Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Ultime visite al Blog

mare.bosco2017rudomontfrancocl_1956cercavoteforsedevivobmaracicciapat2017tinnamoreraitinaesposito71ddaniele30vangel_13fireman1955stradellatrentoyeritzadukessadelacroix
 
Citazioni nei Blog Amici: 799
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultimi commenti

Buon weekend Giu' ;)
Inviato da: geishaxcaso
il 25/03/2017 alle 15:13
 
Davvero è una cantante? Ma dove vivo? :(
Inviato da: geishaxcaso
il 25/03/2017 alle 15:12
 
vado..buon sabato Giu..^___^
Inviato da: maraciccia
il 25/03/2017 alle 15:04
 
Avrei più paura di rimanere chiusa dentro la stanza...
Inviato da: maraciccia
il 25/03/2017 alle 15:03
 
Tutto resta uguale ma peggiora un po'?
Inviato da: geishaxcaso
il 25/03/2017 alle 07:32
 
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 799
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 
« SCANDALO A CORTE, IL PRI...BIMBA CULLATA.... NELLA... »

OVUNQUE SI RECITA IL REQUIEM DEL TALAMO, IL DE PROFUNDIS DELLA LIBIDO, LA FINE DELL' EROS

Post n°9057 pubblicato il 15 Marzo 2017 da psicologiaforense

Le immagini di femminile e maschile si stanno trasformando. Il LIBIDOGRAMMA PIATTO è dovuto da un lato alla nostra cultura “usa e getta”, dove il tempo iperaccelerato “non ha mai tempo” e dove si vive soprattutto all'esterno, per la carriera, per arrivare a possedere “le cose”, per mostrare di sé un' immagine sempre vincente e poco o nulla si concede all' immaginario più intimo; dall’altro ai siti Internet che mettono in vetrina immagini capaci di soddisfare qualsiasi voglia, ad una pubblicità sempre più infarcita di situazioni «forti». Sotto questo profilo, web, letteratura, pubblicità, moda, cinema e tv hanno un tratto in comune: raccontano la fine del desiderio sottraendo terreno alla dimensione del sogno, della fantasia. Così si guarda, ma non si immagina più. Inoltre, l'amore si basa sul piacere, sul desiderio, sulla seduzione. Invece oggi anche un' avventura “trasgressiva” è meno eccitante. Due sguardi che s' incrociano, poche frasi e si finisce a letto. Tutto scontato, tutto in fretta, tutto sempre più “già visto e già fatto”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog