Grillo? No Grazie

Un giullare che fa politica, non bastavano quelli che c'erano?

 

TU DOVE SEI?

<a href="http://www.voisietequi.it/iosonoqui/f8229698.html"><img src="http://www.voisietequi.it/images/banner_105x105.png" alt="Elezioni 2008. Io sono qui. E tu dove sei?"></a>
 
 

FREE TIBET

Free Tibet
 
 

ULTIME ANSA

ALITALIA, BERLUSCONI: CORDATA C'E'. PRESTO I NOMI
VITERBO - "La cordata italiana per Alitalia non è qualcosa di campato in aria: oggi ci sono alcuni nomi di imprenditori impegnati su questo fronte che non posso fare per dovere di riservatezza". Lo afferma il leader del Pdl Silvio Berlusconi appena giunto a Viterbo per una iniziativa elettorale. "Fra qualche giorno - prosegue - questi nomi saranno conosciuti da tutti, perché faranno certamente un'offerta impegnativa".

"Chiederanno di avere tre o quattro settimane, Air France ha avuto sei mesi, per conoscere la situazione reale. Quindi - aggiunge Berlusconi - chiederanno di fare la loro due diligence e presentare una loro offerta impegnativa. Tra qualche giorno - conclude Berlusconi - si concretizzerà la cordata".

"Non ho elementi per valutare la controproposta di Air France in profondità, però registro di aver ottenuto dei successi: dopo il mio appello agli imprenditori italiani a tirar fuori l'orgoglio e a non perdere il controllo della compagnia di bandiera Air France ha cambiato posizione sul mantenimento dei colori e della bandiera della compagnia", aveva in precedenza affermato il leader del Pdl Silvio Berlusconi a margine di un incontro con il coordinamento dei giovani di Forza Italia. "C'é una novità. Siamo passati - prosegue Berlusconi - da condizioni che abbiamo definito inaccettabili e addirittura irricevibili ad ora che Air France si dichiara disponibile a trattare. "Ciò nonostante - conclude Berlusconi - credo che la soluzione migliore sia una cordata di imprenditori italiani che mantengano italiana la compagnia di bandiera"

"Questo governo non puo mettere il prossimo di fronte al fatto compiuto: quando andremo al governo noi, Alitalia avrà tutto ciò che serve per normalizzare la situazione". Lo afferma Silvio Berlusconi tornando sul caso Alitalia.

BERLUSCONI,MIEI FIGLI IN CORDATA?NEMMENO PER SOGNO

"Ma nemmeno per sogno. Io rispondendo ad una domanda ho detto, da imprenditore, che se qualcuno chiedesse di dare una mano... Adesso dico assolutamente no". Così Silvio Berlusconi esclude che i propri figli entrino nella cordata italiana per Alitalia. "Hanno approfittato tirando in ballo addirittura il conflitto di interesse - aggiunge - A questo punto vieterei ai miei figli di partecipare in qualunque modo per la strumentalizzazione che ha fatto la sinistra".
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giovanni_morandiniolocristallinopanther78david.6_199ste7781nicoladepizzolriga2681tamellielleannalisastefanelliazucena58musiccolmipiace1956batmaruRaoul978mariat.siciliano
 

ULTIMI COMMENTI

facciamolo tutti però perché finchè lo fa uno solo non...
Inviato da: alex24mila
il 01/12/2012 alle 01:47
 
Il battaglione Bolzen era fatto di riservisti.....quanto a...
Inviato da: Vistatore
il 25/04/2011 alle 10:06
 
Grazie dell'informazione... Ma per fortuna so...
Inviato da: caterpilarcinzia
il 14/02/2010 alle 22:40
 
peccato che anche tu ti sia fermata/o alla superfice...
Inviato da: Anonimo
il 04/05/2008 alle 19:50
 
Auguri e buona pasqua a te
Inviato da: Mister_m_a_s_t_e_r
il 24/03/2008 alle 10:05
 
 

POWER OF LOVE

 

A TE

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

ELEZIONI: COSA FARE SE NESSUN PARTITO TI RAPPRESENTA? 

Post n°22 pubblicato il 01 Aprile 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r

E' SEMPLICE: PROTESTARE!
Lo prevede la Legge,e in particolare il

Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n 361

che all'Articolo 104 punto 5 prevede che:5. Il segretario dell'Ufficio
elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi
proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi
a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.


Quindi,cosa fare? E' semplice:
1) ANDARE A VOTARE, PRESENTARSI CON I DOCUMENTI + TESSERA ELETTORALE E
FARSI VIDIMARE LA SCHEDA

2) ESERCITARE IL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA (DOPO VIDIMATA),
dicendo: "Rifiuto la scheda per protesta, e chiedo che sia
verbalizzato!"

3) PRETENDERE CHE VENGA VERBALIZZATO IL RIFIUTO DELLA SCHEDA

4) ESERCITARE IL PROPRIO DIRITTO DI AGGIUGERE, IN CALCE AL VERBALE, UN
COMMENTO CHE GIUSTIFICHI IL RIFIUTO (ad esempio, ma ognuno decida il
suo motivo: "Nessuno dei politici inseriti nelle liste mi rappresenta")
(D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 - Art. 104, GIÀ citato)

COSì FACENDO NON VOTERETE, ED EVITERETE CHE IL VOTO,NULLO O BIANCO,
SIA CONTEGGIATO COME QUOTA PREMIO PER IL PARTITO CON PIù VOTI!!


Andate a verificare su questo link:
http://www.malcolmx.it/riforme/leggi/testo-unico-leggi-elettorali.htm
e per sicurezza stampatevi l'Articolo 104 e portatelo con voi ai seggi.

Questo sì che SI PUO' FARE!

 

 
 
 

La risposta del sig. Beppe grillo alla lettera di Hu Jintao 

Post n°21 pubblicato il 28 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r

Se gli Stati Uniti avessero invaso il Messico. Se la Francia avesse occupato l'Algeria. Se l'Australia avesse dichiarato guerra alla Papua Nuova Guinea. Se il Giappone avesse annesso la Manciuria. Se l'Italia tornasse di nuovo in Libia con le cannoniere.Se tutto questo fosse successo nell'anno delle Olimpiadi negli Stati Uniti, in Francia, in Australia, in Giappone, in Italia. Le Olimpiadi si sarebbero tenute lo stesso in questi Paesi? In nome di cosa? Del WTO? Della globalizzazione? Del consumismo?
Il Governo italiano ha calato i pantaloni alla marinara di D'Alema (nessuno pensava che avrebbe fatto diversamente).
L'umanità ha un debito enorme nei confronti del Tibet, della sua cultura, dei suoi abitanti. Lo ha lasciato solo per quasi sessant'anni in nome della realpolitik. Un comportamento semplice da capire. Se sei grosso puoi invadere, distruggere, sterminare. Se sei piccolo e hai il petrolio, allora sono c...i tuoi. Cecenia docet. Iraq ridocet.
Il blog lancia oggi una petizione al segretario dell'Onu per un Tibet libero.


Grazie Grillo ma il messaggio non dovrebbe essere quello di fermare le olimpiadi, piuttosto quello di fermare le importazioni dalla Cina
 

 
 
 

Una lettera di Hu Jintao al Giullare 

Post n°20 pubblicato il 26 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r

Il presidente cinese Hu Jintao ha inviato a Richard Gere, Beppe Grillo, Nancy Pelosi e altri, una lettara in cui cerca di spiegare il suo punto di vista sulla libertà in tibet, Grillo senza commentarla l'ha puntualmente pubblicata sul suo blog, ed io credo lo abbia fatto solo per dare al blog stesso un tono di importanza mondiale, visto che nella lettera il presidente cinese lo indica come "leader che influenzano l’opinione pubblica, come voi siete", in altre occasioni non sarebbero mancate da parte sua delle considerazioni più o meno condite di parolacce, il testo della lettera ve lo evito per una questione di buongusto, infatti quel testo fa schifo.
Come avviene sempre, i commenti che ne sono seguiti, almeno quelli più votati, non erano inerenti nemmeno lontanamente al testo della lettera ad eccezione di qualche piccolo spunto d'ira, e questo non mi stupisce, ritenendo il 90% dei commentatori di quei post degli analfabeti, sinceramente non saprei come considerare chi scrive "a senza acca il verbo avere" o ancora parlando del Dalai Lama definendolo "scuisito con la c al posto della q" non si può trattare di semplici errori di battuta, ma di assoluta ingnoranza delle regole fondamentali della grammatica.
Io credo che una simile nefandezza di lettera non possa rimanere da parte di chi tiene il Blog e ne pubblica i post, senza una considerazione, o senza un commento, e sono sicuro che nei prossimi giorni ci sarà sicuramente da parte sua una presa di posizione non sui fatti sui quali si è già espresso "voleva invitare gli atleti olimpionici a casa sua purchè non prendessero parte ai giochi cinesi", ma sul testo della lettera in questione.
Da parte mia, potrei invitarvi ad andare a leggerla sul sito www.beppegrillo.it ma dovreste avere già digerito da qualche ora.
Non metto in questo post nessuna foto per un motivo semplice, la faccia del presidente cinese qui non ce la voglio.

 

 
 
 

Roma, Rutelli: per commessi corsi di lingua gratuiti 

Post n°19 pubblicato il 25 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r



ROMA (25 marzo) - «Vorrei mettere in campo una proposta, un'idea per chi vorrà, ovvero che il Comune di Roma faccia dei corsi gratuiti di lingua e di informatica per i commessi e le commesse dei negozi come occasione di crescita professionale». E' la proposta lanciata dal candidato del centro sinistra a sindaco di Roma Francesco Rutelli che questa mattina a piazzale della Radio ha incontrato il titolare e gli addetti alle vendite del gruppo Clark.
DOVREBBE IMPARARLO LUI

 
 
 

FAMIGLIA CRISTIANA ATTACCA POLITICI: CASTA AVIDA DI PRIVILEGI 

Post n°18 pubblicato il 25 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r

Clemente Mastella ha rinunciato a ricandidarsi, ma "per reinserirsi a Ceppaloni, prende un modico assegno di 300 mila euro: lo chiamano 'assegno di reinserimento nella vita sociale'. Non sarebbe meglio restituirli quei soldi o darli in beneficenza, come bel gesto?". Se lo chiede Famiglia Cristiana nell'editoriale del suo prossimo numero, intitolato "Paese da terzo mondo con tasse scandinave", dedicato al tema dei "privilegi" dei quali godono i parlamentari italiani, invitati dal settimanale dei paolini a interessarsi al "bene comune". "La busta paga dei lavoratori italiani - rileva Famiglia cristiana, ricordando il recente allarme sulla povertà degli italiani lanciato dal presidente della Cei Angelo Bagnasco - è tra le più basse in Europa. Ma i nostri parlamentari - rimarca - guadagnano il 70 per cento in più dei loro colleghi tedeschi e il 75 per cento in più di quelli inglesi". Secondo il settimanale più diffuso nelle parrocchie italiane, "chi chiede sacrifici ai cittadini, non può non essere credibile e non dare per primo l'esempio, altrimenti è una presa in giro. Cari politici - chiede - basta con le chiacchiere". Bisogna "garantire più 'bene comune' e meno privilegi: di recente, il cardinale Bagnasco ha sintetizzato l'emergenza italiana con l'espressione: 'il problema della spesa'. Non si riferiva certo a chi, al ristorante di Montecitorio, ordina un passato di verdura con crostini a 1,80 euro o involtini di manzo a 4,80 euro".

"Cari politici (Veltroni, Berlusconi, Casini etc.), basta con le chiacchiere. E' così impegnativo - scrive Famiglia cristiana - garantire più 'bene comune' e meno privilegi?". Il tema è quello delle pensioni. "Trentacinque anni di contributi e 65 anni di età (60 per le donne): questi i requisiti per andare in pensione, validi per tutti gli italiani. Ma con qualche eccezione - ricorda il settimanale -. Gianfranco Fini, con tanta ipocrisia (chi è immune scagli la prima pietra), ci ha proposto un interessante quiz: 'Chi e' quel pensionato di 52 anni che percepisce 5.216 euro di pensione al mese?'. La risposta: Walter Veltroni. Il leader del Pd (e 'baby pensionato') - prosegue l'editoriale - incassa male e rilancia: 'Basta con gli stipendi italiani più bassi e le retribuzioni dei parlamentari piu' alte d'Europà". Ma "quest'anno il pane è aumentato del 12,3 per cento, la pasta del 10; negli ultimi anni le tariffe del gas sono rincarate del 45 per cento, quelle elettriche del 20,8... e ci fermiamo qui, per carità di Patria. Si può far fronte - si chiede Famiglia cristiana - a questi rincari con 500 euro mensili che tanti anziani percepiscono come pensione di vecchiaia (il 17 per cento)? Che i politici ('castà avida di privilegi) - ammonisce 'Famiglia Cristiana' - non si vergognino é un grave insulto a chi vive raccattando gli avanzi al mercato. Non è demagogia. La busta paga dei lavoratori italiani é tra le più basse in Europa".

 

 
 
 

Eccidio delle Fosse Ardeatine 

Post n°17 pubblicato il 25 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r

Il 23 marzo 1944 in un’azione di guerra a Roma in via Rasella, un gruppo di partigiani dei Gap uccideva 33 soldati del battaglione Bozen e ne feriva 38 facendo scoppiare una carica esplosiva e attaccando la colonna nemica con armi automatiche e il lancio di bombe da mortaioleggere. Accuratamente preparata, l’azione colpiva uno dei battaglioni specializzati in azioni di rappresaglia e faceva seguito a una serie di massacri perpetrati nei mesi precedenti dai tedeschi nelle zone intorno alla capitale ai danni di persone innocenti, spesso donne, vecchi e bambini: 18 vittime a Canale Monterano, 32 a Saturnia, 14 a Blera, 40 a San Martino, 14 a Velletri ecc.
In seguito all’azione partigiana Hitler comunicò che Roma doveva essere interamente distrutta e tutta la popolazione deportata, ma subito dopo rettificò che per la vendetta sarebbe stato sufficiente radere al suolo l’intero quartiere nel quale si era svolta l’azione. Infine Kesselring e il comandante della piazza di Roma, Kurt Maeltzer, stabilirono le modalità della rappresaglia: dieci italiani per ogni soldato tedesco ucciso. Leccidio avvenne immediatamente e fu affidato al colonnello Herbert Kappler, coadiuvato dal capitano Priebke: il giorno dopo l’azione partigiana, 335 uomini furono uccisi alle fosse Ardeatine, ciascuno con un colpo alla nuca. La maggior parte delle vittime venne prelevata dal carcere di Regina Coeli e dal comando di via Tasso, cinquanta furono scelte e consegnate dal questore fascista Caruso.

 

 
 
 

Pubblicità gratuita 

Post n°16 pubblicato il 25 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r



Francamente io credo non credo che all'On. Casini faccia piacere essere il testimonial di Beppe Grillo e del suo V2 Day, e non so nemmeno se sa di esserlo in qualche modo, se si lo farà gratis o dietro compenso? E che tipo di compenso? Nomination per le prossime elezioni come fa Di Pietro? Un semplice tacido accordo per accaparrarsi i voti della gente che sostiene Grillo? La politica è davvero caduta cosi in basso per cui, la scarsità di idee e progetti viene compensata con lo schierarsi per chi fa dell'antipolitica il proprio cavallo di battaglia? Non ci sono davvero più idee se non quelle di farsi portaparola delle frasi del Giullare?

 
 
 

Il PIL del Giullare 

Post n°15 pubblicato il 23 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r



E' facile, prendere le parole dei grandi statisti e farne della demagogia, del malcontento, o peggio usarle per aizzare le coscenze popolari, molto più difficile è trovare rimedi, soluzioni, e farle accettare.
Quali sono i prodotti inutili e quali no, e ancora, chi decide che una cosa è utile o inutile? Ciò che è inutile per me può non esserlo affatto per un'altra persona, una Ferrari nel garage di casa è utile o inutile?
Dire che il mondo si sta distruggendo con le proprie mani è la cosa più semplice e più logica del mondo, e non credo che eliminando l'ordine dei giornalisti si risolvano i mali del mondo, per quanto, trovo giusto eliminare l'ordine dei giornalisti istituito dal Duce durante il ventennio per controllare l'informazione, ma anche cosi, i quotidiani di partito o di parte, faranno scrivere solo chi vorranno loro se lo decideranno, provate a chiedere ad un giovane giornalista come viene trattato economicamente e tirocinantemente.
Il figlio di vespa conduce una trasmissione su una famosa emittente radio, sarà anche intelligente e preparato non lo nego, a me personalmente piace ad esempio, ma guarda caso è il figlio di un giornalista. Ma basta questo per dire che non lo merita? Non credo, come non basta dire che lo merita.
Basta prendere il discorso di un grande statista come Robert Kennedy per dire di poter cambiare il mondo?
Forse sarebbe meglio se si hanno idee e consigli, avere il coraggio di proporsi ad un elettorato e se questi gli danno fiducia andare nelle sede opportune a dire ed a fare, ma un giullare non sarebbe credibile, meno ancora lo sarebbe il fratello tirchio di un comico, ed allora come si puo pensare che lo siano quei quattro gatti che percorrono la stessa corrente di pensiero?

 
 
 

Voto o non Voto?

Post n°13 pubblicato il 21 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r
Foto di Mister_m_a_s_t_e_r

Il 13 e 14 Aprile saremo chiamati a votare per il nuovo parlamento, e questo è un punto certo, quello che non è certo è che cosa voglia dire il Giullare Grillo, nel post di oggi, ma a questo punto visto i termini con cui egli si rivolge al capo dello stato, mi verrebbe da chiamarlo pagliaccio più che giullare, ma rimaniamo ai fatti, pubblico testualmente dal post del PAGLIACCIO, "La campagna per il voto utile è senza confini. Morfeo Napolitano lo ha ricordato in suo raro momento di veglia dal lontano Cile. Ha difeso i partiti, espressione della democrazia, e attaccato i facili populismi. Poi ha ripreso a dormire.
Lo psiconano e Topo Gigio sono da sempre in prima fila per il voto utile. Se li voti sei utile, altrimenti no. Testa d’Asfalto senza il vostro voto non avrebbe più Rete 4, i suoi amici pregiudicati, i conflitti di interessi. Il sindaco de Roma sarebbe costretto a andare in Ruanda o in Madagascar a scrivere libri e a salvare l’umanità in pericolo. Fatelo per loro. Fatelo per voi. Mandateli a fanculo il 13 aprile con un “non voto utile” alle elezioni politiche." non mi è chiaro se sta chiedendo di non andare a votare o se sta consigliando, una volta nell'urna di annullare la scheda.
In qualunque caso, lo faccia lui, se non andiamo a votare o se annulliamo la scheda poi non avremmo il diritto di lamentarci se le cose andranno peggio di cosi, ha ragione il Presidente Napolitano, qualunque che sia il voto non è mai inutile, qualunque che sia il voto è la massima espressione della democrazia, e se quel PAGLIACCIO, vuole rinunciare alla democrazia faccia pure, ma lo faccia da solo o in compagnia di quei quattro gatti che gli girano intorno.
Andare a votare è ancora la sola possibilità che abbiamo di poter credere di decidere qualcosa, accantonarla non votando o annullando la scheda, significa solo arrendersi.

Ah andate a sentire la questua che sta facendo il poverino... http://it.youtube.com/watch?v=XmrTm8rhdTE

 
 
 

La marcia di Mao o quella di ghandi?

Post n°12 pubblicato il 20 Marzo 2008 da Mister_m_a_s_t_e_r
Foto di Mister_m_a_s_t_e_r

Sembra che il giullare incominci a farneticare (mi aspetto che presto quando verrà avvisato corregga il posto di oggi), parla della marcia del V2 day, e la paragona, a scelta del lettore, a quella di Mao o a quella di Ghandi, ha le idee confuse il poverino, riporto testuale da Wikipedia:
Marcia di Mao
La Lunga Marcia fu una gigantesca ritirata militare intrapresa dall'esercito comunista (solo in seguito chiamato Esercito di liberazione del popolo) per scappare dal "quinto accerchiamento" da parte delle truppe del Kuomintang agli ordini di Chiang Kai-shek nel 1934. L'esercito impiegò 370 giorni per passare dal Jiangxi allo Shaanxi e per percorrere circa 6000 km tra altopiani aridi, montagne prive di strade, cime innevate e fiumi imponenti come il Chang Jiang. Il tutto continuando a combattere per aprirsi la strada. (Nel 2003 Ed Jocelyn e Andy McEwan rifecero il percorso impiegando 384 giorni.

Marcia di Ghandi o marcia del sale:
Di fronte al rifiuto britannico Gandhi mantiene la sua parola ed annuncia la ripresa della campagna satyagraha. Nel marzo del 1930 intraprende una nuova campagna contro la tassa del sale. Inizia così la celebre Marcia del sale che parte, con settantotto satyagrahi dall'ashram Sabarmati di Ahmedabad il 12 marzo e termina a Dandi il 6 aprile 1930. Giunti sulle coste dell'Oceano indiano Gandhi e i suoi seguaci, a cui nei 380 km di marcia si erano aggiunti migliaia di indiani, in aperta violazione del monopolio reale, estraggono il sale; lo stesso popolo indiano imiterà il Mahatma nella raccolta .

Ora, o non so leggere io o non lo sa fare lui, ma non mi sembrano affatto la stessa cosa, non mi sembrano affatto comparabili i due capi marcia, a meno che il giullare non ritenga Mao un pacifista e Ghandi un comunista marxista.

E comunque mi domando, in questa marcia del V2 Day, lui è, Mao o Ghandi? Quale che sia la risposta mi sembra che sia arrivato alla farneticazione

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: Mister_m_a_s_t_e_r
Data di creazione: 06/03/2008
 

TALENTO



Nessuno può arrivare con il solo talento. Dio da il talento; il lavoro trasforma il talento in genio.

Anna Pavlova
“Ballerina Russa”

 

TENTATIVI



Che cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di fare tentativi

Vincent Van Gogh

 

ESSERE


Sei quello che sei veramente, quando non c’è nessuno che ti guarda.

Ann Landers

 

GIOIA



Se non si può pensare ad una giornata come a qualcosa che ci ha dato divertimento, gioia, soddisfazione, allora si è trattato di una giornata persa.


Eisenhower
 

SAGGEZZA


Mai confondere la conoscenza con la saggezza. La prima serve a guadagnarsi la vita, la seconda a costruirsela.

Sandra Corey