Creato da est.la.belle.epoque il 08/12/2010

...fini la comédie

il est temp de rouvrir le rideau...*Blog dedicato all'arte ed alla cultura in ogni sua sfumatura....Una redazione forte e solidale pronta a postare con gusto e conoscenza. Uno scrigno di solidarietà, di stima e di affetto*

 

« Nei giardini che nessuno sa...QUALE LUPO VINCERA'??? »

GIOCHI DI TRASPARENZE.......VIETATO AI DEBOLI DI CUORE

Post n°317 pubblicato il 17 Luglio 2012 da UnaVocedaiContinenti
 

 

VUOI DAVVERO ESSERE STRABILIANTE ????

A QUALSIASI ETA' E PESO ?.....

ANCHE I MASCHIETTI SAPRANNO  APPREZZARE

 

 

 

 

VUOI CONTINUARE....??? IO TI HO AVVERTITA...

Ed è per questo che grandi nomi della confezionano abiti trasparenti come  cristallo …..così ogni anno inseriscono nei loro cataloghi abiti firmati dai più bei nomi del design……. firme prestigiose…..ogni pezzo è composto da creatività…e singolarità  da incastrare uno nell'altro, le forme geometrica e lineare contrastano con le superfici di stoffe fittamente intagliate, in colori  pallidi dove  l'azzurro e il giallo s’alternano a perfette trasparenze….poi candidamente spunta il bianco un accordo tra purezza e il peccato…..molti designer  mescolano  bordi straordinariamente lavorati in un equilibrio che rende gli abiti presenze preziose nel guardaroba femminile

Nel 1966 nacque il Nude Look si gridò allo scandalo, ma inevitabilmente fu subito imitato…..all’epoca appena un trentenne, presentò a Parigi una collezione di Alta Moda che passò a buon diritto nella storia del fashion: sulle passerelle parigine una modella vestita di una camicetta in mussola trasparente lasciava intravedere i seni. Nacque così il Nude Look… e fu subito scandalo. Ma si sa, anche la moda si nutre di piccole rivoluzioni e così la trasparenza proposta da Saint Laurent fu immediatamente imitata.

Caratterizzato da tessuti leggeri e trasparenti, il Nude Look gioca con spacchi vertiginosi e altrettanto vertiginose scollature e sederi e seni appena velati. Anche per l’autunno/inverno 2006/2007 la seduzione trionfa con un gioco di ‘vedo-non vedo’, la donna di notte indossa abiti che lasciano poco spazio alla fantasia ma non sono mai volgari. Swarovski e paillettes coprono le parti intime con giochi raffinati, il pizzo lascia intravedere il colore della pelle, leggerissimi veli di lunghi abiti coprono appena le cosce.

Angeliche figure quasi esangui o donne aggressive e passionali? …… le proposte dei grandi designer vengono gettate direttamente sulle passerelle milanesi… ad ognuna il proprio trucco….. un Make-up che sembrerà sposare perfettamente il colore della pelle e quindi che dia la sensazione di naturalezza…sulle passerelle, infatti, si vede un po’ di tutto, dall’eccentricità di un phard rosa shocking che mette le gote prepotentemente in primo piano ai gloss e rossetti che variano dal viola al nero passando per un tenue rosa….bocche succose o scarlatte oppure violacea o solo brillante di semplicità….gli occhi sono messi in risalto da ombretti dalle nuance grigie/nere oppure semplicemente da abbondante rimmel, non manca chi ama lo sguardo da geisha e lo rende tale con un tocco leggero di eyeliner. A volte, però, bocca, occhi e gote si confondono grazie ad un make-up che sembra eliminare ogni caratteristica del viso, quasi effetto sbiancante: tutto della stessa tonalità, ovviamente, chiarissima…

E allora che la donna scopre il suo tasso di eccitazione da quanto il suo corpo rimane coperto ai vostri occhi. Quanto più lei si ecciterà tanto più il suo abito scomparirà alla vista. Il sogno di milioni di persone ora diventa realtà. Ci ha pensato una designer olandese a rendere trasparente l’abito all’aumentare della frequenza cardiaca. Un progetto alquanto hot…..allora perché non renderli davvero interattivi sfruttando nuovi materiali?.....assemblati con e-foils ‘intelligenti’ che rilevano tramite sensori, le variazioni di calore.

L’idea di fondo è che l’incontro con persone che possano accelerare il nostro battito cardiaco (e quindi aumentare la temperatura corporea) ci svela, rendendoci ‘nudi’ davanti all’interlocutore. Così come la trasparenza degli abiti “Intimacy” diminuisce progressivamente registrando anche cambiamenti superficiali a livello di epidermide.

Perciò portarli con eleganza e disinvoltura, senza cadere nel ridicolo…..certo che sotto i riflettori se si intravedere la silhouette di un (bel) sedere, un seno, un capezzolo….è totalmente diverso nella vita di ogni giorno …bisogna conoscere bene i limiti, per evitare di cadere nel comico o addirittura nel cattivo gusto.

Il test della trasparenza lo potete fare un veloce controllo coprendo il dorso della mano con il tessuto. Se attraverso il tessuto le unghie si lasciano distinguere facilmente, allora il tessuto sarà abbastanza trasparente o forse spesso al limite della portabilità. In questo caso dovrete probabilmente fare attenzione alla lingerie con la quale avete intenzione di portare questo indumento….i materiali sottili come tulle e chiffon sono al limite dell’azzardo…. le tinte unite sono di solito più trasparenti rispetto alle fantasie elaborate…..e gli abiti stretti traspaiono più degli abiti larghi e morbidi. ….perciò pieghe e ruche invece aiutano a nascondere…….se comunque amate le trasparenze state però attente a non svelare troppo….una soluzione sono i capi che consistono sia di materiali trasparenti sia di tessuti non trasparenti…. Un esempio ??? …… è la camicetta trasparente su schiena, braccia e spalle ma che copre la parte anteriore……se state per indossare un capo trasparente che non vi convince del tutto, il nostro consiglio è: lasciate perdere!

 

Non uscite mai di casa con un outfit ( = abito o attrezzatura) che non vi fa sentire a vostro agio. …..meglio indossare sin da subito una canotta sotto la camicetta trasparente o una sottogonna sotto la gonna che mostra un po' più che la sola silhouette delle gambe…..indossate un abito trasparente per andare in ufficio e la vostra giornata potrebbe trasformarsi in un incubo…..ahahha….indossare lo stesso abito in ambiente totalmente diverso (in discoteca, ad una festa) e le reazioni saranno totalmente diverse. ….Un abito trasparente indossato sopra il bikini non è un problema, un bikini trasparente, invece sì.

Valutate sempre la situazione e tenete conto della luce (la luce del giorno perdona molto meno della luce di una candela o della luce artificiale la sera).

Se indossate una gonna, abito o pantalone leggermente trasparenti (soprattutto i pantaloni bianchi sono a rischio!), allora scegliete la vostra lingerie con attenzione. Sotto colori chiari è meglio portare lingerie color pelle. Spesso ci si dimentica che anche la lingerie bianca traspare facilmente se portata sotto pantaloni bianchi. Optate poi per il modello giusto. Talvolta bisogna ricorrere ad uno string o ad un tanga, talvolta possono bastare delle mutande senza cuciture. Lo stesso discorso vale per le camicie e per abiti trasparenti sulla parte anteriore. Non indossate un reggiseno nero sotto una camicetta bianca, perché lo vedrete (a meno che non sia quello l'effetto che state cercando)…..Sotto una camicetta trasparente può bastare un reggiseno se lo portate con una giacca o con un cardigan. In questo caso è molto più sexy il reggiseno di una canotta, specie se la giacchina o il cardigan si aprono quanto basta per lasciar intravedere il reggiseno. Se invece indossate la camicetta allora è meglio coprirsi adeguatamente…….Ogni tanto non è facile capire da sole se una cosa può o non può andare (anche perché non avete una visione completa di voi stesse). Chiedete perciò consiglio ad una persona fidata.

 

 

Se decidete di indossare un abito (leggermente) trasparente, allora portatelo con convinzione. Indossatelo e non pensateci più. Non specchiatevi in tutte le vetrine per strada e non assumete una posizione curva o da contorsionista per nascondere comunque qualcosa. Siate sicure di voi stesse!..............Abiti troppo trasparenti o nudi possono sortire effetti indesiderati. È ovvio che attirerete l'attenzione e che potrete contare su sguardi pieni di ammirazione da parte degli uomini. Ma non esagerate, perché troppe trasparenze e nudità potrebbero far pendere la bilancia dalla parte sbagliata e possono risultare volgari, ridicoli o farvi passare addirittura per delle esibizioniste. Anche (anzi soprattutto) le star di Hollywood tendono a commettere questo errore.

COME STUPIRE........FORSE COSI'

Donne pesce, riccio e anche squalo nell'immaginario mare di Gianni Molaro che mette in mostra quindici opere di Art Couture, dove, come suo stile, arte e moda si fondono in abiti onirici fatti per stupire prima ancora che per indossare.
Sfilano all'Ambasciata di Turchia in Italia, nel sontuoso salone da ballo, tra specchi, affreschi e stucchi dorati di un ottocentesco villino romano, i pesci più sgargianti dei fondali marini.
Gonne a palloncino piene di aculei, tessuti squamati, bustier a conchiglia, code di sirene, pinne argentate. E' un mondo fluttuante, dove gli abiti hanno l'aspetto di veri e propri pesci con le bocche spalancate dentro cui si nascondono le modelle.
Plissettature di organze e tulle formano le branchie, crinoline impalpabili muovono le code, lavorazioni di fasce incrociate creano un effetto squama, ricami di cristalli disegnano forme e stravaganze.
I pesci intagliati su basi trasparenti che sembrano nuotare nell'acqua e bianche vele stilizzate, sono la particolarità di sofisticate gonne, come anche del velo da sposa.
I ricami prendono le forme di stelle marine, coralli, alghe e conchiglie, impreziosiscono i tessuti e creano effetti di luce, i colori cangianti di barriere coralline e mari tropicali, si mescolano in incredibili gradazioni dal viola al giallo, dal rosso all'azzurro, al rosa.
Le leggere crinoline a coda sono lavorate da sottili nervature o da plissettature di organza per richiamare l'effetto di bollicine e della schiuma del mare.
Anche i copri spalle asimmetrici hanno sempre la forma di un pesce e i guanti lunghi di raso sono ricamati solo di conchiglie.
Il cappotto squalo è in argento e paillettes nere e sembra voler inghiottire la modella, ma una volta sbottonato, scopre invece nel suo interno una candida sirena vestita solo di conchiglie e sensuali trasparenze .
Il trucco, come sempre per Gianni Molaro, è un divertissement pittorico dove i volti delle modelle sono la tela su cui dipingere. Le bocche femminili si trasformano in guizzanti pesciolini rossi con tanto di pinne e coda. I lobi delle orecchie si allungano artificialmente e vengono lavorati come orecchini preziosi per un ironico orecchio gioiello.
Una collezione dove gli abiti sono ancora una volta simboli espressivi di un mondo in cui immaginazione e realtà, arte e couture, si combinano in una unica rappresentazione di stile per emozionare e stupire.

VIDEO DI UNA SFILATA .....X DAVVERO UNICA

 

 

 

DONI DELLE NOSTRE AMATE E AMATI LETTORI

    

grz FLA                                                grz LADY

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 63
Prov: EE
 

AREA PERSONALE