ACSSIA

L'associazione Acssia si occupa di un progetto umanitario per un popolo ubicato in mezzo alle Ande Peruviane

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

Post N° 2

Post n°2 pubblicato il 28 Febbraio 2008 da cikat
Foto di cikat

 
 
 

Post N° 1

Post n°1 pubblicato il 28 Febbraio 2008 da cikat

SPEDIZIONE SOS CHAUPE 2007
Nel Febbraio del 2007 con il Presidente dell’Associazione Acssia, Ichu, nativo americano, ed alcuni volontari dell'Associazione ci siamo recati nella sua terra d'origine, al Centro-Nord del Perù, nel bel mezzo della Cordigliera delle Ande, a 2800 mt. Slm, nella Regione ANKASH e precisamente a CHAUPE, nel Distretto di Bolognesi, (Provincia Pallasca), per una spedizione umanitaria.
Il Distretto di Bolognesi comprende la gestione di altri sei villaggi per un totale di 1.600 persone.
Oltre a consegnare circa 3 q.li di vestiario per i bambini di questa zona, la spedizione aveva lo scopo di prendere visione delle reali condizioni di vita del popolo di Chaupe-Bolognesi e produrre un reportage fotografico, giornalistico e filmato, finalizzato a documentare ovunque i disagi in cui è costretto a vivere un popolo che vanta di essere erede della più antica cultura preincaica delle Americhe, la Cultura Chavin.
Al di là della provenienza storica di questo popolo, si rimane esterrefatti, sotto il profilo umano, nel vedere che nel 21° secolo possano esistere condizioni di vita così precarie in una Nazione che non può certo annoverarsi tra quelle del terzo mondo.
Basti pensare che l’energia elettrica è giunta lassù appena nell’anno 2006.

Le terre sono rigogliose e fertili, soprattutto nel periodo delle piogge, ma l'acqua scarseggia in altri periodi dell'anno, pertanto l'agricoltura non può andare oltre alla semplice sussistenza. Inoltre la poca acqua che arriva al villaggio, per mezzo di obsolete condutture in fango, non è potabile.
E' urgente e fondamentale l'intervento di tecnici e ingegneri qualificati (sostenuti da Enti Pubblici o Privati), che progettino e sostengano la costruzione di un nuovo acquedotto che conduca l'acqua, senza le attuali perdite, dal lago di Piticocha, fino ai terreni del distretto.
Tali professionisti, inoltre, dovrebbero insegnare a costruire cisterne per la raccolta di acqua piovana e depuratori che permettessero a questa gente di avere acqua corrente anche nelle abitazioni.
Il nostro gruppo, dopo alcuni incontri con l'attuale Sindaco del distretto di Bolognesi, che ha illustrato chiaramente quali siano le carenze di questo distretto, ha potuto prendere atto personalmente della situazione.
La cosa più sconcertante - oltre al primario problema idrico - è la quasi totale mancanza di assistenza sanitaria.
In questo distretto esiste un'unica "Posta Sanitaria" (una sorta di pronto soccorso/ambulatorio), costruita con il sostegno di Ichu e di sua madre negli anni '84-'85.

La struttura è piuttosto fatiscente, ma funzionante.
Il problema principale è però un altro: in questo distretto
non ci sono medici!!!
Le 1600 persone dislocate nei vari villaggi, sono seguite da
una sola infermiera
che si fa carico di tutte le patologie ed effettua anche le visite a domicilio.
Non esistono ricoveri ospedalieri, non esiste una farmacia, non esiste un’ambulanza… per raggiungere il paese più vicino ci vogliono circa due ore e mezza di viaggio su strada sterrata, spesso infangata, con buche e strapiombi e con pericolo di frane…
L'Associazione Acssia (nella persona di ICHU e collaboratori) si sta occupando di diffondere in Perù e in Europa questa realtà attraverso conferenze, interviste, video dimostrativi, al fine di sensibilizzare le persone (enti - associazioni ecc...) che possono in qualche modo dare un effettivo contributo professionale e tecnico per cercare di risolvere queste primarie necessità:
• Emergenza Idrica
• Emergenza Sanitaria
Ichu, dal canto suo, sta costruendo a Chaupe un "Tempio della Cultura Chavin", (primo "Impero" delle Americhe), “ il TEMPIO DELL’UOMO” con annessa una Casa di Accoglienza per ospiti e visitatori.
In questo Tempio sarà presente un Museo di manufatti, al fine di riscattare l'antica cultura preincaica e per donare alla sua gente un'eredità culturale.

Quando il tempio sarà pronto, presumibilmente estate 2009, potrà accogliere circa 60 persone che vivranno, in una vacanza alternativa, la vera esperienza di un antico popolo con le sue tradizioni, i suoi riti e la sua spiritualità legata alla Madre Terra.
Falò, canti intorno al fuoco, Cerchio Sacro, suoni di tamburi e antichi strumenti rudimentali ai piedi della Montagna Sacra Wanda in un’atmosfera coinvolgente.
Tutto questo contribuirà a portare a buon fine il progetto dell’emergenza idrica e sanitaria.

Chi volesse saperne di più, fosse interessato a partecipare in qualche modo a questo Progetto Umanitario potrà visitare il sito dell’Associazione: www.acssia.it
Prendere contatto attraverso questo Blog o scrivere una e-mail ai seguenti indirizzi:
acssiapd@libero.it oppure info@acssia.it

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: cikat
Data di creazione: 27/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fabrizio55jeje_86albert.zterradismeraldolilianacibeicarpe601953camosciodgl1fausto.parizziromanticaloveBLUPUCCspagnolosanmar05lupa0dglDanny_Sinclairmarius100mauroannadeluca
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom