Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

ambradistelleITALIANOinATTESASono44gattinfilax6.2Nuvola_volamonellaccio19g1b9e_d_e_l_w_e_i_s_sdivinacreatura59almestranocchia56mariateresa.savinoaldogiornoSpiky03cas.li
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 02/04/2018

IL CAFFE' FA MALE: E' CANCEROGENO

Post n°2827 pubblicato il 02 Aprile 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per bella donna  e caffè



Ehi voi, immaginate di entrare nel vostro solito bar e di ordinare il solito caffè. Il barista esegue e vi pone la tazzina davanti. C'è qualcosa che vi incuriosisce, una scritta sulla tazza: "Nuoce alla salute e può provocare il cancro". Azzarola! Così, all'improvviso vi trovate come accade per le sigarette, di fronte ad un consiglio mascherato da avvertimento. La ragione  che abbia indotto un giudice californiano a "bandire" il caffè, è  fornita dall'acrilamide, una sostanza cancerogena che si crea e si diffonde nella fase della tostatura. Poiché la legge di quello stato prevede che in presenza di sostanza che potrebbero provocare il cancro sia indicato sulle confezioni, il giudice di Los Angeles ha preventivamente obbligato i produttori a  porre la scritta malefica su tutte le confezioni. Orbene, tanto per non fare terrorismo, cominciamo col dire che nulla sia accertato, nulla sia ancora chiaro ed evidente; si lavora per stabilire definitivamente quali mali possa provocare l'acrilamide all'uomo, alla donna e al feto. Una cosa è certa: già il caffè in America lo si può definire un beverone d'acqua marrò tendente al nero; una brutta copia di ciò che siamo abituati a sorseggiare noi italiani. Inoltre, vanno in giro con questi bicchieroni in cartongesso che impressionano solo chi li vede: "Ma che caxxo c'è dentro?". E infine, lo bevono con la...cannuccia. Ecco io porterei avanti il divieto di consumare caffè senza la paura della sostanza cancerogena: è pericoloso già da se berlo in quelle condizioni assurde. Poi la grande catena "Starbucks", padrona del mercato americano del caffè ...ops...della brodaglia di cui sopra, per il momento tace, nessun segnale e aspetta evidentemente una definitiva ingiunzione giudiziaria.  Ora giriamo la medaglia perché in fondo è questa la vera notizia che volevo darvi: il caffè (massimo tre tazzine al giorno) quello forte che piace a noi italiani, fa bene al cuore, previene gli infarti e le calcificazioni arteriose. Beh questa è la rete amici miei, passiamo da una notizia all'altra: la stessa, esattamente al contrario. Allora, 'sto caffè che fa? Si può bere o non si può bere? In California pare di no e si attendono riscontri definitivi, in Brasile lo studio portato avanti dalla Università di San Paolo, ci indica che il caffè non faccia male e se consumato entro le tre tazzine al giorno, può solo aiutare a star bene. Adesso scopriremo che a far male siano tutte quelle cose di cui abusiamo normalmente! Pertanto, io continuo ad entrare nel mio bar per prendere uno dei due caffè giornalieri che mi permetto al mattino intorno alla 10 e il pomeriggio intorno alle 16. Voi fate come vi pare. Del fumo parliamo una altra volta, altrimenti vi spaventate!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso