Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Ultime visite al Blog

argento_giuseppemare.bosco2017nzinodgliogiampiero.colantoniGiuseppeLivioL2fagiolone73magabodigimaxidoda77fpat2017carmelanettiafef11tancrediamatofalco1941
 
Citazioni nei Blog Amici: 799
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultimi commenti

L'8 luglio 2014 la rapper Iggy Azalea estrae come...
Inviato da: pat2017
il 26/03/2017 alle 19:55
 
Dopo aver recitato una piccola parte nella pellicola Fast...
Inviato da: pat2017
il 26/03/2017 alle 19:54
 
Rita Sahatçiu Ora, nata Rita Sahatçiu (Pristina, 26...
Inviato da: mare.bosco2017
il 26/03/2017 alle 19:52
 
Rita Ora possiede un'estensione vocale da...
Inviato da: mare.bosco2017
il 26/03/2017 alle 19:51
 
Buon weekend Giu' ;)
Inviato da: geishaxcaso
il 25/03/2017 alle 15:13
 
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 799
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 

RITA ORA, QUESTA PANIC ROOM MI PERMETTE DI CONTINUARE A VIVERE QUI

Post n°9081 pubblicato il 25 Marzo 2017 da psicologiaforense

La famosa cantante Rita Ora si è fatta creare una "panic room" nella sua casa di Londra dopo una recente "visita" dei ladri.

Riferisce il Daily Mail: "Rita è ancora incredibilmente scossa e continua ad avere orrendi incubi riguardo quella notte. Sebbene il colpevole sia in galera, questo non ha rasserenato la sua mente e sta vivendo nella paura costante che la cosa possa ripetersi".

La cantante ha così deciso di aumentare la sicurezza della sua abitazione, spendendo 25.000 euro, per attrezzare una stanza dove rinchiudersi in caso di emergenza. In buona sostanza, se preme un bottone, una enorme parete d'acciaio scende dal soffitto mettendola al sicuro da eventuali intrusi. Può poi chiamare la polizia e nessuno può toccarla. E' stata un'operazione costosa, ma la sicurezza non ha prezzo", ha concluso la ragazza

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CLAMOROSO, COSTANZO PARAGONA LA PEREGO AL NOBEL DARIO FO

Post n°9080 pubblicato il 24 Marzo 2017 da psicologiaforense

"La memoria non può non correre a Canzonissima, quando Dario Fo e Franca Rame vennero censurati perché avevano intonato una canzone sovversiva. Mi chiedo perciò se non c'era modo di discutere della trasmissione in qualche modo..."

Non si placa l'eco delle polemiche sulla trasmissione 'Parliamone Sabato', chiusa dalla Rai dopo il caso 'donne dell'Est'. Adesso a dire la sua è uno che di tv se ne intende, Maurizio Costanzo: "'Parliamone Sabato' l'avevo visto e non mi aveva impressionato. Infatti sono rimasto molto colpito quando in serata dalle agenzie ho saputo di una serie di deputate che protestavano, e mi sono stupito ancora di più quando ho letto della cancellazione del programma"  (...)

"Molti oggi si chiedono perché la Perego debba pagare questo conto in prima persona. L'atmosfera mi è piaciuta poco, io non sono abituato a discutere certe decisioni, certo si è trattato di una mossa un po' forte".

"Io non soffro di dietrologia, ma sinceramente continuo a chiedermi se c'è altro dietro questa censura immediata e forte. Lo dico perché il gesto è stato così poco italiano. Da noi di solito si dice: 'Vediamo, pensiamo, facciamo...'. Magari si minaccia: 'Se lo fai un'altra volta...'. Diciamo la verità: parlavano di donne ucraine che piacciono agli uomini, niente di nuovo...", ha concluso Costanzo.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Morto il mitico presentatore dello Zecchino d'Oro, addio a Cino Tortorella

Post n°9079 pubblicato il 23 Marzo 2017 da psicologiaforense

 

Si è spento a 89 anni a Milano, Felice "Cino" Tortorella per mezzo secolo (dalla prima alla 51esima edizione) ideatore, scrittore e volto del concorso canoro infantile dello Zecchino d'oro.

Inizialmente sul palco nei panni del personaggio teatrale del Mago Zurlì (dell'omonima pièce), ha poi deciso di utilizzare il suo nome e cognome. Amara la sua chiusura con il festival e con il Coro dell'Antoniano di Bologna con i quali c'è anche stata una causa legale. Per anni, inoltre, è stato anche spalla del mitico Topo Gigio.

Fra le sue altre produzioni televisive ricordiamo "Bravo bravissimo", "La luna nel pozzo" e "Il grillo parlante" (con Beppe Grillo).

Tortorella avrebbe compiuto 90 anni il prossimo 27 giugno.


NOTA INTEGRATIVA

L’Antoniano «si stringe attorno alla famiglia di Cino Tortorella, che vogliamo ricordare con la sua calzamaglia azzurra mentre sorride immerso tra i bambini». Il 60° Zecchino d’Oro, in programma in autunno, «sarà senz’altro occasione di ricordarlo nel modo migliore». «Ideatore - ricorda l’Antoniano - di una trasmissione che continua ad andare in onda dopo sessant’anni, creando ogni anno un repertorio sempre più vasto di canzoni per l’infanzia, Cino fu anche promotore del Fiore della Solidarietà - oggi Cuore dello Zecchino d’Oro - progetto a sostegno dei più bisognosi che ogni edizione si accompagna al premio musicale, e che ancora oggi è attivo ogni giorno grazie al lavoro di Antoniano onlus».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SELENA GOMEZ, MAI DEVI DIRE... A DISNEY CHANNEL MI BULLIZZAVANO

Post n°9078 pubblicato il 23 Marzo 2017 da psicologiaforense

Un apprendistato artistico, quello alla corte di Topolino & co., doloroso e mortificante per la divetta pop Selena Gomez. Stando a quanto dichiarato dall'artista al New York Times sui vari set ha dichiarato di essere stata vittima di bullismo da parte di altre co-star adolescenti in quello che ha definito «il liceo più grande del mondo». Anni non semplici superati grazie all'appoggio della madre: «Anche lei nella sua vita ne ha incontrati».

Un periodo duro quello appena trascorso da Serena, anche ricoverata per disintossicarsi dai social: «Cancellavo l'app di Instagram una volta alla settimana», ha confermato. Una pressione psicologica espressa anche a Vogue Usa: «Appena sono diventata la persona più seguita di Instagram, mi sono spaventata. Era diventato un problema per me. Mi svegliavo e andavo a dormire pensando a questo. Ne ero dipendente, e ogni volta che guardo Instagram finisco per starci male».Inoltre la mora aveva raccontato anche come andare in tour sia ogni volta una sfida da vincere: «I tour sono una cosa che mi fa sentire sola. Non aiutano la mia autostima. Quando ero in tour ero depressa e ansiosa. Ho avuto anche attacchi di panico prima di salire sul palco e dopo aver finito la performance. In pratica sentivo di non essere abbastanza brava e capace. Pensavo di non stare dando niente ai miei fan e che loro potessero vederlo. Anche se credo fosse una mia distorsione delle cose», ha rivelato.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL CASO PIETOSO, PAOLA PEREGO IN LACRIME, NON SONO UN MOSTRO MA UNA VITTIMA INNOCENTE

Post n°9077 pubblicato il 23 Marzo 2017 da psicologiaforense

Prima la polemica sanguinosa sul web, poi le scuse pelose della Rai e la chiusura immediata del programma. Da ultimo, la conduttrice in lacrime, a prendere  le distanze dall'immagine di se stessa come emersa in queste ore:  «Non sono quel mostro», si è sfogata piangendo Paola Perego, fino all'altro giorno responsabile dall'inserto "Parliamone sabato" a "La vita in diretta".

Poi un servizio con "I motivi per scegliere una fidanzata dell'Est": sei motivi, sessisti e aspramente criticati dal pubblico, che ha messo palesemente in discussione il servizio pubblico televisivo. Fino a ottenere la testa della Perego che, oggi, si dichiara un mero capro espiatorio.

«Sto male, non sono sessista, mi hanno messo in mezzo», ha detto la Perego intervistata dalle Iene, sottolineando come in passato in televisione si sia visto di tutto di più, senza arrivare a queste conseguenze.

«C'è gente che ha bestemmiato, hanno intervistato il figlio di Totò Riina facendogli l'altarino»
, ha ricordato, precisando poi che «era un gioco, è scoppiata la bomba, ma la bomba non c'è». 

«Ho 8mila miliardi di difetti - ha concluso - ma non sono quella persona descritta dai giornali».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

BELEN RODRIGUEZ, NIENTE SCUOLA PER MIO FIGLIO, IO E LA VITA SIAMO LE MIGLIORI MAESTRE

Post n°9076 pubblicato il 22 Marzo 2017 da psicologiaforense

 

Belen Rodriguez con Santiago in questi giorni è a Doha dove l’argentina ha raggiunto il nuovo fidanzato Andrea Iannone. E l'ennesimo viaggio della showgirl è motivo di una infuocata polemica sui social. Questa volta in discussione c'è l'educazione del  bimbo di quasi 4 anni nato dall’amore con Stefano De Martino. Nelle foto postate sul suo profilo Instagram, dove Belen racconta passo passo le sue giornate, il bimbo appare sempre sorridente mentre si diverte in giro con la madre. Proprio come aveva fatto appena qualche mese fa tra l’Australia e le Maldive, dove era stato per l'ennesima vacanza con il pilota di Moto Gp. “La mia gioia più grande é viaggiare con te• #aroundtheworld ❤❤❤”, scrive Belen a corredo di un’immagine che la ritrae di spalle insieme a Santiago, mentre si godono il panorama mozzafiato del Qatar.



Scatti da migliai di like e commenti. Compresi quelli critici. Molti fan hanno sollevato dubbi sul fatto che Santiago non vada mai a scuola e frequenti sempre adulti. Pronta arriva la risposta della Rodriguez che a dire il vero spiazza tutti, fan e non. Ecco la replica che lascia perplessi: “Meglio con la propria mamma in giro per il mondo che a scuola! Sai che bagaglio? A scuola - scrive nel commento Belen –ci deve andare tutta la vita… e poi non sono molto d’accordo con i programmi scolastici… troppo lavoro quando poi bisogna lavorare tutta la vita". Un punto di vista che, anziché placare gli animi, li ha surriscaldati.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'ATTRAZIONE FATALE DELLE NINFETTE

Post n°9075 pubblicato il 22 Marzo 2017 da psicologiaforense

 

L’attrazione per i teenagers è definita con i termini poco usati di "efebofilia" e "ninfofilia" o «sindrome di Lolita». Si tratta di una attrazione erotica per le ragazzine da parte di uomini maturi che è sempre esistita ma che ha toccato picchi impensabili nel secolo scorso. Esisteva, ad esempio,  un "harem" , nei pressi dell'Opéra national de Paris, costituito da giovanissime dall'età compresa fra i dodici e i quattordici anni, che a quindici anni venivano allontanate perchè troppo "vecchie". Esse  si mettevano in mostra sotto i portici, ballavano nude e si prostituivano. La moda delle ninfette  dilagò ed interessò la Spagna  dove giovanette, appena raggiunta la pubertà, rivestivano il ruolo di amanti. L'attrazione per le ninfette, dicevo,  è antichissima: le etère greche, le cortigiane del rinascimento italiano, le  geishe giapponesi, le baiadere indiane, le "piccole segretarie" cinesi, le bambine arabe richiamano un erotismo che esercita in tanti uomini un fascino irresistibile quanto ne può esercitare la più bella donna del mondo, forse anche per la presunta innocenza di queste fanciulle...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCARLETT JOHANSSON, ECCO PERCHÈ NON POSSO STARE DA SOLA, UNA TERRIBILE SFIDA, LO CHOC AL VUOTO

Post n°9074 pubblicato il 22 Marzo 2017 da psicologiaforense

«E' una cosa che ha un impatto anche sulle mie relazioni intime o sulle persone con cui scelgo di stare. Voglio dire, spesso mi è capitato di stare con delle persone unicamente per non stare da sola».  L'attrice, che si è recentemente separata dal marito Romain Dauriac, e che ha alle spalle anche un matrimonio fallito con il collega Ryan Reynolds, spiega come avere un fratello gemello, Hunter, l'abbia portata a cercare sempre la compagnia di altri.

Stare da sola è per lei, una terribile sfida.

Il Sé, quando diventa gemellare,  viene ad includere la componente interattiva che è propria della coppia gemellare.  Così è  irresistibile il bisogno di aggiungere la relazione dialettica con un altro che non è il doppio, né un essere parallelo, bensì colui in rapporto con il quale il nato gemello costruisce le sue differenze psicologiche. Per questo Scarlett Johansson non riesce a stare da sola.



«Negli ultimi due anni ho realizzato che in realtà non sono mai stata da sola. Sono sempre stata con qualcuno. E anche nei primi istanti di vita, avere qualcuno al tuo fianco,  gioca un ruolo nel modo in cui cresci», ha raccontato.

«Per questo motivo sto imparando gradualmente ad essere sola, a bastare a me stessa. E' difficile però, a volte mi sento perduta... ».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ABOLITA LA LEGGE SUL PANICO GAY, L'ABOMINEVOLE DIRITTO,

Post n°9073 pubblicato il 22 Marzo 2017 da psicologiaforense

Risalente al 1899, la cosiddetta legge del “panico gay” è stata ora abolita. “L’ho ucciso/a perché ho temuto che ci stesse provando con me”: finora era più o meno questa la motivazione che permetteva a chi aveva ucciso una persona dello stesso sesso  di vedersi riconosciute tutte le attenuanti del caso o di vedersi derubricato il reato da omicidio volontario ad omicidio colposo.   OGGI, anche nei paesi anglosassoni «Un’avance sessuale indesiderata, persino se comprende un leggero palpeggiamento, non può più  essere sufficiente per ridurre la responsabilità criminale per avere ucciso una persona».

NOTA INTEGRATIVA
La difesa da panico gay (in inglese: gay panic defense, che sarebbe meglio tradotto come difesa da panico anti-gay) è una strategia legale difensiva, tipicamente anglosassone che era fino ad oggi  utilizzata in casi di accuse per aggressione od omicidio nei confronti di persone omosessuali. E questo perchè
le proposte romantiche o sessuali di natura omosessuale possono risultare così offensive e spaventose per certuni individui da indurli in uno stato psicotico temporaneo (infermità di mente) che può sfociare in una violenza distruttiva.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DOPO IL SESSO UNO STATO DI GRAZIA E DI BENESSERE PER 48 ORE

Post n°9072 pubblicato il 22 Marzo 2017 da psicologiaforense

Il sesso rafforza il legame fra i partner, lasciando una sorta di 'finestra' aperta, una piacevole sensazione, che dura fino a 48 ore e che contribuisce a regalare una buona qualità alla relazione nel tempo. Emerge da una ricerca della Florida State University, pubblicata su Psychological Science. Gli studiosi hanno preso in esame due precedenti analisi, che avevano coinvolto rispettivamente 96 e 118 coppie appena sposate. Tutti i novelli sposi avevano completato almeno per tre giorni consecutivi un diario che complessivamente doveva essere tenuto per 14 giorni. Ogni sera, prima di andare a letto, è stato chiesto loro di riferire se avessero avuto rapporti sessuali con il partner e poi indipendentemente dalla risposta sono stati invitati a dare un voto alla loro soddisfazione dal punto di vista sessuale, della relazione col partner e del matrimonio in quel giorno, utilizzando una scala da 1 a 7.
    All'inizio della ricerca è stata misurata anche la qualità del matrimonio in generale, tornando a farlo poi 4 o 6 mesi dopo. I risultati hanno evidenziato che avere un rapporto sessuale portava a una soddisfazione sessuale nella giornata stessa e lo 'stato di grazia' durava fino a 48 ore, due giorni. Questa associazione rimaneva valida anche tenendo conto di età e sesso, frequenza dei rapporti e tratti della personalità. Nel complesso, tra il periodo di inizio dello studio e le rilevazioni successive la soddisfazione coniugale risultava diminuita, ma in coloro che avevano un più alto livello di sensazioni piacevoli dopo un rapporto sessuale non solo l'appagamento nei confronti di una vita a due col partner era maggiore sin dalle prime fasi, ma mostrava un calo più contenuto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FEMME, L' UNIVERSO FEMMINILE VISTO NELLA MAGICA PROSPETTIVA DI FIORENZA MAGGI

Post n°9071 pubblicato il 22 Marzo 2017 da psicologiaforense

La vita di una donna è fatta da tanti piccoli dettagli, questo il messaggio che trasmette ‘Femme’, la mostra di Fiorenza Maggi allestita all’interno del Palazzo del Governo alla Spezia. Volti di donne e fanciulle dominano i quadri esposti nel salone d’ingresso creando un percorso celebrativo della figura femminile partendo dalla nascita, all’adolescenza fino ad arrivare alla maternità per culminare con il periodo senile.


Il tutto visto in una prospettiva che racchiude la componente etnica delle protagoniste raffigurate nei dipinti, facendone emergere, dagli sguardi e dalle pose, gli stati d’animo e le difficoltà che caratterizzano la vita delle donne di oggi in contesti culturali differenti. Così se da un lato abbiamo la donna indipendente ed emancipata, dall’altro troviamo quella velata e malinconica.

«Ho sempre provato uno spiccato interesse per l’universo femminile- spiega l’artista Fiorenza Maggi- l’analisi della figura della donna in contesti culturali diversi l’ho potuta approfondire grazie al mio lavoro d’insegnante presso una scuola primaria prevalentemente multietnica, che mi ha portato a frequentare mamme di diversa nazionalità. Mi sono confrontata spesso con donne arabe e da questi colloqui sono emersi quei particolari che ho riportato nei miei quadri, come per esempio l’utilizzo del velo. Il mio progetto- prosegue- però è anche frutto di una meticolosa ricerca del particolare protrattasi per diversi anni, che mi ha permesso di realizzare la maggior parte delle opere in mostra».

La mostra resterà aperta fino al prossimo 31 Marzo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'ENIGMA DELLA FEMMINILITÀ

Post n°9069 pubblicato il 21 Marzo 2017 da psicologiaforense

La femminilità rappresenta “l’energia della Vita”. Mi piace pensare che in ogni donna vive una Dea; e ripercorrendo la storia della mitologia Greca la mia attenzione va ad “Afrodite”, dea dell’Amore e della bellezza - dice MICHELA NESTORI-. Nella mitologia Greca rappresenta l’innamoramento e la creazione di nuova vita. Ispiratrice di poesia e parole, raffigura il potere di trasformazione e creazione dell’Amore. Dea misteriosa perfettamente rappresentativa del processo di trasformazione, che solo lei possiede. Dea che nasce dalle acque, elemento femminile per eccellenza”. Afrodite in tutti i suoi rapporti trova sempre un “sentimento” reciproco e non è vittima di una passione non ricambiata. Dà valore all’esperienza emotiva con gli altri. I rapporti per lei sono importanti e li influenza positivamente, non solo verso la sfera romantica e sessuale, ma anche Amore platonico, unione di anima, contatto e amicizia profonda; tutte espressioni d’Amore. Afrodite genera il desiderio della scoperta, della creatività e fa conoscere qualcosa di nuovo, psichico, emotivo o spirituale. E’ la “musa” ispiratrice, donna speciale che vede le potenzialità del proprio uomo, crede nei suoi sogni e lo aiuta a realizzarli. Crede anche nei suoi sogni e lavora con passione facendo emergere  quegli aspetti tipici della femmina: CREATIVITA’ – INTUIZIONE – ISTINTO – RICETTIVITA’ – LIBERTA’ EMOTIVA – ALTRUISMO – ACCOGLIENZA – COMPRENSIONE – SENSIBILITA’– EMPATIA – DELICATEZZA – FUSIONALITA’ – TENEREZZA – AMORE.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

EMILY RATAJKOWSKI, PRIMAVERA, I COLORI DEL CUORE,POTRANNO TAGLIARE TUTTI I FIORI, MA NON FERMERANNO MAI...

Post n°9068 pubblicato il 21 Marzo 2017 da psicologiaforense

Potranno tagliare tutti i fiori, ma non fermeranno mai la primavera. Così EMILY RATAJKOWSKI  cita Neruda parlando della stagione iniziata ieri  lunedì 20 marzo alle 11.29. 

Intanto, appunto con l'arrivo della tanto attesa primavera, i parchi di ville storiche e giardini botanici diventano i grandi protagonisti della nuova stagione. Pronti a mettersi in mostra con nuove, spettacolari fioriture. Tra distese di tulipani, monumentali siepi di azalee, muri ricoperti da glicini che si uniscono a specie tropicali, che avvolgono i visitatori dei loro intensi profumi.
In Italia sono oltre 1000 le oasi verdi da visitare e dove, da marzo a maggio, il network nazionale I Parchi più belli d'Italia organizzerà manifestazioni a tema per ammirare le fioriture di stagione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

KATY PERRY, HO BACIATO UNA RAGAZZA E MI È PIACIUTO, ERO CURIOSA E LA SESSUALITÀ NON È BIANCA O NERA

Post n°9067 pubblicato il 21 Marzo 2017 da psicologiaforense

"Nella nostra società la contiguità fisica tra donne, l'abbraccio, il bacio non sono mai stati un tabù. Questo spinge le femmine ad avere una sessualità più fluida rispetto agli uomini, più orientata verso la bisessualità" così afferma Katy Perry che, come  moltissime altre ( Madonna, Miley Cyrus, Gillian Anderson, Anna Paquin, Amber Heard, Lady Gaga, Angelina Jolie, Lindsay Lohan, Cynthia Nixon…), ha avuto delle esperienze sessuali con ragazze. La cantante è diventata famosa in tutto il mondo grazie al brano del 2008 'I Kissed A Girl', ma durante un discorso allo Human Rights Campaign Gala a Los Angeles lo scorso weekend ha raccontato:

"Sono solo una cantante e cantautrice, onestamente. Parlo delle mie verità e dipingo le mie fantasie nei miei brani pop. Per esempio 'I kissed a girl and I liked it' (cioè 'Ho baciato una ragazza e mi è piaciuto', ndr). A dire tutte le cose come stanno, ho fatto più di quello", ha spiegato durante la consegna del National Equality Award.

"Però come potevo conciliare questa cosa con il fatto di essere una ragazza cresciuta in ambienti religiosi  che erano a favore dei campi di conversione (negli USA ci sono alcuni campi dove si cerca, senza prova scientifica, di 'convertire' gli omosessuali in eterosessuali, ndr)?", ha continuato la Perry.

"Quello che so è che ero curiosa e che già allora capivo che la sessualità non è bianca o nera. E onestamente, quando la canzone è uscita nel 2008 sapevo di aver iniziato un percorso e che molte persone nel mondo erano abbastanza curiose da cantare con me", ha concluso.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GLI AMANTI DEI SENI GROSSI? SESSISTI, OSTILI CONTRO LE DONNE, NON PARTICOLARMENTE INTELLIGENTI

Post n°9066 pubblicato il 19 Marzo 2017 da psicologiaforense

Il seno piccolo piace agli uomini più intelligenti

 

 

Inutile negarlo e fare i falsi moralisti e gli ipocriti, l'occhio vuole sempre la sua parte.
A ognuno le sue preferenze quando si parla di ideali di bellezza: a rivelare qualcosa di interessante e perché no, anche curioso, sono stati i ricercatori di Psychology Today (VEDI) che hanno fatto luce su quelle che sono le preferenze degli uomini circa quella potente arma di seduzione femminile quale il seno.

Da una parte ci sono gli uomini intelligenti, quelli più colti, che prediligono donne esili con il seno piccolo mentre, dall'altra, ci sono coloro che, appartenenti ad un ceto sociale medio-basso, sono più attratti da profili formosi. Non si tratta semplicemente di gusti perché, come hanno rivelato gli studiosi, dietro a ogni scelta si celerebbe una spiegazione dettata da diversi fattori psicologici e socio-culturali (sessismo, desiderio di possesso, ostilità latente, ecc..)

Gli uomini a cui piacciono le donne con un décolleté minuto hanno, infatti, un minor fabbisogno materiale sentendosi realizzati, professionalmente parlando. Coloro che, invece, sono soggetti a minori responsabilità, e magari anche gratificazione, cercherebbero una sorta di riscatto puntando a un seno prosperoso come se il corpo femminile fosse in grado di dare loro quel senso di opulenza di cui tanto necessitano.

Le donne possono dunque gioire e smetterla di ossessionarsi con la questione delle misure che, come un tarlo, tanto assilla soprattutto in vista dell'estate perché, a quanto pare, nella botte piccola c'è il vino buono e a darne conferma sono gli uomini, almeno i più intelligenti. (Psychology Today)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SESSO IN MEZZO ALLA STRADA DAVANTI AI PASSANTI, TRAVOLTI DA INSANA PASSIONE

Post n°9065 pubblicato il 19 Marzo 2017 da psicologiaforense

Un uomo vestito, con indosso ancora il casco, faceva sesso con una donna nuda appoggiata contro uno scooter. I vestiti della donna erano disseminati in mezzo alla strada. «Hanno fatto sesso sul passaggio pedonale, ho pensato che fosse un'allucinazione!».

José stava facendo un giro con un amico, nella notte tra giovedì e venerdì, quando si è imbattuto in questa insolita scena, in pieno centro di GINEVRA: «Un sacco di gente guardava, ma nessuno faceva nulla», prosegue José. Se ciò non bastasse a rendere incredibile la storia, avvicinatosi per scattare delle foto José si è sentito dire soltanto di non riprendere i volti. «Mi ha detto che potevo fotografare solo la parte posteriore e non quella anteriore», racconta a 20minutes.

Il giorno seguente l'uomo si è dovuto recare in polizia, giunta nel frattempo, per ritirare le chiavi del suo scooter. Ma non ha potuto spiegare cosa fosse accaduto. Anche la donna è stata convocata.

"Non ricordo come sia successo, non riesco a ricordare nulla". A parlare è l'uomo che è stato fotografato su un passaggio pedonale nel centro di Ginevra mentre faceva sesso con una donna, sul suo scooter. La scena ha scioccato alcuni passanti, mentre altri sono sembrati  divertiti.

I due si erano incontrati poco prima dell'atto pubblico. Entrambi erano sotto «l'influenza di alcool». Ma non subiranno conseguenze, a meno che qualcuno non sporga denuncia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TEENAGER DUE ORE AL GIORNO ALLO SPECCHIO, LEI SI VEDE GRASSA, LUI SENZA MUSCOLI

Post n°9064 pubblicato il 18 Marzo 2017 da psicologiaforense



Teenager sull’orlo di una crisi di estetica.

I ragazzi di oggi passano il tempo allo specchio e la metà delle ragazzine si piace pochissimo. Sarà per questo che fanno largo uso di cosmetici e dedicano anche 2 ore al giorno al make up (piuttosto niente colazione) e la maggioranza usa la crema idratante. I ragazzi invece puntano tutto sullo sport (si vorrebbero alti e muscolosi) e fanno anche loro uso di prodotti beauty (si accontentano soprattutto di quelli che trovano in casa). Dai 14 ai 19 anni di età, gli adolescenti italiani si sentono insicuri e non sono soddisfatti del loro aspetto: il 42% delle femmine si piace «poco» e «per nulla», il 52,9% «abbastanza» e solo il 4,8% è serena per il proprio aspetto e dichiara di essere «molto» soddisfatta. Non si piace, invece, il 15,5% dei ragazzi, «abbastanza» il 65,7% e «molto» il 18,3%. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA SUPERMODELLA EVA HERZIGOVA, DOPO UNA RIFLESSIONE DURATA 14 ANNI, OGGI HA ANNUNCIATO IL MATRIMONIO CON GREGORIO MARSIAJ

Post n°9063 pubblicato il 18 Marzo 2017 da psicologiaforense

Colpo di fulmine.
14 anni fa Eva vide il multimilionario scendendo da un volo aereo da New York all'Italia e per lei fu amore a prima vista. "L'ho visto da lontano quando il mio aereo da New York è atterrato in Italia. Ha catturato la mia attenzione ed è stato un momento bellissimo. Il mio cuore batteva molto forte e non riuscivo a respirare!", aveva raccontato.

Oggi, Eva Herzigova ha annunciato  le nozze.
La supermodel ceca, che è stata anche valletta durante un fortunato Festival di Sanremo alla fine degli anni '90, andrà all'altare con il suo partner storico, l'imprenditore italiano Gregorio Marsiaj, insieme al quale ha già tre figli, George, 9 anni, Philipe, 6, ed Edward, 3.
  "Sei tu il mio uomo! #engaged", ha scritto la bionda accanto allo scatto.

Come si ricorderà, per la Herzgova non si tratta del primo matrimonio, visto che è già stata sposata con il batterista di Bon Jovi, Tico Torres, dal settembre del 1996 al giugno del 1998.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TINA KUNAKEY, VINCENT CASSEL, COPPIA FELICE NONOSTANTE LI DIVIDANO 31 ANNI, EX DI MONICA BELLUCCI

Post n°9062 pubblicato il 17 Marzo 2017 da psicologiaforense

La storia tra Tina Kunakey, 19 anni, e Vincent Cassell, 50, prosegue a gonfie vele. Nonostante la grande differenza d'età la coppia sembra aver trovato un equilibrio.

Tina ha appena rilasciato un'intervista a 'Vanity Fair': «Adoriamo entrambi il surf, ma non posso darvi i dettagli del nostro incontro. Ci siamo trovati nello stesso posto alla stessa ora: un momento magico che appartiene solo a noi», ha raccontato la bella riccia.

«Mi crede se le dico che non sapevo chi fosse?», ha poi detto al giornalista. «Da bambini, in campagna, non avevamo la televisione e non andavamo al cinema. Poi, a Madrid, la mia vita girava intorno al calcio e al liceo. La prima volta che siamo usciti insieme ero molto stupita vedendo che la gente lo riconosceva e ho fatto una battuta che Vincent mi rinfaccia sempre. 'Ma sei più famoso di Rihanna, cosa fai nella vita?'», ha spiegato Tina.

L'ex marito di Monica Bellucci però non se l'è presa. «Ci ridiamo ancora sopra», ha concluso la ragazza.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

14ENNE TROVA DIAMANTE GREZZO DA 7.44 CARATI

Post n°9061 pubblicato il 17 Marzo 2017 da psicologiaforense

Fioccano le offerte per acquistare il diamante grezzo da 7,44 carati trovato nel Diamonds State Park di Murfreesboro, nello stato dell’Arkansas. Secondo gli esperti si tratta di una «scoperta straordinaria». Il sorprendente ritrovamento  è stato realizzato durante una gita in famiglia da un  ragazzino che lo ha chiamato 'Superman's Diamond'.

Il più grande diamante ritrovato nella storia degli Stati Uniti - nel 1924 - era  di 40,23 carati. Il diamante si chiamava Zio Sam.
Il parco è un’attrazione per i ricercatori. Dall’apertura nel 1972, è il settimo diamante più grande mai trovato nell’area. Il valore del diamante si può aggirare attorno a diverse migliaia di dollari. Un pezzo da 8,52 carati trovato nello stesso parco nel 2015 è stato venduto per un milione di dollari il mese scorso. Ad oggi nel parco sono stati trovati 97 diamanti.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »