Solo Parole

Parole al vento

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

« Messaggio #6

Post N° 7

Post n°7 pubblicato il 22 Luglio 2008 da PietroShakespeare

Paura, paura nella vita. Il mio cuore e sovrastato da questa paura, non riconosce il giusto, si perde tra le persone e non riconosce la via.

Il figlio chiama il padre, in lacrime si inginocchia; " non ce la faccio più!" dice, "ho perso il sonno, ho perso le persone a me care, non so lasciare il passato. come faccio?"

Non riesco a sentirti, forse non ci sono mai riuscito. Sto impazzendo! La notte tremo e il giorno non ho la forza di camminare; cosa devo fare?

Padre vieni ad aiutarmi, da solo non ci riesco. Se ci sei non ti vedo, non ti sento, non so se sei quì

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Battitidelcuore/trackback.php?msg=5120846

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
vasconauta
vasconauta il 30/08/08 alle 18:30 via WEB
questo è interessanye http://blog.max.rcs.it/sound/2008/08/trentanni-di-vasco-riflessioni/
 
girasole20071
girasole20071 il 23/12/08 alle 07:46 via WEB
Buongiorno, "BUON COMPLEANNO"...ti auguro lunga vita felice e serena, un Natale meraviglioso ed un abbraccio, girasole
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: PietroShakespeare
Data di creazione: 30/05/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g.amadeofotovivalorenaQuaquaraqua77reviewSonysolGiles2004piumadi1angelosegretidasussurrarestarshine83girasole20071
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AMICO ALBERO

Ti ringrazio amica panchina perché sorreggi il mio corpo stanco,

e tu caro albero, che mi ripari dal sole,

come sei grande, come sei forte e saldo su questa terra,

non ricordo più quando anche io ero come te,

così forte e saldo, imperturbabile,

dal limitato sentire.

Quanta energia mi trasmetti nell’abbracciarti.

Tu non hai a che fare con i sentimenti,

sei troppo giovane,

ma quando sarai uomo,

non sarai così imperturbabile,

ma proverai paure e gioie, sarai amato e amerai.

Perciò non avere fretta di essere uomo,

ma lascia che gli uccellini cantino sui rami,

che la gente di tanto in tanto ti abbracci per sorbire la tua forza.

Un uomo ha bisogno di molta forza per vivere,

quindi sì generoso che un giorno qualcun altro la darà a te.