Il blog di Giovanni

Storia locale, religione, musica, cultura

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

ATTENZIONE

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2011.

 

Chi fosse interessato all'acquisto del mio Romanzo può contattarmi all'indirizzo e-mail  historicus@outlook.it  e riceverà tutte le indicazioni per ricevere il libro in forma raccomandata.

 

 

Esce la seconda edizione del libro sulla Venerabile FLORA MANFRINATI

Post n°80 pubblicato il 24 Dicembre 2018 da g.raminelli

Con una prefazione del Cardinale Giuseppe Versaldi, Prefetto della Congregazione Vaticana per l’Educazione Cattolica, esce in questi giorni per i tipi delle edizioni San Paolo, la seconda edizione rivista ed aggiornata del libro di Giovanni Raminelli “Flora Manfrinati, apostola laica. Una vita di carità nella luce della croce”. La prima edizione uscì nel 2003 e contribuì ad una migliore conoscenza della venerabile Manfrinati, che visse anche a Serravalle e nella cui chiesa nel 1912 ricevette il sacramento della Sacra Cresima dalle mani dell’arcivescovo di Ravenna. La vicenda di questa donna, che a Torino ha fondato l’Opera di Nostra Signora Universale, tutt’ora operante nel campo della educazione delle giovani generazioni attraverso l’impegno della Educatrici Apostole, viene narrata nelle 188 pagine del libro, che è reperibile e ordinabile nelle librerie cattoliche San Paolo al prezzo di Euro 10. Giovanni Raminelli ha espressamente rinunciato sia nella prima che nella seconda edizione ai diritti d’autore a scopo benefico e si augura che soprattutto a Serravalle venga conosciuta la venerabile Manfrinati dato che dall’ottobre 2003 la sala della parrocchia è stata dedicata proprio a lei, che nell’infanzia visse con la famiglia alla Crepalda Vecchia, al Dosso Marianti e alla Crepaldina. Attualmente, oltre a Torino, la venerabile è ricordata nel Centro di preghiera a Mottatonda Nuova di Gherardi ove si trova la sua casa natale.

Copyright - 2018

Giovanni Raminelli

 
 
 

Pubblicato il Diario di Anselmo Morelli "La storia della mia vita militare"

Post n°79 pubblicato il 08 Novembre 2018 da g.raminelli

Un mio nuovo lavoro viene alla luce in questi giorni con il patrocinio del Comune di Berra e dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara. Si tratta della pubblicazione, con commento e note, del Diario di Anselmo Morelli La storia della mia vita militare. È un agile volumetto di sessanta pagine contenenti i ricordi della partecipazione alla Grande Guerra stesi da Anselmo Morelli nel 1956. Come afferma il Dr. Alberto Astolfi in un suo intervento a nome dell’Amministrazione Comunale di Berra “La pubblicazione del diario di Anselmo Morelli, curata proprio da Raminelli, compone e completa il quadro storico e biografico attorno alla figura di Morelli già avviata con la pubblicazione del 2004 “Anselmo Morelli. Poesie popolari di un ricevitor postale”, ampliandone la figura non solo in chiave letteraria, ma di fatto, con queste sue memorie, in chiave storica in un particolare periodo della storia d’Italia come sono appunto i cent’anni dalla fine del primo conflitto mondiale. Un documento prezioso che ci riporta e ci descrive fedelmente fasi di vita ed eventi che difficilmente oggi si potrebbero comprendere”. E la Dr.ssa Anna Quarzi direttrice dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara scrive: “Il diario del Morelli, nonostante sia un diario postumo, composto decenni dopo attraverso appunti e ricordi, non perde il suo fascino storiografico, ma anzi è testimone di una memoria ormai sedimentata e matura dell’autore. La vicenda esistenziale di Anselmo Morelli meritava una riflessione proprio perché incarna alla perfezione l’uomo che crede fermamente nel potere della scrittura e della cultura per risollevare la propria iniziale condizione di svantaggio economico familiare. Morelli infatti nasce in una povera famiglia che non può permettergli studi adeguati alle sue notevoli capacità. E Giovanni Raminelli, vista la sua lunga esperienza come dirigente scolastico e come storico, non poteva farsi sfuggire l’indagine su di un personaggio tanto interessante quanto emblematico. La penna di Raminelli è inconfondibile nel commento al diario dove, come in tutti i suoi altri lavori, emerge la tempra dello storico attento e scrupoloso che ha saputo negli anni dare nuova linfa alla storia locale”. Le vicende e le memorie di Anselmo Morelli sono trascritte e commentate con notizie, dati e spiegazioni che rendono il lavoro una tessera del mosaico diaristico che a livello nazionale, in questi anni, ha dato luogo, anche in tal modo, alla giusta commemorazione del centenario della Prima Guerra Mondiale. Il libro viene ufficialmente presentato a Berra il 9 novembre, nel teatro comunale, alle ore 9,30 e donato ai ragazzi delle scuole (V^ elementare e III^ media), che sono invitati a leggerlo e a produrre qualche lavoro per una migliore conoscenza della storia nazionale. Come autore, ritengo sia interessante l’aver riportato anche copie di lettere che il Morelli scriveva alla moglie dal fronte, alcune fotografie scattate in quegli anni, nonché una serie di dati che il Morelli annotò mentre prestava servizio nei reparti di sussistenza in relazione alla composizione delle dotazioni alimentari per i militari.

Giovanni Raminelli

Copyright - 2018

 
 
 

1 maggio 1818 Duecento anni fa Serravalle passava dalla diocesi di Adria a quella di Ravenna.

Post n°78 pubblicato il 02 Maggio 2018 da g.raminelli

Ab immemorabili Serravalle, all’inizio del Delta, ebbe come punti di riferimento per la vita spirituale tre chiese: per gli abitanti che abitavano vicini ad Ariano, quella chiesa parrocchiale, che peraltro aveva giurisdizione anche sulla parte di popolazione serravallese orbitante per vicinanza geografica sulla curazia di Santa Maria in Punta. Chi abitava verso ovest era sottoposto al servizio ecclesiastico della parrocchia di Papozze. Ovviamente chi doveva battezzare, chi doveva sposarsi, chi doveva seppellire i propri defunti, chi necessitava di documenti relativi al proprio status doveva per forza recarsi ad Ariano, a Papozze o a Santa Maria. Tale situazione era possibile poiché la prima chiesa costruita dai conti Giglioli tra la fine del 1500 e l’inizio del XVII secolo non era dotata del fonte battesimale e i sacerdoti investiti nel possesso della chiesa avevano il titolo di cappellani perpetui e solo dopo il 1639 di abati (un titolo onorifico che però non li esentava dalla dipendenza dall’arciprete di Ariano nel Polesine). I sacerdoti a Serravalle garantivano la celebrazione della messa festiva ma alcuni sacramenti come la confessione o l’amministrazione dell’estrema unzione necessitavano del permesso dell’arciprete di Ariano o di quello di Papozze. Erano gli anni dell’appartenenza di questo territorio alla diocesi di Adria-Rovigo. Ma gli eventi politici segnarono anche la storia ecclesiastica. Mentre in Europa e in Italia gli Stati ritornavano (dopo la sconfitta di Napoleone) agli antichi regimi ridisegnando civilmente la geografia della Penisola, nel 1818, esattamente duecento anni fa, Serravalle e Berra, ritornate sotto lo Stato della Chiesa dopo la parentesi napoleonica, passavano sotto la giurisdizione dell’arcivescovo di Ravenna. Per la responsabilità della cura d’anime ebbero come riferimento la chiesa arcipretale di Santa Margherita di Cologna. Il passaggio di diocesi venne decretato dalla Bolla del pontefice Pio VII De salute dominici gregis, datata 1 maggio 1818. Dovranno passare però altri 40 anni per avere in Serravalle una parrocchia autonoma. Ne parleremo più avanti, quando ricorderemo appunto il 160° anniversario di erezione della chiesa di Serravalle in Abbazia Parrocchiale.

Giovanni Raminelli

Copyright - 2018

 
 
 

Il sequel del primo romanzo, da oggi disponibile...

Post n°77 pubblicato il 05 Aprile 2018 da g.raminelli

Pubblico la recensione realizzata da un caro amico al mio secondo romanzo, le cui vicende completano quelle narrate nel primo, uscito nel 2016. Il libro verrà presentato il sabato 5 maggio 2018, alle ore 16, a Pomposa nell'ambito delle iniziative della "Primavera Pomposiana 2018". Chi fosse interessato ad acquistarlo può trovarlo dalla prossima settimana presso di me, a Serravalle (Fe), oppure sempre a Serravalle presso la tabaccheria-cartoleria di Broggio Dario, o ancora alla libreria "Apogeo" di Adria (Rovigo). Chi desiderasse l'invio per posta può scrivere all'inizirizzo e-mail: historicus@outlook.it              

Come aveva promesso, Giovanni Raminelli completa le vicende del suo primo romanzo storico (uscito alla fine del 2016) con il nuovo, intitolato “Trionfo di amore e giustizia a Serravalle terra pontificia nell’anno del Signore 1838”. La storia portata alla ribalta da Raminelli (tutta legata al paese di Serravalle, alla villa del conte Giglioli, alle antiche famiglie, alle tenute e possessioni i cui nomi ancora oggi esistono, ai rapporti con la sponda fluviale austriacante del Lombardo-Veneto) trova ora compimento con lo svelarsi dei protagonisti della congiura che aveva visto nel primo libro la morte del venditore ambulante Giuseppe Barocchi. Galeazzo Giuliani, nell’indirizzo di apertura ai lettori, segnala che Raminelli, “con la magia dello storico, che fa rivivere persone ed epoche, affronta il caso, indaga sul delitto e tenta di far trionfare la giustizia terrena. Per far ciò riapre il sipario su quell’umanità apparentemente insignificante che viveva lungo la sponda destra del Grande Fiume e brulicava con reverenza oggi ignota, attorno alla Villa Giglioli, avamposto di civiltà urbana fiorito a nobilitare una terra, all’epoca, per molti aspetti, selvaggia e inospitale.” Attorno alle indagini per scoprire i colpevoli del delitto, scorre infatti parallela la vita di una comunità segnata da disgrazie come l’incendio delle canne palustri in valle, dalle fatiche del vivere quotidiano di chi si dedica al contrabbando, dalla smodata ricerca del facile benessere attraverso le torbide e meschine azioni di chi vede solo nel denaro la prospettiva di una vita migliore. Anche in questo secondo romanzo, l’Autore nobilita lo scorrere delle vicende con la semplicità e la purezza di cuore di due giovani che, in aggiunta alla coetanea coppia del primo lavoro, potranno come nelle favole, non senza difficoltà, coronare il loro sogno d’amore. I colpevoli del delitto, animati da freddezza d’animo, bramosia di ricchezza e libidinosa passione, subiranno le condanne comminate da un tribunale di prima istanza guidato dal gonfaloniere pontificio, mentre il paese ritornerà alla normale vita d’ogni giorno. Ancora una volta Raminelli, con una prosa accattivante a tratti con effetti teatrali, con dialoghi incalzanti, con descrizioni ambientali segni di una approfondita conoscenza della storia del territorio, con personaggi egregiamente dipinti nelle loro caratteristiche fisiche e psichiche, ci porta in un mondo temporalmente lontano ma ricco di suggestioni. Un libro con una prosa godibile e da promuovere, come il primo romanzo, ma soprattutto un libro per tutti, che dà spazio in poco più di cento pagine, a una serie di immagini e situazioni che consentono di comprendere meglio le radici umane, sociali e storiche di questa zona all’inizio del delta (Zan Di Pac.)

Copyright 2018 (Giovanni Raminelli).

 

 

 
 
 

La villa dei Conti Giglioli di Serravalle (Fe). Un bene da recuperare

Post n°76 pubblicato il 26 Febbraio 2018 da g.raminelli

Ho avuto modo di interessarmi alle vicende e alla situazione di Villa Giglioli a Serravalle fin dai primi momenti successivi alla semi-distruzione causata dall’incendio nella notte tra il 31 dicembre 2008 e l’1 gennaio 2009. A distanza di nove anni, concluso l’iter giudiziario penale e civile, occorre ora guardare alla messa in sicurezza di ciò che è rimasto e al recupero e restauro delle parti architettoniche e artistiche ancora presenti. Non traccio qui se non un breve excursus relativo alla storia dei due manufatti storicamente più importanti (La Villa e l’Oratorio), sottolineando la somma necessità di una messa in sicurezza di ciò che resta e di un veloce recupero di quanto si è salvato dalla distruzione. Faccio notare che la proprietà ha sempre messo a disposizione della comunità civile e di quella religiosa spazi e edifici, credendo nel valore educativo e turistico di un luogo tanto ricco di storia. I meriti in campo culturale degli eredi Giglioli sono ben evidenti. Essi, infatti, fin dall’anno 2000-2001 hanno donato l’intero patrimonio archivistico di Casa Giglioli all’Istituto di Studi Rinascimentali: una ricchissima dotazione documentaristica che racconta gran parte della storia della Città e del territorio. La distruzione di buona parte della villa di Serravalle è stata, anche sotto questo punto di vista, uno sfregio alla storia e alla cultura ferraresi. Gli eredi hanno poi collaborato per produrre uno studio progettuale inerente il restauro funzionale della Villa. Nell’anno accademico 2011-12, alla facoltà di architettura dell’università degli studi di Palermo, è stata presentata la tesi redatta da Margherita Martina Emma (Relatori: prof. Ing. C. Cucchiara, Prof.ssa Arch. L. Gargagliano, Prof. Arch. F. Tommaselli, Prof. Arch. G.M. Ventimiglia) avente per titolo: “PROGETTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DI PALAZZO GIGLIOLI”. Secondo tale progetto andrebbero tutelati i pochi fabbricati ancora esistenti nell’area, con l’intenzione di un recupero, restauro ed utilizzo, così da renderli accessibili e godibili in ogni parte con l’individuazione di destinazioni d’uso compatibili e aperte a tutti i cittadini, residenti, ospiti, visitatori, scolaresche, anziani, diversamente abili, senza alcuna limitazione: ciò sarebbe un valido impegno per evitare che dall’abbandono, dal degrado, dal vandalismo e dalla noncuranza derivi la perdita totale dell’unico vero monumento storico del nostro territorio. Il complesso, infatti, costituito dalla Villa settecentesca, dai fabbricati di servizio, dal grande parco, dalla Cappella gentilizia, dovrebbe rientrare a pieno titolo fra le realtà più significative del Basso Ferrarese sia per l’interesse storico che per quello turistico-fluviale (Ciclabile Destra Po - Approdo fluviale di Serravalle – Insediamento La Porta del delta).

LA VILLA (Storia)

A metà del secolo XV quando Giglioli, e più propriamente Giacomo, vennero investiti del titolo comitale e della contea di Serravalle, costruirono nel luogo ove ancora oggi esiste la villa, una dimora a forma di torre. Attorno al piccolo maniero si formò un piccolo agglomerato di capanne e tuguri, vera e propria oasi in mezzo alle paludi, alimentate dalle continue e disastrose rotte del fiume Po. La famiglia Giglioli – che pure mantenne il palazzo in Ferrara e molte altre proprietà immobiliari e terriere in varie zone del Ferrarese e del Veneto - provvide a costruire nel tempo molti fabbricati rurali e provvide anche al rialzo delle strutture arginali per lungo tratto della sponda serravallese del Po di Goro (anticamente detto “di Ariano”). Dopo il ritiro a Serravalle causato dall’arrivo della dominazione pontificia, nel 1598, a seguito della morte senza prole maschile dell’ultimo duca estense Alfonso II, la costruzione subì varie modifiche.  Ai primi dell’Ottocento la torre venne demolita quasi per intero e ad essa si sostituì sul lato nord la cimasa di chiaro stile neoclassico. Alle finestre ed ai portali di ingresso furono apposti i frontini e aggiunte le scalinate. C’era anche un piccolo colonnato che sorreggeva il balcone a nord ma esso poi scomparve (come risultava da una pittura realizzata al piano nobile da Rosa Giglioli ed ora andata perduta con il recente incendio). Il pittore ferrarese Francesco Migliari decorò nel 1825 molte stanze e soffitti, altre decorazioni furono realizzate dalla già citata Rosa Giglioli. Ultimi grandi lavori e sistemazione di arredo si ebbero durante la vita del conte Arturo (1872-1948).

L’ORATORIO (Storia)

 

Il fabbricato si erge sul lato nord, con il portale ad ovest, e pare esistesse già alla metà del Settecento. Prova ne sia il fatto che esso compare citato nel libro Adriensium Episcoporum series historico-chronologica monumenis illustrata (Padova, 1788) del Vescovo di Adria Mons. Arnaldo Speroni degli Alvarotti. La più antica pietra tombale posta nel pavimento dell’oratorio risale alla metà del secolo XVIII. Nel 1833 si ebbe un radicale restauro (come ricorda una scritta dipinta sopra la porta d’ingresso). Nell’oratorio riposano i resti mortali di Ermanno Maffei-Giglioli, morto ventenne ed intimo di Lodovico Ticchioni (partigiano, medaglia d’oro della Resistenza). Il conte Arturo, nel 1947, a ricordo del nipote, fece accomodare nell’oratorio una balaustra e un altare cinquecentesco, ottimamente intarsiato di marmi, proveniente da una villa veneta dei Grimaldi del Terraglio. Per quanto riguarda le sepolture vale la pena ricordare che nell’oratorio sono conservati i resti di Luigi Giglioli, figlio del conte Gaetano, morto nel 1861, di anni, 52, graduato dei Bersaglieri del Po. L’11 ottobre 1927 il pittore ferrarese Augusto Pagliarini provvide a realizzare i lavori di restauro decorativo all’interno dell’oratorio. Per la qualità delle decorazioni si dirà che il Prof. Pagliarini era artista di chiara fama avendo lavorato al restauro dei dipinti di Palazzo Bonacossi a Ferrara. Di lui si ricorda anche la decorazione della chiesa arcipretale di San Martino a Conselice (diocesi di Imola). Il 29 ottobre 1932 il conte Arturo concesse che la chiesetta potesse essere officiata tutte le settimane, nella mattinata del sabato, con la santa Messa celebrata dal Parroco-abate di Serravalle o da un suo cappellano.

Giovanni Raminelli

Copyright - 2018

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: g.raminelli
Data di creazione: 28/06/2011
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pdebiasiofurore2007g.raminelliCDGestensetaniabertozzivannilugasection2mtenanibeethoven7bitlovegrazioli.bravilacky.procinofezaliesmeralda.carini
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

NOTA PER I LETTORI

Il blog di Giovanni Raminelli è amatoriale, per la diffusione della storia locale, delle tematiche artistiche, musicali e culturali in genere. Il blog è senza fini di lucro. I testi sono tutti coperti da Copyright e i diritti sono riservati all'Autore. Chi fosse interessato a riprendere le tematiche, a sviluppare argomenti trattati nel blog o a copiarne parti per motivi di studio e/o di ricerca storica, è pregato di citare la fonte dandone cortese informazione al seguente indirizzo e-mail: g.raminelli@libero.it

Grazie.