Creato da Maya_1975 il 19/12/2007

IO MAYA...

REGALO UN SORRISO CON TUTTO IL CUORE

 

Auguri a tutte le donne ...

Post n°1317 pubblicato il 08 Marzo 2012 da Maya_1975

 
 
 

...

Post n°1316 pubblicato il 17 Febbraio 2012 da Maya_1975

 
 
 

...

Post n°1315 pubblicato il 25 Gennaio 2012 da Maya_1975

 
 
 

Eutanasia in Svizzera per circa 3 Italiani al mese

Post n°1314 pubblicato il 01 Dicembre 2011 da Maya_1975

eutanasia svizzera

Complesso è il dibattito sull’eutanasia, destinato a suscitare sempre polemiche, visto che sull’argomento ci sono posizioni piuttosto differenti. Mentre nel nostro Paese l’assistenza alla morte volontaria è vietata, in Svizzera ci sono delle apposite strutture sanitarie che forniscono “un’assistenza al suicidio“. E alcuni Italiani scelgono proprio di recarsi in Svizzera, seguendo quello che è stato definito, secondo un’accezione forte, “il turismo della morte”. Si calcola che circa 3 i nostri connazionali che ogni mese si recano in Svizzera con l’obiettivo di arrivare alla “dolce morte“.

Proprio in questi giorni ha colpito la vicenda di Lucio Magri che si è sottoposto ad un vero suicidio assistito in Svizzera, sconfitto dalla depressione dovuta al dolore per la perdita della moglie.

Emilio Coveri, presidente di Exit Italia, Associazione per il diritto a una morte dignitosa, spiega le modalità del percorso:

“Si giunge nella struttura e ci si confronta con medici e volontari. I camici bianchi, per legge, sono tenuti a convincerti di non farlo, tentano in ogni modo di farti desistere. Ma se il paziente è deciso a farla finita, dopo varie visite che ne attestano le condizioni, si procede con l’eutanasia.”

Ogni giudizio resta sospeso al riguardo, perché tutto va ricondotto alla libertà di coscienza, anche se è piuttosto complesso riuscire a dirimere la questione, perché ci sono delle implicazioni etiche piuttosto consistenti.

È certo comunque che l’apprendere i dati degli Italiani che vanno in Svizzera per non fare più ritorno desta qualche perplessità, anche perché le ultime stime indicano che il numero è in aumento, dopo le discussioni sul testamento biologico.

 
 
 
 
 

Vivi e lascia VIVERE ...

Post n°1312 pubblicato il 08 Novembre 2011 da Maya_1975

Vivi e lascia VIVERE ...

perché nulla è più importante della VITA ...

fregatene di chi non ti è AMICO ...

di chi parla alle tue spalle ed è invidioso ... 

VIVI alla faccia di chi è FALSO

dimentica chi ti ha fatto male

e SORRIDI indifferente al suo pensiero ...

 
 
 

...

Post n°1311 pubblicato il 18 Maggio 2011 da Maya_1975

 
 
 

...

Post n°1310 pubblicato il 17 Maggio 2011 da Maya_1975

... c'è qualcosa che travolge la mia mente

 
 
 

Bellissimo ...

Post n°1309 pubblicato il 07 Maggio 2011 da Maya_1975

Dietro ogni momento tu ci sei
individuo dove vai
ogni cosa mi ricorda un po' di noi
Le occasioni che ho lasciato
volano lontano come te
e non c'è modo per riviverle
E ti chiedo scusa se ho sbagliato
e non l'ho detto mai
e ti cerco dentro un giorno
che ho vissuto come un sogno
Bellissimo,bellissimo
E spero che mi sentirai
ti voglio bene e tu lo sai
è un sentimento che ho nascosto ormai
è bellissimo, bellissimo, bellissimo
Dentro ogni momento tu ci sei
in ogni gesto tu ci sei
nel silenzio delle cose tu ci sei
Tutte le certezze che mi hai dato
quei sorrisi che hai lasciato
si dissolvono come le nuvole
Sono ancora vive
le parole dette tra di noi
le confondo nel ricordo
che ho vissuto come un sogno
Bellissimo,bellissimo
ti voglio bene ancora sai
anche se non l'ho detto mai
è un sentimento che ho nascosto ormai
è bellissimo, bellissimo, bellissimo.
E' bellissimo, bellissimo,
e spero che ritornerai
ti voglio bene e tu lo sai
è un sentimento che ho nascosto ormai
è bellissimo, bellissimo, bellissimo


 
 
 

Buona Pasqua ...

Post n°1308 pubblicato il 24 Aprile 2011 da Maya_1975

 
 
 

SCAMMER E SIRENE ...

Post n°1307 pubblicato il 05 Aprile 2011 da Maya_1975

Ciao a tutti,
spieghiamo brevemente

cosa significa "scam":

il termine indica un
tentativo di TRUFFA fatta

dai cosiddetti FAKE LOGIN.

Ultimamente molti di voi, in messaggeria o direttamente in pvt, hanno
ricevuto uno o più di questi messaggi:

(come potete vedere usano un italiano insensato e vi invitano a
corrispondere con loro tramite l'indirizzo che vi lasciano; leggerete
inoltre che hanno trovato il vostro profilo interessante (anche se
assomiglia al deserto del Gobi) o hanno visto la vostra foto
(che non avete..) e vi trovano attraenti)

(questo è un tipico pvt che inviano)

Questi tipi di messaggi, sebbene diversi tra loro, hanno lo stesso scopo:
- LA SCAM HA SOLITAMENTE UN PROFILO CON L'IMMAGINE DI
UN'AVVENENTE FANCIULLA (CHE NON DICE CHE LA FOTO E' SCARICATA
DAL WEB), ARRICCHITA DA UNA PRESENTAZIONE DOVE CERCA UN
RAPPORTO SENTIMENTALE DURATURO E SERIO
- INSTAURA UN'AMICIZIA CON LA VITTIMA CON UNA SERIE DI MAIL
CONTINUE
- DOPO UN TOT DI TEMPO, CHIEDE ALL'UOMO, CHE INTANTO E'
CADUTO NELLA SUA TRAPPOLA, UNA RICHIESTA DI DENARO SIMILE
A QUELLE FATTE DA WESTERN UNION
- SUBITO DOPO IL VERSAMENTO, LA DONNA, OVVIAMENTE, SPARISCE

Non pensiate che dallo scam ci si difende SOLAMENTE non guardando
il problema o non inviando
MAI denaro, ma anche SEGNALANDO la cosa
a chi si occupa di questo problema.

Quindi, se incappate in questi profili

o in messaggi tramite la messageria o pvt che vi sono illustrati prima,
ricordate che in ENTRAMBI I CASI, SIA SE CHIAMATE SCAMMER O SIRENE,
IL LORO FINE E' LO STESSO: SPILLARE SOLDI ALLE LORO VITTIME.

Fatta questa lunga, ma inevitabile proprio per spiegare la gravità del
problema, premessa, credo che la collaborazione tra utenti e leader sia
FONDAMENTALE per far fronte a questa piaga che affligge non solo
Digiland, ma si sta dilagando un pò ovunque.
Invito personalmente gli utenti a contattare un leader se presente in
chat nel momento in cui hanno risposte come quelle che avete visto
o di utilizzare il SEGNALABUSO se vedete un profilo da scam

o se siete in possesso di schermate giratele a conferencemaster@digiland.it

Voglio ringraziare personalmente tutti i ragazzi che la notte mi aiutano
segnalando le varie e moltissime sirene e confido in tutti gli altri in un
aiuto da parte loro... del resto... non si perde molto a contattare
un leader per una segnalazione

Grazie a tutti
Sonia - hope.s

 
 
 

...

Post n°1306 pubblicato il 28 Marzo 2011 da Maya_1975

 
 
 

Buon Natale a tutti!

Post n°1305 pubblicato il 24 Dicembre 2010 da Maya_1975

 
 
 

Federico Vi ...

Post n°1304 pubblicato il 26 Novembre 2010 da Maya_1975

24/11/2010

Vuoi parlarci brevemente di te, della tua vita e delle tue esperienze formative e professionali?

Sono nato in Inghilterra 33 anni fa da genitori italiani emigranti. La mia vita è stata, fino ad oggi, un'altalena di piaceri, dispiaceri, soddisfazioni e delusioni diciamo classici di una vita comune. Sono molto grato ai miei genitori per gli insegnamenti e l’educazione che mi hanno trasmesso e la possibilità che mi hanno dato per proseguire nella mia carriera. Ho frequentato l’Istituto Alberghiero e sin dai primi anni iniziavo a fare nei week end scolastici e nelle stagioni le prime esperienze formative nei ristoranti di zona, esperienze indimenticabili compresi i tagli alle mani, le scottature e le lusinghe degli Chef e dei miei professori che erano contenti dei miei progressi. Durante questi anni di gavetta (ancora oggi la faccio…) ho praticamente girato tutta la ristorazione, passando da trattorie, pizzerie, ristorantini a la carte, hotel, alberghi a conduzione familiare fino ad un particolare giorno in cui la mia veduta ristorativa cambiò radicalmente.
Fu quando iniziai a lavorare per una pietra miliare della ristorazione, Gualtiero Marchesi. Di lì in poi scoprii il piacere di una “nuova” cucina fatta di semplicità, sensazioni, cromatismi; anche una semplice costoletta d’agnello messa nel piatto appariva magica…
Passarono 4 anni a lavorare per lui, e decisi che era il tempo giusto per me di esprimermi come chef in prima persona e di provare nuove esperienze. Di lì in poi, sono arrivate le grandi compagnie alberghiere come la Marriott Hotels e Resorts a Roma e le prime esperienze all’estero: a Dubai con la Four Seasons Hotel e un premio vinto come miglior ristorante italiano di Dubai, e ora con la Fairmont Hotels & Resorts al Cairo, in Egitto dove tutt’ora sono Chef di Cucina.

Come nasce la passione per la cucina?

La mia passione per la cucina nasce in casa, in tenera età, guardando la mamma e la nonna preparare cibi a dir poco favolosi… Siamo sempre stati una famiglia di buone forchette! Vengo dal sud e i pranzi della domenica, e le ricorrenze speciali in famiglia (anche più di 20 persone quando ci riunivamo tutti) erano dei veri e propri riti, un convivio sublime, oltre l’eccellenza. Dal pane fatto in casa nel forno a legna, dai sughi cotti per ore nei tegami di terracotta, il vino fatto in casa … Con questi ricordi fatti di sensazioni, non potevo non essere un cuoco!

Hai avuto un maestro o una persona di riferimento che ha ispirato la tua ricerca?

Di sicuro Giampaolo Faraone, il mio professore di esercitazioni pratiche a scuola è stato di grande aiuto a distanza di anni, siamo ancora ottimi amici. Gualtiero Marchesi poi è stato il “coperchio”…. E anche altri talent chef, anche se non li conosco di persona, come Alajmo, Lopriore e altri, per le nostre generazioni sono di forte ispirazione.

Esistono libri che per te sono stati se non fondamentali, di grande aiuto?

Ricordo un libro che usavamo a scuola, che parlava di Luigi Carnacina che mi affascinava molto. Ogni volta che leggevo le ricette e i procedimenti, sentivo dentro di me come una voce di una persona anziana che mi narrava le ricette. Passavo le ore a leggerlo, mi tuffavo nelle ricette madri della cucina tra salse, intingoli, guarnizioni etc. Oltre al classico Cucchiaio d’Argento, L’Arte della Cucina Moderna di Henri Paul Pellaprat e qualche edizione di Marchesi.

Come definisci la tua cucina?

Una cucina semplice che rispecchia il mio essere, che guarda avanti senza lasciarsi stravolgere troppo dalle modernità, a volte inconsistenti e non riconoscibili dal pubblico.

Che peso ha la tradizione nella tua cucina?

Un peso enorme direi… Sono le mie origini, in più penso che non puoi creare un qualcosa se non hai una conoscenza radicale della tradizione, né tantomeno rinnegare cosa siamo. Rimango molto legato ad una frase che concludeva la pagina del menu di un ristorante dove lavoravo che recitava: "le novità si ottengono arrangiando in maniera inedita le cose del passato” e penso che la dica lunga.

Quali sono le idee innovative che intendi esprimere?

Le innovazioni a volte si creano seguendo una moda, io sono sempre controcorrente, quindi credo fermamente che le innovazioni siano dei ritorni a cose dimenticate, semplici e buone, ecco, stupire con la semplicità, esprimere il proprio essere nei piatti. Non voglio fare una rivoluzione culinaria poiché i geni nascono una volta ogni cento anni, quindi bisognerebbe aspettare la nascita di nuovi Escoffier, Bocuse, Marchesi. Credo poi molto in una cucina che possa mettere d’accordo tutti i palati da ogni parte del globo, quindi un ritorno al primitivo.

Cosa ne pensi delle tendenze attuali della ristorazione?

A volte ci si copia troppo, basti guardare l’influenza spagnola, asiatica che imperversa sulle nostre tavole, personalmente credo che si stia facendo una sorta di corsa per raggiungere un qualcosa di perfetto, qualcosa per stupire sempre di più, dimenticandoci le nostre origini e confondendo sempre di più l’autenticità del nostro patrimonio culinario. Quoto coloro che hanno fatto uno “step” indietro riflettendo seriamente cosa è oggi la ristorazione.

Quali sono gli ingredienti del tuo successo?

Passione, semplicità e umiltà.

Cibo, ristorazione e internet. Cosa ne pensi del web come mezzo di comunicazione per parlare di ristorazione?

Il web lo trovo una risorsa fantastica, ne sono un accanito frequentatore da più di 6 anni e credo che sia un'ottima fonte di comunicazione e di confronto con altre realtà, per esempio, posso sapere cosa ha preparato uno chef nipponico in un comune ristorante e via dicendo, stando comodamente seduto sulla mia sedia. Posso curiosare tra i ristoranti che mi piacciono di più, gli chef più talentuosi, critici, scrittori e quant’altro. Sotto alcuni aspetti aiuta anche a crescere in quanto molte delle volte, notizie enogastronomiche, vengono solo riportate in rete, ne sono di esempio molti blog blasonati e non, che si occupano di questo settore.

Usi i social network? Se sì, quali? Che esperienza ne hai ricavato?

Of course direbbero a Londra… Uso facebook, e un blog personale di msn… Esperienze che ne ho ricavato? Sono molteplici, da contatti lavorativi, gruppi e un sacco di amicizie che non bastano mai… anche questa intervista mi è stata proposta tramite un social network! C'è da dire che ancora non l’ho sfruttato come “vetrina” per il mio lavoro, ma presto credo che farò una pagina personale con un web site collegato.

Cosa ne pensi dello show food, il cibo che stupisce?

Di sicuro d’effetto, bello, ma a volte poco buono…

C'è un ingrediente che detesti e uno che adori?

Non sono un amante dell'uccellame in genere. Per il resto adoro tutto o, meglio, apprezzo tutto ciò che la natura ci offre.

Cosa mangi tu a casa?

Non c’è una domanda di riserva? Scherzo! A casa mi arrangio facilmente, nel senso che quello che trovo mangio, senza pretese particolari. A volte mi accontento anche di una semplice insalata di pomodori o un piatto di pasta fatto al volo.

Ma tu vai a mangiare al ristorante? Se sì, cosa prediligi?

Non sono un cliente fisso di ristoranti, ma saltuariamente, quando vado, preferisco andare su classici che conosco, a meno che non conosco lo chef ed allora oso andare oltre e lasciare fare alle sue mani, solitamente prediligo pesce fresco e carne australiana, quindi le mie scelte vanno di antipasti e secondi.

Quali sono i metodi di cottura che prediligi?

Amo molto le cotture espresse di alcuni cibi, come pure amo e prediligo le cotture sottovuoto, e quelle a bassa temperatura. Per altre tipologie di cibo, “la sua morte” nel senso che, per esempio, se un muscolo di spalla so che va bollito, allora bollito sia. Stessa cosa con un brasato o un arrosto.

Che consiglio daresti ai giovani che vogliono diventare chef?

Lavoro, lavoro e lavoro... una grande dose di umiltà e di sacrificio. Non è un lavoro facile e bisogna crederci fermamente per riuscire. A volte incontro giovani tutti pieni di sé e presuntuosi che credono di sapere tutto , il più delle volte non sanno nemmeno distinguere un'orata da un sarago

Cosa ne pensi delle guide, delle forchette, dei cappellini assegnati dai grandi network dell’informazione?

Al giorno d’oggi si è trasformato tutto in un gioco politico ed è risaputo... Contatti, fornitori, e via cantando. Certo che nonostante ciò ricevere una stella per uno chef, è sempre una meta ambita, inutile che lo nascondiamo facendo i perbenisti… Il più delle volte si assegnano punteggi e cappellini più per favoritismo che per meritocrazia. In Italia abbiamo chef che contribuiscono in modo positivo nel panorama gastronomico nostrano e puntualmente vengono letteralmente snobbati da queste guide. Sergio Mei ne è stato un esempio…

Cosa ne pensi dei fast food, dello street food e della moda di mangiare di corsa, in piedi…

Non certo salutare, ma comodo e in voga specialmente per chi non ha tempo di consumare un pasto completo in tempo ragionevole, o che si vuole solo fare uno snack. In fondo le vedo solo usanze primitive riviste in chiave moderna; ricordiamoci dei nostri contadini che mangiavano nei campi tra un'aratura e un'altra un semplice tozzo di pane condito con lardo o pomodori presi dalla pianta stessa, i muratori nei cantieri con la colazione a sacco, i militari alla guerra che mangiavano nella gavetta … La storia si ripete sempre!

Definisci te stesso in poche battute

Eterno sognatore, stravagante, testardo , pignolo, giramondo e amante della vita e di tutto ciò che mi circonda... amo riempire la mia vita di passioni e interessi vari...
In breve, se non ci fossi, bisognerebbe inventarmi! :-D

LA RICETTA

Gamberone & branzino, guazzetto di vongole e fagiolini croccanti

Difficoltà: media
Tempo di esecuzione: 45m +
3 ore per lo spurgo delle vongole

Ingredienti 6pax:

6 filetti di branzino da 200g l’uno
6 Gamberoni
500g vongole veraci
300g fagiolini fini verdi
10 pomodorini pachino
25g foglie di prezzemolo
2 foglie di basilico
1 spicchio d’aglio
1 rametto di timo
1 limone fresco di pianta
Sale marino
Pepe nero dal mulinello
Olio extravergine di oliva


Procedimento:
Prendere i fagiolini, pulirli tagliarli a metà nel senso della lunghezza,privarli dei semi e sbianchirli in acqua salata per un paio di minuti, dopo di ché ritirarli e raffreddarli in acqua e ghiaccio, al fine ti tenere il colore verde brillante. Sgocciolarli quando sono raffreddati e tenerli da parte.
Tagliare i pomodorini in 4 parti e teneteli da parte in una ciotola. Mettete le vongole in acqua fredda e sale, in ragione di 25g di sale per litro e lasciatele spurgare dalle impurità. Dopodiché lavare le vongole e lasciarle cadere una per una nel lavandino sotto il getto dell’acqua corrente, per verificare la presenza di alcune vongole insabbiate che potrebbero rovinare il piatto.
Prendere i filetti di branzino, privateli della pelle, parateli per il senso della lunghezza eliminando la pancia in eccesso, condirli con timo, aglio, sale e pepe del mulinello,limone grattugiato (solo la parte gialla) e chiuderli a mo di girella in modo da ottenere un cilindro e legateli con dello spago per mantenere la forma, e riponete in frigo.
Prendete i gamberi privateli del carapace ad esclusione della testa e della coda, con uno stuzzicadenti aiutatevi a rimuovere l’intestino di sabbia, riponete in frigo.
Ora che tutti i nostri ingredienti sono pronti passiamo alla cottura e alla presentazione del piatto.
In una padella teflon mettete un cucchiaio di olio, prendete i rotoli di branzino, salateli e farli rosolare da entrambi i lati. Disporli in una teglia e infornateli a 180° x12m (forno preriscaldato)
Nel mentre che il pesce cuoce in forno, prendete i gamberi, rosolateli facendo attenzione a non far staccare la testa, e farli cuocere in forno per 4m.
In una larga casseruola, fate soffriggere l’aglio con olio e aggiungete le vongole, i pomodori e i fagiolini, coprite con un coperchio, lasciando crogiolare a fuoco vivo finché le valve non sono tutte aperte, una volta fatto ciò, cospargetele di prezzemolo fresco e basilico. Aggiustare di sale se necessario e nel caso in cui il sugo delle vongole sia poco, aggiungete appena un mestolino d’acqua calda, ora anche il nostro guazzetto e’ pronto.
Passiamo alla composizione del piatto.
In un piatto fondo, adagiamo i filetti di branzino in senso verticale, intorno ad esso metteremo il nostro guazzetto, adageremo il gamberone in cima al branzino e completiamo il piatto con una macinata di pepe e un filo di olio extravergine a crudo.

 
 
 

OCCHIO ...

Post n°1303 pubblicato il 25 Novembre 2010 da Maya_1975

ATTENZIONE ALLE FALSE MAIL SU LIBERO

 

Alcuni utenti stanno ricevendo mail che richiedono la verifica di LOGIN e PASSWORD e minacciano la chiusura dell'account di posta, se non si clicca su un link presente nella mail o non si manda la propria login e password in risposta. 

NON è Libero che manda queste mail. LIBERO non chiede MAI verifiche dei dati di autenticazione tramite mail.

NON RISPONDETE, NON CLICCATE SU LINK PROPOSTI, NON APRITE EVENTUALI ALLEGATI !!!!!

Cortesemente inoltrate queste mail a

conferencemaster@digiland.it

specificando l'indirizzo del mittente sul quale verranno presi provvedimenti immediati.

Grazie

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Maya_1975
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Et: 45
Prov: EE
 

free counters 

 

Libero Quiz !
Gioca con noi e vinci fantastici premi !

 

ULTIME VISITE AL BLOG

d_g_luca70corseixcucciolina81dglpizzuti.teresapatty1_mahazzurraluna69joefalchetto62serpico68dgl1strong_passionminatxxmariomancino.mlabocartsopuhfreezerinopoeta.72
 

 

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

 

FACEBOOK

 
 

 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

 

 

  

 

 

 

A te Wonderful

Ci siamo incontrate

per caso in chat,

Io e te la nostra amicizia,

vera pulita sincera sorridente.

Ci teniamo per mano

affinché qualcosa ci turba

la vita e nulla ci ferisce,

perché io porto via

 la tua tristezza,

tu porti via

la mia tristezza.

Io e te così distante

 ma così vicine,

 le nostre parole scorrono

 su un monitor,

il pc rinforza

la nostra amicizia,

la web ci fa sorridere,

per noi è tutto.

Io voglo dirti grazie

per avermi scelta

 tra tanti,

grazie per la dolcezza

 che mi trasmetti,

grazie di tutto tesoro

Ti voglio bene

kiss

 

Questa è dedicata alla mia

Stellina...quella persona con

cui condivido ogni mio giorno,

quella persona che mi da

un motivo per sorridere

ogni mattina, sia che ci sia il

sole o la pioggia, sia che mi

aspetti una giornata magnifica

o una angosciante... Vicino

a lei tutto è speciale, tutto è

diverso... Se sto con lei i

problemi non esistono, la

tristezza sparisce e se

c' è qualcosa che mi angoscia

basta cercarla, e appena è di

nuovo con me ritovo la mia

serenità... Passare anche un

solo giorno senza di lei è la

cosa più brutta che esista,

mi sento persa, e se non è

in chat o in msn, la vedo

vuota.. Penso che ognuno

abbia una stellina accanto

a sè, ma la mia è sicuramente

la più bella e la più preziosa

che esista...

Blunotte

 

A te Dilandog61

Ci sei quando sto

male per confortarmi

ci sei quando sono allegra

per condividere

con me la gioia,

ci sei nei miei momenti duri

ci sei quando piango

e riesci sempre a

strapparmi un sorriso ...

ci conosciamo da poco

e mi sembra di

conoscerti da sempre,

 grazie della

nostra amicizia 

tvtbbbbb

kisss

Grazie per il video dedicato 

kisssss

 

 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.