Blog
Un blog creato da eccolo_li il 15/09/2006

L'UOMO PERFETTO

FUORI DAL LETTO NESSUNA PIETA'

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

Post N° 25

Post n°25 pubblicato il 28 Marzo 2007 da eccolo_li

immagine

Sesso: in Italia si fa meglio

Se i francesi lo fanno più spesso, e i cinesi hanno più partner sembra che il sesso italiano sia qualitativamente migliore, almeno questo secondo una ricerca della Durex.

saniNews - Donne e uomini italiani sono coloro che nel mondo raggiungono con maggiore frequenza l’orgasmo. il 61% dei latin lover e delle loro compagne hanno dichiarato di raggiungere l’orgasmo ogni volta che fanno l’amore.

Tanto o poco? In prima analisi diremmo tanto soprattutto in considerazione che a livello globale per i 350.000 intervistati la media si attesta intorno al 35%. E che i focosi spagnoli hanno dichiarato un magro 47%. Ancora peggio statunitensi (39%) e inglesi (35%).

E se qualcuno può pensare che sia poco sarà meglio che rifletta sulla bassissima frequenza di climax (il punto più alto della sensazione del piacere) tra i cinesi. Nel paese della grande muraglia solo il 19% raggiunge l’orgasmo tutte le volte e addirittura il 10% non l’ha mai raggiunto.

Quindi anche se quattro italiani su dieci incontrano qualche problema si può affermare che siamo in generale capaci di trovare un intesa migliore rispetto al resto del mondo, anche dei cugini francesi che surclassano tutti in termini di numero di rapporti, bel 138 all’anno contro il 108 degli italiani in perfetta media mondiale.

Sempre in materia di piacere sessuale va segnalato il 25% delle persone ha simulato un orgasmo negli ultimi 12 mesi. In questo caso c’è una grossa differenza tra donne (40%) e uomini (17%).
Ma è cosi difficile arrivare all’orgasmo?

 

 
 
 

Post N° 24

Post n°24 pubblicato il 02 Marzo 2007 da eccolo_li

immagine

Le vie delle signore sono infinite
Storia brillante di amicizia in rosa

Chi trova un amico trova un tesoro. E una donna che trova una vera amica può infischiarsene degli anni che passano, di un viso con qualche ruga che magari ha bisogno di un “aiutino” a base di acido ialuronico, del corso di yoga nella palestra da Vip e addirittura del successo sotto le luci della ribalta televisiva. E’ questa la conclusione a cui arrivano le protagoniste di “Le vie delle signore sono infinite” di Alessandra Appiano, un frizzante romanzo edito da Sperling & Kupfer.

Al centro della storia ci sono le vicende di cinque donne, Erminia, signora dell’alta società milanese, psicologicamente dipendente dal botulino e in perpetua lotta con l’anagrafe; la sua alleata-antagonista è Veronica, ex dottoressa senza frontiere che si è concessa all’attività nel campo della medicina cosmetica per curare una delusione sentimentale. Poi ci sono Federica, una brillante giornalista che scopre la solidarietà femminile impegnandosi in un progetto molto speciale, e la dolce Mara, una casalinga davvero disperata, che all’improvviso trova la forza della riscossa e che si ritrova protagonista di un reality show di successo grazie all’aiuto di un’altra ragazza, Luce, starlet un po’ sottotono. 

L’amicizia e la solidarietà femminile sono il vero motore della vita delle protagoniste. Un sentimento capace di dare energia e soddisfazione molto più dei corsi di una palestra di lusso, e tonico di bellezza più efficace delle cure a base di vitamine e filler per le rughe propinate negli studi del chirurgo estetico. Nell’incontro con le altre, ciascuna delle protagoniste si trova costretta a sollevare lo sguardo dalle sue vicende personali e. proprio accettando di adoperarsi in qualche modo per un’amica, trova la chiave per capire e affrontare i nodi della propria vita. 

Il romanzo ripropone molte situazioni di attualità; il delicato rapporto di una donna con il suo aspetto fisico con il passare degli anni, la difficoltà di conservare la propria autostima quando il rapporto con il marito va in crisi, il peso di una quotidianità meno brillante di quanto non si vorrebbe. E poi ci sono le situazioni che i giornali propongono con più frequenza: il bagno nella notorietà proveniente da un programma televisivo di successo a cui si partecipa per caso, il mondo dorato di certi ambienti di lusso, le sedute anti-age da un chirurgo estetico e alla fine il quadro che si ricompone e che lascia aperte le porte a chi desidera un finale edificante. 

Una storia a molte voci raccontata con frizzante ironia da Alessandra Appiano, giornalista e scrittrice di successo, che disegna in questo romanzo una convincente galleria di personaggi femminili, ciascuno con una sua specificità e un suo ruolo ben preciso nell’economia complessiva della storia.

 Raffaella Martinotti

 
 
 

Post N° 23

Post n°23 pubblicato il 06 Febbraio 2007 da eccolo_li

immagine

Sesso, le italiane le più assatanate

Le donne italiane sono pronte a rinunciare a tutto, ma mai ad una incandescente notte d'amore. Questo emerge da una ricerca condotta dall'istituto olandese Skim Analytical.
 
Secondo i risultati della ricerca le italiane si piazzano al primo posto per quanto riguarda l'attività sessuale: il 59% delle nostre connazionali ha rapporti sessuali almeno una volta alla settimana, seguite dalle donne della Repubblica Ceca (57%). In Germania va peggio, con appena il 46% delle donne che hanno rapporti frequenti settimanali. L'ultimo posto spetta alle austriache: solo il 38% di loro ha uno o più rapporti sessuali alla settimana.

 
 
 

Post N° 22

Post n°22 pubblicato il 05 Gennaio 2007 da eccolo_li

immagine

C'erano una volta un uomo perfetto e una donna perfetta. Si incontrarono e, siccome la loro relazione era perfetta, si sposarono. Il matrimonio fu semplicemente perfetto. E anche la loro vita insieme era ovviamente perfetta. In una notte di Natale buia e tempestosa, l'uomo perfetto e la donna perfetta stavano viaggiando in macchina su una strada molto tortuosa, quando all'improvviso notarono al lato della strada un uomo, che aveva evidentemente problemi con il suo mezzo di trasporto. Siccome erano una coppia perfetta, si fermarono per aiutarlo. L'uomo era Babbo Natale, e aveva un enorme sacco pieno di regali. Siccome non volevano deludere tutti i bambini del mondo la sera di Natale, l'uomo perfetto e la donna perfetta si offrirono di accompagnare Babbo Natale con la loro auto, e presto si ritrovarono a distribuire i regali. Purt roppo le condizioni della strada e del tempo continuarono a peggiorare, finché l'uomo perfetto, la donna perfetta e Babbo Natale ebbero un incidente. Solo uno di loro riuscì a sopravvivere. Quale dei tre? (La risposta si trova alcune righe sotto) La donna perfetta è l'unica che si salva: era l'unico personaggio reale, perché Babbo Natale non esiste, e neanche un uomo perfetto. (Donne alla lettura vi ho fatto un bel complimento, vero?) Per le donne il post finisce qui.
Gli uomini ma, ripeto, non le donne, scendano ancora di alcune righe
.

Se Babbo Natale e l'uomo perfetto non esistono,
vuol dire che al volante c'era la donna perfetta.
Questo spiega perché c'è stato l'incidente.
Tra l'altro, se sei una donna e stai leggendo,
abbiamo la prova anche di qualcos'altro:
che le donne non fanno mai q uello che gli si dice.




 
 
 

Post N° 21

Post n°21 pubblicato il 01 Gennaio 2007 da eccolo_li

Se gennaio inizia così...

Sara Tommasi

che splendido anno sarà il 2007!

Buon Anno a tutti!

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

disorder7barbaralampishelga2008michelle1991cirulli.robertawelfera0lucasabe1996sidopaulxmirkoxMTsalvocefalosnowgirl4andolfattorenzogambatommora_marchettigiatrava0
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom