Creato da mimmo.parisimp0 il 11/03/2014

musicultura

Dal mondo, notizie

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« Singolo per i Bastard So...Letteratura, a breve eso... »

Grande Zalone!

Post n°44 pubblicato il 10 Gennaio 2016 da mimmo.parisimp0
 

 

Contrariamente alla linea sobria di questo blog, questa volta si ospita un articolo, che ha una sua logica e critica formativa, che presenta qualche asperità verbale. Qui il link allo scritto originale.
La Redazione 
Il film inizia con due tizi, un bianco – Checco Zalone – e un autista porta sfiga di colore. Ad un tratto i due si devono confrontare con una tribù di selvaggi, meglio, di autoctoni. A questo punto, visto che la situazione si fa preoccupante per il culo dei due, Checco Zalone, accomoda il suo su un provvidenziale ceppo ligneo e inizia a narrare. Narra narra, il film porta verso un finale filantropicamente corretto, giusto per parafrasare l’onnipresente ‘politically correct’. Cosa c’è tra l’inizio del racconto di Zalone e il prefinale strappalacrime con finale (tutto può essere) a rischio di denuncia da parte degli animalisti? È presto detto: in mezzo c’è la disavventura di un impiegato.
Ovviamente se qualcuno vuole sapere per filo e per segno la trama ha altre occasioni webbacee per informarsi. In questo frangente interessa fare qualche riflessione sui personaggi e i temi che albergano in questa pellicola. Intanto, Checco Zalone, al secolo Luca Pasquale Medici. Se siete adusi a frequentare la Puglia, saprete che in ogni micro paese di questa bella regione dell’ex Magna Grecia, c’è un Checco Zalone. Ovviamente, questo non toglie niente all’attore: la fortuna, nel mucchio dei vari ‘similcheccozalone’, ha scelto lui e l’ha tirato fuori dall’anonimato. Buon per lui. Il problema si pone, invece, per il successo che il popolo sta decretando a “Quo vado?”.
Insomma, che c’è da ridere sul tema del ‘posto fisso’?
Io non ho il posto fisso e non potrei convivere con gente che conta gli anni che mancano per la pensione, Tfr o il capoufficio rompicoglioni. Detto questo, se il posto fisso fosse una soluzione che lo Stato potesse maneggiare, perché no? Visto che – vergogna, ipocriti! – chi sta ventilando da tempo di eliminarlo, sono proprio coloro che ce l’hanno fississimo quel cazzo di posto! Politici e affini. Va bene, esistono degli impiegati che non hanno voglia di fare niente: la legge dei grandi numeri prevede sempre delle mele bacate. E allora? Meglio il ‘caporalato’ pugliese che tratta il lavoratore da bestia? Meglio i commercialisti che pagano 300 euro al mese, nella civile Puglia, i ragionieri? Meglio considerarli, quelli non dotati di voglia lavorativa, nell’ambito degli eventi fisiologici, dico io. O qualcuno li vuol fucilare? Se sì, si faccia avanti e lo faccia lui. O magari, rieduchiamoli, che è meglio per tutti. Chi li vuol fucilare e gli allergici al lavoro.
Gli italiani ridentes, nascosti dal buio delle sale cinematografiche – al nord e al sud –mi ricordano quegli imbecilli che, parola autorevole di Umberto Eco, infestano il web nascosti sotto un nickname: da sotto quell’ombrello scrivono giudizi superficiali e cretinate su tutto, libri, film, musica. Quella gente che ride nei cinema non capisce di essere se stessa la protagonista che fa ridere: bisognerebbe uscire dalla sala afflitti da come si viene trattati dal Potere che – è lui che permette che pensiate siano gli ‘altri’ i protagonisti da sfottere nei film – vince ancora una volta.
Va be', andiamo a chiudere. Ieri, a Virus condotta da Porro, Giulio Base, Lino Banfi e un Vanzina brother hanno coralmente sollevato Checco Zalone nell’empireo dei grandi del cinema di tutti i tempi. Imbarazzante, porca miseria! E non sono i soli. Mica per Checco Zalone che è simpaticissimo, ma per il gotha di chi predica da sempre la Cultura alta. Comunque “Quo vado?” è un film comicamente triste.
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ILNARRATORE/trackback.php?msg=13338876

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
maps.14
maps.14 il 10/01/16 alle 17:23 via WEB
Comicamente triste, in che senso? "Me" Zalone-Medici prende in giro il barese tamarro che c'è in Puglia e in milioni di italiani che si credono furbi e che sopravvivono con espedienti, raccomandazioni e regali, più che per talento, professionalità e studio. Certo, Zalone poi estremizza certe situazioni per renderle più comiche. Forse per questo tu la consideri una comicità triste, poiché nonostante il tempo che passa certi usi&costumi rimangono ancora consolidati in Italia. •___•
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ruo77ccotopobimbo.66psicologiaforensesybilla_cfilippa69_1969vincenzoschieppatiSpano60barraversosudletizia_arcurilubopomakavelikapierinolapeste7fugadallanimacassetta2moschettiere62
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963