Creato da Ylith3 il 16/09/2006
Precipitando in quell'Abisso chiamato Cuore...

Commenti

            

Licenza Creative Commons
Licenza Creative Commons
Attribuzione - Non commerciale 2.5 Italia.

 

Sogno d'una notte di mezza estate

(W. Shakespeare)
Atto V - Scena I - Conclusione

¤.(¯` Puck ´¯)¸.¤
Se l'ombre nostre v'han dato offesa,
Voi fate conto v'abbian colto

Queste visioni così a sorpresa,
Mentr'erravate in preda al sonno;
In lieve sonno sopiti, ed era
Ogni visione vaga chimera.

Non ci dovete rimproverare
Se vana e sciocca sembrò la storia;
Ne andrà dissolta ogni memoria,
Come di nebbia se il sole appare;
Se ci accordate vostra clemenza,
Gentile pubblico, faremo ammenda.

E com'è vero ch'io son folletto
Onesto e semplice,
sincero e schietto,
Se pure ho colpe, non mai ho avuta
Lingua di serpe falsa e forcuta;
Pago l'ammenda senza ritardo,
O mi direte che son bugiardo.
Ora vi auguro sogni felici,
Se sia ben vero che siamo amici,
E ad applauso tutti vi esorto,
Poiché ho promesso che ad ogni torto
A voi causato per inesperienza,
Gentile pubblico, faremo ammenda.

 

Laurell K. Hamilton - Anitaverse

«Ti ho quasi avuta in mio potere, mia piccola Risvegliante.» Lo scrutai in viso, ma soltanto per un attimo, prima di affrettarmi ad abbassare lo sguardo. «Il quasi non conta, bastardo succhiasangue.»

Nodo di sangue, Resti mortali, Il Circo dei Dannati, Luna nera, Polvere alla polvere,Il ballo della morte, Dono di Cenere, Blue Moon, Butterfly, Narcissus, Cerulean sins, Micah, Incubus dreams, Death dance, Blood noir.

La vera via per giungere al cuore di un uomo è una lama di quindici centimetri fra le costole. A volte ne bastano dieci, però, per essere davvero sicura, preferisco quella da quindici.

 

Libri

Se una notte d'inverno un viaggiatore - I. Calvino
«...trovo nella luce del giorno, in questa luminosità diffusa, pallida, quasi senz'ombre, un'oscurità più densa che quella della notte.»

Il castello errante di Howl - D. W. Jones
La giovane Sophie, 18 anni, lavora instancabilmente nel negozio di cappelli che apparteneva a suo padre ormai defunto. In una delle sue rare uscite, viene importunata da alcuni soldati e salvata dal Mago Howl, uno stregone di rara bellezza e fascino

 
 

 

L'ultima e-mail

Post n°694 pubblicato il 08 Dicembre 2013 da Ylith3
 

Mi siedo al pc e finalmente, dopo diverso tempo apro la posta e leggo le e-mail.
Una, per via del mittente, mi colpisce.
Il testo è breve e chiaro:

"Aspetto una nuova favoletta. Non credo che la sorgente si sia seccata. Mandami ancora qualcosa, grazie

Mario"

Sorrido, pensando a quanto ho trovato difficile scrivere quelle poche righe, quelle piccole notarelle che avevo mandato fin'ora, Ma sì, la sorgente non si è seccata.
Ho una nuova idea, così faccio per mettermi a scriverla. L'articolo scivola fuori, passando dalla testa alle dita e camminando sulla tastiera, componendo lettere e parole, finchè, messo il punto finale, mi decido ad inviarlo. Allora mi sorge il dubbio.
Scorro in una pagina di internet ed aperto il browser mi fiondo a digitare l'indirizzo del sitarello.

w

w

w

e così via... premo il tasto invio e la pagina si carica dopo qualche momento.
Eccolo.
Gli occhi vedono, scorrono le righe del messaggio nella homepage.
Lo rileggo, lo leggo di nuovo. E poi mi accorgo che sto piangendo.
L'estremo saluto da parte dell'amministratore del sito al signor Mario.
Sapevo che aveva una certa età, me ne aveva parlato. Sapevo che la vita è fatta così. Ma è comunque scioccante.
L'ultimo numero della rivista, su cui stava lavorando non uscirà mai.
Allora guardo l'icona del documento dove ho scritto quell'articolo, la apro e rileggo quello che ho scritto e d'improvviso mi sembra tutta una sciocchezza.
Cancello tutto, tenendo premuto il tasto per guardare scomparire le lettere una dopo l'altra, finchè il cursore si blocca, tornato all'inizio della pagina bianca.
Contemplo quella lineetta lampeggiante e mi domando perchè, anche se so già molto bene che non ci sarà mai nessuna risposta a questa domanda.
Così decido di riscrivere d'accapo l'ultimo articolo. Non lo pubblicherò sul sito come gli altri, non avrebbe senso, ma devo farlo. Non usando la tastiera, ma penna e foglio di carta. Li cerco, con le parole che già si affollano che già fanno solleticare le punte delle dita per la frenesia di voler uscire. Quando comincio a scrivere so già cosa scriverò.

Nel mondo della favole

Quando nella vita le persone se ne vanno

"Caro signor Mario,
ho ricevuto la notizia in ritardo.
Da un po' non avevo notizie del giornale e mi domandavo da qualche giorno se fosse mai stato qualche imprevisto nella pubblicazione.
Così, preso il portatile, inizio a navigare. Cerco il sitarello dove so pubblica online la rivista e leggo quelle due parole: "Ciao Mario".
No, mi dico, impossibile. Ci sono tanti Mario al mondo e quello che conosco io è un signore che ha ancora tanto da dire.
Ma apro lo stesso il post e così ecco la mia conferma. Si parla proprio di lei.
Caro signor Mario, non ci volevo proprio credere. Così ho cercato anche notizia sulla Gazzetta ed eccolo di nuovo lì.
Sapevo che era anziano, ma chissà perchè ero convinta che non le sarebbe accaduto nulla, non senza che prima avesse esaurito tutto quello che aveva da dire. Ed ho sempre avuto l'impressione che ne avesse molte, di cose da dire.
E invece... m'ha proprio fregata!
Caro signor Mario, come da lei chiestomi nell'ultima mail, voglio raccontarle un'altra favola, ma mi perdoni se è una storia semplice.

C'era una volta, tanto tanto tempo fa, un micino. Era piccino quando lo strapparono alla sua mamma e lo portarono via. Oggi era al caldo del ventre materno, domani era al freddo di una grande scatola vuota.
C'erano bambini che andavano sempre a trovarlo, portandogli cibo e facendolo giocare, ma il micino, alla sera, rimaneva sempre da solo.
Un giorno, però, si era accorto di essere ormai abbastanza grande per poter uscire dalla scatola. Sgattaiolava via e correva per le strade sconosciute, esplorando il mondo che fin'ora aveva guardato solo dall'interno della sua scatola.
Camminando, un bel giorno, incontrò un uomo. L'uomo era vecchio e sedeva in un angolo, osservando il mondo che gli scorreva affianco; entrambi sembrarono, per un momento, fuori dalla corrente che muoveva tutto il resto del mondo.
L'anziano tese allora la mano verso il gattino.
La bestiola era così impaurita che dapprima pensò che fuggire era la cosa più giusta, ma, osservando meglio l'uomo scorse in lui umiltà e sincerità, così s'avvicinò pian piano.
Si trovò allora, circondato di calore, coccolato con il medesimo affetto che un nonno ha per un nipote, un affetto familiare e famigliare, che rese il mondo in cui fin'ora aveva camminato meno estraneo, meno grigio.
Passarono molti giorni ed ogni giorno il gattino, nel suo girovagare, tornava dall'anziano, passava con lui qualche momento di quiete, sempre accolto col medesimo gesto gentile ed il medesimo sorriso incoraggiante, e poi tornava a girovagare, curioso alla riscoperta di quel mondo che pensava di aver visto ma che in realtà vedeva ora sotto una nuova luce.
Fu così che il micio iniziò a vivere la sua vita con maggior spensieratezza, finchè un giorno, non trovò più l'uomo seduto nel suo angolo.
Lì, dove aveva sempre trovato affetto ed incoraggiamento, ora c'era solo un vuoto incolmabile.
Dapprima il micio si guardò attorno, lo cercò, pensando di aver sbagliato strada, ma ben presto ebbe conferma che non aveva sbagliato nulla. Chissà perchè, l'anziano non c'era più.
Allora il gattino, ormai cresciuto, si mise a sedere li, nello stesso posto in cui sedeva l'anziano e provò a guardare il mondo dal posto in cui l'aveva guardato l'uomo e si accorse che da quel punto poteva vedere lontano. Così lontano che il mondo sembrava non avere più confini. Scorgeva davanti a se tutte le promesse di quel mondo che continuava a riscoprire nuovo; comprese che ad ogni cambiamento della sua vita, il suo modo di vedere il mondo sarebbe cambiato e che quindi ogni volta il mondo sarebbe stato un posto nuovo e diverso da esplorare finchè ne avesse avuto forza nelle zampe.
Per questo, con un ultimo saluto, il gatto s'incamminò per la strada."

«Tienti curata e d'acconto, abbiamo solo questa vita da vivere e vale la pena di farlo nonostante tutto.» 

Grazie di avermelo insegnato,

Ylith

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Di una guerra contro il mondo

Post n°693 pubblicato il 19 Novembre 2013 da Ylith3
 

Quello che vedono i miei occhi
è una serie senza fine di volti
visi contorti, corpi a tocchi
respiri strappati dalla bocca di molti.

Non sono fiera, non sono orgogliosa
per chi ora a terra giace,
per chi in silenzio ora riposa,
non mi rende fiera, esser vittoriosa.

E per chi osserverà chi io li non c`ero
risponderò in un momento:
allora sii tu, se riesci, a sentirti fiero
d`aver ucciso, senza pensar un momento.

Se a rifletter non serviranno le mie parole
allora guardate il sangue sulle vostre mani,
guardate dei morti sul campo la mole,
e ditemi come sperare d`aver ancora un domani.

Quando i nemici torneranno
saranno ancora più furenti
e le guerre ricominceranno
e vendetta porteranno i venti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il Sesto velo di nebbia

Post n°692 pubblicato il 19 Novembre 2013 da Ylith3
 
Foto di Ylith3

Lo Strawberry era un locale piuttosto piccolo. Un bancone non più lungo di tre metri, quattro tavoli con le panche, una piccola zona con un paio di slotmachine, la porta della cucina e del bagno, quella del bagno era in fondo a sinistra come da peggior cliché. Sulla destra, invece, tra l'ultimo tavolo e la prima slotmachine c'era uno stretto corridoio, che s'infossava nella parete, mezzo nascosto da una porta a soffietto.
Appena messo piede nel locale, Magnus ci fece cenno di raggiungere appunto quella porta soffietto...

 

[CONTINUA SU shekinah.altervista.org]

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Domino, fazzoletti e biglie

Post n°691 pubblicato il 17 Novembre 2013 da Ylith3
 

Da quanto non scrivo?
Penso siano secoli, invece sono mesi, forse un anno o due... non lo so.
Le cose sono complicate e più avanzo più mi rendo conto che diventeranno sempre più difficili.
La vita è crudele.

E' un semplice constatazione, alla fine.

Non c'è niente di personale, cara vita, è solo che a volte sei proprio bastarda.
Ti pieghi e ti agiti e ci mandi tutti a gambe all'aria, e noi, come pedine di un domino, cadiamo gli uni addosso agli altri e ci tiriamo giù e poi ci trasciniamo di nuovo in piedi per prendere un'altro dei tuoi scossoni, e resistere al soffio del tuo respiro che ci vuole abbattere di nuovo.

Sei bastarda e crudele... ma non si può dire che tu sia senza cuore... no, non sarai mai senza cuore, perchè stringi i cuori di ognuno di noi tra le tue dita e ci giochi come fossero biglie.

Domino

Cara vita, sai che ti dico, io me lo riprendo il mio cuore. L'hai strizzato troppe volte con i tuoi scherzi, con i tuoi giochi e le tue distrazioni. Adesso me lo riprendo proprio. E' mio e lo rivoglio e vorrei anche poterlo usare come meglio credo, non che tu metti vicino a me la tessera del domino che combacia col mio numero e poi la fai saltar per aria, spedendola chissà dove per vedere che succede. Non che la prendi e la rigiri, voltandole faccia e rendendola inadatta... mi metterò io a testa in giù, d'ora in poi, pur di capire se quella tessera sia ancora adatta a me.

Mi riprenderò il mio cuore e scenderò dal tuo tappeto instabile, per cominciare a vivere sul serio. Per tornare ad avere fiducia e a credere che, nonostante tutto, ci sian un buon motivo per cui ancora mi trovo qui a lottare.

Mi hai stancata, adesso comincerò io a strapazzarti come un fazzoletto da taschino, perchè dopotutto qualcosa me lo devi... me lo devi eccome.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mattino

Post n°690 pubblicato il 30 Giugno 2013 da Ylith3
 
Tag: Poesie

Si accende la luce dalla finestra,
dissipa le ultime ombre del mattino.
Osservo i riflessi dei vetri sul soffitto
e prego che quest'attimo non finisca.

Poi la quiete, l'illusione di un attimo,
s'infrange, lasciandomi dolorante.
Mi fa male il cuore, la mente,
mi fanno male le costole
come avessi preso mille calci.

Il desiderio di tornare a sognare,
di vivere nel mio sogno,
è così forte che mi nascondo.
Mi nascondo dal mondo,
mi nascondo da me stessa.

Mescolo l'illusione,
smuovo la solitudine,
abbraccio il cuscino
e mi perdo di nuovo.

Ho bisogno di ritrovarmi,
di ritrovare la forza di uscire,
di riuscire a gettarmi nel vuoto,
di far si che i sogni diventino realtà.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Ultime visite al Blog

mari3007dolce.sposaMisischiFzecchinifamilypare.72traccedierikaflabisszpaolosapialevaleria_cappuccioIo_Me_Stessa_E_MeNuvola_volaarcheodanzaIllidan11elllisa0
 

Ultimi commenti

Parliamone... non che ci si sente spesso ultimamente io e...
Inviato da: Ylith3
il 24/05/2013 alle 11:52
 
non sei sola... u.u
Inviato da: Avalonoir
il 18/04/2013 alle 12:43
 
Ciao... mi soffermo a leggere questo commento solo ora......
Inviato da: Ylith3
il 27/04/2012 alle 17:04
 
Ciao... oddio credo di non averlo pi, mi si fritto il...
Inviato da: Ylith3
il 27/04/2012 alle 17:01
 
molto bella!! mi passi il dwg che mi serve?? :)
Inviato da: giuseppe
il 25/04/2012 alle 13:24