**TEST**

ErSeccaccio

parole e parolacce

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

L'ultimo pensiero

Post n°44 pubblicato il 15 Novembre 2014 da EnricoErSeccaccio
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

 

Non cadete nella trappola della droga,

essa porta solo: emarginazione, dolore, 

solitudine e morte. La vita è una sola,

e per brutta che sia, vale la pena di

viverla pienamente.

L'urtimo penziero

Sto sotto ar ponte mentre er Tevere me

conta la vita. 'Sta vita che me sfugge fra

le dita ossute che ancora stringheno 'sta

siringa infame.

Ciò ancora un barlume de lucidità, guardo

er celo trapunto de stelle, so' così belle che

cerco de pijalle co' la mano, ma io dar celo

so' così lontano...

Su l'acqua de 'sto fiume appare la Luna, è

palida e argentata, e er penziero me và a

mamma che è sola e disperata.

Le lagrime me bagnano le guance oramai

scarne come quelle de 'n vecchio; nun piango

pe' me, ma pe mamma, che china sur tavolo

in cucina, m'aspetta arzata inzino la matina.

Me stringo ar petto er crocefisso che m'ha

regalato pe' la prima commugnone, e nella

testa risento 'na canzone.

E' mamma che canta, lo faceva sempre pe'

famme addormentà quanno stavo male, io

accucciato ner lettino, lei, tutta la notte me

stava vicino. Sento quella mano che m'accarezza,

'na pace m'entra drento ar core, mentre er suo,

è pieno de dolore. Gesù, aiutala! Io vado da

papà, mentre lei rimane sola.

No ma', nun me guardà! Nun vojo che me

ricordi co' 'sta faccia arovinata dalla droga;

vojo che me te ricordi come quanno ero

un fanello, e tu dicevi: fijo mio come sei bello.

S'arza er venticello nelle notte, me se schiarisce

pe' 'n'attimo er penziero, e tutto se fa nero,

anche le stelle sparischeno dar celo. 

M'accorgo che so' solo, e er Tevere score

portannose via tutti i sogni, amori,

amicizzie, pe' portalli nelle braccia della

sora morte. Un urlo m'esce dalla gola, e

cor crocefisso stretto nella mano, a mamma

mia bella chiedo perdono.

Enrico er Seccaccio

 

 
 
 

Speranza

Post n°45 pubblicato il 24 Novembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

 

Speranza

Quando il cuore soffre e l'animo piange,

Ti cerco mio Dio, nella tua casa immersa

tra i boschi dei Monti Simbruini.

Come faro si erge a indicare la via,

il Santuario della S.S. Trinità. Io,

anima travolta dal vento della vita,

mi nutro delle invisibili emanazioni

che scaturiscono dalle umide pietre.

Tutto canta il Tuo operato o Signore,

Il mio cuore si pregna d'emozione,

l'aria frazzantina m'investe come

la carezza di una madre.

I fiori montani, ondeggiano in

un'allegoria di colori, è una perfetta

armonia, come Tu o Signore,

volessi che sia.

Un'ombra persiste nel mio cuore,

come gelo in una giornata invernale;

penso con angoscia a popoli affamati,

scavati nel corpo come rami secchi

di un'albero morto, scossi da tremiti

mentre attendono con rassegnazione,

la morte come liberazione.

Accendo un cero votivo, in esso vedo

consumarsi l'Umanità, nella follia di

guerre e di odio verso i fratelli.

Finché ci sarà la tua luce, o mio Dio;

c'è sempre speranza in questo

mondo di ciechi, di vedere un

futuro migliore.

Enrico Er Seccaccio

 
 
 

Mannamoli via

Post n°46 pubblicato il 25 Novembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Un passo indietro nel tempo.

 

Mannamoli via

Ciavémo pe' Governo du' fazzioni

una propone l'artra s'oppone,

er P.D.L. dice: sarveremo l'itaiani

senza mette le tasse sur groppone.

Er P.D.L. eletto dar popolo sovrano

afferma: noi semo er toccasana,

rifamo le riforme a tutto spiano

e tojemo all'itaiani ogni grana.

So' vent'anni oramai che speramo

che cammi veramente 'sta Nazzione,

nun vojo passà pe' menagramo

ma nun se esce da 'sta situazzione.

E' sempre più dura annà avanti

li sòrdi e puro er lavoro nun ce sta,

così armeno nun se cariano li denti

perché nun c'è più gnente da magnà.

Prodi ormai è uscito dalla scena

Bertinotti e Dalema l'han seguito,

Bersani se propone che fa pena

tutti la dritta via hanno smarito.

A me sembra gente mia

che so' tutti dei magnaccia,

cor tortore li dovemo mannà via

a forza de botte sulla faccia.

Enrico er Seccaccio

 
 
 

Sogno di bimbo

Post n°47 pubblicato il 26 Novembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

 

Danno più amore gli animali ai loro cuccioli,

che certe bestie a due gambe ai loro figli.

Un bimbo che piange, e soffre per mancanza

d'amore, è come un fiore reciso; gli manca la

madre terra che lo nutre, il sole che lo scalda

e lo colora, e il vento leggero che lo scapiglia.

Togliamo loro i vizi negativi per la formazione

del carattere, ma non neghiamogli amore e attenzioni.

 

Sogno di bimbo

La fata Morgana venne in aiuto

del bimbo smarrito, lo prese per

mano, e lo portò lontano in un

mondo pulito, senza gli orrori

dell'essere umano.

Conobbe la gioia nel cuore,

acque chiare dove potersi

rispecchiare.

Prati verdi dove correre e giocare,

vide l'azzurro cielo e l'immenso mare.

Strade senza rombo di motori, aria

pulita dove volava la vita.

Vide giardini incantati, con anziani

seduti sereni sotto i raggi del sole.

Udì un dolce parlare, era un mondo

da sogno e d'amore.

Si risveglia nel lettino quel bambino, 

e guardando dalla finestra con sgomento,

non vede prati verdi, solo acciaio e cemento.

Si riaccuccia triste, mentre calde lacrime

bagnano il cuscino.

La sua bocca mormora: fata Morgana!

Il sole ormai è alto e la fata lontana.

Enrico er Seccaccio

 

 
 
 

Nostargia "Nostalgia"

Post n°48 pubblicato il 30 Novembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Me batte rorte er core quanno gironzolanno pe' Roma,

me se parano dinnanzi monumenti e resti, dell'antichità.

Er Colosseo, i Fori Romani, l'acquedotti, poi, er Laterano,

la cupola de San Pietro e tutto er resto de 'sta cttà eterna.

Sì, Roma è la capitale der Monno, qui, ogni Colle, ogni strada,

ogni sercio e per così dire, ogni casa e palazzo, ha la sua storia.

La Roma de oggi, accoje e raccoje, le genti de ogni fede

de ogni razza, riunendole in una sola Umanità.

Però, me manca tanto quer senzo de comugnone,

che riuniva le famije, la gente seduta ai tavoli dei bar

fino a tarda sera, pe' raccontasse li fatti quotidiani,

li regazzini che sciamanno uscivano da scola, pe'

annà a giocà pe' strada, c'era armonia, amicizzia

e sempricità.

So' spariti li piccoli negozzi, per lo più, a conduzione

famijare, c'era er Droghiere, er Macellaro, er Fruttarolo,

er Vinaio che la matina, preparava l'ove sode pe'

accompagnà er marsalino che l'operai, se magnavano

e bevevano, prima d'annà a lavorà. Tutte 'st'attività,

so' state fagocitate dalle grandi catene commerciali,

dai Cinesi che t'hanno riempito er mercato de prodotti

a basso costo, a dalla crisi che ha fatto chiude le serranne,

a l'itajani. La Romanità nun c'è più, tutto cancellato

dar progresso e dalla globbalità. Sarà mejo, sarà peggio,

mah... in questa torre de Babbele, de sicuro, io nun me

ce trovo tanto bene. Continua sur prossimo scritto.

Enrico er Seccaccio

 

 

 
 
 

Segue Nostalgia

Post n°49 pubblicato il 30 Novembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 

Malinconia

Er sole che tramonta a Monte Mario, tigne

de rosa e prepara lo scenario. La luna che

lo segue federmente, s'affaccia su 'sta Roma

vellutata che co' maggico candore, saluta

ogni coppia innammorata.

Le stelle inizzieno a brillare, ner celo bello

de questa capitale. Er Tevere dorcemente,

continua a scivolare pe' annasse a sposà

co' l'amico mare. S'arza er Ponentino

friccichello, pe' inzinuasse dorcemente

nelle vie. Strade vecchie, piene de ricordi

de gente semprice e dar core bono, che

se porta drento ogni romano.

S'accenneno i lampioni nelle strade

pe' fa compagnia alle inzegne illuminate.

Lucciole dall'aria assonnata, se preparano

a passà 'n'artra nottata. Torreggia er

cuppolone ner tramonto, splendono le luci

ar Vaticano, 'na sora se riposa l'anima,

preganno la Madonna, mentre sgrana er

rosario co' la mano. Un vecchio vetturino

cor cavallo, ritorna locco, locco, nella stalla;

figura che tenne a scomparire, mentre me

se strigne piano, piano, er core.

Nun se sentono più le serenate sotto le

finestre, quelle canzoni dorci e delicate,

che facevano sognà l'innammorate.

Er sole, tramontato ormai da'n pezzo,

rivela tutto 'n tratto lo scenario, un 

silenzio innaturale avvorge la città,

come 'n mantello, 'na sorta de sudario.

Sò triste Roma, proprio come te, te so'

rimasti solo monumenti a testimonià er

fasto der passato, e quarche tipo come

me, che nun l'ha dimenticato. Do' sta

la Roma de 'na vorta, così piena de vita

e d'allegria, ormai sei scomparza dalla

scena, come la giovinezza mia.

Enrico er Seccaccio

 
 
 

Onorevoli malfattori

Post n°50 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Roma capitopoli dei politichi corrotti

 

Esplode bomba nelle tane dei poteri a Roma,

non è un atto terroristico dell'I.S.I.S. ma un

atto dovuto, da parte delle forze dell'ordine.

I nostri governanti, di ogni colore, al soldo dei

criminali mafiosi, e da ciò che rimane della banda

della Magliana, finalmente sono stati smascherati

e presi dai Carabinieri e dalla Finanza. l'augurio

del popolo Italiano è che la Magistratura si muova

in fretta nel condannarli, senza sconti, per una

punizione esemplare della pena. Non meritano

nessuna pietà, come non l'hanno avuta loro,

per le condizioni in cui versano gli Italiani.

Questi infami vampiri insaziabili, che suggono

il sangue del Popolo, tassandoli e fregandosi,

dei problemi reali del Paese. Tutto gli dovrebbero

togliere: case, beni, affetti. Sbatterli in galera a vita,

a pane ammuffito e acqua sporca, in compagnia dei

topi, scarafaggi e pidocchi, loro simili.

Segue prossimo Scritto

Enrico er Seccaccio

 

 
 
 

Gli Onorevoli ladroni

Post n°51 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 

Ripijamo er discorzo de prima

A sor Giovà, hai sentito che botto,

'na bomba è scoppiata nella Capitale,

er gioco de sordi je s'è rotto

speramo che la Giustizzia je fa male.

In cammio de favori aggevolati

'st'infami venduti politicanti,

de ogni colore tutti prezzolati

rubbavano d'accordo tutti quanti.

Er Popolo ignaro poveretto

se trascina pe' arivà a fine mese,

I governanti coi sòrdi fanno Caporetto

a noi manco 'n sòrdo pe' fa le spese.

Da Roma pe' tutta la reggione

spazziavano e facevano man bassa,

er loro credo è la corruzzione

dalla malavita battevano de cassa.

Campi Rom, apparti, e municipallizzate

date in pasto in cammio de sordoni,

le ditte oneste tutte penalizzate

dai bandi via, fori dai cojoni.

Me dite l'Itaja quanno se ripija

'sta piaga è 'n virus micidiale,

artro che Ebola, Spagnola, e così via

semo li primi, da recorde monniale.

Veltroni, Rutelli, Marino, e Alemanno

tutti allo scuro de li movimenti,

giuranno che loro nun lo sanno

de 'sti danarosi e sporchi avvenimenti.

C'è de mezzo la banda della Maijana

la Mafia, la 'ndrangheta, e la Camorra,

bona parte dei politichi, porca la puttana

consideravano er Popolo 'na zavorra.

Ma famola " Cazzo "'sta rivoluzzione "

invece de penzà ar pallone e ar carcio,

damo la caccia ar politico mascarzone

che torna a casa co' li sòrdi nostri in braccio.

Tra poco gente ariverà er Natale

li Re Maggi ar bambinello co' li doni,

a quei politichi zozzi auguro ogni male

devono marcì 'n galera 'sti ladroni.

Enrico er Seccaccio

 

 

 

 

 

 
 
 

L'homo sapiens

Post n°52 pubblicato il 09 Dicembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Non ci rendiamo conto che questo pianeta,

è la sola casa che l'Umanità ha a sua disposizione.

Ancora la scienza, non ha trovato il modo di

viaggiare nell'iperspazio per scoprire e raggiungere,

un altro pianeta adatto alla vita. Noi la stiamo

distruggendo, avvelenando, senza renderci conto,

che ci facciamo del male. Dovremmo rispettarla,

curarla, amarla, come amiamo noi stessi.

E' lei, la terra, che con il suo ecosistema, ci

permette di vivere, come il buon Dio ha

voluto nella Sua meravigliosa creazione,

donarci tutto ciò.

L'Homo sapiens

Quanno er bon Dio nella Sua creazzione

nun vojo esse iriverente né blasfemo,

nella Sua meravijosa costruzzione

Ha sbajato de brutto a creà l'omo.

J'ha dato l'assomijanza e tutto er bello

la linfa vitale J'ha trasfuso nelle vene,

J'ha messo in moto er core cor cervello

credenno veramente de fa' bene.

Nella creazzione quarcosa j'è sfuggito

forze perché cià messo troppo amore,

Adamo ed Eva nun l'hanno rispettato

er male già arbergava drento ar core.

Così Dio s'è reso conto dello sbajo e

l'ingrati dar Paradiso furuno cacciati,

costretti a vagare allo sbarajo

marchiati dar peccato condannati.

'sto monno luccicante de bellezza

è diventato pe' mano dell'umanità,

un pianeta de veleni e de monnezza

pieno de odio, senza amore né pietà.

Cristo l'avemo messo sulla croce,

l'amore der Dio Padre professava,

penzava a torto de fa' vive tutti 'n pace

e mentre Lui moriva a tutti perdonava.

Pe' questo vojo bene all'animali

creati puri e senza avidità

da sempre so' rimasti tali e quali

ar contrario de 'sta pazza Umanità.

Enrico er Seccaccio

 

 
 
 

La vendetta dell'albero

Post n°53 pubblicato il 15 Dicembre 2014 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Il nostro Pianeta, cioè, la nostra casa, e avvolta

da una sottile atmosfera composta di: Azoto,

Ossigeno, Argon e piccole quantità di altri gas.

L'aria, l'acqua e la terra, sono gli elementi che

consentono l'esistenza della vita. Noi, stiamo

inquinando i nostri salvavita, mettendo a repentaglio

la salute nostra e del Pianeta. La richiesta di terreni

per l'agricoltura, e per la cementificazione, fa scempio

di alberi. Essi, assorbono l'anidrite carbonica, emettendo

il prezioso Ossigeno che ci permette di vivere.

Rispettiamoli questi alberi, ci forniscono l'aria, i frutti,

e legname per un'infinità di cose.

 

La vendetta dell'arbero

Un arbero disse un giorno a 'n boscaiolo:

fa' piano co' l'accetta me fai male,

ciò messo tanto pe' arivà quassù

tu arivi callo, callo, e me vòi buttà giù.

Lo so fratello legno che fo male,

er fatto è che me serve la provvista,

l'inverno batte cassa e s'avvicina

ma giuro che te dò 'na spuntatina.

Sì, come a mi' fratello poveretto

spunta oggi, taja domani, mò è

mezzo metro de tronchetto.

forza, taja e famola finita, so'

nato legno e servo anche pe'

fa' er foco, ma m'ariconsola che

de legno sarà la tua urtima vestitura.

Enrico er Seccaccio

 
 
 

Auguri per Tutti

Post n°54 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da EnricoErSeccaccio
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

 

Er Natale s'avvicina e batte cassa

co' l'addobbi e l'inzegne lumminose,

nei negozzi la gente ce s'ammassa

pe' cercà 'n penzierino fra le cose.

Sotto l'arbero tocca mette i pacchettini

pe' l'amichi, la famija e fidanzata,

ma lo Stato cià lassato du' quatrini

la tredicesima pe' le tasse se n'è annata.

Nella Santa notte ariva er bambinello

li re Maggi portano: Mirra, incenzo e oro,

se Equitalia mette l'occhi su de quello

ner Presere se so' fatti i cacchi loro.

Morammazzati chi rubba e sta ar Governo

cor portafojo sempre pieno de sordoni,

speramo prima che passi quest'inverno

de vedelli tutti 'n galera e fora dai cojoni.

Non s'angustamo pe 'sta situazzione

la vita è una sola e assai prezziosa,

vivemo de speranza e d'ambizzione

ch'er futuro sia mijore e 'n po' più rosa.

Auguro a tutti, di vivere queste festività,

in serenità e armonia.

Enrico er Seccaccio

 
 
 

Non so' più solo

Post n°55 pubblicato il 08 Gennaio 2015 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

I bambini abbandonati alla nascita, sono

in continuo aumento. Il fenomeno, socio-

economico, in cui queste madri vivono, le

obbliga ha scelte dolorose, la più penosa

per una donna. Questa è una storia di

un bambino, appunto abbandonato.

 

Nun sò più solo

Io sò francesco così m'hanno chiamato

quelli dell'ospedale tutti esterefatti,

quanno mi' madre nun m'ha voluto

manco 'na gatta lascia l'urtimo dei gatti.

Pe' nove mesi m'ha tenuto in vita

tutti i giorni la voce sua ascortavo,

ma ner momento de vedella se n'è ita

lasciannome solo e abbandonato.

Ciavevo er bibberon ma me mancava

la morbidosa sisa de mamma io volevo,

la mano se moveva e la cercava

lei nun c'era, io daje che piagnevo.

Li giorni so' trascorsi griggi e lenti

tra 'na poppata e 'n novo pannolone,

l'artri ciavevano mamma e li parenti

io nessuno e ner core un gran magone.

Poi 'n giudice de me s'è 'nteressato

'na coppia m'ha scerto pe'l'affidamento,

ar nido so' venuti e m'hanno prelevato

mò, me sento più tranquillo e più contento.

Adesso sò felice come tutti li bambini

ciò 'na famija che me vole tanto bene,

cianno aiutato dar celo Santi e l'angiolini

tojenno a me e a 'sta famija tante pene.

Ringrazziamo Santa Pupa veramente

nun so' finito all'istituto co' le sore,

speramo che dar celo lei ce sente

pe' 'sta pace che cià messo drento ar core.

Enrico er seccaccio

 
 
 

Liberté Egalité Fraternité ou la mort

Post n°56 pubblicato il 09 Gennaio 2015 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Liberté Egalité Fraternitè ou la mort

'Sti tre princìpi so' nati gente mia

pe' renne l'omini tutti tali e quali,

pe' vive libberi co' dignità in democrazzia

abbattenno co' la rivoluzzione li reali.

Oggi so' bastate de Charlie du' vignette

de satira forze un po' blasfeme,

pe' scatenà e ce dovrebbe fà rifrette

un atto che ha versato sangue e pene.

Er terorismo er più oggi radicato

l'ha creato anche un poco l'occidente,

pe' secoli co' le cologne avemo depredato

lasciannoli in mutanne e senza gnente.

Mò ce stanno a fà la guera santa

come fecero li crociati Medievali,

er monno de paura ce n'ha tanta

de 'sti fanatichi estremisti miciddiali.

L'Islam lo dice anche Maometto

nei verzi sacri scritti ner Corano,

la vita è un dono e questo va protetto

da esse uguale pe' er Cristiano e Mussulmano.

L'occidente vò portà libertà e democrazzia

a quei popoli resi schiavi dai tiranni,

dalla Libia ar Pakistan e Tunisia

fanno la guera tra de loro da tant'anni.

Er monno moderato Arabo co' l'Occidente

se dovrebbero unì contro 'sti teroristi,

daje addosso co' la mano un po' pesante

come fece er monno intero coi nazzisti.

Qui ce serve 'na rivoluzzione culturale

e fa' capì a 'sta pazza Umanità,

che se continua così finisce male

co' le guere e co' l'odio la devono piantà.

Enrico er Seccaccio

 
 
 

La morte ner core

Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Ieri ho incontrato un amico che non vedevo da qualche tempo.

Aveva un aspetto trasandato, il volto si presentava stanco,

lo sguardo spento, quasi ci scontrammo, tanto era assente.

Lo salutai, chiedendogli se andava tutto bene. Lui mi disse:

caro Enrico, ho perso il lavoro, la banca mi ha tolto la casa,

e mia moglie si è trasferita da sua madre con i bambini, ora

mi arrangio con qualche lavoretto, e la sera vado alla Caritas

per mangiare qualcosa, e per dormire, mi sistemo con una

coperta sotto la metropolitana. Rimasi senza parole; tanto ero

turbato. Gli chiesi se avesse bisogno di aiuto, qualche soldo.

Con molta dignità, rifiutò ringraziandomi. Ci salutammo, lui

si perse tra la folla senza girarsi. Mestamente, mi avviai verso

casa, con l'angoscia nel cuore. Questa è una delle tante realtà,

prodotte dalla crisi e dal nostro malgoverno, che come uno tsunami,

ha travolto, certezze e futuro di tanti Italiani.

La morte ner core

Un giorno 'na raccomannata m'è arivata

diceva: Ce dispiace ma lei è licenziato,

in Romania la fabbrica sarà dislocata

lassannome de sasso disperato.

Ciavevo un lavoro ben renumerato

'na casa cor mutuo ventennale,

'na famija de cui ero innammorato

la mia vita scoreva felice e regolare.

Mi' moje è ita dalla madre a abbità

se voleva fa' magnà li regazzini,

ho perso tutto casa famija e dignità

pe' 'st'infami avvortoi e strozzini.

Prodi cià portato pe' forza nell'Oropa

nun cianno chiesto se ce stava bene,

sparì la lira co' 'na passata de 'na scopa

e so' inizziate le tristezze e tante pene.

Dagli USA arivò la crisi e creò danni

corpa de la finanza e dei speculatori,

la Germania che fece bene pe' dieci anni

mò ce comanna e ce pja a corpi de tortori.

Cor debbito che l'Itaja 'h'accumulato

inzieme co' la Grecia e artri Paesi,

i nostri governanti cianno massacrato

mò se ritrovamo nella merda tutti stesi.

'Sti Governi papponi de tutti li colori

che se so' sempre fatti i cazzi loro,

hanno appoggiato le banche e l'evasori

tanto loro ciavranno le penzioni d'oro.

Enrico er seccaccio

 

 

 
 
 

Monito dar celo

Post n°59 pubblicato il 17 Gennaio 2015 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

L'Umanità cammina sull'orlo di un baratro.

Guerre, odio, Religioni, denaro, potere, 

armamenti, povertà, fame, un kocktail

micidiale, da scatenare le ire dal cielo.

 

Monito dal cielo

Da 'na finestra lassù ner Paradiso

du' figure s'affacciarono ar parapetto,

'na lagrima je scenneva lì sur viso

ereno Gesù Cristo e Maometto.

Maometto rivorgennose a Gesù

je disse: caro Gesù so' preoccupato,

l'attentati che stanno a fa' laggiù

ner Corano nun c'è scritto né ordinato.

Je rispose Gesù: ciò er dente avvelenato

co' 'sta pazza e scellerata umanità,

l'amore der Padre mio ho predicato

e m'hanno messo in croce senza pietà.

'Ste guere qui mio caro Maometto

da quanno l'Eropei co' la crociata,

ner Medioriente hanno fatto Caporetto

li Mussulmani ar dito se la so' legata.

L'Occidente de corpe ce n'ha a iose

tutto l'Oriente co' la forza ha colonizzato,

fregannose tutte le risorze più prezziose

ner nome dei loro Reali ha depredato.

Qui caro Maometto ce rivò er Diluvio Unniverzale

a 'sto monno je dò 'na bella ripulita,

affoganno chi s'è comportato male

ai boni e all'animali je sarverò la vita.

Vedrai mio caro chi se sarva da 'sto bagno

camminerà bono bono co' la coda ar culo,

se spaccheranno la schina senza un lagno

a zappà la tera faticanno più de 'n mulo.

Gnente più guere pe' la Religgione

se sceijeranno quella che je piace,

s'ameranno co' pietà e compassione

vivranno senza razzismo tutti in pace.

Speramo...

Enrico er Seccaccio 

 
 
 

Er gatto de mi' fija Tamara

Post n°60 pubblicato il 14 Marzo 2015 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

Buon giorno a tutti, "Sono tornato." Enrico Er seccaccio.

Dedico queste righe a mia figlia Tamara, che lotta

con tutte le sue forze e convinzioni, a favore dei diritti

degli animali, e alla difesa della natura. Hai raccolto un meraviglioso

micetto, salvandolo dalle auto che lo avrebbero investito.

Ho voluto giocare con le parole entrando nella testa di Milito:

il gatto che tu hai raccolto e portato in casa.

 

Er gatto de mi' fija Tamara.

So' venuto ar monno, e mi' madre m'ha mollato,

co' ancora l'occhi chiusi miagolavo disperato,

'na tipa, in mezzo a 'na vietta, m'ha evitato

da quarche machina de finì acciaccato.

Dalla strada a 'n buco de casetta trasferito

la tipa, co' amore e cor ciucco m'ha sfamato,

er cane che lì abbitava me guardava incuriosito,

forze perché troppo bono, nun me s'è magnato.

Tamara che è 'n'animalista, me diceva: poverello

ciài avuto 'na fortuna bona e bella, 

 ciài 'na nova mamma, nun sarai orfanello

inzieme ar cane Ulisse, e Tamarella.

Mò, che sò cresciuto, svezzato, coccolato,

me domanno: che m'aspetta 'n po' più là?

Me sento 'n poco relegato, come 'n gatto carcerato,

forze me mancherà, li spazzi aperti e la libertà.

Poi, veranno li tempi che se sà, so' li richiami

dell'amore e der calore,

'n'amico, m'ha detto che me devono castrà

pe' damme 'na carmata e pe' l'odore.

Se questo se chiama amore animalista,

preferivo rimané 'n orfanello, mò io e

Ulisse, semo inseriti nella lista de quelli

da castrà, quasi er tajo der pisello.

Me dispiace pe' Ulisse poverello,

se la tipa nun ce ripenza un pochettino,

appena posso, scappo veloce dar cancello

così me sarvo l'onore, e... er fratellino.

Mejo vive un giorno co' le gatte der rione,

che stammene come 'n peluche in

soprappeso, pe' anni sbragato su 'n lettone.

Enrico Er seccaccio.

 

 
 
 

I Castelli Romani

Post n°61 pubblicato il 25 Marzo 2015 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

E' un mattino come tanti altri, ancora assonnato

apro la finestra e respiro a pieni polmoni l'aria

frizzantina pregna dei profumi della campagna.

Lo sguardo segue le sagome dei colli Albani che

una leggera foschia li rende evanescenti, sotto

di essi, vigneti stracolmi di grappoli d'uva dorati

pronti per la vendemmia, da cui si trarrà il

nettare degli Dei, il vino decantato dagli antichi

romani sino ai nostri giorni. Siamo fortunati ad

avere un posto così bello e vicino, dove rifugiarci

nelle gite fuori porta, e trascorrere una giornata

in compagnia di amici, fra i paesi che formano i

Castelli Romani, ingrottati nelle tipiche fraschette

a gustare buon cibo e vino genuino. In quei

momenti, si dimenticano tutti i problemi che

si stanno vivendo in questi tempi tanto difficili;

almeno per un giorno, la compagnia, la cucina, e

un buon bicchiere di vino, allontana la tristezza

donandoci un poco di serenità.

 

I Castelli Romani

Dalla finestra m'affaccio, e vedo la

campagna che se stenne sotto casa mia,

'sta casa che è sorta inzieme a

mille casermoni de periferia.

Lo sguardo se perde e va lontano,

seguenno le forme de li colli

ai romani così cari e così belli,

mete de gite spenzierate a li Castelli.

Er sole che sarza piano, piano,

indora le bellezze dei Castelli, li

riveste de 'n manto scintillante,

da fa' 'nvidia a 'no scrigno de gioielli.

Le vigne tripudio a la natura, so'

stracorme de uva dorata e matura.

L'aria è pregna de profumo e dell'odori,

che emanano i cespuij co' li fiori.

je fanno eco li paesi dei castelli,

gioielli incastonati su quei colli,

a misura de 'n'arte unniversale.

So' paesi ancora genuini, de gente

semprice, co' vecchie traddizzioni,

mantenete tutto questo o castellani,

che è l'orgoijo vostro e de tutti li romani.

Enrico er Seccaccio

 

 

 

 
 
 

Ar Tevere

Post n°62 pubblicato il 22 Aprile 2015 da EnricoErSeccaccio
 
Foto di EnricoErSeccaccio

 

 

 

 

Ieri, per l'anniversario di Roma, mi sono

trovato a passare per il lungotevere.

Avvicinatomi al parapetto del muraglione

che incornicia il Tevere, vedevo lo

scorrere tranquillo delle sue acque

non proprio chiare, e pensare che da

bambino con i miei amici, qualche 

anno fa, nuotassimo e pescassimo

in quelle acque. Vederlo con le sponde

piene d'immondizia, e sotto i ponti

materassi e sporcizia, conseguenza di poveri

disgraziati che si sono accampati non

avendo dove dormire. Non era uno spettacolo

edificante per Roma, rispetto a fiumi di altre capitali, 

sia Tamigi, Moldava, Senna e altri. Roma

merita altro, Roma è storia, arte, insieme

con altre civiltà ha segnato un punto

importante per il genere umano. La

capitale d'Italia è divenuta capitopoli,

cuore della corruzione che imperversa

in tutte le correnti politiche che governano.

Buon anniversario Roma, nonostante tutto,

resti eterna.

Ar Tevere

Dar monte Fumaiolo inzino ar mare

tu nasci pe' 'sta Roma co' l'acque chiare,

nasci e te rinnovi 'gni momento,

fra fratte, canneti e le fiumare

Gorgojanno tu scori e te ne vai

succhiannote li serci dar fonnale,

parlanno e ricordanno 'gni momento,

la storia de 'sta Roma unniversale.

Fiume dorato, da Romolo  ar tempo

de Pasquino, er bagno era un rituale,

puro er pesce era bono da magnare.

Oggi, durante er tuo cammino te

fai scuro, tra robbaccia e scarichi

'ndustriali, e quanno arivi a sposatte

cor Tireno, sei un fiume morto, pieno

de veleno.

Tu resti ner mio core sempre puro,

a ricordo de Roma de 'na vorta, che

piena de vita e d'allegria, è scomparza

dalla scena come la giovinezza mia.

Enrico er Seccaccio

 

 

 
 
 

Er Napoleone Italiano

Post n°63 pubblicato il 25 Aprile 2015 da EnricoErSeccaccio
 

Quando un cetriolo vuole comandare

su tutte le verdure dell'orto,

prima o dopo, finirà per unirsi

con gli altri ortaggi nell'insalata,

che lo voglia o no.

 

Il Napoleone Italiano

A Giovà, Napoleone nun è morto,

no perché s'è incarnato in renzi,

nun credo, te stai a sbajà, ciai torto,

la minoranza nun credo che lo penzi.

Sarà, ma se comporta come tale

parla sparato come l'imperatore,

promette molto ma razzola male

ha deciso de fa' er rottamatore.

Er PD l'ha mezzo epurato

li sindacati l'ha messi a la berlina,

l'articolo diciotto ha cancellato

vo' fa' tutto dalla sera a la matina.

Er Senato lo vole smantellà

vo fa' la riforma elettorale,

puro la scola la vole rimbellà

ma parecchi so' convinti che fa male.

Cià 'n fare che me ricorda 'na perzona

co' le braccia appoggiate su li fianchi,

chi lo contrasta lui nun li perdona

ponno esse der PD neri, o bianchi.

Oggi è er 25 Aprile, la libberazzione,

speramo che la storia se ripete,

ce liberasse da Renzi ch'è 'n cojone

e forze l'itaja po' raggiunge 'n po' de mete.

Enrico er Seccaccio

 
 
 

Expò 2015

Post n°64 pubblicato il 04 Maggio 2015 da EnricoErSeccaccio
 

Expò nutrire il pianeta

Ier sera me so'guardato in televisione

la presentazzione dell'Expò a tutto tonno,

der monno intero 'sta bella esposizzione

pe' rifornì de cibbo tutto er monno.

Er tema dell'Expò è prioritario

alimentazzione e l'energia pe' er pianeta,

se dovrebbe superà ner monno 'sto divario

pe' sfamà tutti, questa è la meta.

Nei Paesi più ricchi e sviluppati

c'è er probbrema de calà la panza,

tanti cibbi nei secchioni so' buttati

sprecanno risorze e ciò ch'avanza.

E' 'na presa de coscenza e de core

tutte le Nazzioni devono partecipare,

perché mijoni de perzone de fame more

tutto questo nun se po più tollerare.

Speramo che 'st'Expò unniverzale

nun ingrassi solo chi sta bene,

perché ner pianeta ogni vita vale

e se po evità la fame e tante pene.

La scenza po renne fertile er deserto

incrementanno l'agricortura in quelle tere,

l'Africa de certo cammierebbe aspetto

nutrenno quella gente e senza guere.

Ma tutto questo è solo 'na speranza

ce vò meno egoismo e più solidarietà,

de sprechi e de guere basta e avanza

pe' appellasse e definisse "Umanità."

Enrico er Seccaccio

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: EnricoErSeccaccio
Data di creazione: 23/05/2014
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ra.In.MeNarciso_AleEnricoErSeccaccioenrico505linovenamakavelikalubopostallalpinapsicologiaforensemarlow17melissa38mfugattoficcanasopiccolobruttocattivoEneemiasles_mots_de_sable
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom