Creato da giupy46 il 23/04/2006

il diario che non cè

piccoli pensieri detti e non riletti

ULTIME VISITE AL BLOG

giupy46paolomaxystallalpinabal_zacLeonaTraLeIenefolgore64stellasonia0dolcemarco60domiziano11cosadinuovofuxia7christie_malrytobias_shuffleMarquisDeLaPhoenix
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUŇ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

quando qualcuno ci fa soffrire

Post n°189 pubblicato il 15 Settembre 2014 da giupy46

Quando qualcuno ci fa soffrire, diventa poi troppo difficile cercare di essere gentili. A volte bastano poche parole per ferirci profondamente e, umanamente, per nascondere la propria vulnerabilità, si è predisposti a fare altrettanto male a chi ci ha colpito. Essere scortese e vendicativo in realtà vi farà solo sentire peggio. Non importa quanto dolore un'altra persona vi abbia procurato, è sempre importante essere gentile con gli altri e aspettare, in caso, che sia il karma a risolvere la situazione. Lo so la soluzione è molto hippie zen ma fidatevi, agire in modo positivo sarà un beneficio anche vostro, soprattutto per fegato e stress generale. Henry James insegna: "Tre cose sono importanti nella vita umana: la prima è essere gentili, la seconda è essere gentili e la terza è essere gentili." Non vi fidate? Vi diamo oltre 7 buoni motivi per i quali essere piacevoli con gli altri, nonostante tutto, sia un qualcosa di estremamente positivo per voi. 1. Dimostra la brava persona che sei È vero, non bisognerebbe dimostrare niente a nessuno, ma semplicemente attraverso la gentilezza le persone che vi vogliono male non potranno far altro che invidiare quanto voi siate meravigliosi e intelligenti. Le persone intorno a voi percepiranno questa vostra pace interiore e sarete di ispirazione, soprattutto con chi vi ha ferito. 2.Poche cattiverie Chiunque ammorbidisce il proprio comportamento nei confronti di una persona gentile. Ovvio, da comportamento stronzo vien voglia di rispondere con altrettanta stronzaggine, ma non ne guadagna nessuno. Si peggiorano solo le situazioni. La gentilezza con certi tipi di persone è solo sinonimo di intelligenza superiore, cercate di pensarla in questo modo. Ho sempre avuto pena per le persone miserabili e odiose, alla fine sono solo profondamente infelici. 3. Addio sensi di colpa Se si è gentili con le persone che hanno fatto del male, voi non dovrete recriminarvi nulla. Ci si potrebbe paradossalmente sentirsi in colpa per essersi comportati male, anche verso persone che lo meritavano. È importante andare a dormire in pace con se stessi.

 
 
 

San Secondo

Post n°188 pubblicato il 26 Agosto 2014 da giupy46
Foto di giupy46

E’ arrivato il giorno più atteso per la città di Ventimiglia, quello in cui  la “ Porta fiorita d’Italia” celebra il proprio Patrono che condivide con l’omonima Diocesi che, seppur da qualche anno abbia la propria sede a Sanremo, conserva nell’antica capitale dei Liguri Intemeli la magnifica Cattedrale dell’Assunta. Martedì ventisei Agosto è il giorno, infatti, in cui la chiesa cattolica ricorda San Secondo Martire, il milite romano della Legione Tebea martirizzato in quel di Vittimulo, vicino all’odierna Ivrea, perché aveva professato apertamente la propria Fede cristiana in un Impero in cui dominava ancora il paganesimo. Fu però nel 1579 che San Secondo, il cui corpo dapprima conservato nel monastero di Sant’Andrea  a Torino fu nel 990, sotto il Vescovo Panteio, trasferito a Ventimiglia in Cattedrale, secondo la tradizione compì il miracolo di preservare la Città di confine dalla pestilenza che già aveva colpito le città ed i borghi vicini. Da allora San Secondo fu incontestabilmente venerato non solo come Santo Patrono cittadino ma anche della Diocesi omonima. Il programma di celebrazioni religiose e civili che la città di Ventimiglia riserva alla festa è vasto ed oliato nel tempo: alle undici di mattina in Cattedrale, nella città alta, si tiene il solenne Pontificale officiato da Monsignor Alberto Suetta cioè dal nuovo Ordinario diocesano che per la prima volta come Vescovo affronta la Festa di tutta la Diocesi a lui affidata. L’animazione liturgica della solenne funzione sarà affidata al noto Coro Polifonico di Ventimiglia, che l’anno prossimo compirà trent’anni, diretto da Romano Pini. Sarà eseguita la Messa solenne a due voci denominata “ Stella mattutina” di Vittadini. Il Vescovo poi accenderà la lampada votiva, o per meglio dire il cero di San Secondo, che per tutto l’anno ne rischiarerà il sepolcro. Come tradizione al termine della solenne cerimonia verrà consegnato il “ San Segundin d’argentu” riservato alla persona che più di ogni altra nella propria vita si è spesa per il benessere dei ventimigliesi o con le sue gesta ha reso illustre nel mondo la città. Quest’anno la scelta è caduta su Suor Giuseppina delle Suore dell’Orto che proprio tra i vicoli della Ventimiglia medioevale hanno al propria casa madre. Sono certamente trascorsi più di tre lustri da quando Suor Giuseppina ha iniziato ad occuparsi della fanciullezza e della gioventù più bisognosa della città di confine: spesso questi ragazzi, e soprattutto ragazze, durante la giornata rimanevano abbandonati ed abbandonate a se stessi considerato che i rispettivi genitori frontalieri dovevano, quando ancora era buio, abbandonare le proprie case per una lunga e faticosa giornata di lavoro in Francia o nel Principato di Monaco. Le Suore dell’Orto, con suor Giuseppina al secolo Erasmina Metildi in prima fila, di loro si sono fatte carico e con loro hanno partecipato a tante iniziative come la Giornata Mondiale della Gioventù nell’ormai lontano anno duemila a Roma. Dopo la celebrazione dei Vespri nel pomeriggio dalla Cattedrale uscirà la tradizionale processione con la compagnia dei balestrieri dell’Agosto medioevale che a spalla porterà la macchina reggente il cero di “ San Secondo”, con il Sacro Reliquiario d’argento lungo le strade del centro storico intemelio. Infine, a concludere una giornata di festa alle dieci e mezzo di sera dalla foce del Fiume Roja il grandioso spettacolo pirotecnico.  grande                    

Sergio Bagnoli 


 
 
 

attesa

Post n°186 pubblicato il 18 Luglio 2014 da giupy46

eccomi di nuovo   quì.

ho pensato  ancora di   scrivere  quello che  sento,

sono  emozionata  perchè domenica   conoscerò degli amici

da virtuali..diventeranno  reali e  non  vedo l'ora di abbracciarli

 è una sensazione  bellissima sapere di poter leggere  sul loro viso le espressioni

che di solito scrivono..e capire dai loro sguardi... il loro affetto nei miei confronti...   

intanto...   mi sento bene   e questo è quello  che conta...

un affettuoso saluto.. da Giupy

 
 
 

riflessione

Post n°184 pubblicato il 14 Luglio 2014 da giupy46

oggi giornata un pochino melanconica,

sto provando    questo forse dovuto

a leggere  quanta cattiveria esiste in questo mondo.

eppure sono una persona che  sa stare al suo posto

non capisco... il vedere  la serenità dopo tanta   solitudine

perchè debba creare tanti sentimenti negativi

si dico è virtuale ma non è così,anche  perchè dietro ad un nik

per me esiste una persona , cmq passerà

buona giornata da Giupy

 

 

 

 
 
 

ritorno

Post n°183 pubblicato il 02 Luglio 2014 da giupy46

è passato molto da quando ho scritto,

in questo periodo sono successi molti cambiamenti

e sono cambiata io   ,forse ho ripreso  a vivere  con  tanta gioia

anche se  il mio cuore  è pieno di amore  x chi non ho più

però mi sento  circondata  da  persone che  mi vogliono bene..

e non solo nel reale...

buon pomeriggio a tutti voi...Giupy

 
 
 
Successivi »