Pentagrammi

Note, pause, battere in levare

 

 

AREA PERSONALE

 

BACCANTE

 

MAGRITTE - MEMORIA

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

Viaggio nel mondo

Post n°147 pubblicato il 12 Luglio 2014 da chitarra_mancata

 

 
 
 
 
 

Deva Premal, nata a Norimberga

Post n°145 pubblicato il 16 Maggio 2014 da chitarra_mancata

 

 
 
 
 
 

Dall' India con Amore - Espressioni

Post n°143 pubblicato il 13 Aprile 2014 da chitarra_mancata

Il Femminile

 

Il Maschile

 

 
 
 

Pina Bausch - Una donna migliore

Post n°142 pubblicato il 04 Aprile 2014 da chitarra_mancata

 
 
 

Un piccolo canto d'amore

Post n°141 pubblicato il 29 Marzo 2014 da chitarra_mancata

 

 

 

IRENE GRANDI

BRUCI LA CITTA'

 

 
 
 

Coloriamoci di vita

Post n°140 pubblicato il 26 Marzo 2014 da chitarra_mancata

 

 
 
 

SOLITUDINE O ALIENAZIONE? La malattia dell’uomo moderno - Articolo tratto da "L'INTELLETTUALE DISSIDENTE

Post n°139 pubblicato il 24 Marzo 2014 da chitarra_mancata

 

Se il progresso fosse davvero alla portata dell’uomo, non staremmo qui a riflettere in poche righe degli errori in cui inciampa il “progressismo” nella speranza di condurre l’uomo al di fuori .

Sarebbe più giusto affermare che la crisi non riguarda il progresso raggiunto dall’uomo: il risultato dovrebbe in linea teorica confermare l’affermazione. Salvo poi i casi in cui il progresso altro non ha fatto che condurci in questo miserabile stato di cose tali per cui dovremmo domandarci circa l’esatto significato del termine. Se poi con l’invenzione della bomba atomica abbiamo costruito una trappola per topi, dovremmo rimettere in discussione la voce <>. Ma non è questo il punto.

La crisi di valori della società occidentale investe ovviamente le posizioni ideologiche. In un’epoca in cui l’uomo si sente disperso, privo di un riferimento certo, in un mondo in cui non esiste una verità cui appigliarsi si spera sempre in qualcosa di nuovo, e questo qualcosa viene battezzato come un passo in avanti, poco importa se positivo o meno. L’unica certezza è la solitudine dell’uomo. Un uomo sempre più abbandonato a se stesso, inerte dinanzi ai mutamenti politici, impossibilitato ad agire a causa di forze esterne. La crisi dell’uomo è la crisi egologica di uno spettatore che assiste alla scena senza capire i meccanismi della trama, che vive la dispersione e la paura e che si estranea totalmente dalla vita sociale. Un uomo che esegue meccanicamente le operazioni imposte: dal lavoro ai condizionamenti sociali un uomo alienato la cui abilità consiste nel gestire settorialmente il suo ambito senza nessuna comunicazione che vada al di là della rigorosa aritmetica imposta dalla società.



Parole vuote, forse, ma che si pongono sulla scia di quella operazione già tracciata da Marx quando vedeva nel sistema di produzione industriale il primo passo verso la automatizzazione e la conseguente alienazione dell’uomo. La nostra epoca è diversa da quella di Marx, ma i sistemi, certo più sofisticati, sono sempre i medesimi. Basta dare un’occhiata alle proposte “più allettanti” di lavoro (cioè quelle mediamente più puntuali nella consegna della paga) che consistono proprio nella ripetizione costante delle medesime pratiche: giovani impiegati nei call center, operai al servizio nei fast food, operatori di ogni genere. Ovviamente si tratta di lavoratori che vivono in uno stato di precariato asfissiante – questo sì che ce lo chiede l’Europa – e che quindi sono considerati dalle aziende puri numeri, sostituibili con qualsiasi altro precario in attesa di uno stipendio che rasenta mediamente gli ottocento euro mensili. Un uomo che vive di incertezze come può non vivere l’eterna dispersione? La settorializzazione del lavoro reca in sé il germe della meccanizzazione.

Il lavoro è solo uno dei primi aspetti e forse rappresenta il primo anello della catena giacché gli altri fenomeni si possono benissimo ricollegare a questo.

Persa la nobilitazione umana che deriva dall’attività il lavoro viene vissuto come un frustrante servizio nei confronti del datore. Il lavoro non è più un diritto, ma prima di tutto un dovere da svolgersi secondo tutti i limiti e le imposizioni possibili. È sempre più crescente il numero di lavoratori che cercano sostegno psicologico o sostegno clinico presso psichiatri per problemi legati ad insoddisfazione percepita nella propria attività. Ma questa insoddisfazione cosa è se non l’effetto di una vessazione costante subita dalla routine delle pratiche lavorative e dallo spazio vitale soffocato dalla meccanica monotonia?

Ecco che l’uomo si disperde, con la corda alla gola finisce per soffrire la paura di un mondo che opprime. Un presente incerto, un futuro senza nessuna chiarezza, nessuna aspettativa per i propri figli. Come se non bastasse l’uomo che vive in dipendenza da altri è costretto in questo stato di cose ad illudersi del fatto che la sua volontà possa valere qualcosa. La "realtà effettuale"   è però diversa: noi semplici uomini non siamo che burattini in mano a chi detiene il potere politico. Si badi bene, un potere non inteso come medium in vista di magnanimi fini, bensì come fine a se stesso e ad un’aristocrazia monetaria che si serve del popolo solo per legittimare la violenza del proprio potere.

È quello che accade in Europa, in America, nel mondo del capitalismo, laddove il potere è detenuto da grandi gruppi industriali, dove le politiche dei governi sono condizionate dalla volontà delle corporations e delle lobby e dove l’uomo si percepisce alienato rispetto a se stesso e alla società: un uomo in balia del nulla.

 
 
 

Dedicato a mia madre.

Post n°138 pubblicato il 23 Marzo 2014 da chitarra_mancata

Finestra aperta


Oggi la finestra della mia mente

si è aperta verso la mente tua.

Alla luce dell'aurora sono rimasto ad occhi fissi

dimentico d'ogni lavoro.

Ho visto che Tu hai scritto

sui fiori di primavera

il nome con cui

Tu sempre mi chiami.

Alla luce dell'aurora sono rimasto ad occhi fissi

dimentico d'ogni lavoro.

 

Il velo della mia voce è volato via

davanti al tuo canto.

Alla luce dell'aurora vedo che il mio canto

è pieno della tua voce:

ho capito che la mia vita

è specchio del tuo universo.

Imparati i tuoi canti

li deporrò ai tuoi piedi.

Alla luce dell'aurora sono rimasto ad occhi fissi

dimentico d'ogni lavoro.

 

Rabindranath Tagore

 


 


 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: chitarra_mancata
Data di creazione: 17/12/2008
 

ULTIME VISITE AL BLOG

chitarra_mancataLUIGI3960Stratocoverslamarciadeibannatichristie_malryalidalidasangi2010iAmorecassetta2dolcemax66canescioltodgl10deteriora_sequorSky_Eaglecall.me.Ishmael
 

 

PROSERPINA

 

 

 
 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.