Creato da babysunrise il 22/04/2008

giorno dopo giorno

parola magica: EMOZIONE

 

 

il 1° compleanno

Post n°16 pubblicato il 12 Settembre 2008 da babysunrise

Oggi abbiamo festeggiato il primo compleanno della mia piccola Maya.

Mi sembra impossibile che sia già così grande. Sembra una banalità ma questo scorrere inesorabile del tempo mi fa davvero paura. Mi sveglierò domani mattina e la troverò in cucina che beve caffè e fuma una canna. Mi guarderà e mi dirà :"Mamma, mi sono fidanzata con Abdullah, vado a vivere in Egitto"...

Che visione consolante! Sai che belle le Piramidi!!

Salutami la Valle dei Re.. quella vera.. non quella di Gardaland...

Ti ricordi da bambina quando io e il babbo ti abbiamo portato a Gardaland?

:" No mamma... mi sfugge.. poi adesso sono anche un po' lessa..."

"Brava figlia mia, meglio una canna di 100 sigarette, ma fammi un piacere, non fumare marja quando vai dentro le Piramidi... sai potresti soffrire di claustrofobia.. "

Oddio.

Per ora ti amo tanto... e... Abdullah... trattamela bene.

Tanti auguri piccola... auguri per un futuro migliore.

La tua mamma.

 
 
 

lunga estate

Post n°15 pubblicato il 05 Agosto 2008 da babysunrise

Ciao Amici, tutto bene?

Grazie a tutti quelli che si sono preoccupati per la mia assenza, in effetti la mia non è proprio quella che si dice una frequenza assidua!

Sapete, la mia piccola ha pensato bene di imparare a camminare, anzi direi correre quindi, vista la mia estenuante solitudine in questa lunga estate, il tempo per scrivere si riduce notevolmente. L'unico spazio che mi rimane è la notte, che seppur lunga risulta comunque troppo breve per concentrare ttte le cose che devo fare. In questo periodo infatti sto anche preparando un esame di storia che darò a settembre. E che ne pensate del mucchio di panni che devo stirare appollaiati sopra la sedia della veranda? Ah, è una settimana che non do l'aspirapolvere e tra poco mangeremo il frigorifero se non vado a fare la spesa... (eh, quella di notte non si può fare.. come faccio?) Stavo pensando di comprare un cellulare che fa tutto. Adesso ci sono anche quelli che danno lo straccio? O che fanno da baby-sitter?

Beh, volevo dirvi che stasera mi sono presa una pausa mentre preparo la marmellata di pesche super mature per evitare di buttarle... eeeeh io non la mangio di certo.. che schifo.. faccio dei vasi e li porto alla suocera! (ci penserà lei a mangiare marmellata di pesche..... passate.. troppo passate... è troppo dire ammuffite? ahahah )

Nooo scherzo dai.. sono una brava nuora io... La marmellata sarà buonissima..

Questa è una lunga estate.

 
 
 

Ciao a tutti

Post n°14 pubblicato il 13 Luglio 2008 da babysunrise
 

Lo so, sono giorni che non scrivo e come al solito avrei un disastro di cose da raccontare.

Il problema, questa volta è che non so proprio da dove partire.

Beh, potrei cominciare col dire che dopo mesi, oggi ho rivisto la mia sorellina. Si chiama Elisa. Mi sono resa conto che con lei ho ben poco in comune, mi sono resa conto della cosa più brutta: Non ci conosciamo per niente.

Per questo, stasera, il post lo dedico a lei perchè per lei, anni fa, ho scritto alcuni versi.

Incredibilmente stasera, li voglio pubblicare in questo blog.

Per Elisa

Per gente come me, non è facile raccontare l’amore.

Non posso, cara sorellina

spiegarti che, nonostante

anni di distanza, km di distanza,

esperienze di distanza, emozioni di distanza,

madri di distanza..,

esiste un legame

indissolubile

innegabile

che stabilisce un contatto

tra noi.

Come posso cercare, tra milioni di parole,

la formula perfetta di comprensione!?!

Elisa mia, che non sai di esserlo,

sei qualcosa tra il mio sangue e

il mio cuore,

tra il vuoto e la pienezza.

Cara sorellina,

il corpo non è l’unico

a produrre calore,

ciò che per me sentirai,

sarà il gelo del vuoto.

Passeranno anni,

mi odierai,

ma nel tuo cuore,

tra lo scorrere del tuo sangue,

potrai trovare tante risposte e,

se vorrai,

mi cercherai nel tuo presente.

Mi conoscerai,

ti conoscerò, e il calore

prenderà forma nella tua pancia,

dilagherà nel cuore.

Un giorno,

ti volterai di scatto

vedendomi mentre ti spetto da una vita,

distesa in un prato verde.

Miky (Per Elisa)

 
 
 

ci provo

Post n°13 pubblicato il 17 Giugno 2008 da babysunrise

Ciao Ragazzi, prometto che proverò a lasciarmi andare.

Nella vita reale, le persone che hanno la sfortuna di vivermi a fianco, conoscono un decimo di me. Apparentemente sembro una persona socievole, una che sa stare in compagnia, una con la quale si può parlare di tutto. Le persone si confidano con me.

Ma sono davvero poche quelle che sanno ascoltare.

Ascoltare, per il mio vocabolario significa decifrare i miei messaggi. I miei segnali di s.o.s. Certo , ho una bella pretesa. Lo so.

Una persona però lo sa fare. Mia madre.

Mia madre è una donna che capisce. Ma , come me non osa. Non mi ha mai chiesto di parlare di un mio malumore. Non mi ha mai spiegato cosa significasse chiedere aiuto.

"aiuto" è quindi un altro di quei termini che nel mio vocabolario trova le spiegazioni più disparate. Per me "aiuto" è solo ed esclusivamente afferrare la mano di qualcuno che grida. Io non grido mai, al massimo sussurro all'orecchio di persone che non sanno ascoltare. Mia madre non lo ha saputo fare per anni.

Ma la colpa è sempre stata mia. Lo ammetto.

Adesso che sono madre anch'io, cercherò il riscatto.

Ragazzi, per stasera può bastare.

Alla prossima.

 
 
 

senza titolo

Post n°12 pubblicato il 14 Giugno 2008 da babysunrise

ciao a quei pochi che leggono. E' un po' che non scrivo, lo so. Devo dire la verità, non so nemmeno io perchè ho aperto un blog. All'inizio pensavo di fare una bella sorpresa a mio padre che da anni vive lontano da me. Lo avevo fatto per tenerlo aggiornato sulla crescita della sua nipotina in modo silenzioso. Ma infondo non l'ho mai informato di questa poco ingombrante presenza online.

Alla fine ho utilizzato questo spazio in modo banale, non mi sono mai lasciata andare. Non ho mai scritto davvero ciò che pensavo. perchè? Forse perchè i miei pensieri e le mie giornate sono già troppo impegnative ed ingombranti per se stesse, forse perchè i miei pensieri sono troppo rumorosi per poter essere rinchiusi in un silenzio fatto di righe che possono soltanto essere lette, forse, da persone poco interessate.

Ma stasera ci sono solo i tasti del mio pc a sapermi capire. Stasera poco conta chi leggerà e cosa penserà.

Stasera tutto puzza di verità sotto al mio naso e gli eco incessanti nel cranio devono essere placati.

Stasera voglio entrare nel mio mondo e dedicare un po' di spazio a questa donna che non si ricorda. Una piccola donna che non osa.

Non osa mai capire. Accetta i compromessi di questa vita come riscatto a sensi di colpa incessanti, strazianti. I nostri scheletri, i demoni nascosti in fondo al pozzo adesso sono incazzati.

Ciao Ai pochi che leggono, stasera mi sento in me. Per un attimo di vita capovolta, quando sarei pronta a parlare, a raccontare. Ma non posso.

A mio padre se un giorno leggerà. Ti voglio bene.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

zuaro2joedevastoluminol91apple_eschundaaxel33FuroreNero.Xlasciati_guardare00gammabludigdug72Seddaiuperfidograziabia_73manicomio95roberta.palma2008