Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

Messaggi di Marzo 2018

 

La storia, malata grave della scuola italiana

Post n°2034 pubblicato il 26 Marzo 2018 da massimocoppa
 

 

LA STORIA, MALATA GRAVE DELLA SCUOLA ITALIANA

Un articolo apparso sul supplemento culturale domenicale del “Sole 24 Ore”, con il suo interessante (seppur incidentale) rimando ad un altro articolo comparso sulla rivista “Il Mulino”, mi dà l’occasione per parlare del livello attuale della scuola italiana e della preparazione che gli studenti “sfoggiano” (diciamo così).

Per colpa della riforma Gelmini, da dieci anni l’insegnamento della storia si è ristretto in tutte le scuole di ogni ordine e grado, sconvolgendo le elementari.

Ricordo benissimo che alla scuola elementare il mio “Sussidiario” arrivava perlomeno al Risorgimento italiano. Oggi si studia solo fino a Roma antica. Dovrebbe poi essere la scuola media a far arrivare i ragazzi ai giorni nostri, e quindi la scuola superiore a far approfondire. I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

L’articolo del “Mulino” è leggibile QUI.

Da anni constato che le nuove generazioni, molto più delle vecchie, sono assolutamente manchevoli nella conoscenza storica, e massimamente nella storia contemporanea. Gli strafalcioni su periodi, personaggi, date, fatti e circostanze sono assai diffusi: l’ignoranza e la confusione regnano quasi sovrane.

Non di rado appaiono conferme di questa impressione: il giorno del quarantesimo anniversario del rapimento di Aldo Moro ad opera delle Brigate Rosse, il “Mattino” ha intervistato gli studenti in uscita da un famoso liceo di Napoli: solo uno sapeva chi fosse Aldo Moro; qualcun altro l’ha confuso con il cantante Fabrizio Moro; la maggior parte ha fatto spallucce adducendo come scusa che “con i programmi scolastici arriviamo a stento alla seconda guerra mondiale”.

Ecco la cosa che fa più male: non solo l’inefficienza totale della scuola italiana, che provoca l’ignoranza degli studenti come risultato, quanto la strafottenza degli stessi verso le loro vistose lacune.

Una volta si aveva vergogna dell’ignoranza; oggi con l’ignoranza si diventa deputati…

Giovanni Bianconi, sul “Corriere della Sera”, ha fatto un tour sui luoghi romani interessati dal sequestro Moro: via Fani, via Montalcini, via Gradoli ecc.

Nell’appartamento che ospitava un covo secondario delle Brigate Rosse oggi soggiornano alcune studentesse universitarie in affitto. Ebbene, alla richiesta del cronista di entrare per guardare i luoghi hanno risposto duramente: “E noi che c’entriamo? Non sappiamo niente!”, chiudendogli la porta in faccia.

Ecco: questo è il livello culturale ed emozionale degli universitari, figuriamoci il resto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso