Creato da ceronte_rinox il 05/10/2009

IL MONDO A COLORI

Questo è un blog di immagini prese ovunque.

 

« IMMAGINI DI DANNI COLLAT...Afghanistan way of life »

FORGIVENESS - ELISA FEAT ANTONY HEGARTY

Post n°12 pubblicato il 23 Gennaio 2010 da ceronte_rinox
 

(traduzione)
Mi sono persa. E ho paura di guardare in faccia questa vita.
Eppure ho sempre creduto che sarei stata forte.
Questa rabbia, questa zona dombra che non voglio vedere, se ne sta là se ne sta là laggiù dentro di me, ferma sul fondo, smarrita come un bambino. Eppure so che mi appartiene.
Abbiamo solo bisogno di Perdono.
La sola nostra chiave di accesso al mondo.
Perdono. Quello che temo di meritarmi.
Perdono tutto quello di cui abbiamo bisogno.
Perdono che non sono certa di conoscere.
E stato l'amore non insegnato. Intrappolato nella tua mente che non ne voleva sapere di me.
Una pietra silenziosa che mi ha spezzato il cuore mentre cercavo disperatamente un segno. Un tuo segno. Hai provato dolore e hai provato paura.
Ma hai deciso di non guardarla negli occhi. Ci hai costruito il tuo destino.
Non è forse questo il tempo per il perdono?
Perché abbiamo pagato.
Perdono, la sola nostra chiave di accesso al mondo.
Perdono, per l'amore che non ci hanno insegnato.
Perdono, che sono pronta ad aspettare.
Perdono, perché abbiamo pagato.
Perdono, la sola nostra chiave di accesso al mondo.
Perdono, per l'amore che non ci hanno insegnato.
Perdono, che sono pronta ad aspettare.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/IlMondoInJpg/trackback.php?msg=8315853

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
alfabetodeibruketti
alfabetodeibruketti il 28/01/10 alle 11:45 via WEB
voglio commentare con "Disincanto" di Nicola Vena. Colgo la distanza di Sirio dal sorgere in un memento d'intima immagine. Incastonato nella tempra del cielo d'argento, v'č come un pianto struggente. Sospensione di dissimili contrazioni di solitudine. L'essenziale invisibile in volute sature, precipita dal cuore nero. Raccolta e silente la levata eliaca s'appressa. Momento fugace di un astro in traiettoria perturbata. Com'č simile il mio disincanto. Attendo inconsapevole il sollievo dell'aria notturna celebrando un crepuscolo di nembi, cercando l'ambigua contrapposizione di facce dello stesso astragalo. UN SALUTO ED UN SORRISO, ALESSANDRA E MASSIMO.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom