Creato da maestrapiccola il 23/03/2009

maestrapiccola

la scuola da dentro

 

 

Misure

Post n°1040 pubblicato il 24 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

"Teresa sei tornata!"

"Avevo una tosse che non finiva mai....adesso è rimasta una tosse piccolina e allora posso venire a scuola ma prima no, perchè poi faceva un rumore grandissimo, sai?"

So.

 
 
 

Apocalypse now

Post n°1039 pubblicato il 23 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

Quando meno te lo aspetti piovono domande che ti rimettono sull'attenti.

"Che cos'è l'apocalissa?"

"L'apo..ca..lis..se? L'apocalisse è la fine del mondo .... che però ci sarà tra tantissimi milioni di anni, non ti preoccupare..."

"Ma non può finire il mondo perchè nascono sempre bambini, poi di nuovo bambini e sempre dei nuovi bambini, no?"

Il futuro è nelle mani dei bambini e loro lo sanno, noi lo sappiamo?

 
 
 

Sabato

Post n°1038 pubblicato il 19 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

E' nell'aria.

E' nelle margheritine spuntate ai lati delle grandi strade.

E' nelle ricreazioni in giardino.

E' la cosa più attesa da ognuno.

"Maestra, mi hanno detto che sabato  c'è la primavera!"

Buon sabato allora!

 
 
 

Rendez-vous

Post n°1037 pubblicato il 16 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

Lui è sempre spettinato e lei una Giovanna D'Arco.

Lui:

"Lo sai che mi sono fidanzato con Martina?"

"Ah sì?"

"L'ho invitata a casa mia poi quando eravamo in camera mia le ho dato un anello rosso con le righe rosse e abbiamo mangiato le patatine e poi eravamo innamorati!"

 

 
 
 

Puzzle

Post n°1036 pubblicato il 14 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

Alle maestre piace iniziare le parole e farle finire ai bambini e ai bambini piace comporre questo puzzle.

E' come una danza, uno scambio di passo.

"Bimbi questa è una riga oriz..."

"...zontale!" il coro.

"Questa è ver...."

"...ticale!"

"Poi c'è anche la diagonale maestra!"

"Brava!"

"E anche la medioevale maestra!"

 

 
 
 

Cambiamenti

Post n°1035 pubblicato il 09 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

Una maestra può decidere di fare un fine settimana in montagna e può capitare che sia bel tempo.

La maestra può così svagarsi facendo sci e forse abbronzarsi.

Ma non può pensare, sempre questa maestra, di passarla liscia con i suoi bambini al suo ritorno.

Lunedì mattina.

"Maestra perchè ti sei cambiata il colore della faccia oggi?!"

 
 
 

Spostamenti

Post n°1034 pubblicato il 03 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

O la matematica è fantasiosa o per me è durissima.

Anche Pietro la pensa così.

Abbiamo da poco imparato il riporto con la sua frase classica scrivo 4 e riporto di uno.

E sento Pietro che sbiascica qualcosa che sembra la frase classica.

Ma non lo è.

Tendo l'orecchio perchè mi sembra di aver capito ma non sono sicura.

Se fosse così sarebbe grandioso.

Riascolto.

Sembra proprio.

Possibile?

Sì.

Pietro dice:

"Scrivo 4 e teletrasporto 1!"

Io brevetto la frase.

Per sempre.

 
 
 

Salvataggio

Post n°1033 pubblicato il 01 Marzo 2015 da maestrapiccola
 

Si corre in palestra per riscaldamento, non sono abituati o corrono sgangherati per ridere ma farlo con assetto da sportivi è un traguardo lontano.

Non hanno resistenza per più di due giri.

Si ferma Marta spolpata:

"Ho male qui!"

"E' la milza!"

"?"

"E' normale, stai tranquilla, respira bene e fermati un attimo..."

Loro adorano i feriti, è Serena che giunge per prima:

"Marta cos'hai fatto?"

"Ho male all'anca!"

E' Serena il Gazzettino delle classe:

"Ragazzi la Marta si è fatta male all'ancora!"

Da lontano:

"Oddio, sarà grave?"

"Boh! Io non ce l'ho mai avuto quel male lì!"

 
 
 

Tempi andati

Post n°1032 pubblicato il 25 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

Lo scorso millennio per loro è veramente lontano e sconosciuto.

Un'era che non riescono a definire e a maneggiare.

 

Stanno parlando fra loro.

Non ho capito di cosa ma ad un certo punto qualcuno dice 1998.

"Eh sì!, nel 1998 mia nonna c'era! Mia mamma non lo so, forse era appena nata...."

 

 
 
 

Stranezze

Post n°1031 pubblicato il 20 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

Ognuno è libero ad un certo punto di parlare come vuole.

