Un blog creato da CARCnapoli il 15/10/2007

CARC Napoli

sez. zona orientale Napoli

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

NO ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI VIGLIENA

Centrale Termoelettrica...

...Progetto di Sterminio

 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

TRIBUTO A LENIN

 
 
 
 
 
 
 

L'ANTIFASCISMO NON È REATO!

 
 
 
 
 
 
 

BLOCCO DELLE TURBINE CENTRALE TURBOGAS

 
 
 
 
 
 
 

ANCORA REPRESSIONE PER CHI SI RIBELLA!!!

Ecco come il nuovo commissario di governo, prefetto Pansa, intende risolvere il problema della Munnezza della Regione Campania

 
 
 
 
 
 
 

 

 

2° Congresso di sezione del Partito det CARC

Post n°5 pubblicato il 18 Settembre 2009 da CARCnapoli

2° CONGRESSO DI SEZIONE DEL PARTITO DEI CARC

18 SETTEMBRE 2009

SEZIONE ZONA ORIENTALE DEL PARTITO DEI CARC

 
 
 

Irruzione del CPC (Comitato Popolare di Controllo) nel consiglio della sesta Municipalità

Post n°4 pubblicato il 07 Marzo 2009 da CARCnapoli

Comunicato stampa

Napoli 4 mar. 09

 

Questa mattina il comitato popolare di controllo – zona orientale ha fatto irruzione nella 6a municipalità (Barra - San Giovanni a Teduccio – Ponticelli), in cui si stava svolgendo il consiglio di municipalità, che non veniva convocato da diversi mesi.

Ancora una volta i politicanti della municipalità, sono stati smascherati sotto la pressione del comitato popolare e di altri cittadini che assistevano al consiglio, non tenendo conto della richiesta avanzata da oltre un mese attraverso la petizione popolare con raccolta firme di oltre 500.

I teatranti dopo l’ appello invece di discutere delle problematiche legate alle questioni degli alloggi popolari, della vivibilità del territorio, continuano ha spartirsi le poltrone (ai danni di chi lavora e vive solo se lavora) e di altre cariche istituzionali, senza curarsi minimamente dei problemi reali che le masse popolari della nostra  municipalità vivono quotidianamente sulla propria pelle.

Le masse popolari non ci stanno e si ribellano! Abbiamo preso la parola per dire la nostra, per esprimere le nostre problematiche, partendo dal nostro punto di vista e no come hanno fatto loro che si sono smascherati, quando un consigliere del centro sinistra e passato nelle file del centro destra e altre poltrone sono state rese disponibili per lo sperpero di denaro pubblico, ecco di cosa discutevano, questa è la loro democrazia testimoniata anche dal mancato avviso pubblico in tempi ragionevoli per informare le masse della municipalità, dinanzi alla presa di parola da parte del comitato e sostenuto a gran voce dai compagni del P. dei CARC sezione zona orientale, la presidente della Municipalità, A. Cozzino, è scappata per sottrarsi alle proprie responsabilità, dichiarando rinviata la seduta.

Il comitati popolare nell’aula del consiglio di municipalità ha messo dinanzi alle proprie responsabilità i teatranti del piccolo parlamentino, discutendo di tutte le sofferenze che le masse sono costrette a subire; case fatiscenti, vivibilità del territorio, come strade disastrate, scarsa illuminazione, condotte idriche obsolete, assenza di dispositivi per i disabili, ecc. chiedendo a voce alta che l’ordine del giorno andava invertito e nella direzione dell’interesse popolare.

Il comitato popolare di controllo continuerà a vigilare sull’operato della pubblica amministrazione. Non permetteremo a nessun politicante di mestiere di vivere in maniera parassitaria sulle condizioni delle masse popolari. Oggi le masse popolari possono dirigere meglio di chi ci governa e pensiamo di fare molto meglio loro per il benessere collettivo dell’intera massa popolare e lavoratrice. Durante l’irruzione sono state mostrate le foto, in cui sono raffigurate le condizioni abitative in cui vivono le masse e striscioni recante scritte per chiedere case popolari dignitose a tutti i proletari.

 

 

SOSTIENI, ADERISCI E LOTTA CON IL COMITATO POPOLARE DI CONTROLLO DELLA TUA ZONA.

 

COMITATO POPOLARE DI CONTROLLO – ZONA ORIENTALE

Info:  E-mail: cpc_zonaorientale@libero.it - Via L. Franciosa, 199 – Ponticelli (NA)

 
 
 

No alla centrale elettrica di Vigliena

Post n°3 pubblicato il 03 Novembre 2007 da CARCnapoli

No alla Centrale

Elettrica di Vigliena

Grazie alla mobilitazione di circa 50 persone provenienti dal quartiere di S. Giovanni a Teduccio, che hanno partecipato al presidio tenutosi lo scorso lunedì 29 ottobre, siamo riusciti ad ottenere un incontro con l’assessore all’ambiente della Regione Campania, L. Nocera. È evidente che la strada che abbiamo iniziato ad intraprendere, contro la devastazione ambientale, che nel nostro quartiere è ben rappresentata, non solo dai cumuli di spazzatura presenti nelle strade e sotto le nostre case, ma soprattutto dalla scellerata e opportunistica scelta di ricostruire la centrale elettrica a Vigliena (S. Giovanni a Teduccio), con l’avallo delle forze politiche del nostro quartiere e della nostra città, appartenenti al centro destra e al centro sinistra, testimonia ancora una volta l’incompatibilità tra le esigenze dei cittadini e gli interessi speculativi della classe dirigente, che nel nostro specifico caso sono quelli ben rappresentati della società Tirrreno Power e dei politici di turno compiacenti nell’acconsentire la costruzione della centrale.

È giunto il momento che noi tutti facciamo sentire la nostra voce. Non possono tapparci la bocca con le false promesse e le false illusioni dicendoci che è per il nostro bene. Il loro unico e solo obiettivo è di fare affari sulla nostra pelle, procedendo verso lo sterminio di massa con questa centrale. Le polveri sottili che questa produrrà, si estenderanno per un raggio di 100 Km, provocando inquinamento dell’acqua dell’aria e del suolo con conseguenti ripercussioni sulla salute pubblica. Mobilitiamoci e lottiamo per contrastare il loro piano e la loro politica fatta di lacrime e sangue e di aggressione alle nostre vite.

Via la centrale della morte dal nostro territorio; attuazione del piano di bonifica in tempi brevi per il recupero del nostro quartiere.

Oggi, la nostra periferia non ha bisogno di nuovi disastri ambientali, ma di casa, lavoro, spazi sociali, aree verdi e siti d’interesse culturale e di aggregazione. Noi tutti abbiamo l’obbligo di lottare in difesa della salute pubblica, a partire dalla bonifica dell’area della centrale e costringendo, con la lotta, ad attuare il piano di riqualificazione della zona orientale di Napoli, a totale gestione pubblica. Questo è l’unico piano di sviluppo che Napoli est pretende da anni, nell’interesse della collettività.

No alla centrale della morte !!!

No alla devastazione Ambientale !!!

Si alla bonifica e alla riqualificazione del territorio !!!

 

Collettivo ZETA, Partito dei C.A.R.C.(sez. zona orientale),Skema Libero, Comitato Civico S. Giovanni a Teduccio

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

ANTIFASCISITI SEMPRE !!!

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mik626cephadottennyGioSognoantilope13zoppeangelodago_stefanoarchcoimbrapanoptescastracane857pescatore100cantoredeisognigbianchi57minieri.giusifantacalcio2010.11
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

questo blog
Inviato da: Anonimo
il 09/10/2008 alle 00:12
 
SLL : Un invito alla riflessione All'attenzione di...
Inviato da: Anonimo
il 16/03/2008 alle 00:21
 
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

LENIN - STALIN

 
 
 
 
 
 
 

VIVA IL (NUOVO) PARTITO COMUNISTA ITALIANO

 
 
 
 
 
 
 

PER NON DIMENTICARE!!!

PARTIGIANI: CI CHIAMAVANO RIBELLI!!!