Creato da oro.colato il 27/12/2008

UN TUFFO NEL PASSATO

I NOSTRI RICORDI

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: oro.colato
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 49
Prov: RM
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RADIO DGVOICE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

trampolo elastico anni 70

Post n°1218 pubblicato il 11 Aprile 2015 da oro.colato


per l'uso non c'erano neanche
le istruzioni  

 
 
 

distributore di chewingum anni 70

Post n°1217 pubblicato il 11 Aprile 2015 da oro.colato

 
 
 

Giocattolo anni 70-80

Post n°1216 pubblicato il 14 Marzo 2015 da oro.colato

Questo lo ricordate? 

 
 
 

Riproduzione per casa di un videogioco da bar.

Post n°1215 pubblicato il 14 Marzo 2015 da oro.colato

 
 
 

la penna corvina anni 70

Post n°1214 pubblicato il 21 Aprile 2014 da oro.colato

 

impossibile non ricordare la penna corvina acquistabile alla modica cifra di 50 lire


 
 
 

Gelato SQUALO

Post n°1212 pubblicato il 15 Luglio 2013 da kalikaam
 

Chi di voi ha mai mangiato questo gelato?

 

Lo SQUALO, un gelato del 1983 della Eldorado

costava...250 lire!!!

...e ti lasciava la lingua di una bellissima tonalità di BLU!!!

:-)

 
 
 

Diamonica Bontempi

Post n°1211 pubblicato il 09 Luglio 2013 da oro.colato

Salivazione eccessiva a parte, per noi era un bel passatempo ed un ottimo giocattolo per un approccio alla musica...in alternativa al famosissimo ed ambitissimo organo Bontempi

 
 
 

La famiglia incollatutto e i premi da vincere con la colla uhu

Post n°1210 pubblicato il 09 Luglio 2013 da oro.colato

 
 
 

Orologi Casio Watch Game

Post n°1208 pubblicato il 27 Aprile 2013 da oro.colato
 

La Casio negli anni '80 creò una serie di orologi con il gioco incorporato. 
Oltre a segnare l'ora si poteva giocare come i leggendari game & watch della Nintendo,ovviamente semplificati come
il mitico GS-11 Soccer,con funzioni di cronometro,allarme,data giorno e contapunti.

il game 301 uno dei pochi con i bottoni laterali anzichè frontali...


Space Warrior...

Moon Fight Robot

Golf GG9...

e molti altri tutti prodotti e commercializzati intorno agli anni '80 nello specifico '84-'85.

una vera chicca per noi ragazzi dell'epoca, sempre per chi poteva permetterselo.

 
 
 

il contascatti della SIP

Post n°1207 pubblicato il 14 Aprile 2013 da oro.colato


qualcuno ricorda il contascatti per il telefono? Qualche annetto fa il telefono si pagava in base agli scatti effettuati più il canone mensile obbligatorio. Per evitare di pagare bollette salatissime e per qualcuno per non farsi fregare dalla SIP, esistevano questi contascatti in grado di segnare gli scatti che si effettuavano nell'arco del bimestre. Ovviamente se gli scatti riportati sulla bolletta erano differenti da quelli sul contascatti...AMEN!!

 
 
 

Goldrake compie 35 anni!!

Post n°1206 pubblicato il 04 Aprile 2013 da oro.colato

Quando Goldrake fece la prima apparizione sui televisori italiani era il 4 aprile 1978, 35 anni fa. Toccò a Maria Giovanna Elmi, allora annunciatrice, presentare al pubblico la serie sottolineando il successo riscosso all'estero da questi «particolari cartoni animati». Fu un salto in una nuova dimensione. L’affascinante e tormentato protagonista, Duke Fleed, è un alieno (in tutto e per tutto uguale agli umani) che si rifugia sulla Terra con il suo robot da battaglia Goldrake dopo aver condotto la resistenza sul suo pianeta natale Fleed contro gli invasori, comandati dal conquistatore di pianeti Re Vega. Viene accolto all'Istituto di ricerche spaziali, dove viene nascosto il robot. Conduce alcuni anni di vita tranquilla sotto la falsa identità di Actarus, ma quando la Terra diventa l’obiettivo dei Vegani - che installano la loro base sulla luna - Goldrake diventa l’ultimo baluardo dell’umanità.

Goldrake fu un successo crescente, come ricorda Alessandro Montosi, autore del libro "Ufo Robot Goldrake. Storia di un eroe nell'Italia degli anni ottanta" (Coniglio editore): «Al primo passaggio televisivo le scene di combattimento erano quasi mute. Non si sente mai Actarus gridare il celebre "Alabarda spaziale". Il successo crebbe grazie al passaparola tra amici, compagni di classe e a scuola, con le due riproposizioni a cavallo tra dicembre 1978 e gennaio 1979 e tra dicembre ’79 e gennaio ’80, quando i combattimenti erano corredati di urla e tutto il resto». Fu allora che iniziò la Goldrake-mania. Quando il robot compariva sugli schermi gli indici di ascolto della Rai schizzavano alle stelle («In Francia arrivò ad avere anche il 100% di ascolti», precisa Montosi). Il 45 giri con le sigle vendette un milione di copie, vincendo il disco d’oro.

Goldrake diede vita ad un floridissimo merchandising: fumetti, libri, dischi, ma anche maschere di carnevale, costumi da spiaggia, tatuaggi lavabili, impermeabili, orologi. Il robot era dappertutto, anche nella pubblicità dell’Ovomaltina. Assieme al successo arrivarono le polemiche. Il deputato Silverio Corvisieri presentò un’interpellanza in Parlamento e scrisse un intervento su Repubblica in cui parlava di "orgia di violenza annientatrice". «Per il periodo storico la serie aveva elementi violenti. Actarus uccide i nemici. Eroi come l’Uomo ragno e Superman invece li sconfiggono, li arrestano, li imprigionano; se muoiono è in maniera incidentale. Goldrake uccideva i nemici, ma lo faceva per difendersi. Lo dice lo stesso Actarus in una puntata: la violenza si usa in situazioni estreme e lui lo fa perché è costretto. I nemici avevano distrutto il suo pianeta, ora è la Terra che rischia. Tutto si limita alla difesa. La serie è ricca di dettagli e sfumature».
CURIOSITA': Qualcuno ha mai capito che cavolo significa “Atlas”? Beh, niente, è un altro errore all’italiana! La serie di Goldrake venne acquistata dalla Rai dalla rete francese, dove era stata trasmessa in precedenza: quando i francesi consegnarono a noi tutto il materiale, lo raccolsero, come è uso fare, in un opuscoletto, chiamato oggi “Guide Book” in inglese; ma negli anni ’70 non c’era questo uso, e i francesi lo chiamavano “Atlas”, cioè atlante, guida. Così, quando quel funzionario Rai si trovò tra le mani un opuscolo intitolato “Atlas Ufo Robot” (ossia “Guida ad Ufo Robot”), ritenne con ogni probabilità che quello fosse il titolo della serie!!

leggo.it

 
 
 

E' morto Franco Califano.

Post n°1205 pubblicato il 30 Marzo 2013 da oro.colato
 

Franco Califano, noto anche come Er Califfo o con l'appellativo Il Maestro è stato un cantautore, poeta, scrittore e attore italiano.

Da sempre autore di testi e poesie, è famoso per canzoni spesso cantate in proprio, ma molto più frequentemente scritte per altri artisti

 

Nato nel 1938 L'artista Franco Califano è morto il 30 marzo 2013 nella sua villa di acilia!

 
 
 

Album da disegno Roselline.

Post n°1204 pubblicato il 14 Marzo 2013 da oro.colato

 

Un album da disegno che sicuramente
ricorderanno in pochi. 
 Le Roselline,

Era una sorta di album che serviva per muovere i primi passi nel mondo del disegno. 
Le Roselline erano divisi in 5 volumi come le classi della scuola, e ti insegnavano a disegnare. Nei primi numeri venivano proposti disegni molto semplici, geometrici: bastava tracciare le stesse linee sui quadretti ed ecco fatto dei semplici disegnini andando avanti ci si liberava dalla guida del foglio a quadretti finchè non si riusciva a disegnare alla perfezione qualche bel fiore pianta o altro

 
 
 

Pink Floyd - The Dark Side Of The Moon

1 Marzo 1973 - 1 Marzo 2013
40 anni di magia



Venerdi 1 marzo: quarant'anni fa, l'1/3/1973,
usciva il capolavoro dei Pink Floyd
"The Dark Side Of The Moon"
"Il lato oscuro della Luna"

E' un concept album
I Pink Floyd usarono alcune delle tecniche di registrazione più avanzate dell'epoca, inclusi la registrazione multitraccia e i loop. In molte tracce si usarono sintetizzatori analogici e, in sottofondo, anche una serie di interviste con la band e lo staff tecnico in forma di aforismi filosofici.
Il tecnico del suono Alan Parsons contribuì alla realizzazione di alcuni degli aspetti sonori più innovativi, incluso il ticchettìo e lo scoccare degli orologi in Time.

The Dark Side of the Moon fu un successo immediato, mantenne il primo posto della classifica statunitense Top LPs & Tapes per una settimana e vi rimase per altre 741 dal 1973 al 1988.
Nel giugno 2011 ha toccato le 1000 settimane nella classifica US Top Catalog.
Con 50 milioni di copie vendute, è quello di maggiore successo dei Pink Floyd e uno dei più venduti della storia.
È stato rimasterizzato e ripubblicato in due occasioni, oltre alle varie reinterpretazioni di vari gruppi musicali.
Furono estratti due singoli: Money e Us and Them (fantastici...!)

Oltre al suo successo commerciale, The Dark Side of the Moon è spesso considerato uno dei migliori album di tutti i tempi, sia dai critici sia dai semplici appassionati.

« The Dark Side of the Moon era un'espressione di carattere politico, filosofico e umanitario che doveva essere comunicata.»
(Roger Waters)

 
 
 

Simulatore di guida giocattolo

Post n°1202 pubblicato il 17 Febbraio 2013 da oro.colato

Un giocattolo questo che sicuramente ricorderanno in pochi. Si trattava di un volante che si attaccava sul cruscotto di ferro(prima dell'avvento della plastica) delle macchine.

così facendo , simulando la guida del nostro papà, riouscivamo ad allietare i lunghi viaggi in macchina. 

Foto presa da sito di claudiocostantini

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

Seguimi su Libero Mobile

 

ULTIMI COMMENTI