Creato da Allegri.Beduini il 22/10/2008
LECCHIAMO I CORPI IGNUDI CON CIRCOSPEZIONE

IL NOSTRO cANALE

 

Advice

Questo Blog pratica il culto laico del corpo ignudo e tumido di Bruno Tartaruga.
 

FACEBOOK

 
 

Sponsor istituzionali

Sponsored by

sponsored by

sponsored by

 

Testimonial Istituzionali

 

Area personale

 

Blogghe Itaglia

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 

« Ella che ti coglie…Ecco la diagnosi: »

Cinema o fiction

Post n°903 pubblicato il 22 Febbraio 2010 da Allegri.Beduini
Foto di Allegri.Beduini

A qualcuno viene il dubbio, è una distinzione da intellettualoide sinistroide chic o è una realtà?
In effetti la differenza c’è; la fiction è un qualcosa di addomesticato per dare ciò che piace al grande pubblico: le lacrime, il dramma e il dover attivare poco più di qualche neurotrasmissione per capire.
Un “tragico” esempio di tale attitudine è la fiction su Sant’Agostino che non ha altro che demolito (per la gioia di Appalosa) il santo ma ha anche demolito il grande pensatore.
In effetti la fiction (non film) ha trattato per ¾ l’Agostino pagano, personaggio scarsamente interessante se non paragonato al pensatore e al santo; ma alla massa piace vedere gli intrighi di corte, gli amori e l’uomo che scambia la coscienza con il successo.
Del resto della storia, oltre all’interpretazione di Franco Nero… che è Franco Nero, ben poco rimane se non la celebre frase di S. Agostino: “ama e fa ciò che vuoi”; l’addomesticamento è tale che nella fiction la schiava amante di S. Agostino nonostante essere innamorata e non avere altre alternative, essendo schiava e donna, in un rigurgito di dramma da operetta fugge per sempre dal suo amato Agostino…. peccato che la Storia, quella con la “s” maiuscola, ci dice che fu cacciata dalla madre per favorire, probabilmente, un matrimonio altolocato al figlio… ma non faceva così fiction.
Sempre sul tema mi capitò, qualche sera fa, su un canale Rai un film trucio, ma trucio davvero, con parolacce ogni mezzo secondo.
Dovetti cambiare nonostante essere mia abitudine censurare poco ciò che vedono le mie figlie. Il film mi incuriosì, così lo ritrovai ed era il film “i fatti della Banda della Magliana” di Daniele Costantini.
Precedentemente avevo visto Romanzo Criminale, tutto sommato non era un cattivo film, ma con il film di Costantini non c’era paragone.
La tecnica narrativa era pressoché geniale, gli attori erano “veri” e truci come una certa malavita romana e non i soliti belli (anche se bravi) di turno, la consecutio narrativa era coerente eliminando tutte gli aspetti “passionali” che erano troppo “fiction” parlando solo degli aspetti reali, di cronaca e di politica.
Bravo Daniele Costantini, bell’esempio di creatività.
UDM

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Numero di persone che preferiscono Youporn al nostro Blog

site statistics 

Numero di donne ed uomini che vorrebbero ora avere un amplesso con noi:

 

Ultime visite al Blog

s.filesistheanmicupramarittimaleonluxvitojpepeluna88sachoreographic.teamconsorziogiemmeasilvestre.alab794ever72larunomakavelikapronciruggerofurlanetto
 
Citazioni nei Blog Amici: 30
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom