quell'eternità che non azzardo a pronunciare , così Dio da farsi tutta la carne e darmi al mondo come un inganno.

E ti chiedevo tutte le braccia. tutte.
[...]

*
*

 
 
 

DigitalArt - Lucia Pinto

Post n°239 pubblicato il 06 Maggio 2011 da semplicementecomplic

 
 
 

meraviglie...

Post n°238 pubblicato il 19 Aprile 2011 da semplicementecomplic

 

Arthur Grumiaux: Violin Concerto in D, Op. 35 (Tchaikovsky) - Movement 2 - 1960

*

..."Poi ripose lentamente sulla scrivania il mio corpo, che si ricompattò fulmineamente nel suo violino." [Concerto per violino]

 
 
 

Nel raggio

Post n°237 pubblicato il 18 Aprile 2011 da semplicementecomplic

*

Non invogliarti di me
Le lune cadono
sotto il cielo di lapislazzuli
Le spade sventùrano
I veleni fantàsticano
I sonni plumbei
travestono i sotterranei

E polvere e canto
picchia il seno
e amaro
e nudo
di metamorfosi e scogliere

Profondo e dolce
di grappoli incollati
Sinfonici
in gola

E il tronco
di sete
implora
la lacrima che mosse il natale
tra il piede del mondo
e la schiena del viaggio

Nel raggio
di meraviglia
Nell'orlo intatto
nell'alcova dorata

Non invogliarti di me
Del sospiro che s' ambra
crudele
sulla bocca

Il mio ciondolo
è un pomeriggio
sulla terrazza
che aprì la porta

E il bacio
lungo
che non finisce ancora

*

(2008)

*

*

*

 
 
 

Solo un vero sguardo

Post n°236 pubblicato il 17 Aprile 2011 da semplicementecomplic

 

*

Solo un vero sguardo - l'essere in verità - vede la bellezza della terra. Il resto è mondano fraintendimento, presunzione d'innocenza

(Andrea Rossetti)

*

 
 
 
Successivi »
 
 

LUCIA PINTO

"AMARE, NULL'ALTRO"

Librerie fiduciarie LietoColle        

informazioni per l'acquisto     

 per ordini  anche LietoColle Tel/Fax 031 986292

 

ISPIRAZIONE

Questa ispirazione che irradia
non presume il malinteso
Nella sua intima incomprensibile affermazione
di nulla si cura
Che per la ragione sarebbe spaventevole
Stringe l'allusione,contenendo la sorpresa
Insabbia gl'interrogativi
rovistando timidamente una origine
frugando uno spunto
E' spietata
nella sua leggerezza
Trascinante
nella sua incompiutezza
Come una imprecisione
senza incertezza

 

CAMAIORE 2008