Creato da io_donna_e_basta il 30/09/2010

OGGI PARLIAMO .

tutto quel che mi viene in mente

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

chi

Post n°17 pubblicato il 25 Maggio 2011 da io_donna_e_basta

chi non risica... ROSICA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Si, avete letto bene, nonostante faccia un sacco di errori di battitura il titolo è scritto giusto, non ho messo il "NON" di proposito, e il motivo è semplice.. io sono convinta, che quando vuoi raggiungere un obiettivo devi rischiare il tutto e per tutto per ottenerlo (certo, limitandosi alle cose lecite e rispettose, naturalmente), altrimenti se lasci qualcosa di intentato ROSICHI, pensando di aver mancato nell'intento-
La questione è semplice se l'obiettivo da raggiungere dipende solo dalla tua volontà e capacità (che ne so un traguardo importante sul lavoro), ma diventa molto più complicato se implica anche altre persone.. tipo una conquista sentimentale. In tal caso i nostri tentativi devono sempre legati al senso del rispetto... basta poco a far tracimare la situazione da semplici corteggiamenti a delle vere e proprie molestie, e non è sempre detto che le perpetuino gli uomini contro le donne, ma può succedere anche il contrario, giacchè la tenacia nel voler a tutti i costi una persona dell'altro sesso è più femminile che maschile.. L'uomo infatti, se ne fa prima una ragione, se una donna non li vuole, cercano altrove.. Per la donna scatta invece la molla della "vanità", del "perchè non gli piaccio, perchè non mi vuole", e da una storia che potrebbe nascere e finire anche con una certa superficialità, il non sentirsi accettate da chi ci piace ci mette in moto le strateghe che abbiamo in noi.. Tentiamo quindi con le dolcezza, con la compassione, magari con la rabbia e la cattiveria gratuita, salvo poi tornare con la coda tra le gambe a dire, :- No, scusa, non volevo dire quello che ho detto .. L'efficacia di queste strategie? Nulla, o quasi, anche perchè gli uomini, essendo più diretti e lineari, si trovano spiazzati da questi repentini nostri sbalzi d'umore, perdono la fiducia, e la stima, e si convincono maggiormente, che la loro linea comportamentale è stata una scelta corretta.. Ma le donne, ancora non sono convinte, cercano altre strade.. e così perdono del tempo.. e magari occasioni migliori.. Ma tant'è... che ci fissiamo su X-PERSONA non ci sono altri scopi ed interessi che vediamo...

 
 
 

Dalla famiglia all'individualismo

Post n°16 pubblicato il 06 Novembre 2010 da io_donna_e_basta

La società, da sempre, è stata composta da famiglie, più o meno unite, dove il vincolo del sangue sovrastava ogni cosa.. Per secoli miliardi di uomini e di donne si sono unite al fine di generare la loro discendenza, e tutto procedeva secondo un certo ordine: i genitori allevavano i figli, li educavano, magari alcuni li soggiogavano pure, ma i figli crescevano sentendo profondamente l'appartenenza alla famiglia. I figli man mano che crescevano e formavano il tessuto sociale  della loro vita, ma sempre mantendo inalterato il legame con la famiglia di nascita..

Dopo secoli ecco però come negli ultimi 50 anni questa importantissima istituzione stia venendo sempre meno.

Diamo uno sguardo indietro ai nostri genitori.. ultimi baluardi della famiglia tradizionale.. Noi siamo vissuti senza grossi traumi con dei genitori ancora uniti, con dei valori e con un fortissimo senso di responsabilità verso i figli, ma noi..  dove stiamo andando noi?

Ci fidanziamo, ci sposiamo, facciamo pure dei figli.. ma poi a volte all'improvviso, a volte senza quasi rendercene conto l'essere pilastro di famiglia ci pesa, non abbiamo più senso di responsabilità, ci manca la nostra libertà, oppure basta una nuova conoscenza dell'altro sesso per farci prendere una sbandata e disfare tutto.. 

E i figli? Vivranno con un genitore solo, vedranno poco e male il genitore uscito di casa, che colmerà la sua mancanza con vizi e regali, quando non tenterà di far vedere l'ex coniuge in cattiva luce..

Figli che cresceranno con dei sentimenti diversi verso i propri genitori, di quelli che avevamo avuto fino ai nostri tempi.. Per non parlare poi delle inevitabili "nuove storie" dei genitori.. Uomini o donne che entreranno nella vita di questi ragazzi sconvolgendola in bene o male, affetti o dissapori che formeranno il carattere di questi giovani, rendendoli sicuramente più insicuri, deboli, egoisti.

Questi giovani, diventati adulti, non credo avranno voglia di formare delle famiglie.. non hanno più questo modello dei riferimento, ma piuttosto, saranno dei single con figli, e questo, specie nel caso delle donne/mamme, porterà anche ad una diversa concezione per quanto riguarda l'inserimento nel sociale e nel mondo del lavoro. 

 

 

 

 

 
 
 

31.10.2010

Post n°15 pubblicato il 01 Novembre 2010 da io_donna_e_basta

 
 
 

NEL TRADIRE L'UOMO E' PIU' IPOCRITA DELLA DONNA

Post n°14 pubblicato il 23 Ottobre 2010 da io_donna_e_basta

A volte, nella mia condizione di donna senza più marito, mi trovo a considerare le coppie che conosco, nel mio entourage, oppure anche solo gli uomini sposati, che conosco, senza necessariamente conoscerne anche la moglie... Sono dav vero le coppie felici e realizzate che sembrano?

Onestamente devo dire, che sia nella vita di tutti i giorni, come nelle varie chat che frequento le avances maggiori mi sono rivolte da uomini sposati, insospettabili mariti che vedo passeggiare mano nella mano con le mogli, stringendo a sè i figlioletti, come se per loro cercare un rapporto sessuale extraconiugale fosse come cambiare per una volta la marca di sigarette.. 

Gli sposati in chat fanno almeno la finta di lamentare difficoltà del loro rapporto con la moglie/compagna, dichiarando di non ricevere più le attenzioni o coccole richieste e sentendosi sempre rifiutati nel talamo nuziale. 

L'uomo riesce tranquillamente, e senza accusare alcun senso di rimorso verso la mancanza di rispetto alla propria compagna a passare indifferentemente dalle braccia di questa a quelle dell'amante (fissa o occasionale), mantenendo tranquillamente la facciata della famiglia "perfetta".

Anche la donna tradisce, naturalmente, ma in lei la molla che scatta è molto diversa.

La donna se si sente trascurata dal compagno cerca anch'essa un ripiego, ma la donna non ama nascondere di avere una passione per qualcun altro, anzi ama esibirlo, quindi piuttosto del tradimento segreto, fatto di piccole fughe e bugie, lei preferisce mollare la situazione esistente, facendo magari anche la figura della sfascia famiglia, e non importa se la nuova storia potrebbe durare una vita, un anno, o pochi giorni.

Noi donne non sopportiamo l'ipocrisia di far vedere che tutto va bene se non lo è. 

 

 

 
 
 

20.10.1990 ERA LA NOSTRA CANZONE

Post n°13 pubblicato il 20 Ottobre 2010 da io_donna_e_basta

2O ANNI DAL GIORNO DEL MATRIMONIO, E ORMAI 10 DALLA SEPARAZIONE.

MA IL CUORE E' SEMPRE RIVOLTO A CHI AVEVO SCELTO COME COMPAGNO DI VITA.

MAURO.

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

io_donna_e_bastabb76_againANTARES_2010LabileAuroraEgo_Shamalail.lordneroMassimiliano_UdDcesar28SonoSorrisotu.sognorubiodellavalle64cernonmale43ladyinfamiabovart
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom