Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

tiffanplfrankromansavvmariasavianomonellaccio19antonio.pignalosaNuvola_volanina.monamourpip76valemsifrancesco.cante43ranocchia56matymaty1f.gorbiannamassarelli1g.paleino
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 13/04/2017

OGNI COSA A SUO TEMPO

Post n°2178 pubblicato il 13 Aprile 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per ragazze giovani in cinta

 

Ecco un caso che dovrebbe indurci a qualche maggiore riflessione. In una scuola media di Treviso, due studentesse di 12 e 13 anni, sono rimaste incinta. Caso unico, ma soprattutto sorprende la giovane età delle due ragazzine. Contrariamente a quanto siamo soliti sentire, in questo caso non c'è da sospettare nemmeno sul ceto sociale e sull'etnia: le due neo mamme, oltre a decidere di continuare la gravidanza, sono italianissime e di famiglie medio borghesi.  Quindi, nessun pregiudizio, nessuna possibilità di attribuire colpe dovute all'ignoranza, all'indigenza e alla provenienza da nazioni più degradate della nostra. Il primo shock l'hanno vissuto le due famiglie, le due classi e la scuola tutta con il corpo insegnante. Una esperienza unica che ha disorientato tutti i coinvolti in questa faccenda bella da un lato (la maternità è sempre bella) ma traumatizzante dall'altro. Eravamo abituati ad essere coinvolti da studentesse delle superiori incinte, e non da ragazzine di scuola media. Intanto una famiglia con la ragazzina ha lasciato la città e non si hanno notizie, l'altra invece, dopo lo spiazzamento iniziale, ha accettato la situazione e l'alunna ha continuato gli studi. A breve sia l'una che l'altra porteranno a termine le gestazioni. Della ragazza rimasta in città si sa che il fidanzatino sia un ragazzo di 15 anni di origini rom. Quadro perfetto direi, a parte l'età delle ragazze. E qui sorgono le domande spontanee: quanto facciamo in famiglia e a scuola per preparare i giovanissimi al sesso? Sono abbastanza informati sulle conseguenze che posso scaturire se fanno sesso non protetto? Parliamo poco? Parliamo molto e loro non stanno a sentirci, visto che sempre più spesso ora stiano accadendo incidenti di percorso? Dobbiamo insistere, andiamo su, a 12 e 13 anni ci possono essere le prime infatuazioni, i primi innamoramenti, ma non si può cancellare la gioventù, gli anni più belli da impiegare diversamente e con altri scopi, "rovinandoli" con una gravidanza da portare a termine. Capiscano i giovani che per quell'incidente troppo prematuro, è come se saltassero un bel po' di anni cancellandoli dalla loro vita sociale e naturale. Spesso istinto e sprovvedutezza, lasciano segni che durano nel tempo. Può la nascita di un figlio appagare una ragazzina di 12 o 13 anni fino a negare la perdita degli più belli?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OGGI LA RESA DEI...CONTI?

Post n°2177 pubblicato il 13 Aprile 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per carlo conti

 

Oggi è il giorno della verità, oggi sapremo quanto siamo fessi e pecoroni pronti ad accettare le imposizioni, i ricatti e le sconce richieste di danaro dei nostri beniamini della tv. Oggi dopo il CdA della RAI, sapremo se finalmente in Italia ci saranno speranze e aspettative perché i tabù comincino a crollare. Sapete tutti della legge che i compensi della RAI non devono superare i 240 mila euro all'anno, sapete pure che una dozzina circa di personaggi della nostra tv, tra giornalisti e intrattenitori,  si sono subito innervositi mostrando malessere al solo pensiero che qualcuno metta mano nelle loro tasche e nei loro compensi. I nomi li conoscete, Conti e Fazio sarebbero i più colpiti da tale disposizione e ne avrebbero ben donde, infatti hanno reagito malamente a una eventuale decisione che comprometterebbe molto i loro gruzzoletti: Conti con i suoi 650 mila euro, Fazio con i 2 milioni di euro. Degli "imputati" solo la Lucia Annunziata, ha subito lasciato intendere che lei non farà obiezioni e accetterà il ribasso a 240 mila euro; lei è come una cabriolet: bella scoperta...per un programma che dura mezz'ora anche quella cifra è mostruosa e per averne conferma, chiedere ad un operaio che si fa il mazzo tutto l'anno! Restano ora tutti gli altri in sospeso e con la resa dei conti in atto, sono proprio curioso di vedere come va a finire per Giletti, la Clerici (sic) e altri ancora piazzati sul libro paga della RAI con cifre da capogiro e molto più alte del tetto indicato. Ovvero, non si tratta di modeste sforbiciate, qui sono in gioco compensi intorno ai 400/600 euro più o meno, escludendo Conti e Fazio. Se passa l'abbassamento vorrà dire che questa volta gli italiani abbiano fatto paura alla RAI e al governo e quindi un adeguamento che rispetti anche il nostro obolo annuale chiamato canone. A tale proposito vi riporto un brutto episodio che connota l'aria amara che tira verso questi signori che non ci starebbero a farsi fregare  da noi poveri contribuenti: Conti ha lanciato dalla sua pagina Facebook, la solita campagna per donare due euro per la ricerca. Ebbene, come non mai, il popolo FB si è scatenato contro il "moretto" inondando di contumelie, offese gravi e bestemmie la sua pagina, la quale è stata chiusa no per mancanza di spazio per contenere tutto lo scibile che si sia versato, ma proprio per la durezze, lo squallore, la gravità e la bassezza delle offese rivolte al Carlo Nazionale reo di chiedere donazioni, quando poi proprio lui lavori per cifre stratosferiche. Non sono d'accordo su questo tipo di aggressioni, tra l'altro mi pare che Conti abbia distratto dal suo compenso, 100 mila euro per i terremotati, ma pur non condividendo tale atteggiamento della rete, mi piace rammentare a Vespa e compagni che la gente a lungo andare, si rompa i gorgioni sopportando le vostre pretese e le vostre folli richieste. Ricordate sempre che c'è gente che lavori più di voi e prenda molto, ma molto meno di voi: e non vi nascondete dietro il vostro saper fare, le vostre capacità intellettive e tutte le cazzate per dire che siete di un altro livello. I compensi, è vero, si proporzionano alle capacità professionali e nessuno vi vieta di incassare più di un operaio specializzato, ma il troppo storpia e la gente non ne può più. Vediamo come andrà oggi e sapremo finalmente chi comanda in Italia!

 
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso