Creato da Artemide_7 il 01/07/2006

PlasticDoll

Una bambola di plastica...non aspettarti altro.Non troverai emozioni,solo una vita fatta a strisce ed un passato che brucia fino a far male.Se entri qui per giudicare e sputare sentenze inizia a tagliarti la lingua...Io non ti piacerò,ed è ciò che voglio.

 

 

« just...[Andata&Ritorno] »

-Ri(tornare)-

Post n°481 pubblicato il 10 Giugno 2009 da Artemide_7

Mi fermo,lasciandomi andare.Resto immobile ad osservarmi e provo dispiacere misto a tenerezza...Non mi riconosco.Ogni volta è come se fosse la prima.

Alle mie spalle cupido che strappa l'amore,avanti a me un muro...pieno di post-it,colmo di propositi,di impegni,di orari da far coincidere,di desideri e di partenze.

Averla ritrovata è la nota che ha inciso il mio cuore.Avevo deciso di non rinunciare a lei,al suo modo di parlarmi,di capirmi,di ascoltarmi...Era forse questo ciò che mi mancava,quello che non sono riuscita a trovare in nessun altro.

Serenamente riparto...condividendo sorrisi che invadono occhi blu di dolcezza.

Buon viaggio v.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

Quante persone,oggi,hanno sbirciato sotto la mia gonna da gitana?

Free website counter

 

AREA PERSONALE

 
immagine
 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Artemide_7
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: EE
 

TAG

 

CIO CHE MI APPARTIENE

ARTE...ARTE...

Versi aurei

L'arte non vuole lacrime e non transige,
ecco in due parole la mia poetica: è fatta
di grande disprezzo per l'uomo e di lotte
contro l'amore stridulo e la stupida noia.

So che bisogna penare per ascender la vetta
e la salita è ripida a guardarla dal basso.
Lo so, e so anche che molti poeti
hanno spalle troppo strette o polmoni fiacchi.

Così sono grandi coloro che, a dispetto dell'invidia,
avendo vinto la vita nell'aspra battaglia
ed ormai liberi dal giogo delle passioni,

mentre come un albero vegeta il sognatore
e si agitano - lamentoso ammasso - le nazioni,
si raccolgono in un egoismo di marmo.


[1866.]

PAUL VERLAINE