Creato da braulink il 28/11/2005

Avasinis -UD- 2.5.45

Ragionando sul come e sui perché di una strage nazista

 

« Avasinis, conoscere i fa...Avasinis, il programma d... »

E' online il video "Avasinis, luogo della memoria"

Post n°147 pubblicato il 03 Giugno 2020 da braulink
 

La strage di Avasinis del maggio 1945 nelle testimonianze dei superstiti

 

di GIANFRANCO ELLERO

Un episodio dimenticato dell'ultima primavera di guerra fu puntualmente registrato e intitolato "Strage di innocenti" da Chino Ermacora nel libro "La Patria era sui monti": ma ormai chi legge più, in Friuli, le pagine dell'autore di "Vino all'ombra" e di "Vino al sole"? Non rinvieremo quindi il lettore al libro di Ermacora, quasi un "instant book" stampato a Pordenone il 18 agosto 1945: ne trascriviamo un passo, avvertendo che forse erra nominando Spilimbergo, perché oggi sappiamo che i carnefici passarono sul ponte di Braulìns. "Un reparto delle Ss, proveniente da Spilimbergo, aveva invaso improvvisamente il paese col piano prestabilito di compiere una rappresaglia: punire bisognava Avasinis, in fama di asilo di partigiani; bisognava scovare e sterminare coloro che due giorni prima avevano osato disarmare i cosacchi che da mesi appestavano la regione; bisognava continuare insomma la primavera di sangue promessa dall'alto comando germanico". E siccome quasi tutti gli uomini validi erano fuggiti in montagna, furono uccise 51 persone e 13 ferite: donne, bambini, vecchi e due sordomuti. La strage di Avasinis, narrata a caldo anche su "Libertà", quotidiano udinese del Cln, il 12 maggio 1945, ricorda, in formato ridotto, altre stragi compiute in Italia (fra le più note Marzabotto e Sant'Anna di Stazzema), ma presenta qualche tratto di originalità, per così dire, rispetto alle precedenti. Avvenne, innanzi tutto, dopo la resa incondizionata delle forze tedesche in Italia (29 aprile 1945), e a lato della Pontebbana, percorsa in quei giorni dal grosso delle truppe in ritirata, mentre i cosacchi, diretti verso Monte Croce, erano impegnati nella battaglia di Ovaro contro le forze partigiane. Per concordi testimonianze dei superstiti della strage i soldati, vestiti con uniformi e distintivi delle Sa, parlavano varie lingue, qualcuno anche l'italiano e il friulano, e dalle tasche degli uccisi prelevavano i portafogli come i rapinatori a mano armata. Ma non basta: si fermarono in paese nella notte bevendo, mangiando e ballando, lasciarono un mitra scarico per ricordo, e poi, caso unico, furono a loro volta uccisi da alcuni dei superstiti nonostante si fossero vestiti in borghese: una donna li riconobbe quando dalla montagna, per vie impende e quasi sconosciute dagli stessi paesani, alcuni uomini (provenienti da Forgaria? ) scesero a prelevarli "per consegnarli agli inglesi", dissero. L'eccidio trova duratura memoria nell'intitolazione della piazza del paese: 2 maggio 1945, nel memoriale eretto accanto alla parrocchiale e, da una decina d'anni, in un documentario che Dino Arüs realizzò intervistando i superstiti della tragedia. Il documentario, prodotto per incarico del Comune di Trasaghis e della Comunità Montana del Gemonese, fu presentato al pubblico del Cinema Sociale dalla Cineteca del Friuli, che in questi giorni lo ripropone online nella piattaforma "adessocinema": entrerà così nella gigantesca memoria di Internet, e potrà essere visto e meditato in Italia e nel mondo. Va anche meditato, certo, sia per la genuinità delle testimonianze, molte in friulano sottotitolate in italiano, che per l'oggettività. Una donna ricorda, ad esempio, un soldato che salva un bambino rimasto incolume in mezzo alla strada fra le braccia della nonna uccisa da una raffica di mitra, e un uomo ricorda l'uccisione di un sordomuto che non si era fermato all'alt di un soldato. In quei giorni, da un mare di sangue, nacque la nostra Repubblica.

(Messaggero Veneto, 1° giugno 2020) 

Un'immagine di Avasinis, tratta dal video

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/2diMaj/trackback.php?msg=14972768

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

braulinktipotoniutticentro_doc_alessoamorettivittoriojerbamaraclaudio.ganispsicopioAsterisco9mariopompiereioLMPgiuseppe.baracettiandreafattoriiracontideigrimmbritticaospaoladagaro
 

ULTIMI COMMENTI

Che si sappia, l'unica persona che "vuol...
Inviato da: braulink
il 02/05/2019 alle 22:28
 
Avessimo almeno ottenuto la libertà di ricerca! La Chiesa...
Inviato da: Asterisco9
il 02/05/2019 alle 09:23
 
distinti salutti modesto. i tedeschi fuorono asasinni ma i...
Inviato da: Arqtt mauricio Di Gi
il 03/09/2012 alle 17:51
 
Anche il Blog si associa al dolore dei familiari per la...
Inviato da: braulink
il 02/05/2012 alle 17:19
 
Oggi, 1° maggio 2012, è venuta a mancare mia mamma,...
Inviato da: Di Gianantonio F.
il 01/05/2012 alle 21:39
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom