La parola...

... quale parola, Frankie? (Troisi- Ricomincio da tre)

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Elemento.ScostantedebiasemartinaLolieMiulella.2007anastomosidisabbiaGiuseppeLivioL2vi_diigansmottavia4natascjao1massimocoppasmemodachristie_malryletizia_arcurimpt2003
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: vi_di
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 59
Prov: AV
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 

 

Motori ricerca

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Gli studenti non sanno scrivere: per forza!

Post n°2244 pubblicato il 06 Febbraio 2017 da vi_di

Se uno studente non studia:
a) è colpa dell'insegnante che non lo motiva e che non sceglie una didattica interessante ed inclusiva (terra terra: la grammatica è noiosa, la logica è faticosa, maestra facce ride!)
b) è colpa della progettazione didattica che non è mirata (terra terra: se non so fare la moltiplicazione, tu perché mi vuoi per forza obbligare? Accontentati, pro'sso': bastano addizione e sottrazione)
c) è in un momento di bisogni educativi speciali legati a situazioni di stress quindi ha diritto ad avere compiti ridotti e strumenti compensativi (terra terra: dagli la calcolatrice se non sa fare le operazioni e il computer col correttore automatico se non sa scrivere).
Va senza dire che NESSUNO, e ripeto, NESSUNO, può essere bocciato, perché non si contempla il ragazzo che se ne fotte della scuola e non studia a prescindere, ma solo l'insegnante che non ha trovato metodologia, contenuti, competenze, conoscenze ortografiche, grammaticali e logiche più interessanti di una partita alla Play station o di un pomeriggio a whatsappare con le amiche.
Non solo: se pure un insegnante kamikaze insistesse a voler riprovare un alunno, la commissione gli dimostrerebbe che l'allievo ha fatto progressi: in fondo, quando è entrato a scuola in prima elementare, non sapeva scrivere nemmeno il suo nome e cognome.

Forza Virginia, 278 giorni all'alba!!!

 
 
 

Di satira e di diritti che son di tutti

Post n°2243 pubblicato il 22 Gennaio 2017 da vi_di

Vorrei chiarire una cosa: io riconosco a Charlie Hebdo il diritto di dire quello che gli pare, e se gli sparassero per la vignetta della morte sugli sci sarei ancora Charlie.
Questo però non implica che mi debbano piacere tutte le sue vignette. 
Non tollero dunque che, se dico "Questa della morte sugli sci non mi piace", mi si additi come quella che è Charlie solo se la cosa non la riguarda: una cosa è difendere un diritto come quello della libera espressione (se sparassimo a tutti quelli che dicono cose con cui non siamo d'accordo sarebbe una strage), una cosa è il gusto personale e la sensibilità rispetto alle cose, che vivaddio è personale.
E personalmente ritengo che, quando si prendono di mira i disastri, si fa sadica, non satira.
 

 
 
 

Il Natale di Gigi Proietti

Post n°2242 pubblicato il 27 Dicembre 2016 da vi_di

 
 
 

Mamma, non torno a Natale

Post n°2241 pubblicato il 21 Dicembre 2016 da vi_di

 
 
 

Commento personale a chiusura del referendum

Post n°2240 pubblicato il 05 Dicembre 2016 da vi_di

Certo, durante la campagna elettorale mi pungeva vaghezza di vendicarmi di un tizio che, senza mandato popolare, si è infilato 'e spighetto alla guida del Paese e s'è sistemato 'e chiatto, assumendo atteggiamenti di strafottenza e comportandosi da padrone del vapore. Sì', mi pungeva vaghezza.

La battaglia però non l'ho fatta CONTRO nessuno. 

La battaglia VERA l'ho fatta A DIFESA. 
A difesa della più bella del mondo, la nostra COSTITUZIONE. 
E' stata RESISTENZA, quella di questo referendum.
Una resistenza necessaria in un mondo in cui per essere rivoluzionari si deve lottare per conservare i diritti SACROSANTI di un Popolo, che NESSUNO si deve permettere di toccare.
E chi ha vinto, oggi, non è la destra o la sinistra o il centro. 
No. 


Ha vinto la COSTITUZIONE.


L'unica grande IDEA per cui valga ancora la pena di lottare.

 
 
 

Perché no

Post n°2239 pubblicato il 10 Novembre 2016 da vi_di

 
 
 

Spicciatevi!

Post n°2238 pubblicato il 07 Novembre 2016 da vi_di

 
 
 

Palindromi

Post n°2237 pubblicato il 06 Ottobre 2016 da vi_di

 
 
 

Cose da insegnanti

Post n°2236 pubblicato il 01 Ottobre 2016 da vi_di

Ricevuta via whatsapp

Vedendo la folla di persone, Gesù andò sulla montagna. E quando si fu seduto, i dodici vennero a lui. Sollevò gli occhi sui suoi discepoli e disse:
"Beati i poveri di spirito perché di loro è il regno dei cieli. Beati coloro che soffrono perché saranno consolati. Beati i buoni perché essi possederanno la terra.."
Quando Gesù ebbe finito, Simon Pietro disse:
"Maestro, dobbiamo scrivere quello che hai detto con la penna rossa o con la penna blu?”
Poi Andrea chiese:
"Maestro dobbiamo studiare tutto ciò per domani?"
Filippo aggiunse:
"Maestro ma tutto a memoria?"
Giovanni piangendo disse:
"Maestro non ho il foglio".
E Giacomo aggiunse:
"Io, non ho più l’inchiostro nella mia penna."
Preoccupato per i suoi compagni di classe Bartolomeo chiese:
"Maestro, ci sarà a breve un’interrogazione o ci dai una pausa didattica?"
E Marco disse:
"Come si scrive, cieli o celi?'"
Matteo ad un certo punto si alzò dal proprio posto e, senza aspettare che gli altri finissero di parlare, alzò la mano dicendo:
"Maestro posso andare in bagno?".
Simone, che di nascosto scrutava il panino con la mortadella sotto il banco e ne staccava ogni tanto dei pezzetti chiese:
"Maestro quando si fa merenda?"
E Giuda, un pò tardone, disse infine:
"Che cosa avete detto dopo la parola 'poveri'”?
Venne poi un grande sacerdote del tempio, tutti gli apostoli si alzarono in piedi per salutarlo. Questi si avvicinò a Gesù e chiese:
"Maestro, qual era la problematica di partenza? Quali erano i tuoi obiettivi trasversali? A quale competenza facevi riferimento? Tieni conto che avrai sicuramente degli apostoli con Bisogni Educativi Specifici. Perché non hai fatto un lavoro di gruppo con gli apostoli? Perché questa pedagogia frontale? Secondo te questa era la strategia più appropriata?"Mi raccomando Maestro devi fare 12 Piani didattici Personalizzati perchè quasi tutti i tuoi apostoli sono "border line".
Il grande Sacerdote del tempio disse poi:"Maestro oggi mi fermo con voi così sperimentiamo la metodologia del "cooperative learning".
Allora Gesù, stanco e depresso per tutti gli impegni e sovraccarichi si sedette e pensò tra sé e sé:
"Mò che vado a casa mi metto a letto e domani mi prendo il permesso con la 104".

 
 
 

La dieta dalle parti mie

Post n°2235 pubblicato il 20 Settembre 2016 da vi_di

Presa da Facebook, copyright Cisro Saittello

Funziona così :
Lunedì - dieta ferrea, olio ammisurato, verdure, yougurt magro, niente pane ecc...
Martedì - "uè vedi che ho sgarrato un poco con l'olio"
"Vabbuò nun fa nient.. hai accattato i yougurt?"
"Si ma quelli magri non se ne scendono ho preso quelli normali" 
"Che gusto?"
"Cioccolato e nzogna"
"Il pane ci attocca?"
"Un panino piccolo integrale"
"Ma questo non è integrale"
"Non l'ho trovato"
"Vabbuò nun fa niente"
Mercoledì - "l'hai ammisurato l'olio?"
"Non mi arricordo"
"So Finiti i yougurt devi comprarli"
"Ma com'è possibile?!"
"E il pane ci attocca?"
"Un panino piccolo, ma non l'ho trovato ci sta sta palatella da mezzo kg"
"Vabbuò ci levo la mollica"
Giovedì - "è finito l'olio si deve accattare"
"Ma ste mulignane a fungitiello nun so pa dieta!"
"Come no so al forno.. ci sta un poco di olio in più però so al forno"
"Vabbuò e vicino che ci attocca?"
"Il prosciutto di maiale però non l'ho trovato"
"Vabbuò in frigo ci stanno le sasiccie e le tracchiulelle sempre maiale è.."
"Si però senza pane che oggi era l'onomastico di Tonino e ci ha offerto le sfugliatelle e pareva brutto non accettare"
Venerdì - "marò so troppo stanco per cucinare ci chiamiamo una pizza?"
"No la pizza no stiamo a dieta.. prendi un pollo arrosto che quella è carne bianca, ce ne possiamo mangiare quanto ne vuoi"
"Togli la pelle che è grassa"
"Vabbuò ma io lascio il petto che mi annozza"
"Il pullastraro mi ha regalato una vaschetta di patane inzevate.. ma le patane so verdure?"
"Penso di si"
Sabato - "stasera teniamo la pizza!"
"Margherita senz'olio"
"Vabbuò io mi piglio la primavera che quelle so tutte verdure"
"Uh ma le verdure so fritte e ci sta pure la pancetta arravugliata"
"Vabbuò una volta a settimana nun fa niente"
Domenica - "ha detto il dietologo che la domenica è libera"
"Menomale che dobbiamo andare a mangiare dalla nonna"
"Poi domani però ricominciamo la dieta"
"Ua perché fino a mo che abbiamo fatto?!"

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: vi_di
Data di creazione: 14/01/2007
 

GRADITE UN CAFFÈ?

 

ULTIMI COMMENTI

fantastico articolo. buone feste da ciao da Artecreo
Inviato da: emilytorn82
il 28/12/2016 alle 15:06
 
Saranno con me tutti e due per Natale.
Inviato da: vi_di
il 23/12/2016 alle 17:03
 
E i tuoi figli.....?
Inviato da: atapo
il 21/12/2016 alle 22:09
 
evvai!
Inviato da: massimocoppa
il 05/12/2016 alle 12:36
 
o meglio, per restare in tono: "Sta bbene!"
Inviato da: massimocoppa
il 08/11/2016 alle 12:34
 
 

Statistiche

.

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Blog Directory  Contatti msn 

PageRank  BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 

Personal Blogs - Blog Catalog Blog Directory 

 hit counters Wikio - Top dei blog

Map IP Address 

Visitor Map

 

free counters

 

E NE VADO FIERA!

 

I MIEI BLOG AMICI