Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo puņ perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Catalogna, gli opposti f...

Ischia sequestrata in casa dal G7

Post n°2024 pubblicato il 12 Ottobre 2017 da massimocoppa
 

Un rituale scenografico ed inutile che sconvolge
la quotidianità dei cittadini

ISCHIA SEQUESTRATA IN CASA DAL G7

Sono anni che, ad ogni riunione dei ministri o capi di Stato o di governo del G7, mi domando perché non decidano di incontrarsi su di una portaerei in mezzo al mare.

Sarebbe una soluzione ottimale in tutti i sensi: dal punto di vista dell’antiterrorismo, perché gli statisti sarebbero ben protetti da un fortino supercorazzato e con una formidabile potenza di fuoco; per quanto concerne l’ordine pubblico, perché sarebbe impossibile organizzare manifestazioni pacifiche o violente da parte di no global, no TAV, black bloc, centri sociali eccetera; e sarebbe un’ottima soluzione, infine, anche per i cittadini, che non vedrebbero la loro quotidianità sconvolta per giorni e giorni.

Il 19 ed il 20 ottobre la riunione dei ministri dell’Interno dei maggiori Stati del mondo occidentale si terrà nel mio paese: l’isola d’Ischia.

Più precisamente, nel Comune di Ischia (l’isola è composta da ben sei enti locali).

Ebbene, già dal 14 ottobre scatterà un dispositivo di difesa che sconvolgerà la vita di almeno la metà dei residenti di questo Comune, oltre – indirettamente – a quella di moltissimi abitanti del resto dell’isola che hanno bisogno di relazionarsi con il Comune capoluogo per motivi di lavoro, affettivi, burocratici, sanitari e commerciali.

La maggior parte delle strade principali, e strade secondarie collegate, saranno interdette alla circolazione, alla fermata ed alla sosta dei veicoli; anche i pedoni saranno instradati su percorsi obbligati e rigidamente controllati: uno scenario desertico per consentire a “lor signori” di giocare a fare i decisori del mondo.

Pare che il ministro dell’Interno italiano, Minniti, abbia voluto portare il consesso ad Ischia per rilanciarne l’immagine, appannata dopo il terremoto che ha colpito una piccola porzione del Comune di Casamicciola Terme.

Ma mi domando: in che senso viene rilanciata l’immagine di Ischia? Certo, tutti i mass media del mondo parleranno di un G7 che si tiene nella maggiore delle isole partenopee, e questo ne farà girare il nome nei cinque continenti. Ma cosa mostreranno le immagini? Strade deserte e blindate, cecchini sui tetti, corpi speciali in mare e lungo la costa, batterie portatili di missili antiaerei, centinaia di militari, poliziotti e Carabinieri dispiegati dovunque: uno scenario di guerra.

Noi isolani, in quei giorni, dovremo camminare a piedi anche per andare al lavoro. E questo su di un territorio che non è proprio piccolissimo, complessivamente ammontando a 46 chilometri quadrati.

Già si sente dire che le scuole chiuderanno, e gli uffici pubblici stanno valutando il da farsi. Ovviamente gli sbarchi saranno super-controllati, per impedire ai manifestanti di raggiungere l’isola.

Insomma, si sequestra una comunità intera per consentire un rituale scenografico ma apparentemente inutile, soprattutto oggigiorno che si potrebbe organizzare un summit anche in videoconferenza…

Per cui, in conclusione, mi verrebbe da dire al ministro Minniti: grazie per il pensiero, ma il G7 portatelo da un’altra parte.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog