Creato da pieromit1 il 19/09/2008
DISCUSSIONI: CINEMA POLITICA ARTE LIBRI MUSICA
 

JOVANOTTI - MI FIDO DI TE

 

LEONA LEWIS - BETTER IN TIME

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FACEBOOK

 
 

Vasco Rossi - Il mondo che vorrei - video clip

 

Sergio Mendes - Funky Bahia

 
 

Ultime visite al Blog

pieromit1ladyesisbumpabumtramarcobertolucciexasimpolcirce1979.avrosaturnerEustachia_A
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

E intanto......................................Guasto al Cern!!!!

Post n°13 pubblicato il 21 Settembre 2008 da pieromit1
 
Tag: VARIE

Guasto al Cern, fermo per due mesi l'acceleratore di particelle

Incidente al Cern, almeno due mesi di stop per l’acceleratore di protoni LHC, il più grande del mondo, inaugurato a Ginevra il 10 settembre davanti a cinquecento giornalisti. E’ successo venerdì poco dopo mezzogiorno, ma la notizia è stata diffusa solo sabato pomeriggio. Una connessione elettrica tra due magneti superconduttori è andata in cortocircuito e il calore che si è prodotto ha «bucato» il circuito dell’elio liquido che serve a raffreddare i magneti a 271 gradi centigradi sotto zero. L’elio liquido si è così riversato in grande quantità nel tunnel a cento metri di profondità al confine tra Francia e Svizzera. Nessun danno alle persone, non è certo la «fine del mondo» neppure in senso figurato. Sono malfunzionamenti piuttosto comuni in queste tecnologie estreme.

Però è un contrattempo sgradevole per vari motivi. Perché ci sarà un ritardo nell’avvio degli esperimenti. Perché la spesa per la riparazione non sarà lieve, anche se irrisoria rispetto agli otto miliardi del costo complessivo di LHC. Perché il 21 ottobre, quando è prevista l’inaugurazione «politica» di LHC con l’intervento di decine di capi di Stato, la gigantesca macchina non potrà funzionare. E infine anche per un motivo psicologico. Il 10 settembre aveva trovato ascolto la tesi di una sparuta minoranza di scienziati, secondo i quali LHC avrebbe potuto produrre minibuchi neri capaci di inghiottire la Terra intera. Ovviamente non è successo e non succederà niente del genere, ma su Internet già dilagano migliaia di blog che rilanciano paure e grida di allarme. LHC, Large Hadron Collider, è una pista circolare lunga 27 chilometri nella quale corrono in direzioni opposte fasci di protoni, le particelle che con i neutroni costituiscono i nuclei atomici.

I due fasci si scontrano in quattro aree sperimentali. E’ lì che i fisici sperano di trovare il «bosone di Higgs», detto anche «la particella di Dio» perché spiegherebbe l’esistenza di tutte le altre e quindi dell’universo stesso. Perché i protoni formino fasci sottili come un capello occorrono potenti magneti. Altri magneti servono a curvarne la traiettoria in modo che seguano la circonferenza del tunnel. I magneti che svolgono questo compito sono l’oggetto più freddo dell’universo: 1,9 Kelvin sopra lo zero assoluto, mentre lo spazio cosmico è a 2,7. Il raffreddamento, che serve a limitare il consumo di energia elettrica, si ottiene con elio liquido. E’ facile capire che una struttura formata da 1700 magneti distribuiti lungo 27 km, con parti ultrafredde e altre a temperatura ambiente, subisce forti stress per la diversa dilatazione dei materiali.

Nell’incidente di venerdì il cortocircuito ha causato uno sbalzo termico ben più violento, e il sistema di contenimento dell’elio ha ceduto. La riparazione sarà lunga perché il settore 3-4 della «pista» per protoni che ha subito il danno dovrà essere riportato a una temperatura normale, e dopo la riparazione occorrono parecchie settimane per ridiscendere a meno 271°C. Un problema simile aveva già ritardato quasi di un anno l’inaugurazione. «Quando è avvenuto l’incidente - fa notare James Gillies, portavoce del Cern - il fascio di protoni non era acceso e i tecnici al lavoro non hanno corso nessun rischio: le misure di sicurezza hanno funzionato alla perfezione». Ma basterà a far tacere gli epigoni di Nostradamus?

 
 
 

Bill Gates investe nel carburante "alternativo"

Post n°12 pubblicato il 20 Settembre 2008 da pieromit1

Bill Gates ha recentemente firmato un contratto di investimento e finanziamento con Sapphire Energy, una società che intende ricavare carburante per automobili dalle alghe.

Sapphire Energy potrà contare in un finanziamento di 100 milioni di dollari, al quale, oltre Gates, hanno partecipato anche imprese come Arch Venture Partners, Wellcome Trust, e Venrock.

Le "umili" alghe sono una grande speranza dell'industria delle energie rinnovabili ed ecologiche. Questo perché le alghe sono ricche di oli e possono crescere facilmente in una vasta gamma di condizioni ambientali. Inoltre permettono di ricavare combustibili e altre sostanze chimiche in maniera più conveniente rispetto a materie prime già esistenti.

L'obiettivo a breve termine di Sapphire Energy è di produrre 10000 barili al giorno di combustibile ricavato dalle alghe, tuttavia non ha fornito altri dettagli sulla sua tecnologia di produzione.

 
 
 

ARRIVA LA CELLULA A COMBUSTIBILE PORTATILE PER CELLULARI

Post n°11 pubblicato il 20 Settembre 2008 da pieromit1
 
Tag: VARIE

Nel settore delle tecnologie eco-sostenibili arriva il Medis Power Pack, la cella a combustibile portatile in grado di rifornire di energia i cellulari e i lettori MP3. Il 24-7 Power Pack di Medis è caratterizzato dalla totale assenza di catalizzatori nocivi per l'ambiente quali mercurio, cromo, cadmio, ed i rivestimenti sono prodotti in PET biodegradabile; inoltre non è ancora dipsonibile sul mercato in grande distribuzione che già si parla di celle portatili per laptop. Con queste premesse non è difficile immaginare ottimisticamente un futuro in cui gli scarti dei dispositivi portatili saranno completamente biodegradabili.

 
 
 

Lo spezzino Sergio BertolucciDirigerà il Cern di Ginevra

Post n°10 pubblicato il 20 Settembre 2008 da pieromit1
 
Tag: VARIE

Sergio Bertolucci, 58enne nato in città, dirigerà il Cern (Centro Europeo di Ricerche Nucleari) di Ginevra. Dopo numerosi e impegnativi incarichi all'Istituto di Fisica Nucleare e nei laboratori Nazionali dell'INFN, ora entra  a far parte del ristretto Direttorato del Cern.

La Spezia, 19 settembre 2008 - Uno spezzino ai vertici del Cern.  Sarà un italiano a dirigere i progetti del Centro Europeo di Ricerche Nucleari. Sergio Bertolucci, membro della giunta dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è stato nominato ieri all'unanimità, direttore della Ricerca (Director of Research and Computing) del laboratorio eurpoeo del Cern di Ginevra dove è in funzione l'acceleratore di particelle LHC. Si legge in un comunicato dell'INFN che la decisione  è arrivata dal Council del Cern, che si è riunito a Ginevra.


Bertolucci, che ha 58 anni ed è nato a La Spezia, è stato vice presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e direttore dei Laboratori Nazionali di Frascati dell'INFN. Ha avuto inoltre incarichi di responsabilità al Cern, in centri di ricerca internazionali e in panel europei. Con il nuovo incarico, Bertolucci entra a far parte del ristretto Direttorato del Cern. 

''L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - ha commentato il presidente dell'INFN, Roberto Petronzio - è orgoglioso di entrare a far parte con un suo membro nel Direttorato del CERN in un momento così importante per l'avvio dell'acceleratore LHC. Siamo convinti - ha concluso - che questa nuova assunzione di responsabilità rafforzerà lo stretto legame esistente tra il CERN e l'Italia''.

 
 
 

Che ne pensate di......................................

Post n°8 pubblicato il 19 Settembre 2008 da pieromit1
 
Tag: LIBRI

La tana del lupo

James Patterson
Lo chiamano il Lupo: nessuno conosce il suo nome, né il suo volto. È un boss delta mafia russa che ha deciso di estendere il suo potere in America. Controlla attività criminali di ogni genere, dal traffico di droga al racket del gioco, al commercio d'armi, ma la sua specialità è la tratta di schiavi sessuali: basta inserirsi in un sito internet segreto, la Tana del Lupo, e 'ordinare' quello che si desidera. Donne magnifiche, bambine, giovani uomini. Tutto. Il Lupo è in grado di far diventare realtà qualunque perversione... Un caso difficilissimo, che sembra fatto apposta per Alex Cross, pluridecorato detective della Omicidi, al suo primo incarico nell'FBI. Ma Cross non deve affrontare solo il lupo: il passaggio all'FBI, un indubbio salto di qualità professionale, comporta notevoli difficoltà, nuove procedure, corsi di aggiornamento e una malcelata ostilità dei nuovi colleghi, che non vedono di buon occhio l'ultimo arrivato e l'aura di fama che lo circonda...

 
 
 
Successivi »