E' notte ...

...speriamo che domani splenda il sole ...

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

Serenità ...

Post n°20 pubblicato il 08 Febbraio 2014 da Angels.2007
 

Caro diario,


sono felice!! ... Lo so strano detto da me ... strano dopo tutte queste pagine tristi ...

Il gesto più semplice, la giusta parola detta da chi senti tiene a te può illuminare anche la più buia delle giornate ... perchè sono le cose semplici che possono cambiare la vita ... possono rendere il mondo un posto migliore in cui stare.

Caro diario, domani splenderà il sole ... 

 
 
 

Ritorno ...

Post n°19 pubblicato il 08 Febbraio 2014 da Angels.2007
 

Caro diario,

è passato tanto tempo dall'ultima volta.

Non sono mai stato veramente via ... stavo qui ... seduto in un angolo a guardare ... ... guardare ... e nulla da dire.
Tante cose sono cambiate ... tante in meglio ... alcune in peggio ...
Ci sono parole da dire ... pensieri ed emozioni da condividere ...

Ho dinuovo qualcosa da lasciare alle tue pagine ... da condividere con il mondo urlandogli in faccia "SMETTI DI IGNORARMI!! ... Io esisto!!"

Caro diario, sono tornato ... non ti libererai facilmente di me ... 

 
 
 

Post N° 18

Post n°18 pubblicato il 29 Dicembre 2007 da Angels.2007
 

Caro diario,

non so se sia giusto lasciare tra le tue pagine questo post … soprattutto dopo mesi di assenza …

Ho creato queste pagine in un momento particolare della mia esistenza … particolare ma non sicuramente dei più felici della mia vita …
Ho cercato attraverso queste pagine di trasmettere le mie emozioni belle o brutte che siano, cercando di scaricare una parte dei pesi che attanagliano il mio cuore … la mia anima …
In qualche modo ho cercato di lasciare qui le mie riflessioni, i miei pensieri, quello che ho dentro e che spesso mi rende difficile guardare con serenità al giorno successivo.
Scorrendo indietro vedo che ho lasciato tante pagine tristi … e pochi sorrisi … anche se questa non era di sicuro la mia intenzione originaria …

Tramite te ho conosciuto delle persone … delle BELLE persone che con le loro parole mi hanno rinfrancato e regalato momenti di vera serenità …
… persone che io tra me e me chiamo AMICI … perché sento in loro amicizia … perché vedo in loro qualcosa di caldo oltre lo schermo freddo e piatto di questo computer …

Voglio lasciare anche questo momento … condividerlo con te e con chi attraverso te scopre qualcosa di me …

Mi sento triste … mi sento svuotato dentro … mi sento al tempo stesso perso e inutile.
Ogni giorno che passa mi rendo sempre più conto che “quello che era non è più … e mai più sarà”
… non sono le feste … non è il tempo che passa …
… è la consapevolezza di aver perso parte della propria vita … la consapevolezza acquisita negli ultimi giorni di aver lottato invano per qualcosa che non è come l’avevi immaginato … sperato … vissuto giorno per giorno nel tuo cuore e nella tua anima.
Se è vero che i sogni svaniscono al mattino e ti lasciano l’amaro in bocca allora forse oggi mi sono svegliato … e lo sconforto che provo in questo momento è veramente tanto …

Caro diario,

avevo bisogno di parlare con qualcuno per cercare di sentirmi un po’ meno solo …
… non pretendo che nessuno capisca …
… grazie di cuore per avermi ascoltato … ne avevo veramente bisogno.

Ciao.

 
 
 

Un giorno come tanti ... 11 settembre ...

Post n°17 pubblicato il 14 Settembre 2007 da Angels.2007
 
Foto di Angels.2007

Caro Diario,

oggi voglio lasciare tra le tue pagine un racconto …
… vita vera mischiata a pura fantasia … quello che in questa giornata ho dentro e sento in qualche modo di dover esprimere e condividere con qualcuno … quello che ho deciso di condividere con chi mi legge tramite te …

La luce filtra attraversa le persiane socchiuse, i raggi del sole appena sorto come lame taglienti si fanno strada nel buio della camera e colpiscono il mio volto.
Indugio a letto ancora un po’, sposto il mio volto affondandolo nel cuscino nel tentativo di recuperare la serenità provata prima di svegliarmi … ma ormai sono sveglio.
Lentamente il cervello si riavvia e i pensieri della notte svaniscono lasciando il posto a quelle che sono le priorità della vita di tutti i giorni.
Sarà un’altra giornata dura … la famiglia, il lavoro che proprio non va e le mille preoccupazioni che ogni giorno assillano la vita degli individui normali … quelli che cercano di vivere al meglio la propria esistenza senza aspettarsi troppo dal futuro.

Mi alzo e indugio seduto sul bordo del letto disfatto tenendo stretta la testa fra le mani … …
… penso …
… non mi va di andare in ufficio, non mi va di vedere le solite facce, di sentire le solite storie, i problemi di chi non fa altro che preoccuparsi di se stesso e di come questo o quel cambiamento potrà peggiorargli o migliorargli l’esistenza. Le cose in azienda stanno mutando, ma come al solito il cambiamento non viene vissuto come un modo per migliorare la condizione di tutti. Invece di correre insieme verso un obiettivo comune ci si fa la guerra per cercare di ottenere il massimo per se stessi a discapito degli altri … … non mi va di vivere anche oggi questa esperienza … … vorrei qualcosa di diverso … … lo vorrei almeno per oggi.

Mi alzo in piedi e attraverso la penombra della stanza mi dirigo verso il bagno … …
… … mi affianco al lettino fermo vicino al comò e indugio guardandoci dentro …
… … Andy dorme sereno, il sole ancora non riesce a turbare i suoi sogni … … rannicchiato e con la testa rivolta verso l’alto sorride … mi domando cosa starà pensando … quale personaggio immaginario lo accompagna in questo momento … … mi piacerebbe riuscire a fare mia anche per un solo istante la sua serenità … … la spensieratezza che accompagna questi anni della sua vita …

Lo lascio riposare ancora un po’ … mi devo preparare per affrontare la nuova giornata ed è inutile svegliarlo prima.
L’acqua scorre giù dal rubinetto, veloce, frenetica, direttamente verso lo scarico … … solo il passaggio delle mia mani interrompe la sua corsa. Mi fa pensare alla mia vita che da tanto tempo corre sempre nella stessa direzione, corre senza che niente ne interrompa il moto, ne devi la direzione anche solo per un attimo.
Penso … oggi voglio qualcosa di diverso … oggi voglio spezzare la routine e provare a me stesso e agli altri che sono ancora vivo. Ho deciso … oggi andrà diversamente.
Velocemente mi asciugo il volto … mi guardo allo specchio … i miei occhi brillano …

Torno in camera … Andy ancora dorme beato … comincio a chiamarlo dolcemente, ripetendo più volte il suo nome, scuotendolo piano per una spalla. Osservo le sue smorfie, mi fanno ridere. Proprio non vuole saperne di lasciare l’abbraccio di Morfeo per tuffarsi a capofitto nella vita vera… lo capisco … infondo vive allo stesso modo mio, e anche se più spensierato deve comunque affrontare ogni giorno quelli che sono i problemi che caratterizzano la sua vita a questa età …
Finalmente apre gli occhi, sorride e pronuncia il saluto più dolce del mondo … “Buongiorno Papà … ti voglio bene” … poche parole per illuminare la mia esistenza e dargli un senso. Quelli che fino a quel momento erano stati i miei problemi svaniscono per qualche istante, mentre mi godo fino in fondo la situazione del momento.
“So che hai mille impegni, e so che i tuoi amichetti ti aspettano all’asilo, ma che ne diresti di fare qualcosa di diverso oggi?”
“Che cosa vuoi fare papà?”
“Non devo essere sempre io a decidere, facciamo quello che vuoi tu, la Grande Mela ci offre un sacco di divertimenti … che ne so … una corsa in metro e una passeggiata a Central Park … magari il cinema … o visitiamo qualcosa … dove vuoi tu …”
“Mi hai sempre promesso che andavamo sulle Torri Gemelle … ci andiamo oggi papà?? … dai per favore non dire di no …”
“Ok … perché no …”

Velocemente consumiamo insieme la colazione … latte e biscotti per tutti e due …
… lo guardo mentre mangia … è felice … è in un’età in cui una giornata con il papà è una cosa importante, del resto non abbiamo molte occasioni per stare insieme tutta una giornata …
“Posso portare due giocattoli, sai per il viaggio …”
“Certo che puoi, però non ci mettere un’ora a scegliere, è già tardi e se non ci sbrighiamo arriviamo a mezzogiorno al Word Trade Center … è dall’altra parte della città”

Finalmente usciamo … mano nelle mano affrontiamo la città che da poche ore ha iniziato a vivere il nuovo giorno …
… cellulare alla mano avverto l’ufficio … oggi non ci vedremo … una questione importante esige la mia presenza e non posso fare in modo differente. Ci ripenso … è vero … è una cosa importante … è qualità della vita … della mia vita … troppe volte sottovalutata e messa da parte.

La metro non è distante. E’ il solo modo di muoversi velocemente sotto una città bloccata dal traffico …
La metro è un posto strano, migliaia di persone fianco a fianco, migliaia di persone che ogni giorno si muovono velocemente per raggiungere un luogo, spesso lo stesso luogo. Probabilmente da anni salgono sullo stesso treno alla stessa ora e sistematicamente si ignorano. Se ti fermi a pensarci è veramente incredibile.

“E' la nostra stazione, riponi i giochi che dobbiamo scendere …”
“Ok …”
Con un braccio lo stringo a me e gli dò un bacio sui capelli … lo faccio da sempre … mi fa sentire bene … spero gli trasmetta il mio amore …

L’atrio del Word Trade Center è enorme … scintillante … frenetico come tutto il resto della città. Improbabili manager di successo lo attraversano velocemente incuranti gli uni degli altri e assorti nei loro grandi pensieri di “Fusione e Acquisizione di grandi società o Dio sa solo cosa”.
Il loro passo veloce è rallentato dai curiosi, turisti con gli occhi a mandorla che armati di macchine digitali scattano mille foto per immortalare tutto quello che si para loro innanzi … probabilmente tornati a Tokio incolleranno insieme i loro ricordi digitali nel tentativo di fabbricare le loro torri gemelle, nel tentativo di fabbricare la versione nipponica del sogno americano …
Andy è estasiato … non sa dove guardare prima. Ci apprestiamo ad attraversare anche noi il salone nel tentativo di individuare l’ascensore migliore per raggiungere la terrazza.

Le porte si chiudono alle nostre spalle e la cabina inizia la sua corsa verso l’alto … il silenzio delle persone assorte nei loro pensieri è rotto dai mille perché che Andy continua a propormi …
“Perché adesso si ferma, perché non si ferma a ogni piano, perché non vanno tutti alla terrazza …”
Qualcuno sorride alle domande più assurde, altri sembrano infastiditi. Cerco di dargli risposte brevi che non generino una sequela di nuovi perché. Immagino che nel suo piccolo sia nervoso, come sempre succede prima di una nuova esperienza …

Finalmente in terrazza. New York da qui non sembra la stessa. Il frenetismo ossessivo che caratterizza ogni strada qui non si percepisce, come se il vento che a questa altezza sfiora i nostri volti dopo essere passato tra le strade si liberasse di quella componente non strettamente necessaria per la qualità della vita.

Andy non sa più dove guardare prima … ricordo ancora il mio stupore la prima volta su quella terrazza … e bambino non ero …
Sarebbe bello entrare nella sua testa e carpire il segreto dei suoi pensieri … capire cosa sta veramente pensando … vivere quell’emozione con la serenità e l’ingenuità di chi ancora non si è fatto contaminare dalla “vita vera” …
“Grazie papà … è bellissimo … guarda quanti palazzi … guarda come sono piccoli visti da qui … e laggiù … il mare … Quando ci andiamo papà …”
“La prossima volta Andy … la prossima volta …”

Ne è valsa la pena … questa è vita … vita vera …

“Papà papa un aereo … guarda che bello … guarda com’è vicino e come vola basso”

Lo schianto è violentissimo … il gigante di acciaio e cemento ancora oscilla sotto l’effetto dello schiaffo subito. Ci siamo ritrovati tutti a terra ma nessuno ha immediatamente capito il perché.
“Tutto bene Andy, ti sei fatto male?”
“No niente …”
Nel trambusto di chi si muove convulsamente ci rialziamo cercando di capire cosa è successo …
… i turisti con gli occhi a mandorla hanno perso le loro preziose digitali e ora animatamente si scambiano gli apparecchi cercando di capire qual è il loro …
… altri turisti si dirigono agli ascensori … invano … il piano di emergenza ha immobilizzato in colosso e fatto scattare la macchina dei soccorsi … non rimane che attendere …
Dai fianchi feriti il gigante libera fumo … denso … nero … dalla terrazza lo vediamo passarci a lato e salire alto al cielo …

“Papà ho paura … cosa succede”
“Non ti preoccupare Andy, e non aver paura … sono con te e non ti può succedere nulla”

Nello schianto ho perso il cellulare, ma infondo non c’è nessuno da chiamare, la sola cosa che veramente conta è con me …

“Ti voglio bene Andy … non lo dimenticare mai …”
“Ti voglio bene papà …”

Il fumo denso ha quasi completamente invaso la terrazza … di prepotenza, metro dopo metro avanza verso di noi e ci costringe in un angolo, come il pugile certo della sua superiorità sull’avversario lo spinge all’angolo costringendolo alle corde …

I secondi … minuti …
i minuti … ore …
Lo scorrere del tempo pare rallentato in questa condizione cosi fuori dal normale … nella mia testa milioni di pensieri si fanno largo uno sull’altro ma nessuno riesce a dominare …
Abbracciato stretto ad Andy scandisco il tempo rivangando nei ricordi dei giorni trascorsi insieme nel tentativo di non far trasparire la mia preoccupazione …
“… ricordi quel giorno al parco … quella volta al cinema … quella sera quando sul letto abbiamo visto il DVD sul computer …”
Infondo sono tante le cose belle fatte insieme … la vita non è composta da una serie di eventi eclatanti e degna di profonda nota … la vita è composta di tante piccole cose che messe insieme ti fanno capire che vale la pena di andare avanti nonostante le difficoltà …

Sono passate ore dall’impatto … un aereo ha colpito l’altra torre … le scale si sono trasformate in comignolo per il fumo che arriva dai piani inferiori … … stretti in un angolo continuiamo ad attendere e sperare …
Il gigante è stanco … trema … dopo ore dalla ferita subita comincia a cedere alle lusinghe del tempo … … non è più tempo di resistere … …
Il pavimento sotto di noi comincia a tremare …
“… papà ho paura!!”
“… non aver paura cucciolo … papà è qui stretto a te … niente di brutto può succedere … ti voglio bene!”

Anni di duro lavoro per ergersi al cielo, pochi secondi per accartocciarsi su se stessa in una nuvola di polvere e fumo che per ore ha dominato il cielo della Grande Mela … i giganti non ci sono più, dopo ore di sofferenza hanno ceduto il passo e al loro posto oggi è rimsto il vuoto … Ground Zero.

Oggi a distanza di sei anni si pensa ad una nuova torre per colmare quel vuoto nella sky line, ma nessuno mai potrà colmare il vuoti lasciato dai tanti Andy con il suo papà che quel giorno stavano sulle torri …

Non è stata politica, non è stata una lezione per il mondo occidentale … ne tanto meno religione … è stato solo un orrore …

Caro diario,

ho voluto scrivere queste righe per non dimenticare, per riflettere sulla vita e su quello che infondo conta veramente … … una storia inventata con qualcosa di vero che sicuramente ricopia l’esistenza di qualcuno in quel momento …

… grazie per la tua attenzione …

 
 
 

In vacanza finalmente ...

Post n°16 pubblicato il 13 Agosto 2007 da Angels.2007

So di non essere stato molto presente nell'ultimo mese ... da non credere ma tutti i lavori e gli impegni si sono ammassati in questo ultimo periodo. Vedrò di farmi perdonare a Settembre!

Finalmente vado in vacanza pure io ...
... spengo il cervello ... qualche libro ... canzoni sul lettore MP3 e tanto relax!!!!

Ci risentiamo tra un po' ... buone vacanze a tutti quelli che ancora non ci sono stati.

Ciao.


 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: Angels.2007
Data di creazione: 23/03/2007
 
 

QUANTI SIAMO ...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Angels.2007cassetta2caracolahelixprinci2008Ylith3strong_passionBIMBAGRANDEsei_volte_bannatoCuoricina_79semplicemente_io4myshoes40Tzzssunamilotus_86pimpirinella75
 

ULTIMI COMMENTI

Ti auguro di trovare qualcosa da scrivere, qualcosa di...
Inviato da: Ylith3
il 09/06/2009 alle 19:32
 
Anch'io sono come gli elefanti ... e di certo non...
Inviato da: Angels.2007
il 19/04/2009 alle 02:14
 
Ciao! E' passato più di un anno dacchè hai scritto...
Inviato da: Ylith3
il 06/02/2009 alle 01:03
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:46
 
Ciao sono Sasà il Blog Designer...
Inviato da: associazioneamicobus
il 13/02/2008 alle 16:03
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova