Femminile&Maschile

Provo ad immaginare, un mondo " liberato " dove ci si possa predere per mano, guardarsi negli occhi, arricchendosi con le " differenze " incominciando da quelle femminili e maschili.

Creato da jarilo il 19/12/2009

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

jarilodaunfioreanimalibera_07Daniela65hidden_truthmynamesabrimenotabupiazzavivianae68praismulo43in_punta_di_piedi33mmmmanuelasols.kjaerdinobarili
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Natural mente

 

Ultimi commenti

cio' che conta sono le emozioni...nulla ha importanza...
Inviato da: creazioniuniche0
il 26/06/2012 alle 15:30
 
Pianeti diversi ... Luli
Inviato da: luli.11
il 29/09/2011 alle 14:57
 
Buon fine settimana ... Luli
Inviato da: luli.11
il 16/09/2011 alle 17:33
 
molto carino :-)
Inviato da: emma.64
il 25/04/2011 alle 17:13
 
Grazie A te un ABBRACCIO ARANCIONE :))
Inviato da: jarilo
il 17/05/2010 alle 10:58
 
 
 

Coppia lui gigante lei piccolina

 

braccia legate con piccola catena

 

coppia datata a letto

 

Uomo/donna differenti pensieri

Uomo Donna differenze di pensieri

Differenze uomo donna

 

coppia di schiena

coppia di schiena

 

Coppia al mare lui grasso

 

Per Donne e Uomini generosi...

UN GESTO D'AMORE GRATUITO

FA STAR BENE CHI LO COMPIE

E CHI LO RICEVE...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cuore solleva pesi

 

 

Mito di Aristofane

Post n°17 pubblicato il 25 Marzo 2015 da jarilo
 
Foto di jarilo

Durante il simposio, prende la parola anche il commediografo Aristofane e dà la sua opinione sull'amore narrando un mito. Un tempo - egli dice - gli uomini erano esseri perfetti, non mancavano di nulla e non v'era la distinzione tra uomini e donne. Ma Zeus, invidioso di tale perfezione, li spaccò in due: da allora ognuno di noi è in perenne ricerca della propria metà, trovando la quale torna all'antica perfezione. 

mi sembra che gli uomini non si rendano assolutamente conto della potenza dell'Eros. Se se ne rendessero conto, certamente avrebbero elevato templi e altari a questo dio, e dei più magnifici, e gli offrirebbero i più splendidi sacrifici. Non sarebbe affatto come è oggi, quando nessuno di questi omaggi gli viene reso. E invece niente sarebbe più importante, perché è il dio più amico degli uomini: viene in loro soccorso, porta rimedio ai mali la cui guarigione è forse per gli uomini la più grande felicità. Dunque cercherò di mostrarvi la sua potenza, e voi fate altrettanto con gli altri. Ma innanzitutto bisogna che conosciate la natura della specie umana e quali prove essa ha dovuto attraversare. Nei tempi andati, infatti, la nostra natura non era quella che è oggi, ma molto differente. Allora c'erano tra gli uomini tre generi, e non due come adesso, il maschio e la femmina. Ne esisteva un terzo, che aveva entrambi i caratteri degli altri. Il nome si è conservato sino a noi, ma il genere, quello è scomparso. Era l'ermafrodito, un essere che per la forma e il nome aveva caratteristiche sia del maschio che della femmina. Oggi non ci sono più persone di questo genere. Quanto al nome, ha tra noi un significato poco onorevole. Questi ermafroditi erano molto compatti a vedersi, e il dorso e i fianchi formavano un insieme molto arrotondato. Avevano quattro mani, quattro gambe, due volti su un collo perfettamente rotondo, ai due lati dell'unica testa. Avevano quattro orecchie, due organi per la generazione, e il resto come potete immaginare. Si muovevano camminando in posizione eretta, come noi, nel senso che volevano. E quando si mettevano a correre, facevano un po' come gli acrobati che gettano in aria le gambe e fan le capriole: avendo otto arti su cui far leva, avanzavano rapidamente facendo la ruota. La ragione per cui c'erano tre generi è questa, che il maschio aveva la sua origine dal Sole, la femmina dalla Terra e il genere che aveva i caratteri d'entrambi dalla Luna, visto che la Luna ha i caratteri sia del Sole che della Terra. La loro forma e il loro modo di muoversi era circolare, proprio perché somigliavano ai loro genitori. Per questo finivano con l'essere terribilmente forti e vigorosi e il loro orgoglio era immenso. Così attaccarono gli dèi e quel che narra Omero di Efialte e di Oto, riguarda gli uomini di quei tempi: tentarono di dar la scalata al cielo, per combattere gli dèi. Allora Zeus e gli altri dèi si domandarono quale partito prendere. Erano infatti in grave imbarazzo: non potevano certo ucciderli tutti e distruggerne la specie con i fulmini come avevano fatto con i Giganti, perché questo avrebbe significato perdere completamente gli onori e le offerte che venivano loro dagli uomini; ma neppure potevano tollerare oltre la loro arroganza. Dopo aver laboriosamente riflettuto, Zeus ebbe un'idea. "lo credo - disse - che abbiamo un mezzo per far sì che la specie umana sopravviva e allo stesso tempo che rinunci alla propria arroganza: dobbiamo renderli più deboli. Adesso - disse - io taglierò ciascuno di essi in due, così ciascuna delle due parti sarà più debole. Ne avremo anche un altro vantaggio, che il loro numero sarà più grande. Essi si muoveranno dritti su due gambe, ma se si mostreranno ancora arroganti e non vorranno stare tranquilli, ebbene io li taglierò ancora in due, in modo che andranno su una gamba sola, come nel gioco degli otri."

 
 
 

Energie

Post n°16 pubblicato il 20 Marzo 2015 da jarilo
 

 

 

ENERGIA MASCHILE ED ENERGIA FEMMINILE UN INCONTRO POSSIBILE?

http://www.monicaintrona.it/energia%20maschile%20e%20energia%20femminile.pdf

 
 
 

La différence...

Post n°15 pubblicato il 15 Marzo 2015 da jarilo
 

Les différences fondamentales qui séparent les deux sexes

 

Les différences fondamentales qui séparent les deux sexes

 

Aujourd’hui, la différence entre l’homme et la femme est une réalité indéniable. Pour autant, elle ne semble pas aussi grande qu’on l’imaginait il y a quelques années. Orientation dans l’espace, aptitudes aux langages, performances en mathématiques, émotivité, etc. La liste est longue de ces prétendues disparités entre les sexes, érigées par certains en arguments irréfutables contre l’égalité homme-femme. Ces différences ont-elles été prouvées ? Les femmes sont-elles vraiment plus émotives que les hommes ? Les hommes sont-ils plus doués en maths que les femmes ? A quoi ces différences sont-elles liées ? PasseportSanté vous emmène à la recherche des mécanismes de différenciation sexuelle.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE>>>

 http://www.passeportsante.net/fr/Actualites/Dossiers/DossierComplexe.aspx?doc=differences-cerveaux-feminins-et-masculins

 

 
 
 

Maschile/Femminile in noi

Post n°14 pubblicato il 27 Luglio 2014 da jarilo
 

Principio maschile e Principio femminile
Principio maschile e Principio femminile

 La trasformazione in Uomo Reale


L'antica sapienza dell'India così parla dell'Uno nelle Upanishad: Si guardò intorno e nulla
vide di diverso da se medesimo "QUESTO SONO IO - Furono le prime parole che pronunciò.
Egli ebbe paura. Perciò ha paura chi è solo. Ma poi pensò:
"Di chi dunque ho paura, se nulla vi è all'infuori di me". Quindi gli passò la paura. Egli non
era contento. Perciò non è contento chi è solo. Egli sentì il desiderio di un altro.
La sua grossezza era allora quella di un uomo e di una donna abbracciati. Egli si scisse in
due parti. Così ebbero origine il Principio Maschile ed il Principio Femminile>> . 
Nella cultura cinese l’Uno si identifica con il Dao.La più chiara definizione del Dao ci viene da
Lao Tze: << Il Dao produce l’Uno.L’Uno produce il due (Yin Yang).Il due si manifesta come tre.
Il tre produce i diecimila esseri>>.
Quindi la manifestazione,il tre,è possibile solo se l’energia dell’Uno si trasforma in due : 
Yin Yang,le due forze complementari ed opposte che permettono l’apparizione della vita.
Ogni manifestazione della realtà,compreso l’essere umano, è determinata dalla
contemporanea e contestuale presenza di queste due forze (yin yang).
Non esistono yin e yang assoluti.

 

Per leggere l'articolo (See more at):

 
 
 

l'Amitié entre homme et femme

Post n°13 pubblicato il 21 Luglio 2014 da jarilo
 

 

 

 

 

L’amitié entre homme et femme est-elle possible ?

La question soulève encore et toujours les passions. Non, affirment certains, pour qui l’attirance sexuelle ne peut jamais être totalement évacuée. Oui, soutiennent d’autres, qui entretiennent des liens sans ambiguïté. Enquête sur les rapports délicats entre désir et mixité.   Bernadette Costa-Prades


Un homme et une femme amis ? L’idée fut longtemps inconcevable, les deux sexes vivant dans des univers séparés, sans vraiment se connaître hors des liens du couple.

La généralisation du travail des femmes puis la mixité à l’école ont bousculé ces rapports distants. Les périodes de célibat, bien plus nombreuses au cours de la vie qu’autrefois, laissent le champ libre à la naissance d’amitiés solides entre hommes et femmes, et à toutes leurs ambiguïtés.

Quand Anna, 22 ans, m’a gentiment demandé sur quel sujet je travaillais, ma réponse l’a laissée un brin interrogative : « Euh, c’est quoi le problème ? » Une réaction qui n’étonne guère le psychiatre et psychanalyste Serge Hefez, auteur de Scènes de la vie conjugale (Fayard, 2010) : « La génération actuelle a vécu la mixité comme une évidence, analyse-t-il. Mais, au-delà de ça, garçons et filles ont été pris en considération de la même façon, dans le respect de leur part féminine et masculine. Depuis qu’ils sont petits, ils se comprennent, sont proches émotionnellement, il n’est pas rare que la meilleure amie d’une fille soit un garçon. » Ceux-là ne se posent jamais la question du désir sexuel, car « il naît de la différence, tandis que l’amitié se nourrit de similitudes, remarque la psychanalyste Sophie Cadalen, auteure avec Sophie Guillou de Tout pour plaire… et toujours célibataire (Albin Michel, 2009).

La complicité amicale ne laisse pas assez de place à l’altérité pour que le désir survienne ».

Un ami, c’est quelqu’un qui nous connaît par coeur, à qui nous nous livrons sans fard. Le désir a besoin de mystère, ce dont l’amitié se passe volontiers : « Désirer l’autre, c’est percevoir que sa construction psychique n’a rien à voir avec la mienne, explique Catherine Blanc, sexologue, psychanalyste et auteure de La sexualité des femmes n’est pas celle des magazines (Pocket, “Évolution”, 2009). Cette différence crée un vide entre l’autre et moi, que je vais chercher à combler grâce à la sexualité. Avec un ami, les enjeux relèvent d’un autre ordre : nous tentons de rejouer la tendresse, la proximité que nous avons vécues avec papa, maman, nos frères et soeurs. Nous sortons du champ du sexuel pour ne pas risquer de convoquer une situation incestueuse. »

PER CONTINUARE A LEGGERE ED APPROFONDIRE: 

http://www.psychologies.com/Moi/Moi-et-les-autres/Amitie/Articles-et-Dossiers/L-amitie-entre-homme-et-femme-est-elle-possible

 
 
 

Maschile e Femminile Armonia delle differenze

Post n°12 pubblicato il 09 Luglio 2014 da jarilo
 
Foto di jarilo

 

IL MASCHILE E IL FEMMINILE: ARMONIA DELLE DIFFERENZE Aspetti teologici e antropologici

Angela Ales Bello

La riflessione sul maschile e sul femminile si presenta, a mio avviso, come urgente, anche se, per alcuni versi, ancora «inattuale», iniziando a delinearsi solo ora, alla fine di un percorso teorico- pratico che caratterizza gli ultimi due secoli dell'Occidente e che riguarda, in realtà, il fenomeno del femminismo; infatti, solo la riflessione sul femminile ha suscitato l'interesse più ampio sull'essere umano nella sua doppia connotazione di maschile e femminile. È importante, pertanto, iniziare proprio dalla nascita del femminismo e, più in generale, della questione femminile e chiedersi perché tale nascita avvenga proprio nella cultura occidentale... 


 link all'articolo completo: 

http://www.laici.va/content/dam/laici/documenti/donna/filosofia/italiano/maschile-femminile-armonia-delle-differenze.pdf

 
 
 

Percezione del femminile e maschile

Post n°11 pubblicato il 06 Luglio 2014 da jarilo
 
Foto di jarilo

 

Perceptions du féminin et du masculin dans le monde du travail, par l’Association La cellule Question de Genre de l'école AGROPARISTECH 

Petit rappel d’ordre scientifique...

Un mâle: individu qui fait des petits gamètes Une femelle: individu qui fait des gros gamètes

Qu’est-ce que les types sexuels ?

Il est question de types sexuels à partir du moment où il peut exister une complémentarité génétique, donc l'existence d'une cellule vivante qui peut fusionner avec une autre qui lui serait complémentaire.
Il peut y avoir plusieurs types sexuels (Isogamie) dans ce cas des gamètes de même taille mais de systèmes moléculaires différents ne peuvent fusionner qu'avec des gamètes qui ont des allèles différents.

Il peut y avoir deux types sexuels (Anisogamie), et dans ce cas les petits gamètes ne peuvent fusionner qu'avec les gros gamètes et vice et versa.

Qu’est-ce que les genres sexuels ?

Quand un individu n’est que mâle ou que femelle, et non plus hermaphrodite. 

PER LEGGERE IL SAGGIO COMPLETO:

https://lesfillesenjoie.files.wordpress.com/2012/02/reprc3a9sentations-du-fc3a9minin-et-du-masculin-dans-le-monde-du-travail.pdf

 
 
 

Sull'amore...U. Galimberti

Post n°10 pubblicato il 01 Luglio 2014 da jarilo
 
Foto di jarilo

Amore non è una cosa tranquilla, non è delicatezza, confidenza, conforto. Amore non è comprensione, condivisione, gentilezza, rispetto, passione che tocca l’anima o che contamina i corpi. Amore non è silenzio, domanda, risposta, suggello di fede eterna, lacerazione di intenzioni un tempo congiunte, tradimento di promesse mancate, naufragio di sogni svegliati.

Amore è toccare con mano il limite dell’uomo. Scrive Platone: «Gli amanti che passano la vita insieme non sanno dire che cosa vogliono l’uno dall’altro. Non si può certo credere che solo per il commercio dei piaceri carnali essi provano una passione così ardente a essere insieme. E’ allora evidente che l’anima di ciascuno vuole altra cosa che non è capace di dire, e perciò la esprime con vari presagi, come divinando da un fondo enigmatico e buio». Non bisogna leggere Platone in modo “platonico”, cioè ascetico, edificante, cristiano. Non bisogna intendere la mortificazione del corpo come mortificazione dei piaceri, delle passioni, della sessualità. Platone guarda più in alto, i problemi che gli stanno a cuore sono quelli della dicibilità della indicibilità, quindi le regole della ragione e gli abissi della follia. Guardando “le cose d’amore” o, come dice il testo greco, ta aphrodisia, Platone si chiede che cosa con esse l’anima riesce o non riesce adire. E dove il dire si interrompe e la regola non basta a portare la parola ad espressione si apre lo sfondo buio  del presagio e dell’enigma. Amore appartiene all’enigma e l’enigma alla follia.

L’amore porta fuori dal luogo dove solitamente si svolge la vita, crea uno stato di sospensione in cui spazio e tempo perdono estensione e durata. Estraneo all’ordinato scorrere della quotidianità, l’amore èatopos, è fuori luogo. Le cose d’amore, infatti, non appartengono al racconto dell’anima razionale perché, in loro presenza, l’anima subisce una dislocazione (atopia) che, spostando il regime delle sue regole, indebolisce il possesso di sé. La sua trama viene interrotta da qualcosa di troppo che, spezzando la continuità del dire e l’ordine del discorso, porta verso itinerari di fuga che l’anima non riesce a inseguire. Pulsioni e desideri, infatti, irrompendo come significanti incontrollati nell’ordine dei significati statuiti, producono nel senso quel controsenso che fa ruotare i discorsi senza immobilizzarli intorno a un dispositivo ideale che l’anima ha faticosamente raggiunto come sua connessione.

da UMBERTO GALIMBERTI, Gli equivoci dell’anima

 

VIDEO: http://youtu.be/Xhzh1GWSkTg

 
 
 

Maschilefemminiledifferenze di Simona oberhammer

Post n°9 pubblicato il 06 Ottobre 2012 da jarilo
 

 

Universo femminile e universo maschile: due modi differenti di pensare, di relazionarsi, di vedere il mondo e di vivere le emozioni.

Uomini e donne concepiscono la vita in maniera diversa e la affrontano basandosi su schemi mentali diversi.

A parità di vissuti le risposte non sono le stesse.

Questa diversità si evidenzia in qualsiasi relazione tra donna e uomo con:

  • il partner

  • i figli

  • i genitori

  • gli amici

  • i colleghi.

Uno dei presupposti per una buona intesa tra universo femminile e maschile risiede quindi nella conoscenza di queste differenze, cioè dei codici maschili e femminili. Ecco i principali.

I codici primari

 

Per leggere lo studio completo:

http://simonaoberhammer.com/3196-femminile-e-maschile-confronto-le-differenze-tra-uomo-e-donna/

 

 
 
 

Concezione del tempo diverse...

Post n°8 pubblicato il 20 Giugno 2011 da jarilo
 

Le stesse passioni nell'uomo e nella donna hanno un tempo diverso: perciò uomo e donna non cessano di fraintendersi.(F.W.Nietzsche)


 
 
 
Successivi »