Blog
Un blog creato da antonella_309 il 09/10/2007

INGIUSTIZIE

Uno sfogo per non esplodere alle ingiustizie del mondo..

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Post N° 9

Post n°9 pubblicato il 07 Gennaio 2008 da babyangelove

alla pubblicazione on-line di queste efferatezze che superano ogni limite del comune sentire, seguirà la pubblicazione di un libro con accuse circostanziate ben precise che inchioderanno il responsabile di queste violenze, il quale è già stato condannato in via definitiva e ha scontato la pena in carcere. Ora cerca di reiterare i suoi "delitti" ma ha incontrato un ostacolo più forte di lui, questa volta, infatti, non ci saranno piccole braccine e gambe di una bambina di 11 anni che hanno dovuto cedere alla forza preponderante del "vigliacco", questa volta ha una comunità intera contro, oltre che la legge.

prima parte

Il mio racconto inizia dove i miei ricordi sono più vivi. Mio padre e mia madre per quel che ricordo, non sono mai andati d'accordo, divorziarono quando io ero piccolissima, non potevo capire realmente quello che stava accadendo.

Non passò tanto tempo dal divorzio e mia madre si presentò a casa con un uomo di cui non conoscevo nulla.
D'ora in avanti lo chiamerò "P" (come pedofilo) per non dare adito a fraintendimenti di varia natura.

Si occupava d'informatica, anche se non mi ricordo precisamente in quale settore. Dopo un paio di mesi diede un ultimatum a mia madre, le disse: "o mi segui a Londra o è finita" mia madre scelse di trasferirci, mi dipinse Londra come il paradiso dei bimbi, ero contenta di andarci, certo, all'inizio non sapevo che non avrei più rivisto mio padre.

"P" mi sembrava divertente, non veniva mai a trovarmi senza una sorpresina, una barbie, una gita in barca, ricordo che all'inizio fui felice.

Da una piccola città come Bergamo, ad una metropoli come Londra, non mi creò particolari difficoltà ed imparare l'inglese fu un attimo, non ebbi neppure particolari problemi ad inserirmi.

Vivevamo in una splendida casa a Chelsea, un quartiere di Londra, non avevamo problemi finanziari, anzi, "P" non mi ha mai fatto mancare nulla, figurarsi che avevo anche un cavallo tutto mio, ma quando iniziai a sembrare meno bambina ed assumere le caratteristiche di una piccola donna, si incrinò qualcosa..non ebbi mai atteggiamenti provocatori nei suoi confronti, anche perchè, ad undici anni sarebbe comunque difficile averne...

Avevo undici anni, ed un giorno di settembre, mia madre era fuori casa, probabilmente a fare shopping.
"P" mi doveva accompagnare alla festa di un'amica, era una delle prime volte che mi vestivo da ragazza (gonna jeans ed una magliettina...mi sembra di ricordare...) lui non mi portò mai alla festa, andammo a finire in una casa che non avevo mai visto, non ho mai capito se eravamo soli o no.

Io mi fidavo di lui, e quando mi disse di togliermi la gonna perchè era sporca, non ci feci caso più di tanto, pensavo che volesse darmene un'altra...poi iniziò a togliersi i pantaloni anche lui.
Con un' ingenuità tipica di bambina, mi ricordo perfettamente che gli chiesi: "sei sporco anche tu?"
Quel che è seguito, lo lascio alla vostra immaginazione e ricordare quei momenti assurdi, riapre in me, una delle fasi più atroci delle mia pur giovanissima vita.

(segue)

 
 
 

TI VOGLIO BENE 

Post n°8 pubblicato il 04 Gennaio 2008 da jada90

 
 
 

Post N° 7

Post n°7 pubblicato il 29 Dicembre 2007 da nicoletta17

 
 
 

Post N° 6

Post n°6 pubblicato il 30 Ottobre 2007 da antonella_309

Cara sorella ho un blog sull'ingiustizia perche sono stanca di ascoltare passivamente, però non riesco a stare zitta davanti alla tua situazione.Vi ho sempre difeso anche quando non c'era niente a cui appellarsi ,ho litigato con Peppe e con tutta la famiglia,perchè credevo o forse volevo credere nel vosto amore.Quando Peppe mi diceva che lui non avrebbe mai fatto un figlio con te perchè eri"... vedi com'è un figlio con lei sarà mongoloide... so io quando mandarla a fare in cu......etc" Io ho sempre pensato che fosse una sua esagerazione,però francamente oggi non la vedo più così.Come puoi stare con un uomo che preferisce fare un figlio con l'inseminazione artificiale pur di non fare sesso con te? siete giovani,non potete vivere come dei sepolti vivi ,lui sempre davanti ad uno schermo,tu che fingi di fare la cosa più bella del mondo(computer) per non pensare che hai accanto una persona che non ti merita e che forse ti disprezza.chiudo prima di cancellare tutto.

 
 
 

Post N° 5

Post n°5 pubblicato il 30 Ottobre 2007 da antonella_309

Cari amici italiani, viviamo un momento storico, senza renderci conto di quello che sta succedendo.La liberta' e' minacciata dalla corruzione, dalla classe politica che non e' piu' rappresentativa, vivendo lontano dalla realta' del popolo. Abbiamo il dovere sociale morale di salvare la nostra Italia.Siamo noi i padroni del nostro destino, non e' un politico o una classe,politica corrotta, padrona della nostra vita.Prima c 'erano i nobili, padroni assoluti di tutto, poi l'uomo ha capito che non c'erano, padroni, ma c'era solo l'uomo.

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

strong_passionadoro_il_kenyaTotolino7c.t.intrepidoteremi75panpanpipit1961SperanzadivinaAdUnTrattoSulleFormeklymeneIl_Signore_R0ssoemma_giunquarantenne
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom