Anime di luna

... Poesia facendo

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

 

Nei fiumi di parole (da 'She's waiting for a portrait')

Post n°36 pubblicato il 19 Novembre 2013 da gocciadistella80


Nei fiumi di parole
detriti su spirali a fumigare
significati. Dire.
Affollamenti in testa
sorrisi a iosa ed occhi a falce prone
segnati da un impasto blu di Prussia
di una matita soffice d'attrice
- linea di terra
tra sogno e lacrima -.
Si sparpagliava mai nelle sue note
- dalle spalle allo scollo -
emetteva gli assensi di tre quarti
incamiciava sguinci a un volto austero
che le mentiva il vero e abbottonava
spazi zittiti.
Impietrita, film muto
i gesti di pudore, via gli occhiali
giù le gocce di grog. Via la testa
su cuscini lontani
rintocchi
un morso al rosso fuoco di una mela.
L'uomo distante
- cella blu per frantumi
d'anguria iperrealista -
saves a picture on desktop.
Nascosta nelle setole
lo sguardo mascherato dai capelli
- copia di fotocopia dello sfondo -
she's waiting for a portrait...

 

- Francesca Lavinia Ferrari


da 'She's waiting for a portrait'


Tutti i diritti riservati

Downolad gratuito sul portale Calaméo



dipinto in alto: Casey Bough

dipinto in copertina: 'Per lirica femminile', Roberto Matarazzo

 
 
 

«Si frantuma l’aria» (Mirko Servetti)

Post n°35 pubblicato il 14 Novembre 2013 da gocciadistella80

dipinto: Roberto Ferri

 



«Si frantuma l’aria» (Mirko Servetti)

da 'Terra bruciata di mezzo' (Matisklo 2013) © Copyright


Si frantuma l’aria

con gli avanzi di tavola
e i trascesi crepuscoli,
cattedrale da stupire
perché rovina monotona

e quieta...
...allora la toccavi
la vivevi all’aperto,
distante da queste pareti
e dalla meridiana
riflessa sul pavimento.
Tra i formulari arcani
navigavi sguardi privi di rotta
non immaginando quali effigi
avrebbero fatto ala al tuo ingresso.

Guerrieri di fiera razza Arachnĭda
ballerini mosquitos bianche cavolaie
da miasmi d’umido radicale,
sfingi testadimorto
tafani azzurri reduci
dai roventi zefiri
sobillati dalle zazzere
di fattrici giumente;
mariposas cieche
al baluginare di sfere ramate,
laboriosi stercorari
cicale amorose
flebotomi mai sazi
anofele d’altri continenti
perfino cirripedi, valve fossili
d’aurore decamillenarie
in ranghi adunati
immobili e disciplinati;
con la tentazione
di provare più gioia
più ansia del neoliberto
dopo l’annuncio della franchigia:
una ditteroteca compostamente in festa
e ghiotta delle vene tue
che a me paiono linee di confine alle parole.

Dopo la rassegna
rompono le righe guazzabugliando
tra carbonelle quasi spente,
e lo schermo è la sola vulgata
del sangue e le sue storie.
Una sfilata di morti anonime
con gl’intervalli degli spot
mozzature spettacolari
colaticci di bava mantecata
alle lacrime;
e qui si pensa d’essere al sicuro,
le percezioni alterate,
le nubi storpiate
dal frastuono e dal calore.

- Mirko Servetti


da "Terra bruciata di mezzo" (Matisklo 2013) © Copyright

 

 
 
 

VELO E PERLE SU UN FILO D'ETERNO

Post n°34 pubblicato il 12 Novembre 2013 da gocciadistella80


Incontrammo in un sogno le calendule
e le spine dei cardi, nelle veglie
ribellate al flagello di quei tarli
del cervello e dei travi
di loggiati crollanti
mentre donne d’asfalto tratteggiate
di quel bianco impazzire delle gambe
sconcertavano il nero dei flautisti
nei campi.
Sono sempre le stesse, le muraglie
che s’innalzano in mezzo alle carezze
troppo attigue ai minuti ed alle stanze
allora stringi forte i miei silenzi
e spalmati sui globi delle dita.
Pensarti sarà sempre
a volte toccheremo ciglia e vette
noi due, colori e rotte.
Sappiamo che la somatizzazione
del precario si annoda alla fortezza
del sentire, soffiamo sulle lacrime
asciutte del costato
cascate giù tra foglie di castagni
a sgranocchiarci l’anima.
Abbiamo soste e spiagge per amarci
e certo sgretolare i nostri pugni
dimentichi di drappi e frange dolci.
Forze sospese
restiamo tesi e stesi sulle frasi
sicure della fune
che unisce costa e piana.
La donna che ti parla
ti ama e tace l’impeto che sgrana
la sua sanguigna pura
per disegnare teche di reliquie
inabissarle
rifrangerti il sapore delle labbra
velo e perle su un filo
d’eterno


- Lavinia


dipinto: Harry Holland

 


 
 
 

da 'She's waiting for a portrait'

Post n°33 pubblicato il 05 Novembre 2013 da gocciadistella80

 

Nel buio di una chicchera
l'infuso color mogano - profumo
di pistilli d'ibisco - libertà
di un varco al bolo fermo
nel tratto appeso all'ultimo respiro
prima di un tuffo in bagni di follia.
La memoria si spande
dispensa biglietti falsi e cicche
che ti si appiccicano
sotto le suole
e ti rallentano
la marcia sopra l'attimo
mentre cammini ignaro.
Fili rosa mollicci
trattengono lo sporco della strada
i batteri, gli avanzi di chi sniffa
la coca e i radicali imprigionati
negli antidoti al lime.
Ti chiedi dove sei
ché qualche pelo bianco ti ha svegliato
ti ha detto corri forte, hai ancora tempo
per snobbare lancette
e perdere le staffe.
Now or nothing, you know…

 

- Lavinia

 

Scaricabile gratuitamente su Calaméo.

 

dipinto di copertina: 'per lirica femminile', Roberto Matarazzo

 
 
 

Luce

Post n°32 pubblicato il 04 Novembre 2013 da gocciadistella80

Ovunque si nasconda - questo è il compito
di ciascun buon poeta - va stanata
con cura di tenere la distanza
di sicurezza. Non c'è alcun pericolo
non ci è dato trovarla, ma rifarla
fiorire, senza dire una parola


- Lavinia

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: gocciadistella80
Data di creazione: 10/08/2013
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sal.tatoreincisionerupestreA1Paoloantonio.fontana_afBlueSteelerobertiniagocceinvisibiliYourNamelessDesirejarilomax_6_66ontheroad72blankshineemmefishtoffee_2006Perturbabile
 

ULTIMI COMMENTI

un bacio in questo respiro
Inviato da: gocceinvisibili
il 10/06/2015 alle 21:59
 
Non vendetevi, non cadete nel plagio e nelle...
Inviato da: Alemanno
il 14/12/2014 alle 16:21
 
belli quegli occhi
Inviato da: gocceinvisibili
il 05/11/2014 alle 19:34
 
A L L A R M E – DEMOCRAZIA – ARBITRIO – DIRITTI – NAZISMO –...
Inviato da: Andre
il 03/11/2014 alle 17:55
 
un ritratto che porta la morte alla Morte
Inviato da: gocciadistella80
il 07/02/2014 alle 22:19
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Dov'è la poesia
quando c'è tempo
solo per mani
che tremano
che arano
sostengono altra vita
si lasciano passare i giorni e il male
- ed è soltanto sabbia di clessidra
inceppa gli occhi
che vedono tramonti
dov'è la poesia -

- Lavinia

dipinto: Steve Hanks