Der Steppenwolf

fatui sragionamenti lucidi

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

StipeBuckMillsstefanochiari666alvio.puglieseferramentabruniixtlannlechatxxcbaroniomauriziocamagnanicosolariborriellolucianoForfingherromycaracris066giangiacomo984massimoavaro
 

ULTIMI COMMENTI

Impegnativo, sicuramente! Oltre che per il numero di...
Inviato da: ixtlann
il 17/01/2020 alle 08:00
 
Potrei leggerlo prossimamente, certo che 800 pagine sono...
Inviato da: Mr.Loto
il 16/01/2020 alle 19:09
 
Buone letture!! Ciao!
Inviato da: ixtlann
il 15/10/2019 alle 10:42
 
Accetto il suggerimento e prendo il libro. Grazie. Ciao
Inviato da: RavvedutiIn2
il 14/10/2019 alle 17:59
 
Sono passati più di trent'anni dal esordio di Bret...
Inviato da: ixtlann
il 14/10/2019 alle 08:32
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

EMILE CHARTIER

 

Niente è più pericoloso di un'idea quando è l'unica che si ha.

Emile Chartier

 

 

 

Se io potrò impedire

Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano-
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena-

o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.


Emily Dickinson

 

 

FELICITÀ

Felicità: finché dietro a lei corri
non sei maturo per essere felice,
pur se quanto è più caro tuo si dice.

Finché tu piangi un tuo bene perduto,
e hai mete, e inquieto t'agiti e pugnace,
tu non sai ancora che cos'è la pace.

Solo quando rinunci ad ogni cosa,
né più mete conosci né più brami,
né la felicità più a nome chiami,

allora al cuor non più l'onda affannosa
del tempo arriva, e l'anima tua posa.

H. Hesse

 

 

LAO TZE

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

 

 

RIDERE

 

L'unica cura contro la vanità è il riso, e l'unico difetto ridicolo è la vanità.

Henri Bergson

 

 

FËDOR DOSTOEVSKIJ

Se avete in animo di conoscere un uomo, allora non dovete far attenzione al modo in cui sta in silenzio, o parla, o piange; nemmeno se è animato da idee elevate. Nulla di tutto ciò! - Guardate piuttosto come ride.

 

 

 

Messaggi del 06/02/2020

Jeff Vandermeer – Borne

Post n°245 pubblicato il 06 Febbraio 2020 da ixtlann

 

 

"E in tutto il mondo c'erano delle città in cui le persone vivevano in pace -. Non c'era mai stato un tempo in cui tutti, ovunque, vivessero in pace. Nessuno aveva mai conosciuto una pace duratura, se non ignorando le atrocità della storia, e cioè il fatto che la pace non aveva niente di duraturo. Il che significava che eravamo una specie irrazionale."

 

Non amo  i romanzi rosa, mentre mi appassiona la fantascienza, ma a volte le cose si mischiano e credendo di leggere fantascienza , ci si ritrova a leggere una storia d'amore.

Già, questo romanzo ambientato in un futuro post apocalittico, dove l'umano è un rimasuglio e le biotecnologie dominano e imperversano, alla fin fine è una grande storia d'amore, tra la nostra protagonista e voce narrante, Rachel, e la persona con cui convive, se così vogliamo dire,  Wick, manipolatore e di biotecnologie.

La realtà in cui si svolge la storia è quella di una città, o di ciò che ne resta, dove aveva sede una fantomatica "compagnia" dedita alla manipolazione e realizzazione di biotecnologie,  da cui forse tutto è cominciato, o, quantomeno, ha generato le mostruosità che detengo il controllo sociale.

 

"Era un'altra versione della Terra? Non so. L'unica cosa che so, o che credo, è che era una porta che conduceva altrove - che la Compagnia era venuta da un altro luogo, che l'aveva formata e deformata, eppure sarebbe stata sempre al centro della nostra storia piú profonda, contro la nostra volontà."

 

Anche la stessa compagnia è ormai allo sfascio e l'ambiente totalmente inquinato straripa di rifiuti  e abomini, tra questi Mord, un orso mutante di dimensioni surreali, forse 15 metri, e in grado di volare, i suoi simulacri, bande di razziatori, indipendenti o agli ordini di una "maga" avversaria di  Mord!

Wick ha realizzato un rifugio, che dovrebbe proteggerlo dai pericoli che vivono in città, e vi ha portato anche Rachel, che fa la cacciarifiuti tra le macerie della città e riporta a "casa" tutto ciò che può essere utile alla loro sopravvivenza in quanto cibo o materiale biologico rimanipolabile;   da qui parte la nostra storia.

Rachel in cerca di rifiuti tra il pelo dell'orso si imbatte in qualcosa di vivo e misterioso, che decide di chiamare Borne, non è una pianta, non è un animale e non è un umano, ma cresce giorno per  giorno, divorando (o assimilando, come lui dice) tutto ciò che gli capita a tiro.

Borne è una mostruosità che la capacità di cambiare forma, di presentarsi in modi diversi tanto da ingannare chi lo osserva, e Wick lo teme e vorrebbe "smontare" ma Rachel ci si è affezionata e lo tratta come un figlio.

 

"All'epoca Borne non era un gran spettacolo: viola scuro, grande piú o meno quanto un pugno,"

 

 Il romanzo ci racconta della violenza quotidiana per sopravvivere, dei pericoli, che si annidano in ogni dove, delle lotte e dei sudori per mangiare, dei rapporti tra i sopravvissuti sempre in lotta e della "gelosia" verso e di Borne, dei ricordi di una vita passata e migliore, della paura costante che accompagna una vita senza un futuro; ma sopra e oltre tutto questo c'è l'amore tra Wick e Rachel in un mondo in cui amare è un vero lusso!

Quindi un bel romanzo che potrebbe accontentare due tipi di pubblico o scontentare entrambi!

 

"Forse era illusorio anche questo, ma alla fine ogni cosa lo è."

 

La qualità della prosa è ottima, e ne fa una storia avvincente che ti lega alle pagine, e ti lascia con lo sguardo incollato incosciente del tempo che passa. La capacità evocativa e descrittiva di Vandermeer fa si che da subito ci si senta dentro, nell'ambiente descritto, con i personaggi chiari, davanti a noi nel loro quotidiano. In questo mondo che non ci piace, perché puzza, è freddo, fa paura, tutto intorno a noi fa paura, ma che percepiamo  come una cosa non impossibile ( o quasi) purtroppo!

Dovremmo riflettere su ciò che facciamo e su dove potrebbe condurci!

A sorpresa ad un certo punto il narratore si rivolge al lettore, cosa del tutto inaspettata!

 

"E tu cosa avresti fatto, lettore, che sei riuscito a seguirmi come mi ha seguita la Maga, invisibile e sempre all'erta e completamente irrilevante?"

 

 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: ixtlann
Data di creazione: 25/11/2013
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ixtlann
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 66
Prov: PZ
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

 

SENECA

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.

 

 

 

BERTRAND RUSSEL

Temere l'amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti

 

OSCAR WILDE

Regala la tua assenza a chi non dà valore alla tua presenza

 

SE TU AVESSI DORMITO?,

Se tu avessi dormito?,

E se, nel sonno, tu avessi sognato?

E se, nel sogno,

tu fossi entrato nel paradiso

e lì avessi colto uno strano, bellissimo fiore?

E se, al risveglio,

ti ritrovassi quel fiore in mano?


Samuel Taylor Coleridge

 

 

IL MOMENTO

Se ne va, se ne va, se ne va!

Se n'è andato!

E col momento,

se n'è andata l'eternità!

            Juan Ramòn Jiménez

 

 

N.NUR-AD-DIN

 

Nasciamo senza portare nulla,

moriamo senza poter portare nulla,

ed in mezzo,

nell'eterno che si ricongiunge

nel breve battito delle ciglia,

litighiamo per possedere qualcosa.

                              

 

 

IL RAGGIO VERDE

In particolari circostanze,

quando il sole scompare dietro l'orizzonte,

nel preciso momento in cui l'ultima luce diretta ci colpisce,

può da esso generarsi un raggio verde

che passando attraverso i nostri occhi,

ha la capacità di illuminare la nostra essenza,

permettendoci di dare uno sguardo

dentro di noi e

vedere chi siamo!

 

 

STRANO VAGARE NELLA NEBBIA

È strano vagare nella nebbia!
Solo è ogni cespuglio e pietra,
Nessun albero vede l'altro,
Ognuno è solo.

Pieno di amici era per me il mondo,
Quando la mia vita era ancora luminosa;
Adesso, che la nebbia cala,
Nessuno si vede più.

In verità, nessuno è saggio
Se non conosce il buio,
Che piano ed inesorabilmente
Da tutti lo separa.

Strano, vagare nella nebbia!
Vivere è essere soli.
Nessuno uomo conosce l'altro,
Ognuno è solo.

 

H. Hesse

 

 

AMBROSE BIERCE

Riso:  Convulsione interna che altera i lineamenti del viso ed è accompagnata da suoni inarticolati.

È infettivo e, seppure intermittente, incurabile.

 

 

 

OVIDIO

La Fama, che gode con le sue calunnie

a confondere vero e falso, e che dal nulla si dilata

per forza di menzogna