Community
 
maestrapicc...
Sito
Foto
   
 
Creato da maestrapiccola il 23/03/2009

maestrapiccola

la scuola da dentro

 

 

Personali Geometrie

Post n°982 pubblicato il 23 Giugno 2014 da maestrapiccola
 

Roberto davanti ad un rettangolo mi sta enunciando le parti.

"Questa è la sua altezza e questa è la bassezza!"

 

Che lo sguardo sia dal basso,

che lo sguardo sia dall'alto

vi auguro di posarlo bene in queste vacanze.

Il blog chiude e riapre il 15 settembre con le scuole.

 
 
 

PICCOLO BUIO SPETTACOLO

Post n°981 pubblicato il 16 Giugno 2014 da maestrapiccola
 

 

PICCOLO BUIO

SPETTACOLO ISPIRATO A

"PICCOLO BUIO" ed. il Castoro

21 GIUGNO 2014

LIVORNO

H. 21

LIBRERIA TEATRO DEI LIBRI

http://www.ilteatrodeilibri.com/?p=2644

ingresso gratuito-necessaria la prenotazione

 

 
 
 

Non conoscere

Post n°980 pubblicato il 11 Giugno 2014 da maestrapiccola
 

Quando credi di aver vissuto già molte cose scopri di non aver visto nulla.

 

"Maestra guarda!"

Mi mostra una feritina nel braccio.

"Il mio papà mi ha spento la sigaretta sul braccio perchè giocavo troppo a palla!"

Nella frazione di pochi secondi ho visto la mia infanzia, ho avuto freddo e caldo, rabbia e tristezza densa.

Non riconoscevo il mio stato d'animo come qualcosa di già vissuto, non sapevo cosa stavo provando. Un fango scuro mi è sceso davanti e mi teneva ferma.

Il mio presente aveva meno valore del suo passato e del suo futuro.

Le possibilità di quello che avrei potuto essere e fare erano annebbiate e confuse.

Il timore di dissolvere tutto molto presto era reale.

 

Ignorare che l'infanzia è altro

per lui è la salvezza del momento,

l'ignoranza del papà

è la sua colpa.

 
 
 

La disfatta

Post n°979 pubblicato il 06 Giugno 2014 da maestrapiccola
 

Ci sono insegnanti di scuola elementare che oggi, ultimo giorno di scuola, stanno facendo delle verifiche.

O io non ho capito niente o...

 
 
 

Strade e pensieri per domani

Post n°978 pubblicato il 02 Giugno 2014 da maestrapiccola
 

Ci sono calamità per i genitori che diventano occasioni creative per i bambini.

I pidocchi.

Adele li ha appena avuti.

Una bella testa piena di idee e di uova con abitanti.

I suoi pensieri hanno corso mentre la mamma operava meticolosamente su di lei.

La sua mmaginazione si è accesa in un unico grande gioco tra vero e finto:

"Per i pidocchi i miei capelli sono strade..."

 
 
 

Voglia di estate.

Post n°977 pubblicato il 29 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

Al parco, dietro l'angolo una gelateria, due bambini di sette anni.

"Io ho mangiato un ghiacciolo alla Morena!"

"Siamo uguali, anch'io ho mangiato un ghiacciolo alla murena!!"

 
 
 

Da oggi in libreria!

Post n°976 pubblicato il 28 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

A chi si sente lupo

A chi si sente Cappuccetto Rosso

e a chi ha paura del bosco.

Ai miei tre porcellini con tutto l'amore che esiste.

http://www.valentinaedizioni.it/chiss_se_oggi_incontrer_il_lupo.htm

 

 

 
 
 

Non serve capire

Post n°975 pubblicato il 26 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

Domenica è successa una cosa:

alcuni bambini hanno accompagnato i genitori a scuola e non viceversa

per votare.

All'uscita mentre gli adulti di due famiglie parlavano nel giardinetto davanti alla scuola, i figli non erano da meno:

"Tua mamma cos'ha votato?" chiede il primo palleggiando una palla gialla.

"Boh!"

"La mia PIeDI!"

"Come piedi!!!"

""Boh! Ha detto così: ho votato PIeDI!"

"Ma i piedi per camminare?"

"Sì!"

"Non ci capisco niente!"

"Neanch'io, fai un tiro?"

 
 
 

Storici si nasce

Post n°974 pubblicato il 23 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

"Maestra guarda cosa ha combinato Massimo!!!"

In effetti passando Massimo ha tirato giù mezzo scaffale con due dozzine di quaderni, varie scatole di pastelli e qualche libro.

Tutto ora giace scomposto sul pavimento come un enorme falò che aspetta.

"Maestra sembra la seconda guerra mondiale del 1532!"

 

 
 
 

Adulti vs bambini

Post n°973 pubblicato il 20 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

Ambulatorio medico.

Bambina di quattro anni con trentanove di febbre aspetta di essere visitata.

Agitata forse, chi non lo sarebbe.

Stanca forse, spaesata; vorrebbe essere a casa tranquilla, chi non lo vorrebbe con la febbre così alta.

Mi perdo il motivo e vedo solo il risultato: la piccola dà un morso alla sua mamma.

Non mi perdo però le parole che si scambiano dopo:

"Scusa mamma mi perdoni?" implora la bimba affranta.

"No!"

"Mamma mi perdoni, scusa!" è rinsecchita in un angolo, stretta dal rimorso e dalla vergogna della voce alta della mamma che risuona nella sala d'aspetto.

"E' andato via con le scuse il tuo morso? Eh? Guarda? E' andato via? No!

Allora non me ne frega niente delle tue scuse!

Spero che il dottore ti faccia un po' male così impari!

Non ti meriti niente!

Sei cattiva!"

Le ho trascritte subito le parole della mamma, anche se non si fa, ma almeno mi toglievo dall'imbarazzo di dover distogliere gli occhi dalla scena.

Lascio aperta la riflessione a ciascuno e consiglio la sempre bella lettura

"I bambini imparano quello che vivono" di Dorothy L. Nolte

 

 
 
 

Potere decisionale

Post n°972 pubblicato il 19 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

Al mondo ci sono i decisi e gli indecisi.

A volte gli uni servono agli altri, ma non sempre.

Carlo è uno deciso punto e basta.

Il problema è che spesso deborda oltre il suo confine e spesso non risulta simpatico.

Per Giulio, che teme la sua ombra, avere Carlo come amico è una sicurezza ma per Gabriel no.

Quando giocano o fanno un lavoro di gruppo, Gabriel deve sgomitare per far valere il suo pensiero e per avere autonomia di azione.

L'altro giorno Gabriel è scoppiato perchè Carlo aveva addirittura deciso se Gabriel avrebbe o meno mangiato la banana.

Il cielo in classe si è squarciato e Gabriel ha ululato:

"Basta!

Decido io a me!!!!"

 

 

 
 
 

Ma perchè?

Post n°971 pubblicato il 13 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

Hamed viene dal Marocco.

La sua maestra no.

Hamed è molto vivace.

La sua maestra molto calma.

Lui è allegro.

Lei nervosa.

Più lui è allegro, più lei si innervosisce.

Lui è desideroso di imparare.

Lei pensa di sapere tutto.

Hamed parla male l'italiano.

La maestra anche:

"Se non la smetti ti rimando dal paese da dove sei venuto!"

 
 
 

Per voce sola

Post n°970 pubblicato il 08 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

Questa è una storia vera.

Davide, consigliato dal neuropsichiatra infantile che lo segue, viene mandato in una scuola elementare pubblica a modulo per evitare il carico da quaranta ore settimanali.

Peccato che la suddetta scuola è conosciuta per lo snobismo dell'utenza che è la crème della crème della città, coloro che vanno in una scuola pubblica e ne dispongono come fosse una privata.

Gli insegnanti e il preside mal governano questi genitori e da anni si fanno sopraffare nelle scelte che non sono più troppo educative per i bambini.

La famiglia di Davide, in affanno per il piccolo da quando è nato e socialmente molto soli, si affidano e fidano totalmente di quello che dicono i servizi che intanto hanno fatto certificare il bambino.

Davide è un bimbo con un cognitivo un po' basso e qualche problema di socializzazione.

Con l'ingresso alla scuola dell'obbligo, la vita di Davide è a un crocevia, la situazione può rimanere uguale per lui, può migliorare o peggiorare.

Ma lo stato italiano, che vede nell'istruzione la ricchezza e la forza della nazione, non può essere responsabile di un peggioramento.

Quindi siamo tranquilli.

E' settembre e le foglie cadono arancioni sul marciapiede dove Davide, con il suo babbo e la sua mamma, aspetta che si apra il portone per il suo primo giorno di scuola.

Alla sera, sempre di quel primo giorno di scuola, nella casa di Davide arriva una telefonata.

E' la maestra di italiano che chiede la cortesia di lasciare a casa Davide il sabato per tutto l'anno scolastico.

La mamma risponde che la scuola è pubblica e che c'è l'obbligo di frequenza.

I cinque anni trascorrono tra le angherie più basse e solo un bambino russo, Dimitri, suo compagno di banco,permette a Davide di avere momenti lieti.

Alle medie tolgono il sostegno a Davide.

Alle superiori sceglie un indirizzo professionale che lo interessava molto.

Per altri cinque anni subisce maltrattamenti da parte dei compagni e quando vengono segnalati i fatti, i professori liquidano sempre la mamma con un " lei sa come sono i ragazzi".

Una vera e propia banda in stile mafioso si è divertita alle sua spalle con atti degni del miglior riformatorio.

La famiglia di Davide è esausta e troppo piccola per affrontare battaglie legali.

Intanto Davide perde anche Dimitri perchè in mezzo a loro si era messa la di lui fidanzata che non capiva nè Davide, nè il loro rapporto.

Dimitri, per il suo primo amore, rinnega l'amico per una biondina viziata.

Solo al mondo Davide fa l'esame di maturità e quello per la patente e poi si chiude definitivamente in casa, nella sua camera quattro metri per quattro con la connessione Wi.Fi. a sorreggerlo.

Ora Davide è un giovane uomo, sempre chiuso in quella camera in cui gioca tutta la notte a giochi on line e dorme fino a tardi la mattina.

Ha parole dure e vere sulla scuola e sulle persone che popolano il mondo a parte la sua famiglia piccola e quella più allargata. Davide ha di sè una grande consapevolezza e sa come, tutto quello che ha vissuto, ha determinato il suo essere oggi.

"Io dovevo sopravvivere, mi è scattato un istinto di sopravvivenza che ora tende alla mia conservazione. Non mi posso fidare di nessuno e non ho voglia di conoscere nessuno. Ho conosciuto troppe persone brutte. Io non alzavo dei muri verso gli altri ma degli scudi. Lo sai qual è la differenza? Il muro è definitivo, lo scudo lo puoi deporre."

"Ma se non esci dalla tua camera come fai a incontrare la gente."

"Purtroppo sono un orso bruno ormai, sto bene nella mia tana."

"La tua tana non ti basterà più prima o poi, la tua mamma non ci sarà sempre..."

"Saprò sopravvivere.

Il momento più duro è la notte quando mi arrivano i brutti pensieri

per questo gioco al computer e non penso più a nulla."

La mamma interviene:

"Mi dispiace aver parlato male degli insegnanti con lei che è..."

"Purtroppo signora, io so che quello che mi raccontate esiste, lo so che è vero e di questo mi vergogno e per questo combatto."

La scuola pubblica italiana è popolata da tanta brava gente ma anche da gente che di notte fa venire i brutti pensieri anche a me.

Basterebbe la storia di Davide per fare un punto e a capo.

Come Davide invece ce ne sono a migliaia che soffrono e non hanno trovato nella scuola un sostegno.

Quello che dico è che è ora di smettere di coprire chi non è insegnante in maniera degna, rispettosa, responsabile, competente e aperta a tutto quello che è lontanissimo, diversissimo e incompresibile da lui.

Basta a chi si nasconde dietro ad un lavoro comodo, certo con uno stipendio medio, ma con tante ferie.

Basta a chi fa della scuola un carrozzone dove tutto è uguale e fa lo stesso.

Basta usare la mortificazione come metodo educativo.

Basta bambini con il mal di testa e il vomito per l'angoscia della maestra e adolescenti che si suicidano davanti ai professori.

Davvero basta.

Basta agli adulti che sono causa di malessere e di odio vero e proprio.

In una carriera scolastica dell'obbligo si hanno non meno di quindici/venti insegnanti.

Arriviamo a trenta cone le superiori e a almeno cinquanta con la laurea.

Vi chiedo di pensare al vostro percorso scolastico e vedere se avete avuto cinquanta persone che hanno fatto il tifo per voi, che erano al vostro fianco, illuminati di passione pronti ad aprirvi nuovi orizzonti.

La media è di non poterne ricordare più di cinque. Spesso meno.

A tutto questo è ora di dare un taglio, smettendo di coprire chi fa della scuola il suo salotto di casa in cui tutto è permesso, compreso stare con le gambe in alto e fare zapping per decidere chi interrogare.

La scuola è un valore.

La scuola ha un grande valore nella vita di un essere umano e,

nel bene e nel male,

può determinarne il corso.

 
 
 

Avverbio di quantità

Post n°969 pubblicato il 06 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

I bambini spesso sono il prolungamento degli arti di noi adulti.

Sono gambe per andare a recuperarci qualcosa e braccia per tendercene altre quando non abbiamo voglia di alzarci.

Convinti che sia quasi un nostro diritto e un loro dovere.

"Maria mi passi i colori che sono sulla cattedra per favore?" chede la pigra maestra.

"Non ce n'è nessun po'!"risponde svelta l'alunna e nell'inciampo della sua frase la maestra ricorda chi è lei e chi sono loro.

 
 
 

Magia!

Post n°968 pubblicato il 05 Maggio 2014 da maestrapiccola
 

In prima elementare tutto arriva come una magia.

L'essere umano è in grado di imparare in fretta e bene, a parte casi particolari.

Ho già detto più volte che molti bambini hanno poco bisogno degli inseganti, basterebbe solo qualcuno che gli accendesse la luce per illuminare le nuove cose da imparare, il resto lo fanno da soli.

E questo è un bene perchè ci sono bambini che hanno molto bisogno di un affiancamento vero e solido ma lo Stato fa finta di niente e tira al ribasso concedendo sempre meno ore per fermarsi al pit-stop della mente.

Ma queste sono divagazioni e polemiche che qui non devono entrare; parliamo di Sofia piccole trecce che poco ha bisogno di una maestra perchè vede le cose da sola.

Per lei la lettura è stata immediata e dopo poca palestra è diventata presto piacere allo stato puro.

I primi mesi di palestra di lettura in una classe sono bellissimi perchè si sentono venti vocine che leggono tenendo il segno con il ditino. Non si rendono conto di quello che fanno, o meglio non sanno ancora che esiste la differenza tra lettura ad alta voce e lettura sileziosa solo con gli occhi.

Non lo sanno fino a che, per magia, arriva il giorno che capiscono che possono farlo anche senza sonoro.

"Maestra guarda!So leggere senza parlare!"

 
 
 

Piccolo buio va a teatro!

Post n°967 pubblicato il 29 Aprile 2014 da maestrapiccola
 

PICCOLO BUIO VA A TEATRO!
LO SPETTACOLO GIRA PER L'ITALIA.
CHI FOSSE INTERESSATO CONTATTI ME
maestrapiccola@gmail.com
O PAOLA MALGRATI DELL'UFFICIO STAMPA DE IL CASTORO:

ufficio.stampa@castoro-on-line.it

Grazie alla mia famiglia che si è fatta coinvolgere in tutto questo!

 

 
 
 

La vera gioia

Post n°966 pubblicato il 17 Aprile 2014 da maestrapiccola
 

"Io di uovi ne ho tre!"

"Be' capirai, io quattro!"

"E io allora più di voi:sette! Vuoi venire a casa mia a vederli se non ci credi?! C'ho anche quello che non è di cioccolata ma è tutto di gioco!"

"E io più di voi! Ne ho nove!2 dalla nonna,2 dall'altra nonna, 1 dallo zio, 1 dalla mamma, 1 dal papà, 1 dalla zia e uno dalla vicina di casa!!!"

"Io ce n'ho uno di uovi perchè ciò tanti fratelli, mica potevano riempirci la casa di uovi perchè non ci stavamo più sennò!"

 

il blog chiude e riapre il 5 maggio.

Passate una felice Pasqua

 
 
 

Anima fragile

Post n°965 pubblicato il 14 Aprile 2014 da maestrapiccola
 

Camilla è una margherita cuor contento.

Lei inconsapevolmente rianima le atmosfere.

Lei consola gli afflitti e sostiene chi ne ha bisogno.

Quando passa stende un raggio di luce che dà gioia.

Ha una sensibilità rara e non si abbatte mai.

Capisce quando e come intervenire per determinare una situazione.

Sono doti le sue, molto indipendenti dall'habitat in cui è cresciuta.

La trovo in un angolo con Michele che si guarda dal mondo perchè il pericolo lo mette molto a disagio.

Vedo che lei che parla e ogni tanto si ferma, lui annuisce e tira su con il naso.

Poi le lo abbraccia e lui fa dei respiri.

"Tutto bene voi due?"

Risponde lei, sicura:

"Maestra, lui si è preso uno spavento al cuore, ma adesso sta un po' meglio."

Non ho chiesto chi o che cosa lo avesse agitato, mi sembrava ininfluente, la terapia piuttosto mi sembrava efficace e delicatissima la diagnosi.

 

 
 
 

Via vai

Post n°964 pubblicato il 10 Aprile 2014 da maestrapiccola
 

La fine di qualcosa è dura per tutti.

Il tramonto è la parte del giorno che mette una sana malincona e ci fa sentire vivi nel malessere che esprime.

La scritta THE END alla fina di un cartone è sempre stata una batosta per tutti i bambini.

Ma così è, e quando una cosa finisce bisogna solo pensare che ne arriverà una nuova.

Mi guarda Michela con la moccola al naso, ho già il cappotto addosso e la campana è suonata.

Loro andranno a mensa con una supplente e lei mi guarda dalla fila, poi esce un pochino e mi dice piano:

"Non voglio che vadi via!"

 

Sono andata comunque via, ma l'ho portata un po' con me.

 
 
 

Passaggi

Post n°963 pubblicato il 09 Aprile 2014 da maestrapiccola
 

Ogni lavoro è nobile.

I segretari sono indispensabili aiutanti in qualunque professione.

Una memoria in più, un occhio e uno sguardo che servono per completare la panoramica.

"Michele mi ricordi dopo la ricreazione che dobbiamo fare quella cosa..."

Dopo la ricreazione.

"Maestra devi fare quella cosa..."

"Bravo! Come hai fatto a ricordarti, io me l'ero già scordata!"

"Sono passato nella tua mente e te l'ho ricordato!"

 
 
 
Successivi »
 

CHISSA' SE OGGI INCONTRERO' IL LUPO?

PICCOLO BUIO

A tutti quelli che hanno paura del buio

nella speranza che arrivino

al più presto grandi luci!

Cristina Petit- Ed. IL CASTORO

 

Cristina Petit

PRESEPE IN CALAMITA

EDB junior

 

 

Cristina Petit

VOLO VIA

Valentina Edizioni

 

Cristina Petit

CONVERSAZIONI PICCOLE

Mamma perchè vai a lavorare?

Cos'è un amore lungo lungo?

Dov'è andato il nonno?

San Paolo Edizioni

 

Cristina Petit

CI SONO BAMBINI E BAMBINE!

Valentina Edizioni

 

Cristina Petit

DIRE FARE GIOCARE

Ed. Bacchilega Junior

IL MOSAICO

 

Cristina Petit

IGNAZIO CHE NON CI VEDEVA BENE

Ed.Bacchilega junior

http://www.ilmosaicocooperativa.com/ed_libricini_ignazio.html

 

Cristina Petit

UN BUCO NEL CIELO

ed.SONDA

http://www.sonda.it/

 

Grazie a tutti voi lettori del blog.

Avete dato senso al mio scrivere,

e ora,

sono diventata una persona di carta.

 

MAIL

maestrapiccola@gmail.com

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tizianasortinoguiduccio.ballatimaurizio.gregorianogiovannademaurizio.antonellitestata_vucciriaflavio.strepparavadamianoprovenzianicantata147anna.trepattytatmarcosilviadeagatta80ila.91SOSMAMMA
 

ULTIMI COMMENTI

Cara MaestraPiccola, oggi, mentre guidavo per andare a...
Inviato da: mammapantana
il 27/08/2014 alle 12:20
 
Bella questa: il venerdì è il giorno più stanco della mia...
Inviato da: mammapantana
il 27/08/2014 alle 12:11
 
i bambini nella loro spontaneità sembrano dei geni. Ma...
Inviato da: mammapantana
il 27/08/2014 alle 12:02
 
Povero Davide. Anche io conosco alcuni "Davide"....
Inviato da: mammapantana
il 27/08/2014 alle 11:33
 
Questa vita, perchè altro non è, mi ha fatto venire le...
Inviato da: Lorenzo
il 27/08/2014 alle 11:02