Le parole scelte e diventano la nostra forza e la nostra fragilità.

Dicono quello che pensiamo e per questo sono alte e nobili.

La loro potenza è chiara ai bambini abbastanza presto, ma anche la loro bellezza o bruttezza.

Quello che comunque mi piace molto è che dal momento che le pronunciamo ne siamo anche responsabili e qualcuno potrebbe in qualunque momento potrebbe voler spiegazioni.

 

"E' successa una cosa strana!"

"Cosa?"

"Alla radio ho sentito una canzone che parla di una parolaccia!"

 
 
 

In movimento!

Post n°1030 pubblicato il 18 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

Lei è una gallinella fino alla punta delle scarpe fuxia da ginnastica.

"Lo sai perchè ho i capelli mossi?"

"Uhm" lui mangia dei biscotti ed è molto più interessato alle gocce di cioccolato che alle onde dei capelli di lei.

"Ho i capelli mossi perchè mi sono mossa!!"

 
 
 

Gattini

Post n°1029 pubblicato il 16 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

A undici anni si può essere diversi dalla massa di ragazzini che vediamo entrare tutti uguali in scuole non completamente pronte ad accoglierli.

Lui lo è, e le persone che lo crescono, di questo, ne fanno un valore.

Lui è sorprendente.

"Oggi Abul Khayr ti ha offeso!" lo dice in modo intenso, è seriamente dispiciuto.

"?"

"Ha offeso tutte le donne e le femmine della classe e anche mia sorella!"

"Cos'ha fatto?"

"Ha messo nello screen saver del telefonino una ragazza con le tette nude! Ma non poteva mettere dei bei micini?"

La sua incomprensione sociale dovrebbe servire affinchè la società recuperasse la sua bellezza per far fronte alla bruttezza dilagante che offriamo anche ai più piccoli.

 

 
 
 

Bagno di lingua

Post n°1028 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

Uso l'inglese abitualmente per le disposizioni alla classe.

Al rientro dalla ricreazione:

"Sit down please!"

"Maestra non posso essere sit down mi hanno preso la sedia!"

 
 
 

Astronauti

Post n°1027 pubblicato il 06 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

"Io voglio che viene la neve così gioco con i Manbut!"

"Anch'io mi metto i Bambù se nevica!"

E nevicò e le strade si riempirono di Manbut e Bambù colorati e i bambini furono felici di quella cosa bianca che scende dal cielo e non passa mai di moda.

 

 
 
 

Ambizioni

Post n°1026 pubblicato il 04 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

E' piccolo come un seme di lino.
Nella fila scompare.

Poi riappare quando e come vuole lui, forse per chiederti qualcosa di questo nuovo mondo occidentale in cui è stato catapultato senza capirlo ancora.
E' come in un grande luna park di suoni e luci diverse e un po' le ama e un po' le teme.
E' smarrito ed eccitato.
E' incredulo e timoroso ma pian piano sta dimenticando le sue origini per quelle del nuovo mondo di plastica.

Il futuro qui è già carico di promesse abbaglianti.

Eccolo che spunta con il dito puntato:


"Io a febbraio sono ricco e ho una Ferrari e so giocare a calcio."

 
 
 

Dettagli

Post n°1025 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da maestrapiccola
 

Già più volte ho raccontato come sia impossibile sfuggire ai bambini.

Notano anche il più piccolo dettaglio diverso, un cambio di profumo, un maglione diverso o delle scarpe insolite.

Anche quelli apparentemente più distratti sono detective accorti.

Entro noncurante del mio cambiamento, dimentica dei due centimetri in meno.

Più veloce di un treno ad alta velocità:

"Te ne sei tagliati molti di capelli!"

 

 
 
 

Preoccupazioni

Post n°1024 pubblicato il 26 Gennaio 2015 da maestrapiccola
 

E' preoccupato.

E' arrivato con un pensiero attaccato dal fine settimana.

"Maestra, tu non lo devi vedere The amazing spiderman 2 perchè ti preoccupi...c'è un morto!"

"Ok! Seguirò il tuo consiglio. Ma tu, ti sei preoccupato molto per questo morto?"

"Un po'.

Forse era meglio se lo vedevo in quinta così ero più grande!"

Forse.

 
 
 

Punti di riferimento

Post n°1023 pubblicato il 22 Gennaio 2015 da maestrapiccola
 

Gli stipendi degli insegnanti sono bassi, molto, e, a quanto pare, è giunta voce anche ai bambini.

 

Che la maestra sia un punto di riferimento rimane sempre un po' vero, nel bene e nel male.

 

"Vuoi sapere una cosa?"

"Dimmi..."

"Max che è uno del mio palazzo che spara sempre delle balle, dice che sua mamma ha cinquemila euro in banca! Ma se non li hai neanche tu cinquemila euro!!!"

 
 
 

Cromoterapia

Post n°1022 pubblicato il 20 Gennaio 2015 da maestrapiccola
 

Per essere saggi basta solo fare silenzio e dar sfogo a quello che viene dalle profondità più lontane di noi.

Nè più, nè meno.

Ruggero ha appena finito di fare un disegno e lo guarda con il viso inclinato.

Ha fatto un vaso e vuole fare lo sfondo dietro.

Sta decidendo il colore come forse faceva Picasso o Chagall.

Alla fine afferra il giallo e lo punta al cielo:

"Il giallo cambia la vita!"

 
 
 

Problemi di coppia

Post n°1021 pubblicato il 19 Gennaio 2015 da maestrapiccola
 

C'è sempre chi guarda e aspetta e se si è stancato di aspettare chiede:

"Mi fate giocare?"

La domanda è rivolta a Giacomo e Pietro che stanno giocando ad un gioco che pare molto avvicente.

"No."

"Maestraaaaa, loro non mi fanno giocare!"

Intercedo.

"Perchè non lo fate giocare?"

"Perchè non possiamo!"

"E perchè non potete?"

"Perchè  è un gioco da due!"

"...e che gioco è?"

"Si chiama Un topolino e un gufo e siamo io il topolino e lui il gufo. Visto!... siamo già in due!"

Non fa una piega, non c'è che dire ma provo:

"Ma non si può fare tipo Un topolino, un gufo e una talpa così Diego fa la talpa?" azzardo sapendo di espormi in un territorio non mio da tanti punti di vista.

"No! Perchè ormai si chiamava Un topolino e un gufo e non si può più cambiare ormai ..."

Ormai.

Mai?

 

 

 
 
 
Successivi »
 

DA LEGGERE

NON SONO RESPONSABILE,

NE' AL CORRENTE DEI MESSAGGI PUBBLICITARI

CHE SONO APPARSI SUL MIO BLOG.

SE SI VUOLE, CHIUDERE CLICCANDO LA X

 

 

PRIMO LIBRO SOLO COME ILLUSTRATRICE!

COME SI FA A DIVENTARE GRANDI?

Testo: VALENTINA BRIOSCHI

Illustrazioni:CRISTINA PETIT

VALENTINA EDIZIONI

 

 

CHISSA' SE OGGI INCONTRERO' IL LUPO?

PICCOLO BUIO

A tutti quelli che hanno paura del buio

nella speranza che arrivino

al più presto grandi luci!

Cristina Petit- Ed. IL CASTORO

 

Cristina Petit

PRESEPE IN CALAMITA

EDB junior

 

 

Cristina Petit

VOLO VIA

Valentina Edizioni

 

Cristina Petit

CONVERSAZIONI PICCOLE

Mamma perchè vai a lavorare?

Cos'è un amore lungo lungo?

Dov'è andato il nonno?

San Paolo Edizioni

 

Cristina Petit

CI SONO BAMBINI E BAMBINE!

Valentina Edizioni

 

Cristina Petit

DIRE FARE GIOCARE

Ed. Bacchilega Junior

IL MOSAICO

 

Cristina Petit

IGNAZIO CHE NON CI VEDEVA BENE

Ed.Bacchilega junior

http://www.ilmosaicocooperativa.com/ed_libricini_ignazio.html

 

Cristina Petit

UN BUCO NEL CIELO

ed.SONDA

http://www.sonda.it/

 

Grazie a tutti voi lettori del blog.

Avete dato senso al mio scrivere,

e ora,

sono diventata una persona di carta.

 

MAIL

maestrapiccola@gmail.com

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

maestrapiccolagiovannadeantropoeticorita451lubopoariachiara1cile54marlow17street.hasslepsicologiaforenseRosa_Campanilelumil_0tocco_di_principessaMarquisDeLaPhoenixLORD_DEVID_2013
 

ULTIMI COMMENTI

Ahahaha questo bambino Ŕ il mio idolo :-) saluti :-)
Inviato da: sanguemisto84
il 09/03/2015 alle 22:12
 
Ciao!
Inviato da: maestrapiccola
il 09/03/2015 alle 19:17
 
Ciao, ci siamo conosciute a Spoleto a Gennaio quando sei...
Inviato da: Tina Cugudda
il 08/03/2015 alle 14:09
 
....semplicemente bella...una descrizione degna di nota....
Inviato da: D4sFX
il 10/12/2014 alle 00:04
 
Grazie davvero per il tuo intervento.
Inviato da: maestrapiccola
il 07/12/2014 alle 21:05