Blog
Un blog creato da LazyMaury il 03/11/2005

Biciclo vizioso

Tutto quello che è bicicletta e non solo....

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

La nostra società

Post n°41 pubblicato il 13 Dicembre 2009 da LazyMaury

Ho riletto il discorso agli ateniesi che Pericle aveva fatto nel 400 a.c. ed è smpre più attuale. Quello che manca a noi (e mi includo) è la capacità di indignarsi, di lottare e di fronteggiare gli abusi. Se un presidente del Consiglio si permette affermazioni gravi come quelle che sta attualmente facendo (di qualunque parte politica possa essere) noi dobbiamo reagire. Le sue affermazioni sono il segno di un modo di essere che si è impossessato della nostra società dai tempi della "Milano da bere" della fine degli anni '80: arroganza e sfrontatezza. Noi non possiamo cambiare o influire sui meccanismi nazionali della politica se non con il voto. Ma possiamo dare un segnale dal basso che forse sarebbe più importante ed imponente: nel nostro piccolo, nella nostra cerchia opponiamoci e combattiamo i piccoli abusi e cerchiamo di correggere i comportamenti arroganti contrari alla civile convivenza. Non passiamoci più sopra, non accettiamoli più passivamente. Abbiattiamo questa nuova forma di dittatura smontandola come un muro mattone per mattone. Solo allora saremo attori della nostra società e della nostra vita.

Ciao

Maurizio

 
 
 

Un saluto

Post n°40 pubblicato il 11 Dicembre 2009 da LazyMaury

Oggi  avevo qualche minuto di tempo e la mia innata curiosità mi ha portato a rivisitare il mio blog e soprattutto quello dei miei amici. Ho visto qualche defezione ma ho trovato anche blog ancora attivi e sempre più belli. Mi ha fatt venire voglia di riprendere questo colloquio con l'etere....

Sicuramente ci risentiremo.

Ciao

Maurizio

 
 
 

ELUANA

Post n°39 pubblicato il 09 Febbraio 2009 da LazyMaury

Questa sera dove si è conclusa la vita di Eluana, ho visto molte facce truci e ho sentito parole di odio e di rancore non già per una vita spezzata e sospesa da 17 anni , ma perchè un disegno politico (e non solo) è andato in fumo.

Si è arrivati a fare sospettosi proclami sulla velocità con la quale è deceduta, paventando oscure trame.

Si è arrivati a insultare il Capo della Stato che non ha firmato un atto incostituzionale.

Si è arrivati a mettere in dubbio la Giustizia e le sue decisioni.

Si è arrivati a mentire sul fatto che Eluana fosse in grado di deglutire.

Si è arrivati a mandare in onda il Grande Fratello e a fare uno speciale Porta a Porta (evidentemente già belle e pronto).

Si è arrivati ad un punto di non ritorno.

Prima di ritrovarci in una "fattoria degli animali", di orwelliana memoria, sarà opportuno che facciamo sentire la nostra voce,  perchè si tornino a rispettare gli uomini e le donne e che la gestione della cosa pubblica e del destino dei cittadini siano l'unico interesse del legislatore e che non nasconda fini personali, temporali o di corporazione.

 Un abbraccio a quella straziata famiglia e un arrivederci a Eluana.

Voglio mettere qui una cosa che conoscerete di certo ma che ogni tanto vale la pena rileggere per chiedersi anche se facciamo tutto il possibile.

Ciao Maurizio

PERICLE, DISCORSO AGLI ATENIESI, 461 a. C.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.
Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.
Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versalità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Pericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.

 

 
 
 

Considerazioni....

Post n°38 pubblicato il 17 Gennaio 2009 da LazyMaury

In questi giorni festivi, in qualche momento di relax (o meglio di non lavoro), ho avuto modo di guardare un po' di televisione e di leggere con maggiore attenzione i giornali. Risultato: sono molto perplesso. Sono passate notizie che mi hanno fatto sobbalzare sulla sedia, per le quali mi aspettavo un insurrezione popolare ed invece neanche un refolo di vento dalla gente (salvo quel manipolo di 100 tifosi del Milan "veramente indignati" per la cessione di Kakà - quelli sì che sono problemi). Esempio. La già ridicola trovata della social card ha un nuovo risvolto:la metà sono senza credito!. Ora è difficile accedere a questa forma di "aiuto" ma chi vi riesce è un indigente vero (se ecludiamo tutti gli ecclesiastici che ne beneficiano....) e un anziano, e nel suo millimetrico computo si è fatto la spesa contando su questi 40 euro. Arriva alla cassa e già deve subire una piccola umiliazione presentando la Social Card, specchio della sua situazione, quando gli viene detto che i soldi non ci sono... Io ho provato a mettermi nei suoi panni, nell'affannosa ricerca di qualche spicciolo nel vuoto portafoglio e poi la resa e l'abbandono della spesa alla cassa. Una classe politica (di qualsiasi colore) che usa la propaganda sulle spalle dei deboli deve essere cancellata, ma cosa più grave un popolo che non sa indignarsi e reagire è destinato a morire lentamente e a fare il gioco di un manipolo di farabutti.

Magari mi sbaglio, ma ho la sensazione che la nostra società civile sia snaturata, svuotata, senza spina dorsale e che abbia scambiato il proprio impegno con la garanzia di avere a vita il "Grande Fratello", "Amici", "Forum", "Isola dei Famosi".......

Mi piacerebbe sapere che pensate...

Ciao

Maurizio

 
 
 

RIECCOMI!!!!!!!!!!!!!!!!!

Post n°37 pubblicato il 10 Gennaio 2009 da LazyMaury
Foto di LazyMaury

Credo che possa interessare a pochi... forse a nessuno ma RIECCOMI!!!. Lunga pausa di riflessione (due anni... sono un tipo molto riflessivo!) dovuta al cambio di residenza, all'aumentare degli impegni di lavoro..... ma mi fa piacere riincontrarmi con tutti voi.

Per ora .. a presto!

MAURIZIO

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elajpoeticjusticeunamamma1calpestarechilometriLazyMauryalessandro.pazziniferrareis.antonioladymiss00marzolina63sham.rockbianchi603Shy8naar75dianaveralottomavinco
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom