Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« “Ottobre Rosso” diventa ...L’extracomunitario socco... »

L’inno nazionale italiano passa da abusivo ad ufficiale…

Post n°2026 pubblicato il 16 Novembre 2017 da massimocoppa
 

L’INNO NAZIONALE ITALIANO PASSA DA ABUSIVO
AD UFFICIALE…

Chi l’avrebbe mai detto che l’inno nazionale italiano fosse… abusivo?!

Eppure, è proprio così.

Il cosiddetto “Inno di Mameli”, che sentiamo risuonare negli eventi sportivi o cerimoniali, e che ci è (o ci dovrebbe) essere molto familiare (anche se moltissime persone non ne conoscono i versi), ufficialmente si chiama “Canto degli italiani” e la musica fu scritta nel 1847 da Michele Novaro, con testi del patriota italiano Goffredo Mameli. In realtà si dice che, a sua volta, Mameli avrebbe plagiato un testo altrui, ma sul punto la questione è dibattuta.

In ogni caso, l’esecuzione della famosa marcetta, che risuona ad ogni evento dove siano rappresentati ufficialmente i colori nazionali, era solo provvisoriamente autorizzata. Fu lo statista Alcide De Gasperi, nel 1946, a consentirne la temporanea esecuzione.

Come nel classico costume italico, la provvisorietà è diventata definitiva, ma restava, in teoria, precaria.

Adesso un deputato del PD, Umberto D’Ottavio, è riuscito a far diventare ufficiale e definitivo l’uso dell’”Inno di Mameli” grazie ad una decisione in sede legiferante delle Commissioni Affari Costituzionali di Camera e Senato. Una decisione bipartisan: a favore anche Forza Italia e Fratelli d’Italia, mentre Grillini e Lega si sono astenuti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/massimocoppa/trackback.php?msg=13584161

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 16/11/17 alle 15:12 via WEB
Capisco i legaioli, ma i grillini perchè si sono astenuti? Comunque, se nel frattempo venisse restaurata la casa in cui nacque Mameli, nella zona medievale di Genova, non sarebbe male.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/11/17 alle 09:32 via WEB
sicuramente si dovrebbe fare anche quello!
(Rispondi)
 
pompucci_1936
pompucci_1936 il 16/11/17 alle 15:21 via WEB
Fra abusivo e provvisorio c'è una certa differenza. In realtà molti italiani pensarono, e molti ancora pensano, che il testo fosse troppo enfatico e la musica al contrario troppo da banda di paese. Ormai dopo tutto il tempo passato come provvisorio, l'inno di Mameli è associato all'Italia e quindi tanto valeva fosse l'inno definitivo.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/11/17 alle 09:33 via WEB
ti dico la verità, a me non è mai piaciuto molto. In quella polemica di tanti anni fa, in cui addirittura si pensò di fare un referendum consultivo, io propendevo per l'ipotesi "Va' pensiero", dal "Nabucco" di Verdi
(Rispondi)
 
aldogiorno
aldogiorno il 16/11/17 alle 17:06 via WEB
CIAO MASSIMO, E' SEMPRE STATO ABUSIVO, ORA VOGLIO FAR CREDERE CHE STANNO FACCENDO QUALCOSA DI BUONO, MA CHI CI CREDE E' UN ALLOCCO, CIAO MASSIMO , ALDO.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/11/17 alle 09:33 via WEB
effettivamente ci sarebbero problemi un "attimino" più urgenti...
(Rispondi)
 
nagi51
nagi51 il 16/11/17 alle 22:33 via WEB
Meno male ...rischievamo di non avere più nemmeno l'inno nazionale ..basta che qualcuno si alzasse con la luna storta!!! ...buonanotte ..
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/11/17 alle 09:34 via WEB
dici che si poteva fare qualche ricorso al TAR? ci sarebbe mancato solo questo!
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 17/11/17 alle 08:19 via WEB
Ah non lo sapevo :) interessante. Grazie :) Buon fine settimana
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 17/11/17 alle 09:34 via WEB
buon week-end a te
(Rispondi)
 
paperino61to
paperino61to il 17/11/17 alle 10:08 via WEB
Sono rimasto basito quando ho sentito questa notizia...certo che poi non stupiamoci se le cose serie in questo paese ci mettono secoli per essere approvate,se per un inno hanno impiegato tutti questi anni...mah...buon fine settimana ciao
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 18/11/17 alle 08:47 via WEB
in effetti... buon week-end a te
(Rispondi)
 
riccardo081257
riccardo081257 il 17/11/17 alle 17:15 via WEB
A me non è mai piaciuto molto; Quella frase "fuori lo straniero" in tempi di pace stona moltissimo.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 18/11/17 alle 08:48 via WEB
ma si riferiva alla presenza oppressiva di potenze straniere in Italia, per cui era più che giustificato
(Rispondi)
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 18/11/17 alle 00:06 via WEB
Di certo hanno fatto un "duro" lavoro per "regolarizzare" la faccenda!

(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 18/11/17 alle 08:49 via WEB
me li immagino...
(Rispondi)
 
Vince198
Vince198 il 18/11/17 alle 00:46 via WEB
Quel "sì" finale, se ben ricordo, lo fece aggiungere il tizio di Predappio .. ahahaha .. Non piace molto neanche a me questo inno, però se penso che chi lo compose lo fece a soli 20 anni di età, mi faccio tanto di cappello e lo canto, quando se ne presenta l'occasione. Detto questo di altri inni di partiti etc. onestamente non me ne può importar di meno ^____^
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 18/11/17 alle 08:49 via WEB
non sapevo dell'aggiunta mussoliniana!
(Rispondi)
 
MARGO129
MARGO129 il 18/11/17 alle 09:29 via WEB
Anche questo rientra nella normalità Italiana.. sarebbe strano il contrario... In fondo grazie ai nostri politici anche noi siamo precari a casa nostra e fra non molto anche ospiti.. sempre a casa nostra... Buon weeKend ...
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 19/11/17 alle 10:33 via WEB
e non mi fare la leghista pure tu...
(Rispondi)
 
 
 
MARGO129
MARGO129 il 19/11/17 alle 12:05 via WEB
Se ci fosse un referendum voterei l'inno di Mameli nonostante tutto ...
(Rispondi)
 
ninograg1
ninograg1 il 19/11/17 alle 11:14 via WEB
a me non piace.... avrei preferito altri che mi davano più il fervorino: questo pare na marcetta ma capisco il motivo.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 20/11/17 alle 10:18 via WEB
ho scritto che mi sarebbe piaciuto più il "Va' pensiero"
(Rispondi)
 
dolcesettembre.1
dolcesettembre.1 il 20/11/17 alle 13:58 via WEB
Meno male, era ora che l'inno nazionale diventasse ufficiale. Grazie per la tua richiesta di amicizia. Ciao. :-) Dolce
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 21/11/17 alle 10:55 via WEB
grazie a te per averla accettata!
(Rispondi)
 
maresogno67
maresogno67 il 20/11/17 alle 19:29 via WEB
sembra il surrealismo all'italiana
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 21/11/17 alle 10:55 via WEB
proprio!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Angelo il 22/11/17 alle 01:38 via WEB
stesso discorso per lo stellone italiano che si vede sulle mostrine dei nostri soldati...pure quello e' provvisorio.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 22/11/17 alle 12:43 via WEB
davvero?! incredibile!
(Rispondi)
 
mauriziocamagna
mauriziocamagna il 22/11/17 alle 21:42 via WEB
ma pensa te, con tùt quel che ghè da fè...... certo che confronto a quello che voleva far istituzionale il regal pompino....
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 23/11/17 alle 12:44 via WEB
che paragone!
(Rispondi)
 
giampi1966
giampi1966 il 24/11/17 alle 16:26 via WEB
Ormai non so dire se sia bello, mi ci sono affezionato e mi fa emozionare, quindi viva l'inno
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 25/11/17 alle 20:19 via WEB
ah, se è per questo mi ci sono affezionato anch'io!
(Rispondi)
 
rteo1
rteo1 il 25/11/17 alle 19:27 via WEB
Hai ragione. In Italia non c'è nulla di più definitivo del provvisorio. L'inno, però, era ed è una cosa seria, perchè, piaccia oppure no, costituisce un simbolo dello Stato-Comunità, come peraltro la bandiera (anche questa, in verità, è stata messa in Costituzione soltanto in epoca alquanto recente, così come Roma Capitale).Se non ricorso male qualche anno addietro il problema si pose, ma si stava vivendo la fase della "secessione padana", con l'occupazione di Piazza San Marco con una cinquecento camuffata da carrarmato (roba da barzellette). Tra Gli italiani si animarono anche accesi dibattiti, tra i pro e i contro, ma anche tra coloro che proponevano delle novità (come l'aria del Nabucco di Verdi, va pensiero). Se vuoi, però, sapere il mio pensiero riguardo agli inni ti dico che ne vorrei uno solo Universale. L'inno dei popoli della terra (e se non ti apparissi esagerato direi anche una sola bandiera universale).Dammi dell'utopista, ma è ciò che vorrei.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 25/11/17 alle 20:19 via WEB
e sì che ti do dell'utopista! :-)
(Rispondi)
 
skipper007
skipper007 il 28/11/17 alle 14:05 via WEB
e si a quanto pare le note sono di Michele Novaro e le parole di Mameli. Per quanto possa sembrare strano, in verità la legge ha eletto Il Canto degli Italiani come il nostro inno nazionale solo nel 2005. Più volte rischiò di essere soppiantato da altre canzoni: al principio era spesso cantata Giovinezza al suo posto; dopo l’armistizio del 1943 fu adottata provvisoriamente La canzone del Piave. Nel 1946 ritornò l’inno di Mameli, ma non fu stabilito sotto forma di legge.
(Rispondi)
 
 
massimocoppa
massimocoppa il 28/11/17 alle 19:07 via WEB
grazie per questo excursus
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.