Creato da arza1 il 21/02/2007
Le stelle sono buchi nel cielo da cui filtra la luce dell'infinito
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

na.mattabarillobInevitableMoisoulesoullatortaimperfettaelektraforliving1963Elemento.Scostantefranco.cerimeleKimi.777fugattoficcanasooscardellestelletobias_shufflearza1forddisseche
 

Ultimi commenti

Grazie della visita :-)))))
Inviato da: zanna1999
il 25/06/2013 alle 20:15
 
BUONA DOMENICA ! =^_^= !
Inviato da: ZeroRischi
il 30/09/2012 alle 10:13
 
Un buon proposito...ricordarsi quando tutto sarà passato..
Inviato da: maraciccia
il 24/11/2011 alle 15:03
 
Ma certo che arriva la fine del mondo... se non perde il...
Inviato da: ZeroRischi
il 11/08/2011 alle 15:59
 
..ciao carissima ti auguro un felice inizio di...
Inviato da: belmoro_45
il 20/06/2011 alle 18:34
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Omicidio stradale, la Ca... »

SUI SOCIAL I PEDOFILI RUBANO LE FOTO DEI VOSTRI BAMBINI

Post n°198 pubblicato il 28 Ottobre 2015 da arza1

Da tempo si discute se sia o no dannoso pubblicare le foto dei bambini su Facebook. Fino ad oggi, però, la questione sembrava riguardare soprattutto aspetti come la privacy e il rispetto dei minori.

A dare una svolta decisa e drammatica al dibattito è l’allarme lanciato da Alastair MacGibbon, nuovo commissario alla tutela dei minori online del governo australiano, attraverso un articolo pubblicato dal Sydney Morning Herald.

Ciò che dice fa venire i brividi: “Abbiamo scoperto che metà del materiale trovato su alcuni siti web pedofili è stato rubato ai profili social di genitori ignari, i quali avevano postato foto dei loro bambini in attività innocenti”.

Si tratta – ha spiegato MacGibbon – “di decine di milioni di foto di bambini che fanno attività quotidiane come il nuoto, sport o compiti a casa”.
Le immagini erano state catalogate dai pedofili, ottenendo moltissime visualizzazioni. “Accompagnate da commenti molto espliciti e a sfondo sessuale, quegli scatti innocenti sono diventati strumenti di eccitazione per pedofili”.

L’esperta di sicurezza informatica Susan McLean non ha dubbi: “Quando i genitori o chiunque altro pubblica qualcosa online, ne ha di fatto perso il controllo. Non importa dove si trovi – sui social o sul web – ciò che si posta in Rete può essere facilmente rubato. Non importa quanto sia innocente la foto, i predatori prima o poi cercheranno di prenderla”.

Ma allora, come possiamo difenderci?
La strada più semplice è quella di non postare più foto di bambini sui social. Ma se proprio volete continuare a farlo, usate Facebook creando dei gruppi ristretti (solo i familiari, solo alcuni amici eccetera) e date solo a loro la possibilità di vedere quegli scatti. Attenti però: seuno solo dei vostri parenti o amici invitato condividerà la foto in pubblico sul proprio profilo, tutto sarà stato vano. Quello scatto sarà alla mercè di chiunque.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog