Creato da solomarlboro66 il 02/05/2008
Gira vota e firria

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

solomarlboro66fuocoezagarapatty.nfladyshalott1puntiddusensazioni_nuovevecchioamore1andreadialbineaginevra1154antropoeticofrafry72murasaki.fhorwatexsprescasio_gd
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« SOLO UNA RIFLESSIONESOGNATE GENTE, SOGNATE »

L'INVIDIA

Post n°5 pubblicato il 01 Settembre 2008 da solomarlboro66

L'invidia è un sentimento che divora chi lo nutre. Morandotti, Alessandro

 

L'invidia è anzitutto un sentimento doloroso, che si impone spesso contro la propria volontà e del quale è difficile liberarsi attraverso riflessioni di tipo razionale. L'invidia comporta infatti sentimenti negativi, che sfiorano il rancore, l'odio, l'ostilità verso chi possiede qualcosa che l'invidioso non ha. L'invidia agisce allora come un meccanismo di difesa, come un tentativo di recuperare la fiducia e la stima di sé stessi, attraverso la svalutazione di chi ha di più: in termini di fortuna, di successi personali, di possibilità economiche ecc.

Che cosa avviene allora quando una persona che vive nel suo ambiente, fra i suoi pari, vede che uno di loro, magari un collega o addirittura un amico, a un certo punto ha successo, balza a un livello superiore, guadagna miliardi, viene ammirato, elogiato, applaudito?

Poiché si è sempre confrontato con lui si sente diminuito, inferiore. Qualcuno può cercare di spiegargli che, in realtà, non ha perso niente, che è rimasto esattamente quello di prima. Ma è falso perché noi ci valutiamo comparativamente e lui, dopo il successo del conoscente, è sceso nella gerarchia sociale. Non solo, a ogni successo dell’altro scende ancora di più. Allora, non potendo salire al suo livello vuole trascinarlo verso in basso: cerca di dimostrare che è un incapace, che non merita. E, nei limiti in cui gli è possibile, fa di tutto per rendergli difficile la strada, di danneggiarlo. È questa l’invidia. Tutti coloro che salgono in alto sono perciò oggetto d’invidia.


Il sentimento dell'invidia è sempre stato condannato dalla società, tanto che essa è considerata, dal punto di vista morale, un 'vizio'. L'invidioso infatti ha il 'vizio' di svalutare le persone che percepisce come 'migliori' di sé e spesso non si limita al pensiero o alle fantasticherie di tipo aggressivo e distruttivo, ma cerca di danneggiare oggettivamente l'invidiato, ostacolandolo in ogni suo progetto o iniziativa. Egli infatti è 'colpevole', agli occhi dell'invidioso, per essere apprezzato e stimato dalla società più del dovuto, e comunque più di quello che l'invidioso desidererebbe, anche in confronto a sé stesso. La consapevolezza che il soggetto odiato a causa dell'invidia non nutra alcun sentimento negativo nei confronti dell'invidioso non migliora in quest'ultimo il rancore e l'ostilità provata. Quasi nessuno ammette di essere invidioso. Pochissime persone ne parlano apertamente, perché svelare questo sentimento è come rivelare al mondo la parte più meschina e vulnerabile di sé stessi, cosa che non fa piacere a nessuno, nemmeno a chi tende ad autodenigrarsi o a svalorizzarsi continuamente. Per questo motivo è più frequente osservare e analizzare l'invidia negli altri, piuttosto che nei propri pensieri e comportamenti.

Solo la miseria è senza invidia (Giovanni Boccaccio)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Giravotaefirria/trackback.php?msg=5337627

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
lisimpa65
lisimpa65 il 01/09/08 alle 21:07 via WEB
ma come mai questo argomento così serio il 1° di settembre? ciao Lisi....
(Rispondi)
 
solomarlboro66
solomarlboro66 il 02/09/08 alle 07:47 via WEB
Intanto ciao. Come va? E' una storia molto lunga che a avuto molti risvolti e che si e completata il 1 settembre. Un giorno te la racconterò, sempre chè ti interessa. Ciao a presto. Peppe. Baci & Abbracci
(Rispondi)
luanaromantica
luanaromantica il 02/09/08 alle 15:59 via WEB
Ciao, grazie x il tuo messaggio, kiss Luana
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.