Blog
Un blog creato da lucinacuccio il 27/11/2012

Saga dei fantasmi

Assareto-Egon editore

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

#love #gualtiero and #cunegonda #H1 #H2 #lucinacuccio #ghosts

Post n°83 pubblicato il 25 Aprile 2019 da lucinacuccio

 
 
 

L'albero magico

Post n°82 pubblicato il 10 Febbraio 2019 da lucinacuccio
 
Foto di lucinacuccio

 

     L’albero magico

C’era una  volta un bosco molto speciale che si trovava nell’Inghilterra del nord. Era famoso e conosciuto da tutti perché vi cresceva un albero i cui frutti erano desiderati da ogni persona che vi si avvicinava. All’estremità dei suoi rami, torte, panini e arrosti succulenti facevano venire l’acquolina in bocca alle  persone  che  si trovavano a passare davanti all’albero.  Ma nessuno poteva godere di quell’abbondanza, poiché i proprietari dell’albero, due orribili mostri, divoravano  tutte le cibarie che la straordinaria pianta produceva. Tanti poveri mendicanti e bambini affamati, guardavano da lontano, caramelle, prosciutto, focacce,  ingurgitati da quelle due cattive ed egoiste creature. A nulla valevano le richieste supplicanti dei vagabondi che, sotto le nevicate, elemosinavano un tozzo di pane. I mostri non avevano cuore, e per secoli, continuarono ad ingozzarsi davanti a chi moriva di fame. Ma un giorno, passò da quel bosco, un re, venuto da molto lontano e che aveva sentito parlare dell’albero prodigioso. Il  sovrano, accompagnato dall’esercito e dalla corte, si fermò poco lontano dai mostri, che,  davanti a tante persone, smisero di mangiare. Offrì loro l’intero suo regno, e in sposa, le sue due figlie, in cambio dell’albero magico. Raccontò loro dei castelli che possedeva, delle ricchezze, delle proprietà, dei lussi, e delle principesse. I mostri pensarono che, diventando  sovrani, avrebbero avuto cibo in abbondanza, ma anche comodità , una corte raffinata e una moglie nobile. Il re era bellissimo, così accettarono il baratto. Certamente anche le figlie lo sarebbero state! Così pronunciarono la formula magica, da secoli mai detta, che rendeva il sovrano, legittimo  proprietario dell’albero magico. Il re diede loro la corona e il mantello, si sedette accanto all’albero magico e cominciò a mangiare di gusto, una crostata alle fragole. I mostri, balzati sul cavallo del re, con i simboli della maestà, seguiti dalla corte e dall’esercito, si misero in marcia per raggiungere il regno. Dopo varie settimane arrivarono in uno splendido territorio dove  regnava abbondanza, pace e sfarzo. Raggiunto il meraviglioso castello, i due mostri si precipitarono dalle due principesse, curiosi e anelanti di diventare subito i loro mariti. Ma raggiunta la sala della corona, rimasero a bocca aperta. Sedute ai lati del trono, vi erano due fanciulle. Una bella come il sole, bionda, affascinante e seducente. L’altra, brutta, informe e sgraziata, faceva quasi impressione. Non poteva essere vero! Subito i due mostri iniziarono a litigare furiosamente perché entrambi volevano sposare la bella principessa. E così, dagli urli, arrivarono botte e pugni, sempre più forti e violenti. Per secoli erano vissuti in pace, e sazi e soddisfatti, ma ora avevano fame di ciò che non avevano mai posseduto… La bellezza .I due mostri si uccisero a vicenda e non si resero conto del tranello che il furbo re aveva teso loro. Alla fine, il sovrano portò nel suo regno l’albero magico e lo lasciò nella piazza principale, dove chiunque avesse avuto fame, poteva cogliere i suoi frutti. Quel regno divenne ancora più potente e famoso, e anche la principessa brutta trovò marito. Un giardiniere che curò per sempre la pianta prodigiosa.

Autrice: Lucina Cuccio

 

 
 
 

Le mille fiabe...

Post n°81 pubblicato il 15 Dicembre 2018 da lucinacuccio
 
Foto di lucinacuccio

Quando scrivo, è come se vedessi le immagini muoversi e parlare....vivere vicino ai boschi mi ispira, ogni albero...ogni cespuglio...ogni fungo è la casa di una creatura magica che mi racconta la sua storia. Lucina Cuccio

 
 
 

Quando scrivo...disegno...

Post n°80 pubblicato il 15 Dicembre 2018 da lucinacuccio
 
Foto di lucinacuccio

Disegnare e scrivere sono sempre state le mie passioni...dopo aver pubblicato due libri sui fantasmi(Il tesoro dell'Aria e Assareto) ho aperto un sito di cartoni animati(www.clescartoons) dove ho iniziato a pubblicare i miei lavori, in collaborazione con Luigi Santibacci...e si è creata una strana routine...quando penso ad un racconto, ne immagino le fasi...i dialoghi...e le situazioni. Poi inizia il lavoro dell'animazione digitale...la musica...il doppiaggio. Con Vincent, nuovo racconto che sto scrivendo due fasi si fondono, immagine e fiaba, e si avvicina il cartone animato. Lucina Cuccio

 
 
 

Vincent

Post n°79 pubblicato il 15 Dicembre 2018 da lucinacuccio
 
Foto di lucinacuccio

Vincent era un servitore del conte Harrison che aveva un castello vicino Londra. Ogni giorno ammirava le figlie del suo padrone, Emily e Rose. Le fanciulle erano belle come il sole e la luna...ma Vincent, brutto e povero mozzo di stalla sognava l'impossibile. Nessuno lo voleva perchè un uomo brutto e povero è come avvolto da piante velenose. Le donne quasi sempre  cercano ricchezza e bellezza...

Vincent was a servant of Count Harrison who had a castle near London. Every day he admired the daughters of his master, Emily and Rose. The girls were as beautiful as the sun and the moon...but Vincent, ugly and poor stable boy, dreamed of the impossible. No one wanted him because an ugly and poor man is like wrapped in poisonous plants. Women almost always look for wealth and beauty...Lucina Cuccio

 
 
 
Successivi »
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lucinacuccioriccardo_60pastorino.simoneCrowuglybadadagio.14misteropaganokrllychristie_malryamorino11apungi1950maandraxil_pablocall.me.Ishmaelvincenzoscarpello